David Richards (automobilismo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
David Richards
David Richards.jpg
Dati biografici
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Dati agonistici
Categoria Rally
Ruolo Navigatore
 

David Richards (3 giugno 1952) è un dirigente sportivo britannico.

È il direttore della Prodrive, una società di gestione di squadre ed eventi automobilistici, ed è stato in passato manager delle squadre Benetton e BAR di Formula 1.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha esordito nello sport come co-pilota di rally arrivando a vincere il Campionato Mondiale Rally con Ari Vatanen nel 1981. Dopo il ritiro, ha fondato nel 1984 la Prodrive, che ha gestito il programma rally della Subaru.

Nel 1997 ha gestito per un anno il team Benetton di F1, precedentemente (e successivamente) gestito da Flavio Briatore, prima di venire ingaggiato dalla BAR nella stagione 2001 per risollevare il team attraverso l'esperienza della Prodrive. I risultati sono arrivati con il secondo posto finale nella stagione 2004 ma con l'aumento della partecipazione azionaria della Honda nella squadra (che avrebbe poi portato all'acquisizione totale e al cambio di nome) Richards fu sostituito dall'altro manager della Prodrive Nick Fry.

Nell'aprile 2006 Richards ha ottenuto una iscrizione in F1 per una squadra Prodrive a partire dalla stagione 2008 in seguito al cambiamento di regolamenti progettato dalla Federazione Internazionale dell'Automobile.

Nel 2007 in coppia con Frederic Dor ha acquisito dalla Ford la quota di maggioranza del marchio Aston Martin con l'obiettivo primario di rilanciare la casa inglese sul mercato e di intensificare l'attività sportiva con l'importante scopo di riportare il marchio in Formula 1 a partire dall'anno 2010.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico
— 31 dicembre 2004[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ London Gazette: (Supplement) no. 57509. p. 8. 31 dicembre 2004.

Controllo di autorità VIAF: 24559905 LCCN: nr2005028767