Steven Runciman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sir James Cochran Stevenson Runciman, conosciuto anche come Sir Steven Runciman (Northumberland, 7 luglio 1903Radway, 1 novembre 2000), è stato uno storico britannico, noto medievalista e bizantinista.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Compì i suoi studi a Eton e a Cambridge e divenne in questa università Lecturer (equivalente al vecchio assistente universitario). A Cambridge ebbe come mentore il grande storico e libero pensatore John Bagnell Bury, del quale Runciman si definì "il primo e solo studente". In realtà, in un primo tempo Bury si mostrò ostile nei confronti di Runciman. Quando Runciman gli accennò della sua familiarità con il russo, Bury gli assegnò una serie di articoli bulgari da tradurre e pubblicare; fu l'inizio di una solida collaborazione.

Durante la seconda guerra mondiale, in parallelo a quanto capitò a Ronald Syme, Runciman lavorò nel servizio diplomatico di Sua Maestà britannica in veste di addetto stampa presso l'Ambasciata britannica a Istanbul nel biennio 1940-1941. Al pari di Syme, anch'egli insegnò all'Università di Istanbul, dal 1942 fino al termine del conflitto mondiale, tenendovi gli insegnamenti di "Arte e Storia bizantina".

Dal 1960 lavorò come Conservatore al British Museum.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • The Emperor Romanus Lecapenus and His Reign (1929)
  • The First Bulgarian Empire (1930)
  • Byzantine Civilization (1933)
  • The Medieval Manichee: A Study of the Christian Dualist Heresy (1947)
  • A History of the Crusades: Volume 1, The First Crusade and the Foundation of the Kingdom of Jerusalem (Cambridge University Press 1951) (Folio Society edition 1994)
  • A History of the Crusades: Volume 2, The Kingdom of Jerusalem and the Frankish East (Cambridge University Press 1952) (Folio Society edition 1994)
  • A History of the Crusades: Volume 3, The Kingdom of Acre and the Later Crusades (Cambridge University Press 1954) (Folio Society edition 1994)
  • The Eastern Schism: A Study of the Papacy and the Eastern Churches in XIth and XIIth Centuries (1953)
  • The Sicilian Vespers: A History of the Mediterranean World in the Later Thirteenth Century (1958)
  • The White Rajahs (1960)
  • The Fall of Constantinople 1453 (1965)
  • The Great Church in Captivity (1968)
  • The Last Byzantine Renaissance (1970)
  • The Orthodox Churches and the Secular State (1972)
  • Byzantine Style and Civilization (1975)
  • The Byzantine Theocracy (1977)
  • Mistra (1980)
  • Patriarch Jeremias II and the Patriarchate of Moscow (1985)
  • A Traveller's Alphabet. Partial Memoirs. (1991)

Opere tradotte in italiano[modifica | modifica sorgente]

I seguenti libri tradotti sono indicati con la data di pubblicazione più recente:

  • La civiltà bizantina. Sansoni, Firenze, 1960.
  • I vespri siciliani. Dedalo, Bari, 1997.
  • Gli ultimi giorni di Costantinopoli. Piemme, Casale Monferrato, 1997.
  • La teocrazia bizantina. Sansoni, Firenze, 2003.
  • Storia delle Crociate. 2 voll., Einaudi, Torino, 1966 (rist. BUR, Milano, 2006).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 19720468 LCCN: n50022103