Maomettano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il termine maomettano è stato a lungo usato in passato - anche se in modo abbastanza improprio - come sinonimo di musulmano.

L'uso improprio dell'espressione dipende dal semplice fatto che, al contrario del Cristianesimo, che in Cristo vede Dio "fattosi uomo" per portare agli uomini la salvezza eterna, la religione islamica non viene considerata dai suoi fedeli come fondata dall'uomo Maometto, visto che egli ne sarebbe stato solo il Profeta ultimo, incaricato esclusivamente di ripetere agli uomini quanto Dio gli rivelava per il tramite dell'angelo Gabriele.

La cosa è dimostrata dal fatto che, a partire dal XX secolo, l'uso della parola "maomettano", tanto come sostantivo, quanto come aggettivo, è caduto pressoché in disuso, sostituito dal più preciso sostantivo/aggettivo "musulmano", anche in ossequio a una banale forma di rispetto culturale e scientifico.[1]

Il fatto che Maometto sia stato, per unanime convinzione dei musulmani, il miglior interprete del volere divino, punto di riferimento dunque per ogni devoto, che mirerà ad imitarne fedelmente il comportamento, tramandato dalla sua Sunna, contenuta in un vasto numero di hadith, non legittima l'uso del termine maomettano. D'altronde, malgrado Maometto abbia effettivamente delineato i confini della prima organizzazione spirituale e politica islamica (la Umma), nessuna società islamica ne ha imitato le strutture per molti versi troppo elementari, che si sono dunque forgiate grazie al contributo delle numerose generazioni di musulmani dei 14 secoli seguenti. Metodologicamente e sotto il profilo storico, il sostenere che l'Islam sia un sistema sociale, politico, economico e culturale, direttamente costruito, così com'è oggi, da Maometto, non trova quindi alcuna conferma storica e contenutistica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The American Heritage Dictionary, Fourth Edition (2000) annota il termine come offensive.[1][2] L'Oxford English Dictionary (OED) riporta: "its use is now widely seen as depreciatory or offensive", e English Today no. 39 (1992) infine conferma: "The term Mohammedan [...] is considered offensive or pejorative to most Muslims since it makes human beings central in their religion, a position which only Allah may occupy".

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Islam Portale Islam: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Islam