Tartu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Tartu (disambigua).
Tartu
comune
Tartu – Stemma Tartu – Bandiera
Localizzazione
Stato Estonia Estonia
Contea Tartumaa vapp.svg Tartumaa
Amministrazione
Sindaco Urmas Kruuse
Territorio
Coordinate 58°23′N 26°43′E / 58.383333°N 26.716667°E58.383333; 26.716667 (Tartu)Coordinate: 58°23′N 26°43′E / 58.383333°N 26.716667°E58.383333; 26.716667 (Tartu)
Altitudine 79 m s.l.m.
Superficie 38,8 km²
Abitanti 95 074 (2012)
Densità 2 450,36 ab./km²
Altre informazioni
Lingue estone
Cod. postale da 50050 a 51111
Prefisso +372 7
Fuso orario UTC+2
Targa T
Nome abitanti tartuensi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Estonia
Tartu
Sito istituzionale

Tartu (Dorpat in tedesco) è una città dell'Estonia, seconda città del Paese in termini di popolazione con 95.074 abitanti. Sorge sulle sponde del fiume Emajõgi ed è sede di un'antica e prestigiosa università; è il capoluogo della contea di Tartumaa.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel territorio della città si trovava una fortezza estone fin dal V secolo. La prima citazione della città risale al 1030 quando fu conquistata dal granduca Jaroslav il saggio e ne fece un punto di appoggio a nord-ovest del Rus' di Kiev.

La facciata dell'edificio principale dell'università
Municipio di Tartu

In seguito fu conquistata dai Cavalieri dell'Ordine Teutonico, nel medioevo era un'importante nodo di collegamento tra le città anseatiche, delle quali entrò a far parte con il nome tedesco di Dorpat, e le città russe di Pskov e Novgorod.

Dorpat è stata sede del governo del Voivodato di Dorpat dal 1598 fino al 1625, anno a cui risale la conquista parte dell'Impero svedese, che istitui' la provincia dell'Estonia svedese.

Alla città venne dato il nome di Tartu e nel 1632 venne fondata l'università su modello di quella di Uppsala.

Nel 1704 alla conclusione della Guerra del Nord, la città passò all'Impero russo e l'università venne trasferita a Pärnu.

Nel 1775 un incendio ne distrusse quasi completamente il centro storico. Per questo motivo, la maggior parte degli edifici storici risalgono infatti al XVIII e XIX secolo e furono ricostruiti in stile neoclassico tipico della Russia imperiale. Nel 1802 fu riaperta l'università.

Nel 1869, sull'onda della rinascita del sentimento di indipendenza nazionale, ebbe luogo il primo festival della canzone estone.

Monumenti[modifica | modifica sorgente]

La caratteristica Piazza del Municipio (Raekoja Plats), con il vistoso municipio, progettato nel 1780.

La casa di Michael Andreas Barclay de Tolly, generale russo di origine tedesco baltica, dell'esercito imperiale zarista durante le Guerre Napoleoniche sempre in Raekoja Plats, riconoscibile per l'innaturale pendenza della facciata dovuta al cedimento della falda freatica.

Il Palazzo neoclassico sede dell'Università di Tartu, edificato fra il XVII e il XVIII secolo.

Le rovine della Cattedrale (Toomkirik) luterana duecentesca.

la Cattedrale ortodossa della Dormizione, del 1783.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Il comune cittadino (in estone linn) amministra il centro urbano di Tartu; il contado dipende dal rispettivo comune rurale (in estone vald).

Persone legate alla città[modifica | modifica sorgente]

Sport[modifica | modifica sorgente]

La città vanta un club che milita in Meistriliiga, il massimo campionato calcistico estone, il Maag Tammeka Tartu.

Note[modifica | modifica sorgente]


Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Estonia Portale Estonia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Estonia