Mauretania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima provincia romana o il transatlanico britannico, vedi Mauretania (provincia romana) o RMS Mauretania.
Mappa dell'impero: la Mauretania è divisa tra la provincia della Mauretania Tingitana e quella della Mauretania Cesariense

La Mauretania (da non confondersi con l'attuale stato di Mauritania) era il nome di una regione del Nordafrica, che fu un regno e quindi una provincia romana, divisa tra Mauretania Tingitana e Mauretania Cesariense.

La regione si estendeva dalla zona occidentale dell'attuale Algeria fino all'odierno Marocco e alla parte settentrionale della Mauritania. In questa regione era in origine insediato un regno berbero, che prendeva il nome dalla tribù dei Mauri nonché più in generale quello dei Mauro (da cui il nome successivo di Mori in Nordafrica e nella Spagna musulmana) che si trasformerà nel cognome Mauroceno, Mauro, Mauri e derivati.

Il regno di Mauretania[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Regno di Mauretania.

Durante la guerra giugurtina, il re di Mauretania, Bocco I, tradì l'alleato Giugurta e si schierò dalla parte dei Romani. Venne riconosciuto quindi come alleato e amico del popolo romano, ottenendo una parte dello sconfitto regno di Numidia. Il regno venne quindi suddiviso tra i suoi figli: Bocco II ottenne la parte orientale e il fratello Bogud quella occidentale. Durante la guerra civile tra Cesare e Pompeo si schierarono dalla parte di Cesare e dopo la sua vittoria ottennero una parte della Numidia occidentale.

Durante la guerra civile tra Ottaviano e Marco Antonio Bocco si schierò per il primo e Bogud per il secondo: quest'ultimo venne tuttavia cacciato dal suo regno da una ribellione di Tingis (odierna Tangeri) e il suo regno venne incorporato in quello del fratello. Alla sua morte nel 33 a.C. questi infine lasciò il suo regno in eredità a Roma e Ottaviano vi stabilì numerose colonie. Nel 25 a.C. il regno venne attribuito a Giuba II della stirpe reale numida, che ne trasformò la capitale, mutandone il nome in Cesarea (Cherchell). Le colonie fondate da Ottaviano rimasero tuttavia autonome dal regno e furono probabilmente sotto la giurisdizione del governatore della Betica.

La provincia romana[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Mauretania (provincia romana).

Con la morte, a quanto si sa, senza eredi maschi, del figlio di Giuba II, Tolomeo, nel 40 la Mauretania passò sotto il controllo diretto di Roma.

Fonti e riferimenti bibliografici[modifica | modifica sorgente]

  • (DE) Westermann, Großer Atlas zur Weltgeschichte

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]