Aldous Huxley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aldous Huxley

Aldous Leonard Huxley (Godalming, 26 luglio 1894Los Angeles, 22 novembre 1963) è stato uno scrittore britannico.

Aldous Huxley signature.svg

Famoso per i suoi romanzi di fantascienza, ha inoltre pubblicato saggi, racconti brevi, poesie e racconti di viaggio. Oltre alla laurea in letteratura, conseguì a Oxford, nel 1917, quella in Scienze Biologiche. Huxley era un umanista e pacifista, ma è stato anche interessato a temi spirituali come la parapsicologia e il misticismo filosofico. Era noto anche per sostenere e fare uso di allucinogeni. È uno dei più eminenti membri della famosa famiglia Huxley. A partire dalla fine della sua vita Huxley è stato considerato, in alcuni circoli accademici, un leader del pensiero moderno e un intellettuale del più alto rango.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Huxley nacque il 26 luglio 1894 a Godalming, nella contea del Surrey, in Inghilterra. Era il figlio dello scrittore Leonard Huxley e della sua prima moglie, Julia Arnold, nonché nipote del noto biologo Thomas Henry Huxley, grande sostenitore delle teorie darwiniste. Julia, la quale in gioventù aveva conosciuto di persona lo scrittore inglese Lewis Carroll, morì nel 1908, quando Aldous era poco più che adolescente; lo stesso mese morì anche la sorella Roberta. Tre anni dopo si iscrisse alla scuola pubblica di Eton (Berkshire) ma, appena iniziati gli studi, contrasse una malattia che danneggiò gravemente la sua vista. La sua semicecità lo rese inabile all'arruolamento per la prima guerra mondiale. Quando la sua vista si fu parzialmente ristabilita, frequentò letteratura inglese al Balliol College, presso l'università di Oxford, laureandosi nel 1915.

Huxley completò il suo primo romanzo, mai pubblicato, all'età di diciassette anni ed iniziò a scrivere seriamente appena passati i vent'anni. Scrisse grandi romanzi sugli aspetti disumanizzanti del progresso scientifico - il più famoso dei quali è Il mondo nuovo (Brave new world) - e su temi pacifisti (Eyeless in Gaza). Huxley fu fortemente influenzato da F. Matthias Alexander e lo incluse come personaggio tra le pagine di Eyeless in Gaza.

Durante la prima guerra mondiale frequentò spesso Garsington Manor, residenza di lady Ottoline Morrell. In questo periodo fu anche insegnante ad Eton di George Orwell (altro importante esponente della letteratura distopica inaugurata da Il mondo nuovo). Successivamente in Crome Yellow (1921) satireggiò sullo stile di vita di Garsington, ma rimase amico del Morrell. Sposò Maria Nys, che aveva conosciuto a Garsington, e lavorando come critico letterario per la rivista Westminster Gazette fece la conoscenza di D.H. Lawrence, con cui condivise una forte passione per l'Italia, dove dimorò dal 1923 al 1930 (esclusi il 1925 e il 1926, trascorsi viaggiando per l'India). Al periodo italiano risalgono i suoi racconti ambientati a Firenze (Il giovane Archimede) e a Roma (Dopo i fuochi di artificio). Di Siena e del Palio scrisse:

« No, il Palio è proprio uno spettacolo, senza nessun significato in particolare, ma per il semplice fatto di esser tradizionale e ancora vitale, significa infinitamente di più degli eventi inglesi nati morti con tutti i loro versi sciolti alla Parker e le loro drammatiche rievocazioni. Perché questi paggi, questi armati, questi alfieri provengono direttamente dall'età del Pinturicchio»

Tra il 1934 e il 1937 Huxley compì una serie di viaggi in Centroamerica e negli Stati Uniti. A New York nel 1937 entrò in contatto con l'équipe medica del dottor Bates, che riuscì infine a curare efficacemente la sua malattia alla cornea. Nel marzo del 1942 si trasferì a Llano in California e rifiutò - come il suo amico che lo accompagnava, il filosofo Gerald Heard - la cittadinanza statunitense in quanto si rifiutava di ascrivere il suo pacifismo tra i credi religiosi.

Nel 1938 aveva conosciuto J. Krishnamurti, di cui ammirava molto gli insegnamenti. Divenne un indù seguace di Swami Prabhavananda e coinvolse in questo anche Christopher Isherwood. Iniziò a praticare la meditazione e divenne vegetariano. Le sue opere in seguito furono assai influenzate dal misticismo e dalle sue esperienze con la mescalina, cui fu introdotto dallo psichiatra Humphry Osmond nel 1953 (altre fonti[senza fonte] sostengono che sarebbe stato Aleister Crowley ad introdurlo all'uso di questa sostanza). L'esperienza di Huxley con le droghe psichedeliche è descritta nei saggi Le porte della percezione (The doors of perception) - titolo preso da alcuni versi di William Blake - e Paradiso e inferno (Heaven and hell). Il titolo del primo dei due saggi fu d'ispirazione per il nome del complesso rock The Doors. Alcuni dei suoi scritti sulle sostanze psichedeliche divennero letture popolari tra i primi hippie.

Sua moglie Maria morì di cancro al seno nel 1955; nel 1956 si risposò con la torinese Laura Archera. Nel 1960 fu diagnosticato a Huxley un cancro alla laringe e la vista riprese a peggiorare. Negli anni che seguirono scrisse il romanzo utopico L'isola (Island) e diede lezioni sulle "potenzialità umane" all'Esalen Institute. Le sue idee furono le fondamenta su cui si costituì lo Human Potential Movement. In un discorso tenuto nel 1961 alla California Medical School di San Francisco, Huxley disse che "ci sarà in una delle prossime generazioni un metodo farmacologico per far amare alle persone la loro condizione di servi e quindi produrre dittature, come dire, senza lacrime; una sorta di campo di concentramento indolore per intere società in cui le persone saranno private di fatto delle loro libertà, ma ne saranno piuttosto felici".

La visione di Huxley sul ruolo della scienza e della tecnologia (come lui lo descrisse, per esempio, ne L'isola) sono analoghe a quelle di altri noti pensatori britannici del Novecento, quali Lewis Mumford, l'amico di Huxley Gerald Heard e, in qualche modo, Buckminster Fuller. Tra i continuatori di questa linea di pensiero nelle successive generazioni si annovera Stewart Brand.

Il 12 maggio del 1961 un incendio divampato nella sua casa distrusse tutti i suoi libri e le sue carte. La perdita fu una prova durissima. Sul suo letto di morte, incapace di parlare, chiese alla moglie per iscritto di ricevere un'iniezione intramuscolare di 100 microgrammi di LSD. Fu accontentato e spirò la mattina seguente, il 22 novembre 1963, lo stesso giorno in cui morirono anche John F. Kennedy e C.S. Lewis.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Non di tutte le opere elencate è stato possibile individuare il titolo della corrispondente versione italiana, dove esistente.

Romanzi[modifica | modifica sorgente]

Racconti[modifica | modifica sorgente]

  • Limbo (1920)
  • Mortal Coils (1922)
  • Il piccolo messicano (Little Mexican, 1924)
  • Due o tre grazie (Two or Three Graces, 1926)
  • Brief Candles (1930)
  • Jacob's Hands; A Fable (tardi anni trenta)
  • Collected Short Stories (1957)
  • E vissero sempre felici
  • Eupompo dette splendore all'Arte con i Numeri
  • Cinzia
  • La bottega del libraio
  • La morte di Lullo
  • Sir Ercole
  • Il sorriso della Gioconda
  • Un banchetto per Tillotson
  • Grotte verdi
  • Monache a colazione
  • Uberto e Minnie
  • Belletto
  • Il ritratto
  • Mezza vacanza
  • La fata madrina
  • Il monocolo
  • Chawdron
  • La cura di riposo
  • La famiglia Claxton

Poesia[modifica | modifica sorgente]

Racconti di viaggio[modifica | modifica sorgente]

Saggi[modifica | modifica sorgente]

Letteratura per bambini[modifica | modifica sorgente]

Raccolte[modifica | modifica sorgente]

  • Moksha: Writings on Psychedelics and the Visionary Experience (1977)

Sceneggiature[modifica | modifica sorgente]

Attivo anche nel mondo del cinema fin dagli anni quaranta (epoca in cui si trasferisce, infatti, in California), partecipa alle sceneggiature di alcuni capolavori dell'epoca come Orgoglio e pregiudizio, La porta proibita (famoso adattamento di Jane Eyre con Orson Welles) e il lungometraggio d'animazione della Disney Alice nel Paese delle Meraviglie.

Trasposizioni cinematografiche, televisive ed editoriali[modifica | modifica sorgente]

Diverse opere di Huxley sono state adattate per il cinema e la televisione[1]. Ken Russell nel 1971 diresse I diavoli (The devils) con Vanessa Redgrave, tratto da I diavoli di Loudun. Nel 1980 Burt Brinckerhoff diresse un adattamento televisivo de Il mondo nuovo (Brave new world), trasmesso anche dalla televisione italiana. Nel 2008 esce per l'editore Soleil Production il volume a fumetti "Loudun", riadattamento de "The Devils Of Loudun", volume dipinto da Paolo Armitano & Davide Furno', su sceneggiatura di Herve' Rusig.

Influenza culturale[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Aldous Huxley su IMDb.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia italiana di Aldous Huxley in Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Associazione culturale Delos Books.

Controllo di autorità VIAF: 71392434 LCCN: n80057246