Codro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'umanista italiano del XV secolo Antonio Urceo detto Codro, vedi Urceo Codro.
Il re Codro raffigurato in un vaso attico conservato nel Museo di Bologna

Codro o, meno frequentemente, Kodro (in greco antico Κόδρος, traslitterato in Kòdros), è stato, secondo la leggenda, l'ultimo re di Atene.

Nella mitologia[modifica | modifica wikitesto]

La fine della monarchia fu determinata, sempre secondo il mito, da una guerra contro Sparta: l'oracolo di Delfi aveva infatti profetizzato al re che gli ateniesi avrebbero vinto se il loro sovrano fosse stato ucciso. La notizia giunse presto alle orecchie degli spartani, i quali, naturalmente, fecero attenzione a non fargli del male.

Il re, tuttavia, travestito da vecchio, provocò alcuni soldati spartani andati a fare legna, che lo uccisero. Gli Ateniesi svelarono l'inganno andando a chiedere la restituzione del corpo del loro re al campo degli Spartani, che così seppero chi fosse il vecchio ucciso con tale noncuranza e persero la guerra.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re di Atene Successore
Melanto 1089-1068 Medonte (primo arconti)