Teo (Asia Minore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Template-info.svg

Teo (in greco antico Τέως, traslitterato in Téos, in latino: Tium) era una antica città dell'Asia Minore.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Carta con l'indicazione di Clazomene e Teo (Asia Minore), e Abdera (Tracia)

Teo era posta sulla costa della Ionia a nord di Efeso, circa 40 chilometri a sud-ovest dell'attuale città turca di Izmir (Smirne), nelle vicinanze del porto di Siğacik. La città possedeva due porti: il principale, a sud, è ormai insabbiato; quello secondario, a nord, è utilizzato anche al giorno d'oggi dai pescatori di Siğacik.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Teo fu fondata da coloni venuti dalla Tessaglia e da Atene nel I millennio a.C. Passò sotto dominio persiano alla caduta dell'ultimo sovrano della Lidia, Creso (547 a.C.). Ciro il Grande fece sottomettere da Arpago le città greche che erano state governate della Lidia, e ciò tra il 545 e il 540 a.C. determinò l'esodo di gran parte della popolazione verso la Tracia, in particolare verso la città di Abdera che, in precedenza colonia di Clazomene, in quell'occasione venne rifondata dagli abitanti di Teo dopo la sua distruzione ad opera dei Traci. Teo fece parte della Dodecapoli ionia e si impegnò così nella cosiddetta rivolta ionia contro il dominio persiano organizzata dal tiranno di Mileto, Aristagora. Durante le fasi finali della Guerra del Peloponneso Teo fece parte della Lega delio-attica (476 a.C.).

In epoca ellenistica il porto fu rafforzato da Antigono Monoftalmo il quale tentò di unire Lebedo a Teo. Fu coinvolta nelle guerre fra i successori di Alessandro Magno, dapprima nella lotta fra Antigono Monoftalmo e Lisimaco e poi fra quest'ultimo e Seleuco I; nonostante le vicissitudini militari, in età ellenistica la città fu prospera, divenendo un centro culturale. Vi studiò, per esempio, Epicuro, recatosi a Teo per seguire un discepolo di Democrito. La città Teo nel III secolo a.C. fu vittima di un attacco di pirati, i quali presero in ostaggio un gran numero di importanti cittadini della città e chiesero una forte somma per il riscatto. Siamo a conoscenza di questo evento da un'iscrizione in marmo. Il testo racconta le misure prese dagli abitanti di Teo per procurarsi il riscatto richiesto. Il cattivo stato dell'iscrizione non ha tuttavia permesso di chiarire chi fossero quei pirati e da dove provenissero.

Nel II secolo a.C. a Teo venne costruito uno dei più grandi templi dell'antichità dedicato a Dioniso, opera dell'architetto Ermogene di Priene. In epoca romana questo tempio, in parte ricostituito, fu dedicato dapprima al culto di Tiberio e successivamente a quello di Adriano.

L'odéon di Teo

Dopo la riforma tetrarchica delle province romane, fu inclusa nella provincia di Honorias, nella diocesi del Ponto.

Personalità nate a Teo[modifica | modifica sorgente]

In questa città nacquero:

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Lene Rubinstein: "Teos". In: Mogens Herrman Hansen et al. (a cura di), An inventory of archaic and classical poleis. Oxford 2004, pp. 1101–1102.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Antica Grecia Portale Antica Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Grecia