Les Baux-de-Provence

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Les Baux-de-Provence
comune
Les Baux-de-Provence – Stemma
(dettagli)
Les Baux-de-Provence – Veduta
Localizzazione
Stato Francia Francia
Regione Blason région fr Provence-Alpes-Côte d'Azur.svg Provenza-Alpi-Costa Azzurra
Dipartimento Blason département fr Bouches-du-Rhône.svg Bocche del Rodano
Arrondissement Arles
Cantone Saint-Rémy-de-Provence
Territorio
Coordinate 43°45′N 4°48′E / 43.75°N 4.8°E43.75; 4.8 (Les Baux-de-Provence)Coordinate: 43°45′N 4°48′E / 43.75°N 4.8°E43.75; 4.8 (Les Baux-de-Provence)
Altitudine 52-310 m s.l.m.
Superficie 18,28 km²
Abitanti 451[1] (2011)
Densità 24,67 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 13520
Fuso orario UTC+1
Codice INSEE 13011
Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
Les Baux-de-Provence
Sito istituzionale

Les Baux-de-Provence è un comune francese di 451 abitanti situato nel dipartimento delle Bocche del Rodano della regione della Provenza-Alpi-Costa Azzurra.

Il piccolo comune si trova su uno sperone roccioso a sud di Avignone e a nord-est di Arles ed è famoso per il suo castello.

I suoi abitanti si chiamano Baussencs.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Scorcio di un vicolo.

Tracce delle prime abitazioni sul sito di Les Baux-de-Provence sono riconducibili al 6000 a.C., e il sito venne colonizzato dai celti come "oppidum" o fortezza già dal II secolo a.C. Dal X secolo in poi divenne sede di un'importante signoria feudale, de Baux o del Balzo, che controllava 79 villaggi e città vicine. La tradizione vuole che questa famiglia derivasse dal Re Mago Baldassarre; perciò la stella di Betlemme, in campo rosso, che compare nello stemma della casata.

I Signori di Les Baux esercitarono un vasto controllo in Provenza per diversi secoli, assicurandosi fama ed onori. Malgrado la loro potenza, i signori di Baux vennero sconfitti dai Conti di Provenza nel XII secolo e si estinsero nel 1426 con la morte di Alice de Baux o del Balzo, contessa d'Avellino ed ultima signora di Les Baux.

Il castello di Les Baux accolse numerosi trovatori ed aveva un propria corte, rinomata per la finezza, la cultura e lo spirito cavalleresco.

La signoria di Les Baux venne integrata prima nella Contea di Provenza e poi nella corona di Francia col governatorato della famiglia Manville. La città, diventata un centro del protestantesimo, fu protagonista di una rivolta contro lo Stato soppressa dal cardinale Richelieu nel 1632 che ordinò l'abbattimento del castello e delle mura della città.

La città, nel 1642, venne concessa alla famiglia Grimaldi, reggente il Principato di Monaco, come marchesato francese. Oggi, il titolo di Marquis des Baux rimane alla famiglia Grimaldi, anche se sotto l'aspetto amministrativo la città è completamente affidata alla Francia. Il titolo viene tradizionalmente portato dall'erede al trono del principato monegasco.

Nel 1822 il minerale denominato bauxite venne scoperto presso Les Baux dal geologo Pierre Berthier.

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti


Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Alla città ed alla nobile famiglia è ispirata la celebre canzone del cantautore Angelo Branduardi intitolata Il signore di Baux, contenuta nell'album Cogli la prima mela del 1979.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Francia