Motto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando "motto" nel senso di "motto di spirito", vedi Facezia.

Un motto è una frase, o una collezione di parole intese a descrivere le motivazioni o le intenzioni di un gruppo sociale o di un'organizzazione.

Molte nazioni, università e altre istituzioni hanno un motto, così come i casati nobiliari.

I motti sono tradizionalmente in latino, ma possono essere anche in altre lingue, soprattutto nell'araldica moderna; ad esempio, il motto dell'Università delle Hawaii è in hawaiano, e quello di Nunavut è in inuktitut.

Quando è sostenuto da humour, il motto può trasformarsi in freddura, destando ilarità.

Motti, divise, imprese e gridi di guerra negli stemmi[modifica | modifica sorgente]

In araldica (anche delle forze armate), un motto è spesso raffigurato su uno stemma, tipicamente su un nastro posto al di sotto dello scudo (come ornamento esteriore di quest'ultimo.

Motti[modifica | modifica sorgente]

In questi ambiti, in prima approssimazione, si possono definire motti le brevi frasi che accompagnano gli stemmi (o armi) e alludono a eventi particolarmente importanti o a caratteristiche significative della famiglia o del personaggio o del corpo armato titolare dello stemma.

In base all'art. 109 dell'ultimo Regolamento per la Consulta Araldica del Regno, approvato con regio decreto 7 giugno 1943 n. 652 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del Regno del 24 luglio 1943, n. 170, supplemento ordinario ed allegato al numero del luglio-dicembre 2008 della Rivista Nobiliare): “i motti si scrivono sopra liste bifide e svolazzanti, smaltate come nel campo dello scudo e scritte con lettere maiuscole romane. Di regola si collocano sotto la punta dello scudo”. Per il successivo art. 110: “si rispettano le tradizioni storiche per i motti scritti con caratteri speciali e per i gridi d'armi”. Per l'art. 111: “nelle concessioni i motti saranno o italiani o latini, non scritti con lettere arcaiche”.

Blasonatura araldica dei Gonzaga successiva al 1530. Vi si riconosce la corona ducale sormontata dalla parola fides (fede) che si riferisce al titolo ducale concesso dall'imperatore Carlo V e la scritta in greco Olimpos (Olimpo) che si riferisce all'impresa dell'Olimpo di Federico II Gonzaga.

Divise[modifica | modifica sorgente]

Sono invece definite divise le frasi (o talvolta le figure) che esprimono in maniera allegorica e breve qualche pensiero o qualche sentenza.

Imprese[modifica | modifica sorgente]

Quando la divisa è costituita da una figura accompagnata da parole si usa più propriamente il termine di impresa. In questo caso la figura è detta anche corpo mentre le parole sono dette anima dell'impresa, a significare che è quello che dà vita al corpo.

Per la dottrina più autorevole [1], l'impresa può essere di corpo o d'anima. È di corpo quando consiste in una figura simbolica posta in cimiero che sostiene un motto. È d'anima quando, posta in fascia sotto lo scudo, consiste in una sentenza od una frase allegorica inerente all'arma.

L'impresa di casa Savoia è FERT, di Cesare Borgia AUT CAESAR AUT NIHIL, dei Rothschild CONCORDIA, INTEGRITA' INDUSTRIA, dei Luserna[disambiguare] LUX IN TENEBRIS LUCET.

Impresa (motto) del cavaliere inglese Arrigo Lee - XVI secolo.
Impresa di Francesco Sforza, capitano generale della cavalleria pontificia (1548).

Grido di guerra[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lista di gridi di guerra.

Analoghi ai motti sono i gridi di guerra, , detti anche gridi d'arme , costituiti da parole o brevi frasi che esortavano i combattenti in battaglia, e che sono scritti su listelli svolazzanti posti al di sopra dell'elmo o dello scudo.

Il grido di guerra trova la propria origine nei tornei e nelle giostre durante i quali gli araldi pronunciavano il grido di ciascun cavaliere al suo ingresso in campo onde egli fosse riconosciuto.

In battaglia lo si usava in segno di raccolta o di incitamento: in Italia SAVOIA, in Francia MONT JOIE, in Spagna SANTIAGO, i primi crociati DIEU LE VOLT.

“Questo grido, dice il Ginanni, deve essere un motto conciso in una, due, o tre parole, posto in cima all'arme. Il Ménèstrier divide i gridi dell'arme in otto categorie, cioè di decisione, di risoluzione, di invocazione, di sfida, di combattimento, di esortazione, di gioia, di avvenimento e di raccolta. Il Crollalanza vi aggiunge ancora, molto opportunamente, il grido di protezione, di orgoglio, di amore e quello allusivo all'arme”[2].


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (PIERO GUELFI CAMAJANI,Dizionario Araldico, Manuali Hoepli, 1940, pp. 311–312)
  2. ^ (PIERO GUELFI CAMAJANI, Dizionario Araldico, Manuali Hoepli, 1940, p. 299)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

araldica Portale Araldica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di araldica