The Smashing Pumpkins

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Smashing Pumpkins
Gli Smashing Pumpkins il 24 maggio 2007 durante un concerto in Lussemburgo
Gli Smashing Pumpkins il 24 maggio 2007 durante un concerto in Lussemburgo
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
Genere Alternative rock[1]
Indie rock[1]
Grunge[1]
Periodo di attività 1988-2000
2006-in attività
Album pubblicati 14
Studio 9
Raccolte 5
Sito web
The Smashing Pumpkins (Logo).png

Gli Smashing Pumpkins sono un gruppo musicale alternative rock statunitense formatosi a Chicago nel 1988.

La band nasce dall'idea di Billy Corgan (voce e chitarra) e James Iha (chitarra), all'epoca due ragazzi appassionati principalmente di musica hard rock, new-wave e psichedelica. A una prima formazione chitarra elettrica/batteria, si aggiunge poi la bassista D'arcy Wretzky e successivamente il batterista Jimmy Chamberlin, dopo gli inizi con batteria elettronica.

Sono unanimemente considerati una delle band più importanti degli anni '90.[1][2][3][4] Il gruppo ha raggiunto il picco della popolarità internazionale tra il 1995 e il 1997 in seguito alla realizzazione del doppio concept album Mellon Collie and the Infinite Sadness.[5]

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Dalle origini a Gish (1988-1992)[modifica | modifica wikitesto]

La band si fa conoscere agli inizi degli anni novanta nei locali underground di Chicago, proponendo una musica tendenzialmente affine al metal e al grunge, caratterizzata però da influenze dream pop, gothic rock e psichedeliche che li rendono allo stesso tempo diversi e unici.[1] I testi delle canzoni richiamano sempre una sorta di dolore (già da Gish, loro primo lavoro), quasi un malessere o, se vogliamo, una vena malinconica, che accompagnerà gli Smashing Pumpkins in tutta la loro carriera.

Siamese Dream, Pisces Iscariot e i primi conflitti (1993-1994)[modifica | modifica wikitesto]

Il secondo album in studio, Siamese Dream, prosegue sulla linea di Gish, alleggerendo la vena metal e spingendo verso un hard rock più melodico. Viene dato spazio a chitarre acustiche e tastiere, in special modo su lente ballate come Spaceboy. Il tono dei brani è sempre malinconico, ma la voce di Corgan è meno arrabbiata, manifestando a tratti un senso di arrendevolezza che ancor più induce alla malinconia. Il disco è un successo mondiale da oltre 6 milioni di copie, sostenuto dai singoli Cherub Rock, Today e la morriconiana Disarm.

Discorso simile per Pisces Iscariot, album composto da b-side uscito nell'anno seguente, nel quale c'è spazio per una versione acustica di Landslide dei Fleetwood Mac. Il pubblico degli Smashing Pumpkins cresce e la band raccoglie consensi in America e oltre, grazie anche agli esplosivi concerti, dove offre il meglio di sé in performance in cui viene amplificata al massimo la potenza dei brani di studio, se necessario stravolgendoli completamente.

Contemporaneamente a questo buon riscontro di pubblico, si vengono a creare i primi conflitti. Durante la registrazione di Siamese Dream, per alterni motivi, i membri del gruppo disertano la sala prove, inducendo Corgan a realizzare gran parte delle tracce da solo, suonando anche basso e seconda chitarra. Questa sarà la causa del primo di una serie di scontri interni al gruppo, che vedranno in particolare Corgan imporsi come unico traino della band.

Mellon Collie and the Infinite Sadness (1995-1997)[modifica | modifica wikitesto]

L'uscita di Mellon Collie and the Infinite Sadness segna un nuovo capitolo nella storia della band. Il disco è un doppio album, diviso in due sezioni differenti, fortemente voluto da Billy Corgan che è autore di tutti i pezzi esclusi un paio composti da James Iha. Il monumentale disco è una raccolta che spazia ancora di più nell'universo rock, proponendo brani in tono con le origini (Zero), ballate orecchiabili che sfacciatamente guardano al mondo pop (1979), e pezzi inaspettatamente romantici, quasi "raffinati" rispetto alla ruvida impostazione precedente (Tonight, Tonight). Una produzione insolitamente vasta, che a distanza di un anno dall'ultimo disco dimostra quanto sia febbrile la vena creativa di Billy Corgan. Come è naturale prevedere però, il disco soffre a volte di questa lunghezza, alternando molti momenti creativi ad alcuni brani messi come semplici esercizi di stile, che però non svalutano l'opera nel suo insieme.

Il tour seguente al disco segnerà un nuovo cambiamento di rotta nella band. Il 12 luglio del 1996 in un albergo di New York, il tastierista turnista dei Pumpkins, Jonathan Melvoin, viene stroncato da una overdose di eroina; con lui si trova il batterista Jimmy Chamberlin anch'egli tossicodipendente. La situazione era nota al resto del gruppo già da tempo, e Chamberlin, dati gli infruttuosi tentativi del resto della band di farlo smettere, viene estromesso. Il tour prosegue con tale line up "troncata".

Adore e i cambi di formazione (1998-1999)[modifica | modifica wikitesto]

L'album Adore del 1998 cambia nuovamente le carte in tavola per la band. Alla base ritmica offerta da Chamberlin si sopperisce con un massiccio uso di basi ritmiche e batterie elettroniche, sulla quale si muovono come al solito chitarre e basso, con in aggiunta alcuni inserti di pianoforte. Sebbene alcuni brani diano l'impressione di qualcosa di già ascoltato (ad esempio Perfect), le scelte musicali dettate da forza maggiore fanno sì che il lavoro complessivo risulti estremamente diverso, rinnovando completamente lo stile della band. Le canzoni abbracciano ancora di più la melodia, rallentando nella velocità; i temi, sempre intimisti, abbandonano quasi totalmente l'autolesionismo per permearsi di disillusione e amarezza: non a caso, la stesura del disco avviene in concomitanza con la morte della madre di Billy Corgan, fattore che influenza non poco testi e arrangiamenti.

I rapporti interni alla band si fanno sempre più turbolenti. Il 1999 segna il ritorno di Chamberlin, disintossicato e pronto per entrare in studio. Ma proprio durante la registrazione del nuovo disco, si annuncia l'uscita di D'arcy per dedicarsi alla carriera di attrice, ma solo più tardi Corgan stesso ammetterà che i motivi reali erano ancora di tossicodipendenza. Prende il suo posto Melissa Auf der Maur, ex bassista delle Hole e amica dello stesso Billy Corgan.

Machina I e II, il (primo) scioglimento (2000-2005)[modifica | modifica wikitesto]

Il 2000 vede l'uscita di Machina/The Machines of God. In questo concept-album si riversano tutte le esperienze musicali di Corgan applicate ai precedenti lavori. Alle suggestive chitarre distorte e risonanti in primo piano vengono affiancate le tastiere, e le une si alternano alle altre a seconda dei brani; il basso cerca un nuovo spazio tentando di uscire dal semplice schema seguito finora, sbilanciandosi in arrangiamenti lievemente più elaborati; l'estro della batteria classica si fonde con l'elettronica, rinnovando in freschezza la prima e sottraendo la seconda a schemi ripetitivi. In Machina I si fondono il nuovo amore per l'elettronica (Raindrops + Sunshowers), la ballata romantica (With Every Light, Try, Try, Try), fino all'hard rock (Glass and the Ghost Children), anch'esso contaminato dall'elettronica. Nonostante la commistione di generi, che a un primo ascolto sembra cercare l'approvazione di un mercato molto più pop e commerciale, non sembra deludere le aspettative del pubblico. Nei testi di Machina prevale ora l'amore e i rapporti tra l'Io, la donna amata e Dio, triangolo ideale e indissolubile rappresentato sin dalla copertina (due amanti in un calice, cullati dalle mani di Dio); in altri brani viene ripreso il tema malinconico della morte, ma questa volta, diversamente dalle altre, non c'è molta rassegnazione, quanto una sorta di ottimismo e speranza che si fa strada tra le note a volte struggenti e dolorose. La leadership di Corgan è ormai incontrastata, tanto da far passare in secondo piano tutti i componenti della band; e proprio all'apice del successo del singolo si contrappone la fine del gruppo, annunciata da una emittente radiofonica, che verrà ufficializzata al termine del tour che si concluderà al Metropolitan di Chicago con uno show di oltre quattro ore.

Dopo lo scioglimento del gruppo, Corgan decide di far pubblicare il seguito dell'ultimo album, Machina II/The Friends and Enemies of Modern Music, registrato durante le session di Machina I. Il progetto, che dovrebbe essere un doppio album, non convince l'etichetta Virgin Records, che mette il suo veto. Corgan, con una mossa ancora una volta controcorrente, ne fa stampare 25 copie su vinile, distribuendole a conoscenti e amici con disposizione di incoraggiarne la diffusione tramite Internet.

In Machina II si ritrovano nuovi spunti di rabbiosa energia che coi dischi precedenti sembrava essere stata annacquata in favore della musicalità. Di nuovo la chitarra distorta padroneggia affiancata dalla batteria di Chamberlin, che finalmente si sfoga della potenza accumulata e repressa negli ultimi tempi. Diversi brani presentano canzoni già ascoltate in forme più crude, con un impatto più violento all'ascolto. Le tracce si susseguono senza apparente soluzione di continuità, proponendo una raccolta vigorosa, a volte ruvida come agli inizi. Tuttavia l'effetto del tempo si sente, e questi non sono gli Smashing Pumpkins degli esordi, sembrano piuttosto ciò che la casa discografica voleva nascondere al pubblico. Anche gli ormai immancabili effetti elettronici sono a tratti isterici, decisamente meno delicati del solito. Compiuto l'ultimo atto, della band rimane solo una raccolta, edita questa volta dalla Virgin e supportata dalla band probabilmente per obblighi contrattuali, che niente di nuovo aggiunge a quanto è stato fatto finora.

Terminata l'era dei Pumpkins, non terminano i battibecchi tra i componenti della band. Allo scioglimento della band, Billy Corgan ha chiamato in causa il pop, dichiarandosi "stanco di combattere le Britneys". Al termine del fallito progetto Zwan, attraverso il suo sito ufficiale, ha deciso di rivelare quelli che secondo lui sarebbero stati i veri motivi dello scioglimento dei Pumpkins, ovvero l'ingratitudine di James Iha e la tossicodipendeza di D'arcy:

(EN)

« The truth of the matter is is that James Iha broke up the Smashing Pumpkins...not me, not Jimmy, but James...did it help that D'arcy was fired for being a mean spirited drug addict, who refused to get help? No, that didn't help keep the band together, not at all...it made it very hard to go on, but we soldiered thru it even though our hearts were broken...But D'arcy didn't break up the band, we didn't let her...and Jimmy didn't want to break up the band, not at that time...and I would have gone on forever... »

(IT)

« La verità è che è stato James Iha a far sciogliere gli Smashing Pumpkins... non io, non Jimmy, ma James... ha aiutato il fatto che D'arcy è stata allontanata per essere una tossicodipendente, che ha rifiutato di farsi aiutare? No, questo non ha aiutato a tenere insieme la band, per nulla, è stato molto difficile andare avanti, ma abbiamo marciato avanti nonostante i nostri cuori fossero a pezzi... Ma D'arcy non ha sciolto la band, non glielo avremmo permesso... e Jimmy non voleva sciogliere la band, non all'epoca... e io avrei voluto continuare per sempre... »

In un successivo momento poi, sempre dallo stesso sito, cerca il riappacificamento con Iha:

(EN)

« Let me say one last thing to one person in particular: mr. James Iha...and I hope the whole world reads it with him: James, I love you...you will always be my brother, and even though I have my issues with you, I love you very, very much...the depth of my hurt is only matched by the depth of my gratitude... you will always be a Pumpkin, no matter whose band you play in... you did good, never forget the lives that you changed and inspired and healed... »

(IT)

« Lasciatemi dire un'ultima cosa a una persona in particolare: mr. James Iha... e spero che il mondo intero legga con lui: James, ti voglio bene... sarai sempre mio fratello, e nonostante abbia avuto problemi con te, ti voglio molto, molto bene... la profondità del mio dolore è paragonabile solo alla profondità della mia gratitudine... sarai sempre un Pumpkin, non importa in quale band suonerai... hai fatto del bene, non dimenticare mai le vite che hai cambiato e ispirato e curato... »

Il ritorno e Zeitgeist (2006-2008)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'uscita del suo disco da solista TheFutureEmbrace, Corgan ritorna ancora una volta sui suoi passi, affermando di voler riportare in vita i The Smashing Pumpkins, quando, neanche un anno prima, aveva dichiarato di essere pronto per una carriera solista.

Durante l'autunno 2006 gli Smashing Pumpkins entrano in studio per registrare un nuovo album. Billy Corgan, attraverso un MySpace Bulletin[6], annuncia il titolo dell'album, Zeitgeist, poi uscito il 10 luglio 2007. Corgan e Chamberlin sono gli unici a prendere parte alla reunion, lasciando fuori James Iha e Melissa Auf der Maur. La band si esibisce, per la prima volta dal 2000, il 22 maggio 2007 a Parigi dove vengono presentati i nuovi musicisti: Jeff Schroeder, Ginger Reyes e Lisa Harriton, rispettivamente seconda chitarrista, bassista e tastierista.

Il 2 gennaio 2008, via iTunes, viene commercializzato American Gothic, un EP di quattro canzoni acustiche. Le canzoni ("The Rose March", "Pox", "Again, Again, Again (The Crux)" e "Sunkissed") sono state registrate dalla band nel Pass Studio di Los Angeles, nel periodo di pausa tra il tour statunitense e quello europeo. L'artwork dell'EP è invece scaricabile dal sito ufficiale. Il 23 aprile 2008 Billy Corgan e Jimmy Chamberlin hanno introdotto i The Smashing Pumpkins nella RockWalk di Hollywood. Durante il mese di novembre dello stesso anno gli Smashing Pumpkins hanno celebrato i loro vent'anni di attività con un minitour negli States, suonando dopo vari anni a Chicago. La loro canzone Today tratta da Siamese Dream viene inserita nella colonna sonora del videogioco di Activision Guitar Hero World Tour. Inoltre il nuovo singolo della band, G.L.O.W., è stato inserito in esclusiva nel gioco, dando così ai fan di Guitar Hero accesso alla musica degli Smashing Pumpkins prima di chiunque altro. Il nuovo brano, unitamente ad altri due pezzi della band, 1979 e The Everlasting Gaze, è stato reso disponibile dopo il lancio del gioco come pacchetto aggiuntivo scaricabile.

Teargarden by Kaleidyscope e Oceania (2009-2013)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 il batterista Jimmy Chamberlin ha lasciato il gruppo[7], che si è messo subito alla ricerca di un nuovo batterista con un appello online[8]. Viene sostituito dal diciannovenne Mike Byrne, scelto da Corgan, che ha battuto nelle audizioni batteristi del calibro di Jeff Lenz (The Lassie Foundation) e John Dolmayan (System of a Down).

Il 16 settembre 2009 Billy Corgan ha annunciato il titolo di un nuovo progetto, Teargarden by Kaleidyscope[9]. Si tratta di un progetto musicale innovativo, costituito secondo Corgan da quarantaquattro canzoni che avrebbero dovuto essere rese disponibili, una per volta, gratuitamente su Internet. Il 7 dicembre 2009 la prima canzone, A Song for a Son, viene messa a disposizione per il download sul sito ufficiale della band. A dispetto dei propositi il progetto è terminato con la decima canzone ed il gruppo si è concentrato per la registrazione di un album tradizionale. Otto dei dieci brani sono stati raccolti in due EP da quattro brani intitolati Vol. 1: Songs for a Sailor e Vol. 2: The Solstice Bare.

Il 22 dicembre il sito Spinner[10] ha pubblicato due video esclusivi nei quali Billy Corgan ha parlato della band e dei progetti futuri. Facendo riferimento al passato ha ammesso come "rompere" la band sia stato un errore.

Nel mese di marzo 2010 viene annunciato che anche la bassista Ginger Reyes e la tastierista Lisa Harriton hanno lasciato il gruppo. Nel frattempo il gruppo ha continuato le registrazioni e il tour con Mark Tulin come bassista provvisorio. Il 9 maggio 2010 viene annunciato tramite il Twitter del gruppo che la nuova bassista è Nicole Fiorentino. Per mezzo della pagina Facebook del gruppo, invece, il 26 aprile 2011 viene annunciata l'uscita dell'album Oceania, prevista verso settembre dello stesso anno. L'uscita dell'album fu poi rinviata a marzo 2012 e, successivamente, al 19 giugno 2012, data di effettiva pubblicazione. My Love Is Winter, brano contenuto nel nuovo disco, viene successivamente inserito nella colonna sonora del videogioco del 2014 Watch Dogs, della Ubisoft Montreal.

Monuments to an Elegy e Day for Night (2014-presente)[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 febbraio 2014 Billy Corgan conferma di essere al lavoro su del nuovo materiale per la sua band. Il 25 marzo successivo il cantante annuncia che i The Smashing Pumpkins hanno firmato un contratto con la BMG per pubblicare due album entro la fine del 2015. I due album si intitoleranno Monuments to an Elegy e Day for Night. L'8 maggio Corgan comunica che Tommy Lee, dei Mötley Crüe, suonerà la batteria in Monuments to an Elegy al posto di Mike Byrne. Successivamente, a giugno, viene confermata l'uscita della band sia di quest'ultimo che della bassista Nicole Fiorentino. L'11 settembre viene annunciato che Monuments to an Elegy verrà pubblicato il 9 dicembre 2014[11].

Successivamente viene annunciata una breve serie di concerti tra Europa e Stati Uniti, nei quali la formazione viene completata dal bassista Mark Stoermer (dei The Killers) e dal batterista Brad Wilk (dei Rage Against the Machine).

Il genere[modifica | modifica wikitesto]

Gli Smashing Pumpkins sono considerati uno dei gruppi più rappresentativi dell'alternative rock degli anni novanta[1].

Controversa è l'appartenenza del gruppo al movimento grunge: alcuni critici musicali vi inseriscono parte della produzione del gruppo (in particolare i primi due album, Gish[12] e Siamese Dream[13] e il singolo Bullet with Butterfly Wings), mentre diversi altri[14][15] sottolineano le differenze stilistiche e le diverse influenze degli Smashing Pumpkins rispetto ai contemporanei gruppi grunge (tesi avvalorata anche dalla differente provenienza geografica del quartetto, decisamente lontana dalla scena di Seattle).

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

Ex componenti[modifica | modifica wikitesto]

Turnisti[modifica | modifica wikitesto]

  • Eric Remschneider – violoncello (1992-1994)
  • Jonathan Melvoin – tastiera (1995-1996)
  • Matt Walker – batteria, percussioni (1996-1997)
  • Dennis Flemion – tastiera (1996-1997)
  • Kenny Aronoff – batteria, percussioni (1998-1999)
  • Dan Morris – percussioni (1998-1999)
  • Stephen Hodges – percussioni (1998-1999)
  • Mike Garson – tastiera (1998-2000)
  • Chris Holmes – tastiera (2000)
  • Lisa Harriton – tastiera (2007-2009)
  • Ginger Reyes - basso (2007-2010)
  • Mark Tulin - basso (2010)
  • Stephen Bradley - tromba (2008)
  • Gabrial McNair - trombone (2008)
  • Kristopher Pooley - tastiera (2008)
  • Gingger Shankar - violino (2008)

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1990 - I Am One
  • 1990 - Tristessa
  • 1991 - Siva
  • 1991 - Rhinoceros
  • 1992 - Daughter
  • 1992 - I Am One
  • 1993 - Cherub Rock
  • 1993 - Today
  • 1994 - Disarm
  • 1994 - Rocket
  • 1995 - Bullet with Butterfly Wings
  • 1996 - 1979
  • 1996 - Zero
  • 1996 - Tonight, Tonight
  • 1996 - Thirty-Three
  • 1997 - The End Is The Beginning Is The End
  • 1998 - Ava Adore
  • 1998 - Perfect
  • 2000 - Stand Inside Your Love
  • 2000 - Try, Try, Try
  • 2000 - Untitled
  • 2007 - Tarantula
  • 2007 - That's the Way (My Love Is)
  • 2008 - G.L.O.W
  • 2010 - Freak
  • 2011 - Otawa
  • 2012 - The Celestials
  • 2012 - Panopticon
  • 2014 - Being Beige

EP[modifica | modifica wikitesto]

  • 1991 - Lull
  • 1992 - Peel Sessions
  • 1996 - 1979 Mixes
  • 1997 - The End Is the Beginning Is the End (The Remixes)
  • 1998 - Live at Cabaret Metro
  • 2008 - American Gothic
  • 2010 - Teargarden by Kaleidyscope Vol. 1: Songs for a Sailor
  • 2010 - Teargarden by Kaleidyscope Vol. 2: The Solstice Bare

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

American Music Awards[modifica | modifica wikitesto]

  • Vinto
    • 1997 Favorite Alternative Artist
  • Nomination
    • 1997 Favorite Heavy Metal/Hard Rock Artist

Grammy Awards[modifica | modifica wikitesto]

  • Vinti
    • 1997 Best Hard Rock Performance: Bullet with Butterfly wings
    • 1998 Best Hard Rock Performance: The End Is The Beginning Is The End
  • Nomination
    • 1994 Best Alternative Music Performance: Siamese Dream
    • 1994 Best Hard Rock Performance: Cherub Rock
    • 1997 Album of the Year: Mellon Collie And The Infinite Sadness
    • 1997 Record of the Year: 1979
    • 1997 Best Rock Vocal Performance by a Duo or Group: 1979
    • 1997 Best Pop Instrumental Performance: Mellon Collie And The Infinite Sadness
    • 1997 Best Music Video, Short Form: Tonight, Tonight
    • 1999 Best Alternative Music Performance: Adore

Juno Awards[modifica | modifica wikitesto]

  • Nomination
    • 1997 Best Selling Album: Mellon Collie and the Infinite Sadness

MTV Video Music Award[modifica | modifica wikitesto]

  • Vinti
    • 1996 Video of the year: Tonight, Tonight
    • 1996 Best Alternative Video: 1979
    • 1996 Best Direction in a Video: Tonight, Tonight
    • 1996 Best Special Effects in a Video: Tonight, Tonight
    • 1996 Best Art Direction in a Video: Tonight, Tonight
    • 1996 Best Cinematographic in a Video: Tonight, Tonight
  • Nomination
    • 1994 Best Alternative Video: Disarm
    • 1994 Best Editing in a Video: Disarm
    • 1996 Best Editing in a Video: Tonight, Tonight
    • 1996 Viewer Choise: Tonight, Tonight
    • 1997 Best Direction in a Video: The End Is the Beginning Is the End
    • 1997 Best Special Effects in a Video: The End Is the Beginning Is the End
    • 1997 Best Special Editing in a Video: The End Is the Beginning Is the End
    • 1997 Best Cinematography in a Video: The End Is the Beginning Is the End
    • 1999 Best Artist Website

MTV Europe Music Awards[modifica | modifica wikitesto]

  • Vinti
    • 1996 Best Rock Artist
  • Nomination
    • 1996 Best Group
    • 1998 Best Rock Artist

Apparizioni in serie televisive e videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

  • Gli Smashing Pumpkins sono anche stati citati in un episodio della serie tv tedesca Squadra Speciale Cobra 11 intitolato L'ultima corsa (titolo originale Crash, Stagione 3, 1997), in cui i protagonisti, fan degli Smashing Pumpkins, si fanno chiamare Corgan e Chamberlin. Per l'intera durata della puntata risuonano le note delle canzoni del gruppo.
  • La canzone " Cherub Rock" degli Smashing Pumpkins è stata inserita nei giochi "Guitar Hero 3" e "Rock Band" per PlayStation 2, PS3, Wii e Xbox 360, "1979" è presente come brano in una delle stazioni radio di Grand Theft Auto IV e come sigla finale con titoli di coda di Gran Turismo 5 mentre "Today", è stata inserita nei giochi "Guitar Hero World Tour" e "Rock Band 2". Per quest'ultimo, sono disponibili come contenuto scaricabile a pagamento anche "Zero" e "Siva"; il singolo "Tarantula", infine, è incluso come brano bonus nel gioco "Guitar Hero on Tour: Decades". Oltre alla canzone " Cherub Rock ", "Bullet with Butterfly Wings" è stata inserita nel gioco "Guitar Hero 5"
  • In un episodio della serie I Simpson intitolato Homerpalooza, durante l'esibizione degli Smashing Pumpkins che stanno cantando "Zero", Bart Simpson afferma: "Deprimere i teenager è più facile di sparare a dei pesci in un barile".
  • Nella graphic novel dell'autore canadese Bryan Lee 'O Malley "Scott Pilgrim", l'omonimo protagonista compare spesso con indosso una maglietta raffigurante il logo degli Smashing Pumpkins, giocando con le identiche iniziali tra il suo nome e quello della band.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (EN) The Smashing Pumpkins in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 22 novembre 2014.
  2. ^ http://www.rollingstone.com/music/artists/smashing-pumpkins/biography.
  3. ^ http://www.scaruffi.com/vol5/smashing.html.
  4. ^ Smashing Pumpkins - biografia, recensioni, discografia, foto :: OndaRock
  5. ^ http://www.ondarock.it/pietremiliari/smashingpumpkins_mellon.htm.
  6. ^ The Smashing Pumpkins op MySpace Music – Gratis gestreamde MP3’s, foto’s en Videoclips
  7. ^ Smashing Pumpkins
  8. ^ Gli Smashing Pumpkins cercano il nuovo batterista | MelodicaMente
  9. ^ Smashing Pumpkins: “Teargarden by Kaleidyscope” sarà il nuovo album. | MelodicaMente
  10. ^ Billy Corgan Discusses Smashing Pumpkins' Breakup, New Album - Exclusive Video - Spinner
  11. ^ Creation/SP Album/B-Sides Update, Smashingpumpkinsnexus.com, 11 settembre 2014. URL consultato il 22 novembre 2014.
  12. ^ (EN) Gish - Smashing Pumpkins, Allmusic.com
  13. ^ Siamese Dream - Smashing Pumpkins, Allmusic.com
  14. ^ (EN) Smashing Pumpkins - biography, Rolling Stone
  15. ^ (EN) Smashing Pumpkins, About.com

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock