Maurice Chevalier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maurice Chevalier, foto del 1920 circa
Statuetta dell'Oscar Oscar onorario 1959

Maurice Chevalier (Parigi, 12 settembre 1888Parigi, 1º gennaio 1972) è stato un attore e cantante francese.

Celeberrimo interprete francese di musical cinematografici negli anni venti e trenta, è stato una sorta di Fred Astaire d'Oltralpe.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Debuttò nei caf'conc' (caffè concerto) di Ménilmuche (Ménilmontant) alla fine del XIX secolo. Fu dopo la Prima guerra mondiale che Mistinguett, con la quale ebbe una decennale relazione, lo scoprì e lo fece diventare suo partner. Da quel momento in poi, impersonò il personaggio di un dandy frivolo che parla con accento suburbano che riesce a mantenere anche parlando, perfettamente, inglese. Il fonografo riportò i successi conseguiti sulla scena con varie riviste ed operette. Valentine e Dans la vie faut pas s'en faire sono alcuni dei trionfi degli anni venti.

Dal 1928 cominciò la carriera cinematografica a Hollywood che lo tenne lontano dalla Francia fino al 1935, di quel periodo si può citare la versione francese ed inglese di La vedova allegra di Ernst Lubitsch del 1934. Al suo ritorno in Francia si registrano dei nuovi successi musicali: Prosper (1935), Ma Pomme (1936), Y a d'la joie (1938) e la Marche de Ménilmontant (1941). Simbolo della riuscita di un ragazzo di origini popolari, Maurice Chevalier garantisce con un candido buonumore l'ordine stabilito. Anche durante l'occupazione, non dà a vedere che questo è stato compromesso dall'invasore. Questo gli costò un calo della popolarità al momento della liberazione.

Rapidamente tornò al successo negli anni sessanta con un genere inaspettato: il twist (Avec mon canotier).

Della seconda metà della sua carriera cinematografica, sono da ricordare le sue apparizioni con René Clair (Il silenzio è d'oro), il film musicale Gigi di Vincente Minnelli del 1958 e la sua partecipazione al rifacimento americano della trilogia di Marcel Pagnol: Fanny di Joshua Logan del 1961 nel quale interpretò il ruolo di Panisse.

Nel 1968 diede l'addio alle scene.

Chevalier morì nel 1972 all'età di 83 anni, venendo sepolto nel Cimetière nouveau di Marnes-la-Coquette (Hauts-de-Seine).

Premi[modifica | modifica sorgente]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Film e documentari su Maurice Chevalier[modifica | modifica sorgente]

Nel 1931 nel film Monkey Business - Quattro folli in alto mare coi fratelli Marx appare la sua fotografia sul passaporto di questi ultimi.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 7359217 LCCN: n81053595