Ammiano Marcellino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Queste vicende, da ex militare e da greco, ho esposto secondo la misura delle mie forze, a partire dal principiato dell'imperatore Nerva, fino alla morte di Valente; mai - credo - scientemente ho osato corrompere con silenzi o menzogne la mia opera, che fa professione di verità. Il resto lo scriva chi di me è più bravo, nel fiore dell'età e della cultura. »
(Ammiano Marcellino, Rerum gestarum libri, XXXI, 16, 9)
Frontespizio di un'edizione del 1533 delle Storie di Marcellino

Ammiano Marcellino (in latino: Ammianus Marcellinus; Antiochia di Siria, 330 - 332 circa – Roma, post 397 - 400) è stato uno storico romano di età tardo-imperiale. Sebbene nato in Siria nel seno di una famiglia ellenofona scrisse la sua opera interamente in latino. È il maggiore degli storici romani del IV secolo la cui opera sia stata preservata, seppure in parte. I suoi Rerum gestarum libri XXXI, o semplicemente Res gestae, descrivono gli anni che vanno dal 96 al 378, continuando l'opera del grande storico Cornelio Tacito.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nascita[modifica | modifica sorgente]

Non si conosce né la sua data di nascita né quella di morte con precisione. Il suo luogo di nascita fu quasi certamente la città di Antiochia, in Siria,[1] anche se alcuni storici, fra cui Charles W. Fornara, hanno recentemente avanzato dei dubbi a tale proposito. Tali dubbi si fondano sulla supposizione che le sue origini siano menzionate solo in una lettera inviatagli nel 392 dal suo concittadino Libanio che, secondo gli storici citati, non era probabilmente diretta ad Ammiano Marcellino bensì ad altro destinatario non ben identificato (anch'egli di nome Marcellino e originario di Antiochia). La missiva in questione, che si è sempre ritenuto indirizzata ad Ammiano,[2] non è tuttavia l'unica prova del suo luogo di origine, come hanno messo in evidenza John Matthews e Guy Sabbah nel rispondere alle critiche cui si è fatto accenno.[3]

Carriera militare[modifica | modifica sorgente]

Obelisco di Teodosio: alti ufficiali con un torque che riporta un emblema a forma di cuore. Nella Notitia dignitatum degli emblemi simili sono riportati sugli scudi dei protectores domestici, di cui Ammiano Marcellino era membro.

«Militare e greco», si autodefinì Ammiano nelle sue Storie[4], ma allo stesso tempo si sentì sempre e profondamente romano, convinto come pochi altri della missione civilizzatrice di Roma e del suo impero. Scrive di lui uno storico francese: «...Si forgiò un'anima tutta romana, costituendosi, in qualche modo, difensore di una civiltà che appariva tanto più preziosa quanto più si trovava minacciata...».[5] La sua iscrizione fra l'élite dei protectores domestici mostra che era nobile di nascita. Entrò nell'esercito in giovane età, sotto l'imperatore Costanzo II, e venne distaccato alle dirette dipendenze di Ursicino, governatore di Nisibis nella Mesopotamia romana e magister militum.

Fu inviato in Italia con Ursicino quando questi fu richiamato da Costanzo e lo accompagnò nella spedizione contro Claudio Silvano, che era stato spinto, per una ingiusta accusa dei suoi nemici, a proclamarsi imperatore in Gallia. Con Ursicino si recò per due volte nell'Oriente romano ed a malapena riuscì a fuggire, salvando la vita da Amida (la moderna Diyarbakir in Turchia) allorché fu espugnata dal re persiano Sapore II. Quando Ursicino perse, a seguito della caduta della città, il proprio incarico ed il favore di Costanzo, sembra che Ammiano ne abbia condiviso la caduta abbandonando l'esercito. Con l'ascesa al potere di Giuliano, che egli stesso aveva precedentemente conosciuto in Gallia nelle campagne contro gli Alamanni e che era succeduto a Costanzo come imperatore, riacquistò tuttavia i propri gradi e posizione. Prese parte al seguito di Giuliano, per il quale espresse profonda ammirazione, alla tentata conquista della Persia sasanide e, dopo la morte dell'imperatore, fu coinvolto nella ritirata di Gioviano fino ad Antiochia.

Gli anni romani[modifica | modifica sorgente]

Lasciato definitivamente il servizio attivo nell'esercito risedette in questa e in altre città dell'Oriente romano (fra cui, per un breve periodo, anche ad Atene), fino a quando, attorno al 380, si trasferì a Roma. Quivi trascorse il resto della sua esistenza, occupandosi della redazione del proprio capolavoro (Res Gestae) e della diffusione dei suoi contenuti mediante letture pubbliche, il cui successo provocò l'ammirazione di Libanio che, nella già citata epistola del 392, inviata da Antiochia, ebbe parole di elogio per lo storico. Non si conosce con certezza né il luogo né l'anno della morte di Ammiano. Secondo alcune fonti Ammiano sarebbe stato ancora in vita nel 397, anno in cui, verosimilmente, terminò di scrivere le Res Gestae,[6], secondo altre, non sarebbe probabilmente deceduto prima del 400.[7]

Opera letteraria[modifica | modifica sorgente]

I libri della sua storia giunti fino a noi riguardano gli anni 353 - 378 e costituiscono la fonte più affidabile ed importante del periodo in essa esaminato.

Tale opera, nota sia con il titolo latino di Res Gestae (da non confondere tuttavia con le Res Gestae Divi Augusti) sia con quello di Storie, fu scritta dopo il trasferimento dello storico a Roma agli inizi degli anni ottanta del IV secolo e divulgata tramite letture pubbliche, come già si è accennato, nel decennio successivo. In essa venivano prese in esame le vicende dell'impero romano dall'ascesa di Nerva (96) alla morte di Valente nella Battaglia di Adrianopoli (378). Tale Storia, nelle intenzioni dell'autore, doveva costituire la continuazione del lavoro portato a termine circa tre secoli prima da Tacito. Le Rerum Gestarum Libri XXXI si articolavano originalmente, come appare evidente dal titolo, in trentuno libri, ma i primi tredici sono andati perduti. I rimanenti diciotto libri riguardano il periodo compreso dal 353 al 378. Nell'insieme è stata ed è tuttora considerata un'opera di eccezionale valore storico e documentario e un resoconto libero, completo ed imparziale degli eventi, scritti da un protagonista dotato di onestà intellettuale, preparazione militare, giudizio indipendente e ampie letture. Gli studi recenti hanno anche messo in luce la forza retorica della sua narrazione.

Le Storie di Ammiano, dato il periodo preso in esame, possono essere anche viste come un lungo prologo alla narrazione della guerra contro i Goti, culminata, nel 378, con la disastrosa sconfitta militare di Adrianopoli subita dall'imperatore Valente, rimasto ucciso nel corso della battaglia, che causò una profonda impressione nell'autore e in tutto il mondo romano. Pochi decenni più tardi, dopo un'effimera ripresa prodottasi durante il regno di Teodosio I (379-395) e l'età di Stilicone (395-408), in Occidente sarebbe iniziato un processo di smembramento irreversibile che avrebbe portato alla piena indipendenza i vari stati indipendenti romano-germanici che si erano andati costituendo al suo interno e che saranno all'origine dell'Europa moderna, mentre in Oriente si sarebbe col tempo sviluppato un impero romano-greco o bizantino. Ammiano ci descrive una romanità ancora vigorosa e unitaria in cui egli stesso continuava a riporre le proprie speranze ma in cui si intravvedevano già i segni del futuro disfacimento: l'eccessiva pressione fiscale, la decadenza economica e finanziaria delle classi medie e, soprattutto, il declino progressivo dello spirito militare e patriotico di un esercito costituito in gran parte da barbari.

Critica moderna[modifica | modifica sorgente]

Lo storico del XVIII secolo, Edward Gibbon, ha così giudicato Ammiano:

(EN)
« an accurate and faithful guide, who composed the history of his own times without indulging the prejudices and passions which usually affect the mind of a contemporary »
(IT)
« una guida esatta e degna di fede, che ha composto la storia del suo tempo senza indulgere nei pregiudizi e nelle passioni che affliggono solitamente la mente di un contemporaneo »
(Edward Gibbon, The History of the Decline and Fall of the Roman Empire[8])

Benché Ammiano fosse un pagano, egli, nella sua opera, scrive del Cristianesimo senza alcuna animosità. Particolarmente importante è la testimonianza che ci fornisce della persecuzione dei cattolici da parte dell'imperatore Costanzo, cristiano ma di confessione ariana, sia per i fatti narrati sia per il ruolo di assoluto rilievo ricoperto dal vescovo di Roma (all'epoca della persecuzione, papa Liberio). Il Papa veniva fin da allora percepito dallo storico e dai suoi contemporanei come la massima autorità ecclesiastica, sia nell'Occidente che nell'Oriente romano.

Lo stile di Ammiano, molto elaborato, spesso ricercato, e non sempre di agevole interpretazione, presenta tuttavia, come si è già accennato, un notevole vigore retorico e una grande espressività. Dobbiamo a tale proposito ricordare che la sua opera era stata progettata per una pubblica lettura e che questa richiedeva spesso l'uso dei necessari abbellimenti retorici, anche a scapito, talvolta, della linearità narrativa. Alcune costruzioni e locuzioni utilizzate da Ammiano tradiscono inoltre lingua e formazione elleniche.

Ammiano, benché militare di carriera, è riuscito ad analizzare con notevole spirito critico i problemi sociali ed economici che travagliavano il mondo romano del tempo. Il suo approccio verso le popolazioni non-Romane dell'impero è stato generalmente contraddistinto da una maggiore tolleranza e flessibilità di quello di altri storici che lo avevano preceduto. Di grande interesse risultano le sue digressioni sui vari paesi visitati sia come militare, sia come privato cittadino, dopo aver lasciato, all'età di circa quarant'anni, il servizio attivo nell'esercito.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ «His birthplace was almost certinly the syrian city of Antioch...» cit. da David Rohrbacher, The Historians of Late Antiquity, Londra-New York, Routledge, 2002, p. 14
  2. ^ «...the identity of Libanius corrispondent as Ammianus Marcellinus is inescapable...» (...l'identità del corrispondente di Libanio nella persona di Ammiano Marcellino è inquestionabile...). Cit. da John Matthews, The Roman Empire of Ammianus, Londra, Gerald Duckworth & Co., 1989, p. 8, ISBN 0-7156-2246-3
  3. ^ David Rohorbacher, op. cit., pp. 15 e 16
  4. ^ Ammiano Marcellino, Rerum gestarum libri, XXXI, 16, 9
  5. ^ «Ce Grec d'Antioche...se fit une âme toute romaine, et se constitua, en quelque sorte, le défenseur d'une civilisation qui apparaissait d'autant plus précieuse qu'elle se trouvait davantage menacée...» Cit. da Pierre-Marie Camus, op.cit., pp. 8-9
  6. ^ Pierre-Marie Camus, Ammien Marcellin, Parigi, Les Belles Lettres, 1967, p. 18; Ronald Syme, Ammianus and the Historia Augusta, Oxford at The Clarendon, Oxford University Press, 1968, p. B (introduzione)
  7. ^ Per l'Enciclopedia Treccani l'ultima parte della Res gestae fu scritta con ogni probabilità fra il 397 e il 400. Cfr. l'Enciclopedia Italiana di scienze, lettere ed arti, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, Ed. 1949 (ristampa integrale fotolitica dei 35 volumi pubblicati fra il 1929 e il 1936), Vol. II, p. 989
  8. ^ Edward Gibbon, The History of the Decline and Fall of the Roman Empire, Cap. XXVI, p. 55

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Jean Bayet, Littérature latine, Paris, Colin, 1965, p. 458 e seg.
  • Pierre-Marie Camus, Ammien Marcellin, Parigi, Les Belles Lettres, 1967
  • John Matthews, The Roman Empire of Ammianus, Londra, Gerald Duckworth & Co., 1989, ISBN 0-7156-2246-3
  • David Rohrbacher, The Historians of Late Antiquity, Londra-New York, Routledge, 2002
  • Guy Sabbah, La Méthode d'Ammien Marcellin, Parigi, Les Belles Lettres, 1978
  • Robin Seager, Ammianus Marcellinus. Seven studies in his language and thought, St Louis, Univ of Missouri Pr, 1986, ISBN 0-8262-0495-3
  • Ronald Syme, Ammianus and the Historia Augusta, Oxford at The Clarendon, Oxford University Press, 1968

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 39372888 LCCN: n80065875