Ermogene di Priene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ermogene (in greco antico Ἐρμογένης, traslitterato in Ermogènes, in latino: Hermogĕnes; III secolo a.C.II secolo a.C.) è stato un architetto greco antico, forse originario di Priene, attivo tra la fine del III secolo e l'inizio del II secolo a.C. in Asia Minore.

Fu anche un teorico dell'architettura e i suoi scritti, andati perduti, esercitarono un notevole influsso su Vitruvio.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Le sue opere principali sono il tempio di Dioniso a Teo e i templi di Zeus Sosipoli e di Artemide Leucofriene a Magnesia al Meandro; quest'ultimo, costruito fra il 220 e il 206 a.C., rappresenta l'opera più significativa di Ermogene.

Di ordine ionico, ha otto colonne sulla fronte (ottastilo) e quindici sui lati lunghi, fregio scultoreo raffigurante un'amazzonomachia e grondaie leonine; gli ampi spazi della peristasi con stretti intercolumni conferiscono all'edificio snellezza, ariosità e l'aspetto scenografico tipico del gusto ellenistico.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]