Jacques Brel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jacques Brel
Jacques Brel nel 1955
Jacques Brel nel 1955
Nazionalità Belgio Belgio
Genere Musica d'autore
Folk
Chanson
Cabaret
Periodo di attività 1953 – 1977
Sito web

Jacques Romain Georges Brel (Schaerbeek, 8 aprile 1929Bobigny, 9 ottobre 1978) è stato un cantautore e compositore belga di lingua francese. In assoluto uno dei più grandi ed influenti cantautori del novecento, è spesso considerato come un grandissimo poeta per l'espressività e la profondità dei suoi testi, nonché per l'ironia sottile e il gusto della metafora. Ricordato nelle nazioni francofone come attore e regista teatrale. Partecipò nel 1969 al film Mon oncle Benjamin nel ruolo principale. Scrisse, diresse ed apparve nel film Le Far West candidato nel 1973 per la Palma d'oro al Festival di Cannes.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque a Schaerbeek, Belgio, un comune dell'agglomerazione urbana di Bruxelles, ma visse la maggior parte della sua vita a Parigi.Ancora giovane decise di abbandonare la sua carriera di cantante per ritirarsi a vivere in Polinesia,nelle Isole Marchesi, dopo aver girato il mondo a bordo del suo veliero,l'Askoy . Morì quarantanovenne a Bobigny nei sobborghi della capitale francese dov era tornato negli ultimi periodi della sua vita e fu sepolto nelle isole Marchesi in Polinesia Francese.

Targa sulla casa dove è nato

Primi anni[modifica | modifica sorgente]

Sebbene la sua famiglia parlasse francese, aveva discendenza fiamminga. Qualche famigliare era originario di Zandvoorde, nei pressi di Ypres. Suo padre era co-direttore di una compagnia che manifatturava cartone. Jacques e suo fratello maggiore Pierre crebbero in un ambiente austero, studiando in una scuola cattolica. Entrambi erano membri della truppa locale di scout. La famiglia viveva al 138 di Avenue du Diamant, a Schaerbeek. Jacques aveva uno splendido rapporto con la madre, affascinato dalla tenerezza e dalla gentilezza che la donna dimostrava nei suoi confronti.

Nel 1941, i genitori iscrissero Jacques al Saint-Louis College, a rue du Mais, vicino al Giardino Botanico di Brussels. Sebbene si mostrasse scarso in molte materie, mostrava un lodevole talento per la scrittura. Scriveva storie brevi, poemi e versi.

Nel 1944, all'età di 15 anni, Jacques cominciò a suonare la chitarra. Negli anni seguenti, formò un gruppo teatrale con i suoi amici e cominciò a scrivere i suoi primi copioni.

Brel non fu mai un bravo studente, venne bocciato in molti esami. Nell'Agosto del 1947, all'età di 18 anni, andò a lavorare con il padre nella sua azienda. In questo stesso periodo, si unì a un'associazione cattolica locale, La Franche Cordée. Nel 1948, cominciò a prestare servizio part time nei militari. Nel 1949, divenne presidente de La Franche Cordée.

Mentre lavorava per La Franche Cordée, Brel incontrò la sua futura moglie, Thérèse Michielsen, conosciuta dagli amici come Miche. Il primo Gennaio del 1950, Jacques e Miche convolarono a nozze. La cerimonia si tenne a Laeken, un quartiere di Brussels. Il 6 dicembre del 1951, Miche partorì la sua prima figlia, Chantal.

Nel 1952, Brel cominciò a scrivere canzoni e a cantarle nei cabaret di Brussels. La famiglia e gli amici di Brel, non supportavano le sue esibizioni, considerandole troppo violente ed emotive. Non apprezzavano neanche i testi delle sue canzoni. Fu in questo periodo che Brel, cominciò ad esibirsi in una stazione radio locale.

Carriera musicale[modifica | modifica sorgente]

Nei primi anni cinquanta si trasferì a Parigi, dove iniziò a scrivere musica e cantare nei cabaret e nelle sale concerti della città. Sul palco portava le sue canzoni accompagnate da grandi gestualità fisiche. Dopo che ebbe raggiunto il successo, anche sua moglie e le figlie si trasferirono dal Belgio nella capitale francese. Nel 1956, mentre stava girando l'Europa, registrò la canzone Quand on n'a que l'amour che gli permise di ricevere il primo importante riconoscimento. Apparve in uno show con Maurice Chevalier e Michel Legrand. Nei suoi testi esplora l'amore (Je t'aime, Litanies pour un retour, Dulcinéa), la società (Les singes, Les bourgeois, Jaurès) e il lato spirituale (Le bon Dieu, Dites, si c'ètait vrai, Fernand). Non ebbe un unico stile: fu abile sia nelle composizioni divertenti (Les bonbons, Le lion, Comment tuer l'amant de sa femme...) sia in quelle drammatiche (Voir un ami pleurer, Fils de..., Jojo). Fu un pittore creativo ed innovativo della quotidianità, dotato di una facilità poetica assai rara. L'utilizzo intelligente delle parole era singolare e semplice e rivelava un forte vocabolario visuale. Pochi autori sono stati considerati in grado quanto lui di infondere attualità e senso ai testi utilizzando poche parole di uso comune. Brel possedeva anche un intenso senso della metafora. In Je suis un soir d'été una sera d'estate racconta cosa osserva mentre scende sulla città. Benché fosse considerato un maestro coi testi, i suoi temi musicali non erano da meno, e pure qui non si limitò ad un unico stile. Compose melodie ritmiche, accattivanti e vivaci (L'aventure, Rosa, Au printemps), così come canzoni tristi e solenni (J'en appelle, Pourquoi faut-il que les hommes s'ennuient?). Il romanticismo lirico di Brel a volte si dispiegava con amara ironia, e in certi versi le sue canzoni d'amore mostravano frustrazioni e risentimenti sommessi. Nei suoi perspicaci e compassionevoli ritratti dei rifiuti della società - alcolisti, vagabondi, drogati, prostitute (Jef e Jacky) - evitava facili sentimentalismi, e dipingeva il lato sgradevole della vita. Compose e registrò quasi esclusivamente in francese, ed è tuttora considerato nei paesi francofoni uno dei migliori compositori di tutti i tempi. Occasionalmente includeva nei suoi testi parti in nederlandese (nella variante fiamminga), come in Marieke, e registrò perfino alcune canzoni completamente in nederlandese come Le Plat Pays e Les bourgeois (a causa della sua scarsa conoscenza della lingua nederlandese, le traduzioni di queste canzoni furono eseguite da Ernst van Altena, famoso traduttore di canzoni francesi). Il suo atteggiamento verso i fiamminghi era contraddittorio: a volte si dichiarava fiammingo e presentava se stesso come un cantante fiammingo, ma allo stesso tempo irrideva il loro stile di vita rozzo con canzoni come Les Flamandes. Più tardi nella sua carriera Brel si scagliò contro i flamingants (i sostenitori del movimento fiammingo). In La, la, la (1967) scrisse il verso «Vive les Belgiens, merde pour les flamingants» (Viva i belgi, merda per i "flamingants"), e in Les F... (1977) dipinse i "flamingants" come «Nazis durant les guerres et catholiques entre elles» (Nazisti durante le guerre e cattolici tra di esse). Per Brel tutti i flamingants appartenevano alla destra estremista.

Busto di bronzo realizzato in occasione del 30º dalla sua morte

Sebbene Brel considerasse la Francia come la propria nazione spirituale ed esprimesse sovente dichiarazioni negative sulla propria terra, alcune delle sue migliori composizioni sono un accorato omaggio al Belgio: Le plat pays e Il neige sur Liège. Come attore ottenne fama recitando insieme a Claude Jade nel film Mon oncle Benjamin e insieme ad Annie Girardot nel film La banda Bonnot. Apparve nel musical L'homme de la Mancha del quale fu anche anche regista e traduttore. Prese parte a svariati film, ma le sue interpretazioni non godono della stessa considerazione delle sue esibizioni musicali. Per vent'anni fu una delle maggiori stelle a guadagnarsi riconoscimento al di là del pubblico francofono. Nel 1973 sì ritirò nella Polinesia francese, rimanendovi fino al 1977 quando tornò a Parigi e registrò il suo ultimo album. Morì nel 1978 all'età di 49 anni di cancro ai polmoni, di cui era affetto da circa dieci anni[1] e fu sepolto nel Calvary Cemetery ad Atuona, Hiva Oa, Isole Marchesi, nella Polinesia francese, a pochi metri dal pittore francese Paul Gauguin. Jacques Brel is Alive and Well and Living in Paris è uno spettacolo di varietà musicale sull'arte di Jacques Brel, eseguito in giro per il mondo per molti anni, che include traduzioni in rima dei suoi lavori in inglese; fu composto da Mort Shuman, amico di Brel, e debuttò nel 1968. L'opera è eseguita da due uomini e due donne (originariamente Elly Stone, Mort Shuman, Shawn Elliott e Alice Whitfield). Nel 1974 ne venne tratto un film.

Carriera cinematografica[modifica | modifica sorgente]

Nel 1967, Brel iniziò la sua carriera d'attore cinematografico, apparendo nel film, Les risques du métier (Risky Business) di André Cayatte, con Emmanuelle Riva, Jacques Harden, and Nadine Alari. Brel produsse anche la colonna sonora, insieme a François Rauber. Il film uscì nelle sale il 21 dicembre del 1967, e l'interpretazione di Brel, nei panni dell'insegnante di scuola, Jean Doucet, fu apprezzata dalla critica.

Nel 1968, Brel apparve nel suo secondo film, La Bande à Bonnot, diretto da Philippe Fourastié, con Annie Girardot e Bruno Cremer. Ancora una volta, la colonna sonora fu composta da Brel stesso e da François Rauber. Il film si ambientava a Parigi nel 1911, e Brel vestiva i panni di un anarchico ed ex galeotto, Raymond-la-science. Il film uscì nelle sale il 30 ottobre del 1968.

Nel 1969, Brel apparve nel suo terzo film, Mon oncle Benjamin (My Uncle Benjamin), diretto da Édouard Molinaro, con Claude Jade e Bernard Blier. Produsse anche la colonna sonora. Il film si ambientava nel 1750 durante il regno di Luigi XV. Brel recitava nel ruolo di un dottore chiamato Benjamin, il quale si innamorava della figlia di un locandiere. Il film fu rilasciato il 28 novembre del 1969.

Nel 1970, Brel apparve nel suo quarto film, Mont-Dragon, diretto da Jean Valère con François Prévost, Paul le Person e Catherine Rouvel, con la sceneggiatura di Robert Margerit. Brel vestiva i panni di un soldato chiamato Georges Dormond. Il film uscì il 16 dicembre del 1970.

Nel 1971, Brel apparve nel suo quinto film, Franz, il primo film diretto da lui stesso. Ne scrisse anche la sceneggiatura, insieme a Paul Andréota, e ne compose la colonna sonora con l'aiuto

di François Rauber. Il cast del film comprendeva attori come Barbara, Danièle Evenou, Fernand Fabre, Serge Sauvions, Louis Navarre, Jacques Provins, and François Cadet. Il film uscì nelle sale il 2 febbraio del 1972, e sebbene fu apprezzato dalla critica, non ottenne molto successo commerciale.

Nel 1971, Brel apparve nel suo sesto film, Les Assassins de l'ordre (Law Breakers), diretto da Marcel Carné con Paola Pitagora, Catherine Rouvel, e Charles Denner. Brel recitava nei panni di un giudice locale, chiamato Bernard Level. Il film fu distribuito nelle sale il 7 maggio del 1971.

Nel 1972, Brel apparve nel suo settimo film, L'Aventure, c'est l'aventure (Adventure is adventure), diretto da Claude Lelouch. Il film fu rilasciato il 4 maggio 1972, e divenne un grande successo al botteghino. Durante le riprese del film, Brel conobbe e si innamorò di una giovane attrice e ballerina, Maddly Bamy.

Nel 1972, Brel apparve nel suo ottavo film, Le Bar de la fourche (The Bar at the Crossing), diretto da Alain Levent, con Rosy Varte and Isabelle Huppert, recitando la parte di un ubriacone amante della libertà e delle donne, chiamato Vincent Van Horst. Il film uscì nelle sale il 23 agosto del 1972.

Nel 1973, Brel apparve nel suo nono film, Le Far West, il secondo lungometraggio da lui diretto. Il cast del film comprendeva Gabriel Jabbour, Danielle Evenou, e Arlette Lindon. Il plot narrativo del film, vedeva Jacques, un quarantenne di Brussels, entrare in possesso di un potere magico, donatogli da un fachiro, prima di morire. Il film fu rilasciato il 15 maggio del 1973.

Nel 1973, Brel apparve nel suo decimo e ultimo film, L'Emmerdeur (The troublemaker), diretto da Edouard Molinaro con Lino Ventura, Caroline Cellier, e Jean-Pierre Darras. Jacques Brel e François Rauber ne composero la colonna sonora. Il film uscì nelle sale il 20 settembre 1973.

Cover[modifica | modifica sorgente]

Le sue canzoni sono state reinterpretate in lingua originale da molti artisti: Isabelle Boulay, Florent Pagny, Serge Lama, Dalida, Céline Dion, Nina Simone, Marlene Dietrich, Barbara, Ginette Reno, Johnny Hallyday, Garou, Helene Segara, Julie Zenatti, Ute Lemper, Charis Alexiou, Bruno Pelletier, David Bowie. Tra gli artisti che in Italia hanno interpretato le sue canzoni ricordiamo in particolare Duilio Del Prete, Gipo Farassino, Giorgio Gaber, Dori Ghezzi, Bruno Lauzi, Gino Paoli, Patty Pravo, Ornella Vanoni e Franco Battiato. Traduzioni delle sue canzoni (famosa è Ne me quitte pas in inglese con il titolo di If you go away) in italiano, inglese, emiliano, corso, tedesco sono state eseguite da David Bowie (Amsterdam), Gino Paoli e Patty Pravo (Non andare via), Franco Califano (Ne me quitte pas in francese), Scott Walker, Luca Faggella (che ha dedicato un intero album di cover a Brel), Terry Jacks, Alex Harvey, Jack Lukeman, Marc Almond, The Paper Chase, John Denver (Amsterdam), Shirley Bassey (If you go away), Emiliana Torrini (If you go away), Helen Merrill (If you go away), Ute Lemper (If you go away, Amsterdam), I Muvrini (Amsterdam), Herbert Pagani (Lombardia, Che bella gente, Il moribondo), Pippo Pollina (Amsterdam), The Dresden Dolls (Amsterdam), Franco Battiato, Patty Pravo, Petra Magoni e Ferruccio Spinetti,Luca Barbarossa, (La canzone dei vecchi amanti), Giorgio Gaber (Che bella gente, "I borghesi"), Joe Sentieri (che tradusse e incise in genovese Vesoul, Jacky, Jef e La chanson des vieux amants), Bruno Lauzi (I bonbon, Le bigotte, Quella gente là), Rossana Casale, Walter Di Gemma, Dino Sarti (In dal pôrt d'Amsterdam), Giulio Casale (Se non hai che l'amore), Roberto Vecchioni (Le stagioni del sole) e dal polacco Jan Riesenkampf. Nel 1999 Rossana Casale ha dedicato un intero album di cover a Brel, dal titolo Jacques Brel in Me Duilio Del Prete ha inciso molte traduzioni di Brel, racchiuse in un album doppio. Il comico romano Gigi Proietti prende affettuosamente in giro Ne me quitte pas nel suo celebre sketch Il cantante di night club. Nel cd In territorio nemico del 2007 scritto da Giorgio Faletti per Milva, la cantante interpreta Jacques, raffinata canzone ispirata a Brel.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

La prima registrazione di Jacques Brel, è un singolo rilasciato nel 1953, comprendente il brano "La Foire" sul lato A, e il brano "Il y a" sul lato B.

L'anno dopo, nel 1954, fu rilasciato il primo album del cantautore, Grand Jacques, conosciuto anche con il titolo di Jacques Brel et ses chansons, che sebbene non riscosse molto successo, lo fece notare nell'ambiente.

Nel 1957, il secondo album, Quand on n'a que l'amour , contiene l'omonimo brano che lo lancerà al successo internazionale.

Di seguito, la discografia ufficiale di Brel, ricostruita facendo riferimento al box-set Boîte à Bonbons, rilasciato nel 2003, e comprendente 16 Cd, con tutti gli album originali del cantautore:

Album in studio[modifica | modifica sorgente]

Album dal vivo[modifica | modifica sorgente]

Box set, compilations, e rarità[modifica | modifica sorgente]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Jacques Brel in italiano[modifica | modifica sorgente]

Le canzoni di Jacques Brel sono state spesso tradotte in italiano (Duilio Del Prete ha dedicato all'autore un intero album, intitolato Duilio Del Prete canta Brel); di seguito riportiamo un elenco non esaustivo delle principali cover (con l'indicazione del titolo in italiano, dell'interprete e dell'anno di pubblicazione).
Alcune canzoni risultano essere state incise con diverse traduzioni (è il caso, ad esempio, di Le moribond).

  • - in quel periodo incide per la CAM, Casa discografica collegata a "Sorrisi", la colonna sonora originale del fim: La scocciatrice. (CAM AMP 127 stereo, 45 giri).
Anno Titolo originale Titolo italiano Autore del testo in italiano Esecutori
1962 Ne me quitte pas Non andare via Gino Paoli Gino Paoli; poi Patti Pravo nel 1970
1966 Le moribond Testamento all'italiana Herbert Pagani Herbert Pagani
1966 Le plat pays Lombardia Herbert Pagani Herbert Pagani
1966 Ces gens-là Quella gente là Bruno Lauzi Bruno Lauzi
1969 Ces gens-là Che bella gente Herbert Pagani Herbert Pagani; poi Giorgio Gaber nel 1971
1970 Les Bigottes Le bigotte Bruno Lauzi Bruno Lauzi
1971 La Chanson des Vieux Amants Canzone degli amanti Sergio Bardotti e Duilio Del Prete Patti Pravo; poi Franco Battiato nel 1999 e Susanna Parigi nel 2006, con Kaballà, e nel 2009
1972 Les bonbons I bonbons Bruno Lauzi Bruno Lauzi
1972 Mon enfance Un bambino Bruno Lauzi Bruno Lauzi
1975 Le moribond Stagioni fuori tempo Ermanno Capelli Maurizio
2001 Amsterdam Amsterdam Pippo Pollina Pippo Pollina
2005 Le moribond Le stagioni nel sole Roberto Vecchioni Roberto Vecchioni
2008 Les vieux I vecchi non parlano più Sergio Secondiano Sacchi Roberto Vecchioni
2008 Le moribond Questo nuovo amore Sergio Bardotti Max Manfredi
2008 Je ne sais pas Io non lo so Sergio Bardotti e Nini Giacomelli Max Manfredi
2008 Le plat pays Questa pianura Sergio Bardotti e Gino Paoli Max Manfredi

Gli interpreti italiani[modifica | modifica sorgente]

Le canzoni di Jacques Brel sono state cantate in italiano dai seguenti artisti (in ordine cronologico):

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La lunga morte di Brel Archiviolastampa.it
  2. ^ Due nuove canzoni, parole e musica di Norman Zoia, nel repertorio di Franco Visentin, il cantore che forse più ha riproposto Brel in Italia, grazie anche alle traduzioni di Enrico Medail. Particolarmente toccante è Chansonnier, ballata-omaggio allo stesso Jacques Brel.- Sprospettive, Barbara Ferrari, luglio 1990, pag 3.
  3. ^ Hanno interpretato Amsterdam
  4. ^ Ha tradotto Brel in milanese

"Se Brassens influenzò alcuni cantautori in modo intenso, specifico e però (o perciò) circoscritto, l'influsso di Brel è stato più indiretto e proprio per questo più diffuso, più pervasivo, più insinuante: è quello che, in maniera meno precisa e specifica ma molto più sottile e strisciante, penetra in misura più massiccia nel gusto dei cantautori italiani, che finiranno per saccheggiarlo a man bassa. Non stiamo cioè parlando solo delle traduzioni che Duilio Del Prete, Gino Paoli, Herbert Pagani, Bruno Lauzi, Patty Pravo, Ornella Vanoni, Dino Sarti, Enrico Medail, Franco Visentin, Renato Dibì, Grazia De Marchi, Rossana Casale e altri hanno curato o inciso in italiano (e qualcuno anche in dialetto, ovvero Joe Sentieri in genovese e Walter Di Gemma in milanese, come Svampa per Brassens). C'è tutto un gusto della parola cantata, vivo ancora oggi, che porta la sua cifra. In Paoli, Tenco, Gaber, Endrigo, Lauzi, De André, Guccini, Vecchioni...in questi e altri ancora c'è molto o un po' di Brel." di Enrico de Angelis Tratto da TRASPARENZE "Le mal de Paris" - Influenza della canzone francese su quella italiana. Ed. San Marco dei Giustiniani in Genova pag. 46

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 4927349 LCCN: n50042460