Steven Runciman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sir James Cochran Stevenson Runciman, meglio conosciuto come Steven Runciman (Northumberland, 7 luglio 1903Radway, 1º novembre 2000), è stato uno storico britannico, noto medievalista e bizantinista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Compì i suoi studi a Eton e a Cambridge e divenne in questa università Lecturer (equivalente al vecchio assistente universitario). A Cambridge ebbe come mentore il grande storico e libero pensatore John Bagnell Bury, del quale Runciman si definì "il primo e solo studente". In realtà, in un primo tempo Bury si mostrò ostile nei confronti di Runciman. Quando Runciman gli accennò della sua familiarità con il russo, Bury gli assegnò una serie di articoli bulgari da tradurre e pubblicare; fu l'inizio di una solida collaborazione.

Runciman poteva valersi della padronanza di moltissime lingue, sia antiche sia moderne: si riporta che era in grado di parlare greco e latino all'età di cinque anni. In seguito, vi aggiunse la padronanza di molte lingue volgari europee, compreso il russo, oltre a varie lingue mediorientali. Grazie a questo, nei suoi studi sul medio oriente, oltre alle fonti latine e greche, fu in grado accedere, in modo diretto, a fonti arabe, turche, persiane, ebraiche, siriache, armene e georgiane.

Durante la seconda guerra mondiale, in modo analogo a quanto capitò a Ronald Syme (altro eccellente poliglotta), Runciman lavorò nel servizio diplomatico di Sua Maestà britannica in veste di addetto stampa presso l'Ambasciata britannica a Istanbul nel biennio 1940-1941. Al pari di Syme, anch'egli insegnò all'Università di Istanbul, dal 1942 fino al termine del conflitto mondiale, tenendovi gli insegnamenti di "Arte e Storia bizantina".

Dal 1960 lavorò come Conservatore al British Museum.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • The Emperor Romanus Lecapenus and His Reign (1929)
  • The First Bulgarian Empire (1930)
  • Byzantine Civilization (1933)
  • The Medieval Manichee: A Study of the Christian Dualist Heresy (1947)
  • A History of the Crusades: Volume 1, The First Crusade and the Foundation of the Kingdom of Jerusalem (Cambridge University Press 1951) (Folio Society edition 1994)
  • A History of the Crusades: Volume 2, The Kingdom of Jerusalem and the Frankish East (Cambridge University Press 1952) (Folio Society edition 1994)
  • A History of the Crusades: Volume 3, The Kingdom of Acre and the Later Crusades (Cambridge University Press 1954) (Folio Society edition 1994)
  • The Eastern Schism: A Study of the Papacy and the Eastern Churches in XIth and XIIth Centuries (1953)
  • The Sicilian Vespers: A History of the Mediterranean World in the Later Thirteenth Century (1958)
  • The White Rajahs (1960)
  • The Fall of Constantinople 1453 (1965)
  • The Great Church in Captivity (1968)
  • The Last Byzantine Renaissance (1970)
  • The Orthodox Churches and the Secular State (1972)
  • Byzantine Style and Civilization (1975)
  • The Byzantine Theocracy (1977)
  • Mistra (1980)
  • Patriarch Jeremias II and the Patriarchate of Moscow (1985)
  • A Traveller's Alphabet. Partial Memoirs. (1991)

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • Steven Runciman, La civiltà bizantina, Collana Le piccole storie illustrate n.40, Sansoni, Firenze, 1960; Ghibli, 2014, ISBN 978-88-680-1022-5.
  • id., Storia delle Crociate, 2 voll., trad. E. Bianchi, A. Comba e F. Comba, Collana Biblioteca di cultura storica, Einaudi, Torino, 1966.
  • id., I vespri siciliani. Storia del mondo mediterraneo alla fine del tredicesimo secolo, Collana Storia e Civiltà n.8, Dedalo, Bari, 1971; Collana Bur Storia, Rizzoli, Milano, 1977.
  • id., Il rajah bianco. La vera storia di James Brooke e della sua dinastia, trad. Marco Amante, Collana Storica, Rizzoli, Milano, 1977.
  • id., La teocrazia bizantina. Introduzione di Vittorio Peri, trad. V. Peri, Collana Universale, Sansoni, Firenze, 1988; con un saggio di Silvia Ronchey, Collana Saggi, Sansoni, Firenze, 2003, ISBN 978-88-383-34816-7.
  • id., I Crociati alla conquista della Città Santa. Epopea e storia della prima Crociata (1096-1099). Una moltitudine di uomini, pezzenti e signori, militari ed ecclesiastici, avventurieri e devoti, in marcia per liberare il Sacro Sepolcro al grido di: "Dio lo vuole", Piemme, Casale Monferrato, 1996, ISBN 978-88-384-2553-0;
    • La prima Crociata, Collana Piemme pocket, Piemme, Casale Monferrato, 2001.
  • id., Gli ultimi giorni di Costantinopoli. Le otto terribili settimane che sconvolsero il Mediterraneo. 29 maggio 1453: crolla l'Impero Romano d'Oriente, sorge l'Impero Ottomano. Il saccheggio delle armate di Maometto II, il terribile assedio, le spettacolari macchine da guerra, l'eroismo dei combattenti, le spaventose conseguenze politiche e culturali. E sull'Europa incombe la minaccia..., trad. Maria Luisa Rotondi De Luigi, Piemme, Casale Monferrato, 1997, ISBN 978-88-384-2719-0.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Membro dell'Ordine dei Compagni d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine dei Compagni d'Onore
— 31 dicembre 1983
Knight Bachelor - nastrino per uniforme ordinaria Knight Bachelor

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN108756701 · LCCN: (ENn50022103 · ISNI: (EN0000 0000 8173 6976 · GND: (DE122925777 · BNF: (FRcb12176279b (data)