Gianmaria Bruni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gianmaria Bruni
Gianmaria Bruni 2012 WEC Fuji.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Automobilismo Automobilismo
Dati agonistici
Categoria Formula 3, Formula 3000, Formula 1, GP2, FIA GT2, Le Mans Series, American Le Mans Series, Intercontinental Le Mans Cup, FIA World Endurance Championship, International GT Open.
Carriera
Carriera in Formula 1
Scuderie Minardi
Miglior risultato finale 25º (2004)
GP disputati 18
 

Gianmaria "Gimmi" Bruni (Roma, 30 maggio 1981) è un pilota automobilistico italiano. È pilota ufficiale della Ferrari nelle Competizioni GT e nel 2013 ha vinto il FIA World Endurance Championship, diventando Campione del Mondo Endurance GT.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Formula 1[modifica | modifica sorgente]

Dopo due stagioni nella Formula 3 britannica e un solo anno in Formula 3000, Gimmi Bruni viene ingaggiato come terzo pilota della Minardi per l'ultima parte della stagione di Formula 1 del 2003. Essendosi dimostrato quasi sempre più veloce dei compagni di squadra, il pilota italiano viene promosso come titolare per la stagione 2004. A causa della scarsa competitività della vettura Bruni però non riesce ad andare a punti, ma, in compenso, risulta spesso più veloce del compagno di Team Zsolt Baumgartner.

GP2[modifica | modifica sorgente]

2005 Nella stagione 2005 Gimmi Bruni rifiuta di rinnovare il contratto con la Minardi e decide di fare un passo indietro nella categoria "cadetta" GP2 con la squadra Coloni. La stagione risulta positiva e, con questa vettura, il pilota italiano riesce a esaltare le proprie qualità, ottenendo due quarti posti, la vittoria in Gara 1 a Barcellona e il secondo posto a Monte Carlo; Bruni lascia però improvvisamente la Coloni alla vigilia della gara di Monza, per poi ritornare con la Durango a Spa dove conquista la pole position. La stagione si conclude con il decimo posto in classifica su 26 piloti partenti.

2006 Nel 2006 Bruni corre ancora in GP2 con la scuderia italiana Trident Racing, nuovo Team della categoria, vincendo le Gare 1 di Imola e di Hockenheim. Nel corso della stagione ottiene, oltre a queste 2 vittorie, anche 2 pole position. In classifica Gimmi conclude al settimo posto con 33 punti (21 in più del proprio compagno di squadra).

Competizioni GT[modifica | modifica sorgente]

La F430 (2007-2010)

2007 Nella stagione 2007 Bruni decide di passare alle ruote coperte, diventando pilota ufficiale Ferrari. Partecipa al FIA GT2 con la Ferrari F430 GTC di AF Corse e, in equipaggio con Stepheane Ortelli, si classifica al secondo posto dietro i compagni di squadra Toni Vilander e Dirk Müller; grazie al primo e secondo posto nella Classifica Piloti da parte dei propri equipaggi, l'AF Corse ottiene anche il Titolo Team e la Ferrari quello Costruttori. Sempre nel 2007 Gimmi Bruni partecipa a 4 gare, realizzando una pole position e 3 podi, dell'American Le Mans Series, al fine di aiutare il Risi Competizione e la Ferrari nella conquista dei Titoli Team e Costruttori. Il pilota italiano, come se quanto già fatto non bastasse, aiuta anche il Virgo Motorsport e Rob Bell, vincendo la 6 Ore di Silverstone, nel primato delle Classifiche Team e Piloti della Le Mans Series.

2008 Nel 2008 Bruni stravince il Campionato FIA GT2 in coppia con il finlandese Toni Vilander e, grazie a tali risultati e quelli conseguiti dai compagni Thomas Biagi e Christian Montanari, l'AF Corse e la Ferrari conquistano nuovamente i Titoli Team e Costruttori. Nello stesso anno partecipa anche a tutte le gare, eccetto una per via di una concomitanza con il FIA GT2, della Le Mans Series. Grazie alla sua impressionante velocità e costanza, il compagno di squadra Rob Bell e il Team Virgo Motorsport si riescono a riconfermare ancora una volta Campioni Europei; Gimmi, dal canto suo, riesce comunque a chiudere il Campionato al terzo posto, nonostante una gara in meno del compagno inglese e degli altri concorrenti. Con il Team Risi Competizione l’italiano vince anche la storica 24 Ore di Le Mans in classe GT2 in coppia con Mika Salo e Jaime Melo.

2009 Nel 2009 Bruni prende ancora parte al FIA GT2 realizzando 4 pole position e vincendo 3 gare, tra cui, per la sua prima volta in carriera, anche la 24 Ore di Spa. Tuttavia, in coppia con Toni Vilander, non riesce a riconfermarsi Campione per un solo punto e chiude la stagione al secondo posto. Rimangono comunque come consolazioni il primo posto nella Classifica Team di AF Corse e della Ferrari in quella Costruttori. Chiude in seconda piazza anche nella Le Mans Series con la Ferrari F430 GTC del JMW Motorsport, riuscendo però questa volta a disputare tutta la stagione (differentemente dal 2007, in cui fece solo una gara, e al 2008, in cui ne mancò una per andare verso il trionfo nel Campionato FIA GT2).

2010 Nel 2010 Gimmi Bruni partecipa all'intera stagione dell'American Le Mans Series con il Team ufficiale Ferrari per l'America Risi Competizione. Importantissima è la vittoria nella storica 12 Ore di Sebring insieme ai piloti Mika Salo e Jaime Melo. Tuttavia la sfortuna non si fa aspettare e l'italiano, proprio mentre si trovava in testa al Campionato, vede sfumare il Titolo negli ultimi 300 metri dell'ultima gara: la vettura, a causa di un errore del Team, rimane infatti a secco di benzina lungo il tracciato. È il quarto Campionato che Bruni termina al secondo posto dopo le stagioni 2007 e 2009 del FIA GT2 e della Le Mans Series del 2009. La sfortuna lo vede protagonista anche alla 24 Ore di Le Mans, dove, mentre si trovava in testa con la Ferrari F430 GTC del Team Risi, si è dovuto ritirare per un problema meccanico. Partecipa anche a 4 gare su 5 della Le Mans Series, vincendone 2, e alle 3 gare del Campionato Mondiale (a titolazione ACO) Intercontinental Le Mans Cup: arriva primo alla 6 Ore di Silverstone e regala il Titolo Costruttori alla Ferrari (in questo Campionato manca però una Classifica Piloti).

Il passaggio alla 458 Italia (2011-oggi)

2011 In ogni caso il riscatto, dopo qualche circostanza non troppo fortunata, non si fa aspettare e, in coppia con Giancarlo Fisichella, domina la stagione 2011 con la nuova arma di Maranello gestita da AF Corse per far fronte alle Porsche 997 GT3 RSR, le BMW M3 GT2, le Chevrolet Corvette C6.R e le Aston Martin V8 Vantage GTE: la Ferrari 458 GTC. Nella Le Mans Series vince la 6 Ore di Spa e la 6 Ore di Silverstone e agguanta il secondo posto nella 6 Ore del Paul Ricard e nella 6 Ore di Imola. Grazie a questi risultati diventa Campione Europeo Le Mans Series, mentre la Ferrari e l'AF Corse ottengono i Titoli Costruttori e Team. Nella Intercontinental Le Mans Cup Bruni, sempre insieme a Fisichella, conquista, oltre alle gare di Spa e di Silverstone che erano valide anche per la Le Mans Series, la 6 Ore di Imola (era giunto secondo, ma l’equipaggio vincitore, essendo iscritto solo alla Le Mans Series, era trasparente ai fini della classifica Intercontinental Le Mans Cup) e la Petit Le Mans. Con questi successi, la Ferrari si riconferma, come nel 2010, ai vertici della Classifica Costruttori, mentre nella Classifica Team l’AF Corse vince per la prima volta il Campionato. Bruni ottiene inoltre, sempre alla guida di una Rossa di AF Corse, il secondo posto alla 24 Ore di Le Mans dopo averla condotta in testa per lungo tempo.

2012 La stagione 2012 si apre all'insegna di una sfida ancora più prestigiosa per Bruni, per la Ferrari e per il suo storico Team AF Corse. L'ACO, detentrice dei diritti sulla 24 Ore di Le Mans e sui numerosi Campionati che le "ruotano" attorno, ha infatti raggiunto un nuovo accordo con la FIA per fare diventare l'Intercontinental Le Mans Cup un vero e proprio Campionato Mondiale a titolazione FIA (oltre che ACO). Questo nuovo Campionato Mondiale si chiama FIA World Endurance Championship e comprende in calendario, come nel 2011 per l'Intercontinental Le Mans Cup, gare storiche come la 12 Ore di Sebring e la 24 Ore di Le Mans. Gimmi Bruni prende parte a 7 appuntamenti degli 8 previsti: uno è costretto a saltarlo a causa della concomitanza con il Campionato GT Open, in cui, differentemente dalla vecchia Intercontinental Le Mans Cup e dal nuovo Campionato del Mondo FIA World Endurance Championship, è presente una Classifica Piloti. Nel complesso la stagione di Bruni si rivela a dir poco perfetta e, sempre in coppia con Fisichella, Bruni domina il World Endurance Championship, vincendo 3 gare, tra cui la storica 24 Ore di Le Mans (è il suo secondo successo in questa gara), la 6 Ore di Silverstone e la 6 Ore di San Paolo. Viene invece rimpiazzato dall'altrettanto veloce Toni Vilander nella 6 Ore del Bahrain (la gara che è costretto a saltare per via della concomitanza con il GT Open); nonostante la sua assenza la gara viene ugualmente vinta da AF Corse e dal duo Fisichella-Vilander. Grazie a questo risultato l'AF Corse e la Ferrari si confermano con 2 gare d'anticipo Campioni del Mondo rispettivamente per il secondo e terzo anno di fila. Bruni rientra nel World Endurance Championship per disputare la 6 Ore Fuji, dove ottiene per la seconda volta in questa stagione un secondo posto (il primo lo aveva conseguito alla 6 Ore di Spa), e la 6 Ore di Shanghai, dove è costretto al ritiro per noie meccaniche della sua Ferrari 458 Italia GTC. A fine anno l'AF Corse e la Ferrari, grazie alle 4 vittorie già citate e a quella alla 12 Ore di Sebring ottenuta dai compagni di Bruni Andrea Bertolini, Olivier Beretta e Marco Cioci, trionfano sui rivali Porsche, Aston Martin e Chevrolet Corvette. L'AF Corse conquista nella Classifica Team 201 punti (59 in più sul secondo classificato), mentre in quella Costruttori la Ferrari ne ottiene 338 (105 in più sulla Porsche, seconda). Durante tutto il corso della stagione però, come già accennato in precedenza, Bruni prende parte anche al Campionato Europeo per vetture GT2 e GT3 GT Open, naturalmente sempre a bordo di una Ferrari 458 Italia GTC di AF Corse. Affiancato da Federico Leo, campione del FIA GT3 2011 con una Ferrari 458 GT3 di AF Corse, vince 3 gare e conquista in totale 6 podi. Nell'ultima tiratissima gara a Barcellona Bruni e il suo compagno di Team Federico Leo, dopo essere partiti dalla pit-lane, recuperano a suon di giri veloci posizioni su posizioni fino ad arrivare, anche grazie ad un ottimo gioco di marca con il Team Kessel Racing, al quarto posto. Gimmi Bruni si conferma così Campione anche in questo Campionato, per un solo punto in classe Super GT e per 3 nella Classifica assoluta, ai danni della Porsche 997 GT3 RSR dell'equipaggio Tandy-Holzer, mentre l'AF Corse e la Ferrari sono anche qui ai vertici delle Classifiche Team e Costruttori. Ciliegina sulla torta per Bruni è il successo alla 12 Ore del Golfo in equipaggio con Gaetano Ardagna Perez e Toni Vilander su una Ferrari 458 GT3 di AF Corse.

2013 Per il 2013 la FIA e l'ACO annunciano diverse novità, tra le quali spiccano l'istituzione di una Classifica Piloti, che si va così ad aggiungere a quelle Team e Costruttori, ed un nuovo "Balance of Performance", il discusso sistema di livellamento delle prestazioni usato per le vetture GT. La Ferrari, dominatrice delle stagioni precedenti con la 458 Italia GTC, risulta fortemente penalizzata dal cosiddetto "BoP": le modifiche infatti prevedono l'abbassamento di 100 mm dell'ala posteriore e la riduzione della capacità del serbatoio di 5 litri per la vettura di Maranello. Gli avversari invece godono di notevoli vantaggi: Aston Martin potrà incrementare la capacità del proprio serbatoio di 5 litri, aumentare la dimensione del proprio restrittore fino a 28.3mm (+1.3mm rispetto all'anno precedente) e diminuire il peso vettura di 40 kg. Anche Porsche, con la nuova 991 GT3 Rsr, vedrà una riduzione del peso della propria automobile di 35 kg ed un incremento della dimensione del restrittore fino a 28.9mm (+1.0mm rispetto alla 997 GT3 Rsr del 2012). Viste le modifiche regolamentari varate per cercare di diminuire lo strapotere Ferrari, la Casa italiana, l'AF Corse e Gimmi Bruni lavorano sodo durante l'inverno per avere un'automobile competitiva fin dall'inizio dell'anno. Le 8 gare su cui è alternata la stagione si rivelano molto serrate: Bruni prende parte alle prime 7 in equipaggio con Giancarlo Fisichella, mentre nell'ultima decisiva corsa viene affiancato da Toni Vilander. Nonostante i problemi causati dal "Balance of Performance", la Ferrari e l'AF Corse riescono a portare la 458 Italia GTC in alto e Bruni, grazie alle vittorie conseguite alla 6 Ore di Spa, alla 6 Ore di San Paolo e alla 6 Ore del Bahrain, vince il Campionato del Mondo Piloti, l'AF Corse trionfa in quello Team e la Ferrari si riconferma ai vertici del Costruttori.[1] Bruni ottiene inoltre il secondo posto alla 6 Ore di Austin ed alla 6 Ore del Fuji. Unica delusione in una stagione così combattuta è la 24 Ore di Le Mans, in cui il pilota italiano non riesce ad andare oltre il sesto posto a causa della mancanza del carico aerodinamico sulla sua Ferrari dovuta alle regole del "Balance of Performance".

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

  • 1998, 1º Campionato Italiano Formula Renault Campus.
  • 1999, 1º Campionato Europeo Formula Renault.
  • 2001, 3° GP Macao F3 - 1° 6 Ore di Vallelunga.
  • 2003, 2º Campionato Europeo Formula 3000.
  • 2007, 2º FIA GT2.
  • 2008, 1º FIA GT2 - 3º Le Mans Series - 1° 24 Ore di Le Mans.
  • 2009, 2º FIA GT2 - 2º Le Mans Series - 1° 24 Ore di Spa.
  • 2010, 2º American Le Mans Series - 1° 12 Ore di Sebring.
  • 2011, 1º Le Mans Series - 1° Petit Le Mans - 1° 6 Ore di Vallelunga.
  • 2012, 1º International GT Open - 1° 24 Ore di Le Mans - 1° 12 Ore del Golfo.
  • 2013, 1° FIA World Endurance Championship.

Risultati in gara[modifica | modifica sorgente]

Formula 1[modifica | modifica sorgente]

2003 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Austria.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Minardi PS03 TP TP TP TP TP
2004 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Europe.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Japan.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Minardi PS04B NC 14 17 Rit Rit Rit 14 Rit Rit 18 16 17 14 Rit Rit Rit 16 17 0 25º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

GP2 Series[modifica | modifica sorgente]

(Legenda - le gare in grassetto indicano la pole position; quelle in corsivo il giro più veloce)

Stagione Scuderia 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 Punti Pos
2005 Coloni Motorsport SMR
FEA

4
SMR
SPR

4
ESP
FEA

1
ESP
SPR

Rit
MON
FEA

2
EUR
FEA

8
EUR
SPR

Rit
FRA
FEA

18
FRA
SPR

11
GBR
FEA

7
GBR
SPR

11
GER
FEA

NC
GER
SPR

14
HUN
FEA

10
HUN
SPR

8
TUR
FEA

Rit
TUR
SPR

9
ITA
FEA
ITA
SPR
35 10º
Durango BEL
FEA

Rit
BEL
SPR

16
BHR
FEA

Rit
BHR
SPR

14
2006 Trident Racing VAL
FEA

6
VAL
SPR

5
SMR
SPR

1
SMR
SPR

Rit
EUR
FEA

Rit
EUR
SPR

16
ESP
FEA

Rit
ESP
SPR

17
MON
FEA

Rit
GBR
FEA

Rit
GBR
SPR

15
FRA
FEA

Rit
FRA
SPR

Rit
GER
FEA

1
GER
SPR

6
HUN
FEA

Rit
HUN
SPR

8
TUR
FEA

Rit
TUR
SPR

15
ITA
FEA

Rit
ITA
SPR

9
33

24 Ore di Le Mans[modifica | modifica sorgente]

Anno Classe Gomme Auto Team In equipaggio con Giri Posizione assoluta Posizione di classe
2008 LMGT2 82 M Ferrari F430 GT2
Ferrari 4.0L V8
Stati Uniti Risi Competizione Finlandia Mika Salo
Brasile Jaime Melo
326 19º
2009 LMGT2 78 M Ferrari F430 GT2
Ferrari 4.0L V8
Italia AF Corse Argentina Luís Pérez Companc
Argentina Matías Russo
317 26º
2010 LMGT2 82 M Ferrari F430 GT2
Ferrari 4.0L V8
Stati Uniti Risi Competizione Brasile Jaime Melo
Germania Pierre Kaffer
116 Ritiro Ritiro
2011 LMGTE PRO 51 M Ferrari 458 GTC
Ferrari 4.5L V8
Italia AF Corse Italia Giancarlo Fisichella
Finlandia Toni Vilander
314 13º
2012 LMGTE PRO 51 M Ferrari 458 GTC
Ferrari 4.5L V8
Italia AF Corse Italia Giancarlo Fisichella
Finlandia Toni Vilander
336 17º
2013 LMGTE PRO 51 M Ferrari 458 GTC
Ferrari 4.5L V8
Italia AF Corse Italia Giancarlo Fisichella
Italia Matteo Malucelli
311 21º

Campionato del Mondo Endurance FIA[modifica | modifica sorgente]

Anno Team Categoria Vettura Motore Gomme 1 2 3 4 5 6 7 8 Classifica Punti
2012 AF Corse LMGTE Pro Ferrari 458 GTC Ferrari F142 4.5L V8 M SEB
EX
SPA
2
LMS
1
SIL
1
SÃO
1
BHR FUJ
2
SHA
Ret
1° † 136
2013 AF Corse LMGTE Pro Ferrari 458 GTC Ferrari F142 4.5L V8 M SIL
5
SPA
1
LMS
5
SÃO
1
COA
2
FUJ
2
SHA
4
BHR
1
145

Per il 2012, non esistendo la classifica piloti nella categoria LMGTE Pro, indica il piazzamento ottenuto dal team

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ WEC: titolo 2013 per Ferrari, Bruni e AF Corse, 1º dicembre 2013. URL consultato il 3 dicembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]