Sicone I di Benevento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Solido
Sico solidus 1.svg
SICO PRINCES Busto di Sicone, con barba, di fronte, in testa corona con croce; nella destra globo crucigero. ARCHANGELVS MICHAEL. L'arcangelo Michele, alato, stante di fronte; nella destra pastorale, nella sinistra globo crucigero. In esergo CONO (invece di CONOB).
solido di elettro (circa 3,85 g).

Sicone I (... – 832) è stato un principe longobardo, principe di Benevento dal 817 all'832.

Ottenne il potere dopo che, con l'aiuto del conte di Conza Radelchi (poi ritiratosi a Montecassino) ordì una congiura che portò all'omicidio di Grimoaldo IV.

Grazie all'amicizia con Guido di Spoleto ed i conti di Conza ed un'attenta politica matrimoniale, riuscì ad assicurarsi la permanenza sul trono ed iniziò la turbolenta gestione del potere: fu, infatti, un uomo estremamente crudele. Vanno ricordate, infatti, le numerose campagne guerresche che condusse durante tutto l'arco del suo principato, in particolar modo nel casertano e contro Napoli: proprio durante l'ultimo attacco alla città partenopea, nell'831, riuscì ad impossessarsi delle reliquie di San Gennaro e a portarle a Benevento.

Principato di benevento, emissione aura di sicone, zecca di benevento, 817-832, 01.JPG Principato di benevento, emissione aura di sicone, zecca di benevento, 817-832, 02.JPG
 

Sicone muore nell'832 dopo aver eletto suo successore il primogenito Sicardo, che sarà ancora più spietato e dissoluto di lui.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Principe di Benevento Successore
Grimoaldo IV 817-832 Sicardo