Focea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 38°40′03″N 26°45′29″E / 38.6675°N 26.758056°E38.6675; 26.758056

bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'articolo riguardante l'asteroide omonimo, vedi 25 Phocaea.
Curly Brackets.svg
Le rovine dell'antica Focea

Focea (greco antico: Φωκαία, Phōkaia; latino: Phocaea) o Fogliavecchia era una città greca della Ionia, fondata sul sito della odierna città di Foça (o Eskifoça) in Turchia, a circa 60 km a nord-ovest di Smirne.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Focea era la città più settentrionale della Ionia. La città sorgeva alla foce del fiume Ermo (oggi Gediz) sulla penisola che separava a nord il Golfo di Cuma e a sud il Golfo di Smirne.

La presenza di due porti naturali permise lo sviluppo della flotta navale e del commercio marino.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le origini[modifica | modifica sorgente]

Focea fu fondata da coloni di Eretria e Teos nell'VIII secolo a.C. Il suo nome proviene dalla parola foca che fu il simbolo della città, o più probabilmente, dalla Focide, regione della Grecia centrale da cui provenivano alcuni coloni.[1]

Secondo Pausania i Focesi, sotto la guida ateniese, si stabilirono su un terretitorio ceduto da Cuma Eolica e furono ammessi nella Lega Ionica dopo aver riconosciuto i re della linea di Codro.[2]

Lo sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Secondo Erodoto, i Focesi furono i primi greci ad intraprendere lunghi viaggi marittimi e a scoprire il Mar Adriatico, la Thyrrenia e l'Iberia a bordo di agili penteconteri. Giunti a Tartesso, in (Spagna), strinsero amicizia col re Argantonio che li invitò a trasferirsi nel suo paese. I Focesi declinarono la proposta. Allora, avuta notizia della potenza dei Medi, Argantonio inviò loro una grande somma d'argento per costruire le mura difensive della città.[3]

I loro viaggi marittimi erano estesi: a sud commerciavano probabilmente con la colonia greca di Naucrati, in Egitto; a nord aiutarono probabilmente l'insediamento delle colonie di Amiso e Lampsaco.

Focea fu un importante porto commerciale e fondò colonie nel Mediterraneo occidentale: Massalia, (attuale Marsiglia) in Francia, Alalia in Corsica, Elea in Magna Grecia, Emporion e Rhoda in Spagna.

Le guerre[modifica | modifica sorgente]

Nella seconda metà del VI secolo a.C. Focea perse l'indipendenza assieme alle altre città della Ionia. Prima passò a Creso, re di Lidia,[4] e subito dopo, con la sconfitta di Creso nel 546 a.C., a Ciro il Grande, re di Persia.[5]

I Focesi si rifugiarono a Chio con l'intenzione di acquistare e stabilirsi sulle isole Enusse, ma, respinta l'offerta, si diressero verso la colonia di Alalia in Corsica.[6]

Per cinque anni i Focesi costruirono templi e saccheggiarono i paesi circostanti, fino a quando Etruschi e Cartaginesi li affrontarono nella battaglia navale di Alalia (535 a.C.). I Focesi vinsero, ma riportarono danni così gravi alle loro navi che preferirono trasferirsi a Rhegion[7] e da lì risalire la costa per fondare Elea. Tra i fondatori della colonia figurava anche il filosofo Senofane, capostipite della futura Scuola eleatica.

Nel 499 a.C. Focea aderì alla rivolta ionica contro Dario I di Persia. Dionisio di Focea comandò la flotta ionica nella battaglia di Lade (494 a.C.), ma i Focesi poterono schierare solo tre navi su un totale di 350.[8] I persiani vinsero la battaglia e poco dopo schiacciarono la rivolta.

Dopo la sconfitta di Serse I nel 480 a.C. nelle Seconda guerra persiana, Atene accrebbe la propria potenza e Focea entrò nella Lega di Delo pagando ad Atene un tributo di due talenti[9] Nel 412 a.C., durante la Guerra del Peloponneso, si ribellò con le altre città della Ionia ma re Dario II, alleato di Sparta, la riconquista. Nel 367 a.C. la Pace di Antalcida ristabilì il controllo persiano.

Durante l'epoca ellenistica passò ai Seleucidi e quindi agli Attalidi.

Medioevo[modifica | modifica sorgente]

A Focea è legata la figura dell'ammiraglio Benedetto Zaccaria, che ne fu signore nel XIII secolo e che si dedicò al commercio con Genova, esportando l'allume di Focea, una merce utile alla concia delle pelli, dopo aver monopolizzato il commercio di questa preziosa sostanza avendo ricevuto la città in feudo dall'Imperatore di Costantinopoli Michele Paleologo. La città rimase una colonia genovese fino alla conquista turca nel 1455, appartenendo prima ai Cattaneo e poi ai Gattilusio.

Monetazione[modifica | modifica sorgente]

Focea fu tra le prime città a coniare e utilizzare monete, probabilmente imitando la Lidia. Le prime monete erano fatte in elettro. Al British Museum è esposta una moneta con l'immagine di una foca datata al 600-550 a.C.

Sotto la dominazione genovese dei Cattaneo e dei Gattilusio venivano battuti ducati d'oro e denari di mistura[10].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Erodoto, Storie, 1, 146
  2. ^ Pausania, Periegesi della Grecia, 7, 3, 10
  3. ^ Erodoto, Storie, 1, 163
  4. ^ Erodoto, Storie, 1, 26, 3
  5. ^ Erodoto, Storie, 1, 163, 1
  6. ^ Erodoto, Storie, 1, 163
  7. ^ Erodoto, Storie, 1, 166
  8. ^ Erodoto, Storie, 6, 8
  9. ^ (EN) Stillwell, "Phokaia".
  10. ^ La collezione mumismatica della Banca Carige, Silvana Editoriale, 2006
Antica Grecia Portale Antica Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Grecia