Helsinki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Helsinki
comune
Helsingin kaupunki
Helsingfors stad
Helsinki – Stemma
Dall'alto a sinistra: la Cattedrale di Helsinki, Suomenlinna, la Piazza del Senato, la spiagga di Aurinkolahti, il municipio
Dall'alto a sinistra: la Cattedrale di Helsinki, Suomenlinna, la Piazza del Senato, la spiagga di Aurinkolahti, il municipio
Dati amministrativi
Stato Finlandia Finlandia
Provincia Etelä-Suomen läänin vaakuna.svg Finlandia meridionale
Regione Uusimaa.vaakuna.svg Uusimaa
Distretto Helsinki
Sindaco Jussi Pajunen (KOK) dal 01/06/2005
Data di istituzione 1550
Territorio
Coordinate 60°10′15″N 24°56′15″E / 60.170833°N 24.9375°E60.170833; 24.9375 (Helsinki)Coordinate: 60°10′15″N 24°56′15″E / 60.170833°N 24.9375°E60.170833; 24.9375 (Helsinki)
Altitudine 17 m s.l.m.
Superficie 715,49[1] km²
Acque interne 501,74 km² (70,13%)
Abitanti 596 233[2] (2012)
Densità 833,32 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC+2
Nome abitanti (FI) helsinkiläinen
(SV) helsingforsare
Localizzazione

Helsinki – Localizzazione

Sito istituzionale

Helsinki (pronuncia finlandese [ˈhɛlsiŋki] Ascolta[?·info]; in svedese Helsingfors[?·info], pronuncia [hɛlsɪŋˈfɔrs]) è la capitale e la città più grande della Finlandia, con 596.233 abitanti (dato 2012)[3], situata nella regione dell'Uusimaa. La città è bilingue, le lingue ufficiali sono il finlandese e lo svedese.

Helsinki è geograficamente situata nella parte meridionale del Paese sulle rive del Golfo di Finlandia, parte del mar Baltico, di fronte alla capitale dell'Estonia, Tallinn, e si estende su più isole.

L'area metropolitana di Helsinki include l'area urbana della città, Espoo, Vantaa, Kauniainen e paesi limitrofi[4]. È l'area metropolitana più a nord nel mondo, con il suo milione di abitanti è la città e capitale più a nord degli Stati membri dell'Unione europea.

A Helsinki hanno sede il parlamento, il governo, 7 università e le sedi dei vescovi evangelico-luterano, cattolico e russo-ortodosso.

Nello slang di Helsinki la città è chiamata Stadi (per il vocabolo svedese stad, "città") o Hesa (forma abbraviata di "Helsinki" con il suffisso slang "-sa"), lasciando intendere che chi usa il termine Stadi sia nativo della città[5]. Helsset è il termine usato dai Sami del Nord per Helsinki.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Helsinki venne fondata nel 1550 su ordine del re di Svezia Gustav Vasa con il nome di Helsingfors sul sito di Forsby, alla foce del fiume Vanda. Il villaggio era affiancato già da un porto, menzionato per la prima volta con il nome di Helsinge ("stretto", "golfo", "approdo") nel 1351 in un documento del re Magnus II di Svezia che garantiva i diritti per la pesca del salmone sul fiume Vantaa al monastero estone di Padise.

Per rivaleggiare con Tallinn, re Gustav ordinò ai mercati di Porvoo, Ekenäs, Rauma e Ulvila di trasferirsi a Helsinki ma con la conquista dell'Estonia (1561) da parte della Svezia, cessò la necessità di espandere la città, ed Helsinki rimase un povero paesino.

Nel 1640 Per Brahe il Giovane consigliò a Cristina di Svezia di far trasferire la città nella sede attuale (attorno alla Piazza del Senato).

Nel 1748 il governo svedese iniziò la costruzione della fortezza di Sveaborg (Suomenlinna in finlandese), come protezione contro l'espansionismo russo. Al primo assedio Suomenlinna cadde.

Dopo che la sovranità della Finlandia passò alla Russia, nel 1809, lo zar Alessandro I decise di spostare la capitale finlandese da Turku a Helsinki nel 1812, in quanto la relativa scarsa influenza svedese sulla città, e la vicinanza a San Pietroburgo avrebbe reso il controllo sul governo locale più semplice.

Per ridurre ulteriormente l'influenza svedese nella regione, nel 1827 fu spostata da Turku a Helsinki l'unica università del paese. Questo fatto consolidò il nuovo ruolo della città provocando una rapida crescita della popolazione e dello sviluppo urbanistico

Dal 1918 è capitale della repubblica indipendente della Finlandia.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Helsinki è una modernissima città affacciata sul mar Baltico (dove vive circa un decimo della popolazione del paese) su una penisola principale, varie altre penisole e isole minori definiscono i limiti della città. Il clima è boreale umido (Köppen Dfb[6]) e, nonostante la latitudine nordica, è mitigato dal mare seppur meno "scaldato" dalla tiepida Corrente del Golfo rispetto alla Norvegia e alla Svezia; nazioni climaticamente meno continentali della Finlandia. In gennaio e febbraio le temperature medie sono attorno a −5 °C, mentre le medie da giugno ad agosto sono attorno ai 16 °C.

Helsinki Kaisaniemi
1971–2000[7]
Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) -1,7 -2,2 1,2 6,8 14,0 18,7 20,9 19,3 13,9 8,6 3,6 0,2 -1,2 7,3 19,6 8,7 8,6
T. mediaC) -4,2 -4,9 -1,5 3,3 9,9 14,8 17,2 15,8 10,9 6,2 1,4 -2,2 -3,8 3,9 15,9 6,2 5,6
T. min. mediaC) -6,9 -7,7 -4,2 0,4 6,0 11,0 13,7 12,6 8,1 3,8 -0,8 -5,0 -6,5 0,7 12,4 3,7 2,6
T. max. assolutaC) 8,5 10,3 11,5 21,9 26,3 30,5 30,8 31,2 24,1 17,4 11,6 12,6 12,6 26,3 31,2 24,1 31,2
T. min. assolutaC) -34,3 -26,0 -20,5 -10,5 -3,1 2,1 7,1 3,4 -4,5 -11,6 -18,6 -29,5 -34,3 -20,5 2,1 -18,6 -34,3
Giorni di gelo (Tmin ≤ 0 °C) 26 24 23 13 1 0 0 0 1 6 15 23 73 37 0 22 132
Precipitazioni (mm) 47 36 38 36 32 49 62 78 66 73 68 58 141 106 189 207 643
Nevicate (cm) 14 23 23 0 0 0 0 0 0 0 1 7 44 23 0 1 68

Architettura[modifica | modifica sorgente]

L'architettura di Helsinki è caratterizzata dal cosiddetto stile nordico, le cui caratteristiche sono l'eleganza, l'austerità e la sobrietà. Gli edifici residenziali del centro storico, soprattutto dei quartieri di Punavuori e di Kruununhaka, risalgono in larga parte al primo novecento, presentano decorazioni ispirate alla natura (fiori, piante, animali) e sono spesso arricchiti da bow window che permettono di catturare maggior quantità di luce. Nei quartieri di Käpylä e Töölö sono invece ancora presenti antiche costruzioni in legno.

L'area che circonda la Piazza del Senato, con la cattedrale luterana della città, rappresenta una testimonianza dello stile neoclassico, mentre la tradizione architettonica bizantino-russa si ritrova nella cattedrale ortodossa, progettata da Aleksander Gornostajev e terminata nel 1868. Questa è la più grande chiesa ortodossa dell'Europa occidentale e, con le sue tipiche cupole a cipolla dorate, rappresenta uno dei segni più evidenti della presenza russa in Finlandia.

Lo Jugendstil tedesco fu adottato a Helsinki assumendo delle caratteristiche proprie (stile nazional-romantico), con esempi eleganti quali la Jugendsali (1904) di Lars Sonck e il Museo nazionale (1910) degli architetti Gesellius, Lindgren e Saarinen. A quest'ultimo si deve anche la stazione centrale, terminata nel 1914.

L'edificio del Parlamento finlandese, progettato da Johan Sigfrid Sirén, risale invece al 1931 e rappresenta un esempio di classicismo nordico. I principali esempi di funzionalismo sono lo Stadio Olimpico (1938) e il Lasipalatsi (1935).

La Temppeliaukion kirkko, chiesa progettata da Timo e Tuomo Suomalainen, terminata nel 1969, è unica perché scavata nella roccia. Per la sua particolare architettura, è uno dei principali luoghi di interesse della capitale.

Il modernismo finlandese è stato reso famoso dalle creazioni di Alvar Aalto, quali la Casa Finlandia (1975) e la Libreria Accademica (1969). Più recenti sono invece le realizzazioni del Museo d'arte contemporanea Kiasma (1998), progettato da Steven Holl, la Casa della Musica (Musiikitalo) (2011), tutta rivestita da quadroni di marmo di Carrara e la Cappella della preghiera di Kamppi, interamente realizzata in legno e aperta al pubblico nel 2012.

HelsinkiPanorama rocco.jpg

Magnify-clip.png
Veduta di Helsinki

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

Trasporto pubblico[modifica | modifica sorgente]

Oggi Helsinki è l'unica città della Finlandia ad utilizzare reti tranviarie e metropolitana. In passato altre due città fecero uso di tram: Turku, che ne abbandonò l'uso nel 1972, e Vyborg, ora in Russia, che ne terminò l'utilizzo nel 1957.

La linea metropolitana, inaugurata nel 1982, è la prima ed unica linea metropolitana del paese e rimase tale fino al 1998, quando fu ampliata e ramificata in due linee diverse.

Helsinki è il centro ferroviario principale della Finlandia meridionale, ed è collegato a tutti i principali centri del paese e con la Lapponia. Sono inoltre presenti collegamenti giornalieri con San Pietroburgo e Mosca.

Il trasporto pubblico ad Helsinki è tra i più costosi in Europa.[senza fonte]

Collegamenti aerei[modifica | modifica sorgente]

L'aeroporto internazionale che serve la città si trova a Vantaa, a circa 20 km dal centro cittadino. Inoltre è presente anche un aeroporto minore, quello di Malmi per collegamenti interni.

Collegamenti marittimi[modifica | modifica sorgente]

Helsinki ha un porto importante per i traghetti (per esempio per Rostock, Stoccolma e Tallinn).

Vi sono inoltre dei collegamenti marittimi interni che conducono a degli isolotti limitrofi alla capitale, tra cui Suomenlinna. Trattasi di una meta turistica molto ambìta, in cui si possono apprezzare i paesaggi naturali e incontaminati che il Paese può vantare.

Sport[modifica | modifica sorgente]

Le principali squadre di calcio di Helsinki sono:

Musei[modifica | modifica sorgente]

La Piazza del Senato al centro di Helsinki, sullo sfondo la Cattedrale di Helsinki, al centro della piazza la statua di Alessandro II di Russia.
  • Museo nazionale di Finlandia (Kansallismuseo)
  • Museo della Scuola
  • Museo dei Tram
  • Museo della Centrale Elettrica
  • Museo delle Culture
  • Museo di Scienze Naturali
  • Museo dell'Arte Edilizia Finlandese
  • Museo dello Sport Finlandese
  • Museo della Tecnica
  • Museo del Design
  • Museo dell'Auto di Helsinki
  • Mannerheim - Museo
  • Museo del Quotidiano
  • Museo della numismatica della Banca di Finlandia
  • Museo dell'Università di Helsinki Arppeanum
  • Museo d'Arte Contemporanea Kiasma
  • Ateneum
  • Museo d'Arte Sinebrychoff
  • Museo d'Arte Comunale di Helsinki, Tennispalatsi
  • Art Hall di Helsinki

All'interno della fortezza di Suomenlinna son presenti numerosi musei:

Il grande incendio dei magazzini VR, 5 maggio 2006)
  • Museo Suomenlinna
  • Ehrensvärd-museo
  • Museo dei Giocattoli
  • Sommergibile Vesikko
  • Museo della Guerra Maneesi
  • Museo dell'Artiglieria Costiera
  • Museo della Dogana

Turismo[modifica | modifica sorgente]

La principale attrazione di Helsinki è l'aspetto paesaggistico: la città infatti si estende su un gran numero di isolotti collegati alla terraferma da traghetti o ponti. Helsinki è immersa nel verde d'estate e nel bianco d'inverno.

Pur essendo latitudinalmente a 710 chilometri dal circolo polare artico, ad Helsinki si può ammirare per diverse "notti estive" (da 15 giorni prima del 20 oppure 21 giugno a 15 giorni dopo con sicurezza e nitidezza), il fenomeno delle Notti Bianche che non ha niente a che vedere con il Sole di mezzanotte, bensì è un crepuscolo civile che non termina mai per tutta la durata del tempo in cui il Sole rimane sotto l'orizzonte e che lascia il cielo solo parzialmente scurito.

Tra i luoghi di attrazione turistica vanno ricordati:

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

"Abitanti censiti"

Eventi[modifica | modifica sorgente]

Nel 2009, Helsinki fu scelta per essere la capitale mondiale del design nel 2012[8] dall'International Council of Societies of Industrial Design, assieme alla città di Eindhoven.

Persone legate a Helsinki[modifica | modifica sorgente]

La facciata della Stazione

Città gemellate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Superficie area urbana: 770,26 km². Superficie area metropolitana: 2 970,18 km². Superfici aggiornate al 1º gennaio 2011.
  2. ^ Popolazione area urbana: 1 071 530 abitanti. Popolazione area metropolitana: 1 354 540 abitanti. Dati forniti dal VRK aggiornati al 2012.
  3. ^ Popolazione dei comuni finlandesi al 2012. URL consultato il 28 agosto 2012.
  4. ^ (EN) Cities of Finland, Eurostat. URL consultato il 10 febbraio 2013.
  5. ^ (EN) Terhi Ainiala, Place Names in the Construction of Social Identities: The Uses of Names of Helsinki, Research Institute for the Languages of Finland, 2009. URL consultato il 22 settembre 2011.
  6. ^ Klimadiagramme weltweit – Finnland, Schweden, Norwegen, Dänemark. URL consultato il 2 agosto 2011.
  7. ^ Finnish Meteorological Institute – Normal period 1971–2000. URL consultato il 23 luglio 2011.
  8. ^ City of Helsinki appointed World Design Capital 2012, World Design Capital, 25 novembre 2009. URL consultato il 13 aprile 2010. [collegamento interrotto]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Finlandia Portale Finlandia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Finlandia