Merloni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Merloni
Stato Italia Italia
Fondazione 1930 a Fabriano
Fondata da Aristide Merloni
Prodotti Elettrodomestici
Sito web www.antoniomerloni.it

Merloni è stato un gruppo industriale italiano a conduzione familiare, attivo nei settori elettrodomestico e termoidraulico.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondata nel 1930 a Fabriano (AN) da Aristide Merloni come Industrie Merloni, l'azienda di famiglia si dedica inizialmente alla produzione di bilance, per arrivare agli inizi degli anni cinquanta ad avere una quota di mercato del 40% nel comparto. Pochi anni dopo è avviata la produzione di bombole per il gas liquido e di scaldabagno. Vengono messi in commercio fornelli a gas da applicare alle bombole.

Progressivamente entra nella produzione di elettrodomestici, e nel 1960 crea il marchio Ariston, per contraddistinguersi da tutti i prodotti dell'azienda, visto che l'attività principale è di terzista per altri marchi.

Nel 1975, pochi anni dopo la morte del fondatore Aristide (1970), la Merloni viene riorganizzata dai tre figli (Vittorio, Francesco e Antonio) in tre aziende autonome:

  • Merloni Elettrodomestici S.p.A., la divisione elettrodomestici, poi rinominata Indesit Company, il cui presidente è stato Andrea Merloni; Vittorio Merloni è ora presidente onorario;
  • Merloni Termosanitari S.p.A., la divisione termoidraulica, poi rinominata Ariston Thermo Group, guidata da Francesco Merloni e dal figlio Paolo in qualità di amministratore delegato;
  • Antonio Merloni S.p.A., la divisione meccanica, con a capo Antonio Merloni.

Merloni Elettrodomestici (oggi Indesit Company)[modifica | modifica wikitesto]

Nata nel 1975, la Società diviene rapidamente la più grossa azienda nazionale del settore e acquisisce varie società e marchi come Indesit, Scholtès, Stinol e Hotpoint.

Nel 2005 la Merloni Elettrodomestici prende il nome di Indesit Company, che riunisce ancora oggi i tre marchi principali del Gruppo: Indesit, Hotpoint-Ariston e Scholtès. L'azienda è specializzata nella produzione e commercializzazione di lavabiancheria, asciugabiancheria, lavasciuga, lavastoviglie, frigoriferi, congelatori, forni e piani cottura.

Indesit Company è oggi leader in molti paesi europei, tra cui l'Italia, il Regno Unito e la Russia, ed è il secondo produttore in Europa per quota di mercato, ha 16.000 dipendenti, 16 stabilimenti (Italia, Polonia, Regno Unito, Russia e Turchia) e 24 sedi commerciali nel mondo.

La famiglia di Vittorio Merloni l'11 luglio 2014 decide di concludere la sua avventura industriale in questo settore e vende il pacchetto di controllo della Indesit Company al gruppo americano Whirlpool.

Merloni Termosanitari (oggi Ariston Thermo Group)[modifica | modifica wikitesto]

Fondata nel 1975, la Merloni Termosanitari prosegue la produzione di apparecchi per il riscaldamento dell'acqua e dell'ambiente, avviata nel 1957 dalle Industrie Merloni.

Ben presto assume una rilevanza di livello internazionale e diventa Merloni Termosanitari Group S.p.A., cioè MTS Group.

Successivamente, MTS Group acquisisce le industrie Rheem Radi, noto marchio italiano di scaldabagni elettrici, nel 1988, rileva la New Far S.r.l ed entra con il marchio Simat nel mercato del riscaldamento dell'ambiente.

Nel 1991 acquisisce SITAM S.p.A., specialista di bollitori e scaldabagni, mentre dieci anni dopo, rileva la Chaffoteaux & Maury, azienda francese produttrice di caldaie murali e di sistemi di riscaldamento per professionisti.

Nel 2009 l'azienda cambia denominazione in Ariston Thermo Group S.p.A.. Produce principalmente caldaie, climatizzatori, scaldabagni, etc. con i marchi Ariston, Elco e Chaffotteaux.

Nel 2012, il gruppo conta 6.800 dipendenti in 19 stabilimenti sparsi in 10 paesi, 42 uffici e 6 uffici di rappresentanza in 29 paesi, ha prodotto 6,9 milioni di pezzi e realizza un fatturato di 1,32 miliardi di euro[1]

Antonio Merloni[modifica | modifica wikitesto]

Nata con la denominazione ARDO nel 1968, l'azienda inizia con la produzione di bombole per GPL, della quale diviene leader mondiale nel 1976. Nel 1989 assume la denominazione Antonio Merloni S.r.l., poi divenuta Antonio Merloni S.p.A. l'anno dopo.

Successivamente il gruppo si specializza nella produzione di frigoriferi, congelatori, lavastoviglie, lavatrici e asciugatrici, per conto terzi e con il marchio Ardo.

Nel 1995 acquisisce la società Tecnogas S.p.a., azienda italiana produttrice di forni e cucine.

Nel 2000 acquisisce l'azienda svedese Asko, produttrice di elettrodomestici, e leader nella distribuzione del settore in Nord Europa.

L'azienda conta circa 5.000 dipendenti sparsi nei 10 impianti produttivi, 7 in Italia (Fabriano (Maragone e Santa Maria), Costacciaro, Gualtieri, Matelica, Nocera Umbra (Gaifana), Sassoferrato) e 3 all'estero (Finlandia, Svezia e Ucraina), 19 filiali in Europa, e 2 negli Stati Uniti e Australia, e nel 2007 realizza un fatturato di 847 milioni di euro[2].

Nel 2008, il gruppo Antonio Merloni viene travolto dalla crisi, che porta alla chiusura di due stabilimenti, e al procedimento di amministrazione straordinaria, perché dichiarato insolvente in base alla Legge Marzano, avendo debiti per 543,3 milioni di euro[2].

Nel marzo 2010, è stato firmato un accordo per il salvataggio e la reindustrializzazione dell'Antonio Merloni, che prevede interventi finanziari da parte del Governo nazionale e da quelli delle regioni Marche, Umbria ed Emilia-Romagna[3]. Nello stesso periodo si sarebbe fatta avanti per l'acquisizione dell'impresa, la China Machi Holdings Group, holding finanziaria cinese.

Nel settembre del 2011 viene approvata la vendita dell'intero perimetro industriale all'imprenditore Giovanni Porcarelli, titolare della QS Group di Cerreto d'Esi, che riassumerà 700 dei circa 2300 dipendenti. La nuova società riprenderà alcune delle attività all'inizio del 2012. Tra le principali ci sarà lo stampaggio di materie plastiche e metalliche nonché la produzione di elettrodomestici di nicchia o professionali.

Altre attività e società[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia Merloni è presente in altre attività :

  • Fineldo: holding finanziaria che controlla tutte le società facente capo a Vittorio Merloni, tra cui Indesit Company e Panini.
  • Fondazione Aristide Merloni: fondata nel 1963 per volere di Aristide e della Famiglia Merloni, con lo scopo di sostenere, anche finanziariamente, la nascita e lo sviluppo delle piccole imprese nel territorio interno delle Marche.
  • Merloni Progetti: società di engineering e general contracting fondata nel 1973 da Vittorio Merloni, che ha progettato diversi stabilimenti industriali, molti dei quali all'estero. La società ha sede a Milano, ha due filiali all'estero (Cina e Russia), ed è presieduta dal figlio del suo fondatore, Aristide Merloni.
  • MPE Energia: società del settore energetico, per la distribuzione dell'energia elettrica attiva dal 1991, controllata dalla Fineldo. Nel 2009 la società è stata ceduta al colosso energetico tedesco E.ON[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Ariston Thermo Group - il Gruppo in cifre
  2. ^ a b da un documento del sito ec.europa.eu
  3. ^ "Gruppo Antonio Merloni Firmato l'accordo, articolo de La Nazione (Umbria) del 19 marzo 2010
  4. ^ "E.on sigla accordo con Merloni: rilevato il 100% di Mpe Energia", notizia del 9 dicembre 2009 dal sito E-gazette.it

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende