Latina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Latino.
Latina
comune
Latina – Stemma Latina – Bandiera
Latina – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Lazio Coat of Arms.svg Lazio
Provincia Provincia di Latina-Stemma.png Latina
Sindaco Giovanni Di Giorgi (Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale) dal 16/05/2011
Territorio
Coordinate 41°28′03.35″N 12°54′13.32″E / 41.467597°N 12.9037°E41.467597; 12.9037 (Latina)Coordinate: 41°28′03.35″N 12°54′13.32″E / 41.467597°N 12.9037°E41.467597; 12.9037 (Latina)
Altitudine 21 m s.l.m.
Superficie 277,78 km²
Abitanti 119 804[1] (09-05-2013)
Densità 431,29 ab./km²
Frazioni Elenco
Comuni confinanti Aprilia, Cisterna di Latina, Nettuno (RM), Pontinia, Sabaudia, Sermoneta, Sezze
Altre informazioni
Cod. postale 04100, 04013, 04010
Prefisso 0773
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 059011
Cod. catastale E472
Targa LT
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Cl. climatica zona C, 1 220 GG[2]
Nome abitanti latinensi
Patrono san Marco evangelista, santa Maria Goretti
Giorno festivo 25 aprile, 6 luglio
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Latina
Posizione del comune di Latina nell'omonima provincia
Posizione del comune di Latina nell'omonima provincia
Sito istituzionale

Latina è un comune italiano di 119.804 abitanti[1], capoluogo dell'omonima provincia nel Lazio.

È una delle più giovani città d'Italia: fu fondata il 30 giugno 1932 con il nome di Littoria ed assunse la denominazione attuale nel 1946. È la seconda città del Lazio per numero di abitanti[1], preceduta solo dalla Capitale.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Latina sorge nel cuore dell'Agro Pontino, in un territorio in larga parte pianeggiante. Il centro della città si trova a pochi chilometri (circa 3/4 km.) dal mar Tirreno percorrendo via del Lido sino a Latina-Lido, la zona mare della città, con il suo lungomare e le spiagge di Capoportiere, Foce Verde e Rio Martino, raggiungibili anche tramite una moderna pista ciclabile, e a circa 15/20 km. dai rilievi montuosi dei monti Lepini.

Il suo territorio comunale, fra i più vasti del Lazio, comprende anche numerosi "borghi di fondazione", centri agricoli creati durante la bonifica delle paludi, che anticamente lo ricoprivano (Borgo Isonzo; Borgo San Michele; Borgo Faiti; Borgo Grappa; Borgo Carso; Borgo Podgora; Borgo Bainsizza; Borgo Santa Maria; Borgo Le Ferriere; Borgo Piave; Borgo Montello).

Una parte del suo territorio fa parte delle aree tutelate del Parco Nazionale del Circeo, dove si trova anche il lago di Fogliano, di cui costituisce l'estremo lembo settentrionale.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione meteorologica di Latina Aeroporto e Stazione meteorologica di Latina Centro.

Il clima della città presenta le caratteristiche proprie delle città del medio Tirreno: ma è significativamente influenzato dalla posizione geografica che crea un particolare microclima: la città è aperta verso il vicinissimo mare Tirreno a sud e protetta dal vicino Appennino a nord e ad est. Il clima risulta dunque relativamente mite (o episodicamente fresco) d'inverno e temperato d'estate (o episodicamente caldo), presenta dunque qualche punta continentale, sia nel periodo estivo che in quello invernale. In effetti si rilevano spesso nel periodo tra luglio ed agosto intense e lunghe ondate di calore: La temperatura più alta, registrata nell'agosto 2007 presso la Stazione meteorologica di Latina Aeroporto, è comunque superiore di poco ai 40 °C. Non mancano di contro episodi di freddo relativamente intenso: la temperatura più rigida mai rilevata di cui si hanno fonti certe, è stata registrata dalla stazione meteorologica dell'aeroporto di Latina Scalo nel gennaio del 1985, ed è stata di -9,2°C. Anche di recente sono state rilevate temperature statisticamente degne di nota: il 17 dicembre 2010, si è registrata una temperatura minima di -7 °C. Nel periodo invernale possono alternarsi fasi climatiche contrastanti: con l'alternarsi di perturbazioni anticicloniche umide e temperate e temperature miti (a causa della vicinanza del mare e all'esposizione pressoché totale ai venti occidentali e meridionali), a fasi di freddo anche relativamente intenso, con cieli tersi e gelate mattutine relativamente frequenti tra gennaio e febbraio. Anche quando si registrano valori negativi di temperatura nelle ore notturne e mattutine, generalmente le temperature diurne sono quasi sempre gradevoli o fresche durante tutto l'inverno. Solo di rado le temperature diurne tra dicembre e febbraio scendono al di sotto dei 5 °C. Le precipitazioni sono generalmente abbondanti con una media annuale di 950–1000 mm. La città di Latina viene raramente interessata da precipitazioni nevose, principalmente grazie alla protezione offerta dall'Appennino Abruzzese e dall'immediato ridosso rispetto ai monti Lepini, questi rilievi ostacolano significativamente l'accesso alle perturbazioni provenienti da Nord-Est. Dalla fondazione nella città sono state registrate solo sei nevicate con accumulo significativo al suolo: nel 1956, nel 1972, nel 1985, nel 1986, nel 2010 e nel 2011. L'autunno e la primavera sono caratterizzate da clima gradevolmente mite e con precipitazioni frequenti, discreta può essere anche l'escursione termica tra giorno e notte in modo particolare nei mesi di ottobre e marzo

Storia[modifica | modifica sorgente]

Prima della fondazione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Agro pontino.

Prima della bonifica dell'Agro Pontino, il suo territorio era occupato da vaste e malsane paludi, luogo di riproduzione della famigerata zanzara anofele, che diffondeva la malaria nei pochi abitanti. Le prime popolazioni antiche che abitarono il territorio di Latina furono i Latini (popolo che dà il nome al Lazio, Latium, e alla stessa lingua dei romani), da cui deriva l'attuale nome della città, che vi fondarono Satricum, ai confini con l'attuale comune di Nettuno, e altre città della lega latina i cui resti oggi si trovano nella parte nord della provincia.

In seguito i Romani costruirono la Via Appia, su cui sorsero diversi centri tra cui Tripontium (odierna Tor Tre Ponti) e Forum Appii (odierna Borgo Faiti), citato negli Atti degli Apostoli

Successivamente con le invasioni barbariche e gli attacchi dei Saraceni, le opere di bonifica create dai Romani furono distrutte, e la palude tornò ad invadere anche quei territori che si era riusciti a strappare all'acqua.

Nei secoli successivi, da parte dei diversi Papi, si segnaleranno tentativi di bonifica, quasi tutti destinati al fallimento. In questi anni, Latina è un immenso latifondo della famiglia Caetani e tale resterà fino agli anni trenta.

La fondazione[modifica | modifica sorgente]

Piazza del Quadrato oggi
Inaugurazione della città, 1932.

Negli iniziali progetti di bonifica, il fascismo aveva previsto per l'Agro pontino uno sviluppo esclusivamente rurale, senza la nascita di nuovi centri urbani di notevoli dimensioni. Presto però il commissario governativo per la bonifica, Valentino Orsolini Cencelli, si rese conto che i preesistenti comuni di Cisterna e Terracina erano insufficienti a coprire le esigenze dei pionieri. Il progetto di un nuovo centro amministrativo puntò quindi sulla località del Cancello del Quadrato dove sorgevano già piccoli insediamenti. La prima pietra della nuova città, il cui progetto era curato secondo i canoni dell'architettura razionalista [senza fonte]da Oriolo Frezzotti, venne posta il 30 giugno del 1932, nel totale silenzio dei giornali italiani come aveva disposto lo stesso Mussolini, fortemente contrario al progetto.

La stampa estera, al contrario, esaltò la costruzione di Littoria dedicando ad essa ampi articoli. Mussolini cambiò idea e il 18 dicembre dello stesso anno, partecipò alla solenne cerimonia d'inaugurazione. La nascita della nuova città fece il giro del mondo.

Il territorio comunale fu creato ricavandolo in larga parte da quello dell'attuale Cisterna di Latina (all'epoca Cisterna di Roma, poi dal 1935 Cisterna di Littoria), ma anche dai comuni di Nettuno e Sezze. Fu eretta a capoluogo della neonata provincia nel 1934.

Stemma comunale di Littoria, 1932.

La propaganda fascista sfruttò l'opera della bonifica e la inserì all'interno della battaglia del grano, per combattere la crisi economica successiva all'autarchia. Mussolini si recava spesso nelle ex paludi e sono note le immagini propagandistiche di Mussolini che si mostra intento a lavorare il grano a torso nudo, insieme ai coloni.

Il comune di Littoria fu popolato con l'immigrazione massiccia di coloni soprattutto veneti, friulani ed emiliani, oggi denominati nell'insieme comunità venetopontine, ai quali furono consegnati i poderi edificati dall'Opera Nazionale Combattenti, similmente a quanto operato nei limitrofi comuni della pianura.

Gli anni del boom economico[modifica | modifica sorgente]

Fra il gennaio e il maggio del 1944, la città fu gravemente danneggiata dai bombardamenti della seconda guerra mondiale e il territorio circostante fu coinvolto prima nello Sbarco di Anzio e poi nella Battaglia di Cisterna, eventi importanti che portarono alla liberazione di Roma da parte degli alleati.

Nel 1946, dopo la caduta del fascismo, mutò il suo nome in Latina segnando esplicitamente così un distacco con la dittatura. Il nuovo toponimo fu deciso assumendo quello antico del territorio che la circonda ossia il Latium Novum.

Inserita, insieme alla provincia, nelle aree tutelate dalla Cassa del Mezzogiorno, conobbe negli anni sessanta e negli anni settanta una straordinaria crescita economica e demografica trasformandosi nel giro di pochi anni da centro rurale in una città industriale.

Negli anni cinquanta a Borgo Sabotino fu costruita una centrale nucleare all'avanguardia fortemente voluta da Enrico Mattei. La centrale fu chiusa dopo i referendum del 1987 e oggi è in via di smantellamento.

Nel dopoguerra, Latina diventò un feudo elettorale della Democrazia Cristiana in particolare della corrente andreottiana fino al 1993, quando spezzoni della stessa Democrazia Cristiana diedero luogo ad un'inedita amministrazione insieme ai partiti della sinistra: l'esito di tale iniziativa politica fu lo scioglimento del consiglio comunale, per cui il comune fu commissariato e tornò al voto nel novembre del medesimo 1993, quando vinse a sorpresa il candidato del Movimento Sociale Italiano, Ajmone Finestra, ex repubblichino condannato a morte dallo Stato Italiano per i crimini da lui commessi nel periodo 1943-45 e poi amnistiato[3].

Palazzo "M", caratteristico edificio di epoca fascista, chiaro omaggio a Mussolini

La crisi industriale[modifica | modifica sorgente]

A partire dagli anni novanta la città ha conosciuto insieme a tutto l'Agro pontino una profonda crisi economica, dovuta all'abolizione della Cassa del Mezzogiorno e alla conseguente chiusura di molte fabbriche.

Nelle statistiche ufficiali sulla qualità della vita, la città è precipitata, divenendo tra le peggiori dell'Italia centrale.

Contemporaneamente alla crisi, Latina ha conosciuto una sempre più impetuosa infiltrazione della criminalità organizzata e in particolare della camorra, fenomeno questo comune all'intero Lazio (la cosiddetta quinta mafia). Secondo le rivelazioni dei pentiti, le prime infiltrazioni risalgono ai primi anni Novanta, con i traffici illeciti intorno alla discarica di Borgo Montello (cui andrebbe collegato l'omicidio del parroco del borgo don Cesare Boschin) e successivamente avrebbe puntato sul settore dell'edilizia (con uno sviluppo impetuoso di nuove cementificazioni del territorio) del commercio, della ristorazione e dello sfruttamento della manodopera agricola, in particolare di quella di origine extracomunitaria. Le indagini della magistratura hanno evidenziato anche infiltrazioni nella politica locale.

Il rilancio dell'economia locale sta passando attraverso lo sviluppo dell'agricoltura specializzata, del terziario, del turismo. Sempre più diffuso il fenomeno del pendolarismo verso la Capitale, per cui molti restano residenti in città pur trovando lavoro a Roma.

Nel 2011 per la prima volta una personalità nata a Latina, Corrado Clini, viene nominata Ministro della Repubblica.

La fontana di Piazza del Popolo

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Latina è la maggiore delle città di fondazione dell'epoca fascista e conserva un centro storico unico nel nostro Paese.

Architetture civili[modifica | modifica sorgente]

Il centro si è sviluppato intorno alle due piazze: Piazza del Popolo (piazza del Littorio all'epoca della fondazione), sede del municipio con la caratteristica Torre Civica e la cosiddetta fontana della Palla al centro. Su un lato della piazza si sviluppa invece il porticato dell'Intendenza di finanza. L'altra piazza è piazza della Libertà (piazza XXIII Marzo all'epoca della fondazione) sede della Prefettura.

Piazza del Popolo è tagliata dal corso della Repubblica che lambisce piazza San Marco (Piazza Savoia alla fondazione), cuore della "movida" latinense su cui si affaccia la cattedrale di San Marco, realizzata sulla falsariga di una basilica romanica con il porticato e le vetrate artistiche. La scelta di dedicare la chiesa all'evangelista patrono di Venezia fu dovuta all'origine veneta dei primi abitanti della città. Sulla stessa piazza il Museo civico Duilio Cambellotti nell'edificio dell'Opera nazionale balilla.

Altro edificio caratteristico della città di fondazione è il palazzo delle Poste di Angiolo Mazzoni che progettò anche la Stazione ferroviaria. L'edificio delle Poste, situato in piazzale Bonificatori (Largo XXVIII Ottobre all'epoca della fondazione), è una delle opere più conosciute di Mazzoni che conciliava l'architettura razionalista con richiami all'avanguardia futurista.

Nel Palazzo della Cultura, in Viale Umberto I n. 1, si trova la Galleria civica d'arte moderna e contemporanea di Latina, originariamente istituita nel 1937 con il nome di Pinacoteca di Littoria (vecchio nome di Latina). La collezione, in parte dispersa nel periodo terminale della seconda guerra mondiale, è stata ricostituita ed ampliata e contiene dipinti di artisti dal XIX al XXI secolo.

Il palazzo delle Poste, edificio simbolo dell'architettura futurista

Aree naturali[modifica | modifica sorgente]

Il canale di bonifica Rio Martino, attraversa le campagne di Latina

Nel territorio comunale ricade l'estremo settentrionale del Parco nazionale del Circeo, in particolare l'intero Lago di Fogliano.

Di notevole importanza naturalistica il tumuleto della duna litoranea, una barriera sabbiosa naturale alta alcuni metri, parallela alla linea di costa e adiacente alla spiaggia che si estende fino al lungomare di Sabaudia; sulla stessa cresce una particolarissima vegetazione costituita da piante resistenti a condizioni climatiche estreme, quale elevata salinità e scarsità idrica.

Una delle piante più diffuse nel comune, come nell'intero Agro Pontino, è l'Eucalipto, pianta originaria dell'Oceania; la sua presenza è dovuta alla piantumazione operata a seguito della bonifica integrale di estese "fasce frangivento", ossia di filari di alberi ad alto fusto situati lungo i canali ed i fronti stradali aventi la funzione di inibire la formazione e la propagazione di forti venti radenti in un territorio all'epoca deforestato in modo sostanzialmente completo. Per queste piantumazioni l'ONC scelse di utilizzare unicamente l'eucalipto per la sua caratteristica elevata capacità di assorbimento d'acqua, pregio ritenuto importante per evitare negli attigui canali i ristagni primaverili/estivi e con essi la sopravvivenza della zanzara anofele, causa dell'endemia malarica.

Società[modifica | modifica sorgente]

Gonfalone civico

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[4]

È il secondo comune della regione per popolazione superato solo da Roma.

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica sorgente]

I giardini di Piazza del Popolo

I primi abitanti della città di Latina, similmente ai borghi del suo territorio comunale ed ai comuni limitrofi istituiti con la bonifica, furono immigrati italiani originari del Nord-Est dell'Italia, principalmente coloni dell'Opera Nazionale Combattenti ed artigiani, che diedero vita a quella che si chiama "comunità veneto-pontina", che oggi sopravvive solo nei borghi. Accanto ad essi inoltre la città di Latina vide presenti fin dal primo popolamento anche contributi da altre regioni d'Italia, soprattutto dal Lazio (principalmente da Roma e dall'adiacente area Lepina), dalle Marche e dall'Umbria, i cui emigrati furono addetti perlopiù all'artigianato, alla prima debole industria, al settore impiegatizio e a ruoli vari negli enti pubblici e della bonifica e della colonizzazione (consorzi di bonifica e ONC).

A partire dal dopoguerra, il crescente sviluppo industriale (dovuto anche, in seguito, ai finanziamenti erogati dalla Cassa del Mezzogiorno) ha attratto persone e famiglie da tutta Italia, in gran parte meridionale: dal resto della provincia (anche dal sud-pontino), dalla Ciociaria, da Roma, dalla Campania, dalla Sicilia (in particolare, è presente una piccola ma forte comunità pantesca); inoltre l'operatività fino agli anni sessanta e settanta di un grande centro di smistamento profughi nazionale ha portato la costituzione, in città, di consistenti presenze di profughi dalmati e giuliani, nonché di espulsi italiani dall'Algeria e dall'Egitto e in misura superiore dalla Libia.

Degna di nota sono inoltre la presenza, a partire dagli anni novanta di diverse comunità di immigrati: in particolare vi sono indiani, pakistani, nordafricani impiegati prevalentemente in piccole attività commerciali e come operai nelle industrie, rumeni, polacchi e moldavi (che formano la comunità più numerosa) i quali sono impiegati soprattutto nell'edilizia e nell'assistenza agli anziani e infine persone originarie dell'Africa subsahariana e dell'area del Golfo di Guinea, impiegate nel settore agricolo.

Il boulevard di Viale Italia, già Viale Principessa di Piemonte

Secondo i dati ISTAT[senza fonte] al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 8.847 persone.

Lingue e dialetti[modifica | modifica sorgente]

Sorta in tempi relativamente recenti in un territorio disabitato, Latina possiede una varietà piuttosto ampia di contributi alla parlata locale, che ha subito varie modificazioni nel corso dei decenni. Le originali parlate settentrionali (veneto, friulano e emiliano) dei primi abitanti del ceto contadino ed artigiano sono sostanzialmente scomparse nella città ma sopravvivono, anche se debolmente, nei borghi, o a livello familiare. Al contrario il romanesco, presente dalla fondazione nel solo capoluogo, e dovuto alla principale provenienza del ceto dirigenziale e impiegatizio della nuova città, ha avuto una prima espansione nel dopoguerra e una seconda, più forte, negli anni settanta, a seguito della quale è divenuto la parlata comune della città, a fianco della quale altre parlate sono presenti solo a livello familiare dovute alla diversificata provenienza dei singoli, che rispetto al territorio italiano è delle più varie. Da precisare che il romanesco di Latina è in genere leggermente diverso da quello attuale di Roma: presenta infatti, oltre a tratti più arcaici della pronuncia, un lessico in parte indipendente, con alcuni termini ricorrenti mutuati dalle parlate lepine e venetopontine; inoltre nella pratica comune raramente è praticato in forma stretta, e assai frequentemente è invece praticato in contaminazione all'italiano.

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Istruzione[modifica | modifica sorgente]

Università[modifica | modifica sorgente]

Dal 1991 Latina ospita la sede distaccata dell'Università La Sapienza di Roma con le Facoltà di Ingegneria (fino al 2004-2005: informatica, elettronica, delle telecomunicazioni; dopo l'A.A. 2004-05 questi corsi sono stati sostituiti, per le nuove matricole, da Ingegneria dell'Informazione che ha mantenuto un ordinamento simile; ambientale, meccanica, aerospaziale), Economia e Commercio e Medicina e Chirurgia (Biotecnologie fino al 2006).

Musei[modifica | modifica sorgente]

Media[modifica | modifica sorgente]

Radio[modifica | modifica sorgente]

  • Musica Radio
  • Radio Immagine
  • Radio Latina
  • Radio Luna
  • Radio Gamma Stereo
  • Radio Antenne Erreci

Stampa[modifica | modifica sorgente]

  • Redazione di Latina de Il Messaggero
  • Latina Oggi
  • La Provincia
  • Il Settimanale di Latina
  • La Voce Giornale
  • Lepini Magazine

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisioni[modifica | modifica sorgente]

Internet[modifica | modifica sorgente]

  • Latina Quotidiano
  • Latina24ore.it
  • Latinapress.it
  • Latina Notizie
  • Sportlatina.it
  • Latina Online
  • ParvapoliS
  • q4q5.it
  • Latina.OggiNotizie.it
  • Latinaperstrada.it
  • LatinaUno.it
  • LatinaInVetrina.it
  • tortreponti.com

Persone legate a Latina[modifica | modifica sorgente]

Geografia antropica[modifica | modifica sorgente]

Urbanistica[modifica | modifica sorgente]

La città fu progettata secondo i canoni dell'architettura razionalista all'epoca in voga. Il piano regolatore fu realizzato dall'architetto Oriolo Frezzotti, con l'approvazione di Marcello Piacentini e prevedeva una forma ottagonale con vie che si snodano intorno alle due piazze centrali della città: Piazza del Popolo e Piazza della Libertà.

Un'immagine di Latina dall'alto poco dopo la fondazione. È ben evidente la forma ottagonale voluta dagli architetti che la progettarono.

Il centro storico della città ha conservato in gran parte gli edifici, i monumenti e le piazze (alcuni a firma di Duilio Cambellotti e Angiolo Mazzoni) tipiche della fondazione.

Fontana di Piazza della Libertà

Tuttavia il forte sviluppo degli anni sessanta e settanta ha provocato una rapida e veloce espansione urbanistica che, secondo alcuni, ha snaturato l'impianto urbanistico iniziale. La città si è allargata in ogni direzione: verso l'Appia, lungo Via Epitaffio, verso Borgo Piave -un tempo in aperta campagna, oggi quasi completamente inglobato nella città- verso Borgo Isonzo e in direzione del mare. Negli ultimi anni la città si è sviluppata soprattutto nelle aree intorno alla statale Pontina, con la realizzazione dei due nuovi quartieri di Nuova Latina e Nascosa ("Q4" e "Q5"), carenti di servizi efficienti e di infrastrutture adeguate a servire la numerosa popolazione.

Nella fascia fra il Q4-Q5 e Via Piave, lungo Viale Pierluigi Nervi, si è andato sviluppando il centro direzionale della città, con la costruzione di uffici e centri commerciali. L'ultimo a sorgere è la Torre Pontina, un grattacielo da poco completato che con i suoi 128 m d'altezza (151 m con la guglia) è il terzo edificio più alto d'Italia.

In città è in corso da anni un vivace dibattito sul futuro piano regolatore che regoli in modo ordinato lo sviluppo futuro dell'abitato, ma al tempo stesso rispetti senza alterare troppo l'originaria urbanistica razionalista della fondazione. Nel 2001 il consiglio comunale adottò, dopo un lungo e aspro dibattito, con i voti determinanti dell'opposizione di centrosinistra un nuovo PRG realizzato dall'urbanista Pier Luigi Cervellati. Il piano però non è mai stato applicato, in quanto fu archiviato dalla nuova giunta eletta l'anno successivo e comunque bocciato dal T.A.R. per svariati profili di illegittimità.

Quartieri[modifica | modifica sorgente]

  • Centro Storico

Corrisponde alla città di fondazione, fondata nel 1932. Ospita i principali monumenti della città, ha forma ottagonale ed è circondato da sette viali, comunemente indicati come la circonvallazione (Viale Vittorio Veneto, Viale Alfonso La Marmora, Viale XXI Aprile, Viale dello Statuto, Viale XXIV Maggio e Viale XVIII Dicembre.) Zona di prestigio, dall'importante valore storico per l'architettura razionalista, ospita numerosi negozi, attività culturali, uffici, pub e locali.

  • Nicolosi

Quartiere popolare, sorto negli anni Quaranta sulla spinta delle politiche abitative del regime fascista, prende il nome dall'architetto Giuseppe Nicolosi che realizzò il progetto. Caratterizzato da palazzine allineate, passaggi pedonali, ampia presenza di alberi e verde. Le case conservano ancora le scritte e le vestigia del regime che le realizzò. Sorge a nord della circonvallazione, lungo via Emanuele Filiberto e via Villafranca. Le sue vie portano il nome delle battaglie risorgimentali e oggi è caratterizzato dalla vivace presenza di stranieri che lo rendono la zona più multietnica di Latina.

  • Piccarello-Piazza Moro

Periferia sud della città, prende il nome dal toponimo del luogo prima della bonifica ma viene indicato talvolta anche il nome della piazza principale dedicata ad Aldo Moro. Oggi è una zona residenziale-popolare, sviluppatosi in generale lungo via Don Carlo Torello (primo parroco di Latina) e la statale 156 che unisce la città a Frosinone. Ospita il convento delle Clarisse, quello dei frati Cappuccini e la chiesa di San Francesco d'Assisi. Le vie del quartiere sono dedicate ad antiche popolazioni.

  • Pantanaccio

Quartiere popolare alla periferia nord di Latina, alla destra di via Epitaffio, importante arteria di collegamento con la Statale Appia. È un'area di recente espansione urbanistica che sorge su un'area un tempo agricola. Le vie del quartiere sono dedicate ai pianeti ed alle stelle. Il nome deriva dall'antica presenza di un pantano nel luogo.

  • Gionchetto

Quartiere residenziale alla periferia nord-est, alla sinistra di via Epitaffio, il cui nome rimanda ad un toponimo presente già prima della bonifica. Il quartiere, sorto negli anni settanta ed interessato dagli anni duemila da un forte sviluppo edilizio, ha dedicato le sue strade alle principali montagne italiane.

  • Quartiere Europa

Il quartiere è una zona residenziale-commerciale che sorge a nord del centro. Attraverso da ampi viali è caratterizzato dalla presenza di villette e palazzi. Ospita il centro direzionale cittadino, con il grattacielo della Torre Pontina, la chiesa di San Carlo Borromeo, il cimitero, e diversi istituti scolastici. Le vie del quartiere sono dedicate a città europee (da cui il nome "Quartiere Europa") ed ai fiumi d'Italia.

  • Santa Rita o Quartiere Italia

Prende il nome dalla chiesa di Santa Rita, sorge fra il quartiere di Persicara e il centro storico. Ospita aree verdi, campi sportivi ed il liceo scientifico Giovanni Battista Grassi, accanto al quale sorge il planetario Livio Gratton. Le vie del quartiere sono dedicate a vittime del terrorismo oppure a città italiane antiche e contemporanee.

  • Rione Goretti

Il primo quartiere a nascere fuori dalla circonvallazione, negli anni cinquanta. Sorge fra il centro e l'area delle Autolinee, è caratterizzato dalla presenza di palazzi e strette vie. Al centro del quartiere si trova la chiesa di santa Maria Goretti, patrona della città, da cui viene il nome del quartiere.

  • Rione Prampolini

Dedicato a Natale Prampolini, fu uno dei primi ad essere costruito, subito dopo la fondazione. Ospita l'Ospedale Santa Maria Goretti, le carceri e la Clinica San Marco.

  • Rione Isonzo

Quartiere residenziale sorto negli anni settanta, deve il nome alla direttrice su cui sorse, Via Isonzo. Vi si trovano alti palazzi di abitazioni ed uffici, svariati negozi e dei centri commerciali. Punti di rilievo sono la Cattedrale ed i giardini di Piazza Paolo VI ed il Piazzale della Fiera, che periodicamente ospita eventi e mercati. le vie del quartiere sono dedicate a scrittori ed ai comuni della provincia di Latina.

  • Villaggio Trieste o Rione Frezzotti

Deve il suo nome al fatto che sorse per ospitare gli sfollati della Venezia Giulia (anche se ufficialmente si chiama Rione Frezzotti, in memoria di Oriolo Frezzotti, architetto che fu fra i progettisti di Latina), ed oggi è una tranquilla zona residenziale. Ospita gli edifici della cittadella giudiziaria (Tribunale e Procura della Repubblica). Le sue vie sono dedicate a condottieri, statisti ed autori dell'antichità romana. Gli abitanti sono scherzosamente denominati "Villaggini".

  • Campo Boario

Quartiere popolare che si raccoglie intorno ai giardinetti di Piazza Enrico Berlinguer, fra le Autolinee e il quartiere Gionchetto, a nord est del centro. Deve il suo nome al fatto che, al tempo della fondazione, qui sorgeva un mercato agricolo. Le vie del quartiere sono dedicate a condottieri romani.

  • Quartiere Cucchiarelli o Lottizzazione Agora

Quartiere sorto in direzione del mare, zona "in" della città per la presenza di villette a schiera, ampi viali alberati, centri commerciali di prestigio. Cuore del quartiere è la chiesa di Santa Domitilla. Le vie del quartiere sono dedicate alle regioni italiane oppure a pittori ed artisti del '900.

  • Nuova Latina (ex Q4)-Nascosa (ex Q5)

Sono due quartieri sorti a partire dagli anni Ottanta, oltre la via Pontina. Caratterizzati da edifici moderni, ingegnose invenzioni urbanistiche (come i viali circolari) e numerose aree verdi. Punto di collegamento dei due quartieri è il grande Parco Farroupilha, realizzato a partire dal 2009. Le vie dei due quartieri sono dedicate a musicisti e compositori.

Frazioni[modifica | modifica sorgente]

All'interno del comune di Latina si trovano i cosiddetti Borghi, piccole città di fondazione sorte al tempo della bonifica per ospitare gli operai ed i primi coloni. Questi sono:

Vi sono poi altri agglomerati più o meno sviluppati:

Economia[modifica | modifica sorgente]

Il Palazzo delle Poste, tipico edificio delle città di fondazione
Il Palazzo del Governo in Piazza della Libertà altro edificio simbolo dell'architettura razionalista della città

Agricoltura[modifica | modifica sorgente]

Sorta al centro dell'Agro pontino definito "granaio d'Italia" al tempo della bonifica, principale area agricola del Lazio, l'agricoltura ricopre un ruolo determinante nell'economia locale che impiega l'11% della popolazione attiva[5].

A partire dagli anni settanta si è puntato molto sulla diversificazione e sulla specializzazione nel settore, con lo sviluppo della coltivazione in serra e della floricoltura. Buona fortuna ha trovato anche la sperimentazione esotica del kiwi (dal 2002 marchio IGP "kiwi latina").

Accanto a queste resiste la tradizionale vocazione ortofrutticola del territorio con pomodori, spinaci, carciofi.

Industria[modifica | modifica sorgente]

Il settore industriale, cresciuto senza freni fra gli anni cinquanta e gli anni ottanta con la fine delle agevolazioni fiscali previste dalla Cassa del Mezzogiorno, è entrato in crisi determinando la chiusura di molti stabilimenti. Altri pur non chiudendo hanno comunque operato riduzioni del personale.

I principali settori dell'industria a Latina sono il farmaceutico (vera punta di diamante dell'economia locale), il chimico, l'agro-alimentare, l'industria casearia, la metallurgia, la meccanica di precisione.

Terziario[modifica | modifica sorgente]

Seconda città del Lazio, oltre ai numerosi uffici pubblici presenti per la sua posizione di capoluogo di provincia Latina ospita diversi uffici aventi competenza sull'intero territorio regionale (con l'esclusione della provincia di Roma) come una sezione distaccata del TAR o dell'Arpa.

Ospita inoltre una sezione distaccata dell'Università "La Sapienza" di Roma.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Strade[modifica | modifica sorgente]

La città è collegata a Roma dalla SS 148 Pontina, conosciuta come la seconda strada più pericolosa d'Italia[6]; questo a causa dell'inadeguatezza infrastrutturale della strada rispetto al volume di traffico automobilistico che sorregge e al mancato rispetto dei limiti di velocità.[senza fonte]

Dall'inizio del 2010 sono partiti i lavori per l'allargamento e la messa in sicurezza della Pontina su un tracciato di 20 km che dovrebbero terminare entro la fine dell'anno

Il territorio comunale è inoltre attraversato dalla SS 7 Appia e dalla SS 156 dei Monti Lepini. La città di Latina è velocemente collegata tramite strade provinciali e comunali ai limitrofi comuni di Nettuno, Aprilia, Cisterna di Latina, Sabaudia, Pontinia, Sezze, Cori, Sermoneta.

Nel rapporto Euromobility 2009[7], è emerso che Latina è la città con più alto indice di motorizzazione d'Italia, con 72,55 veicoli ogni 100 abitanti.

Ferrovie[modifica | modifica sorgente]

Il territorio comunale è attraversato dalla linea ferroviaria Roma-Formia, parte dell'itinerario storico Roma-Napoli, che ha una stazione nella località Latina Scalo.

Tranvia[modifica | modifica sorgente]

A partire dal 2005 è stata progettata la realizzazione di una linea di tranvia su gomma (il cosiddetto Translohr già in uso in diverse città italiane come Padova o Mestre).

Il progetto prevede una linea unica con capolinea nei quartieri Nascosa e Nuova Latina, proseguendo lungo viale Nervi, Autolinee, Piazza del Popolo, Corso Matteotti, Via Epitaffio, Latina Scalo.

Una seconda linea è in fase di studio per servire la zona sud della città, con un interscambio all'altezza di viale Nervi e arrivo a Latina Lido.

I finanziamenti sono stati sbloccati nel 2009 e la linea avrebbe dovuto essere inaugurata nel 2012 ma al momento non sono neanche partiti i cantieri.

Inoltre, il progetto ha suscitato numerose proteste e opposizioni perché considerato costoso, obsoleto e inutile.

Porti[modifica | modifica sorgente]

Esiste un approdo in località Rio Martino (borgo Grappa) riservato alle imbarcazioni da diporto e da pesca, dei vigili del fuoco e della capitaneria di porto. È in fase di studio la possibilità di rendere navigabile il tratto di mare nella località Foceverde e la conseguente realizzazione portuale che possa permettere lo sviluppo turistico per la città di Latina.

Aeroporti[modifica | modifica sorgente]

Nel territorio comunale è presente l'aeroporto militare intitolato al capitano Enrico Comani e sede del 70º Stormo dell'Aeronautica Militare Italiana. Negli ultimi tempi si era discusso della possibile trasformazione dell'aeroporto militare in aeroporto civile "low cost", anche per alleggerire il traffico aereo dell'aeroporto di Ciampino. Tuttavia, per la costruzione di uno scalo aeroportuale low cost la giunta regionale ha individuato dapprima Frosinone, e poi definitivamente l'aeroporto militare di Viterbo.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Nel 1934 Littoria passa dalla provincia di Roma, alla nuova provincia di Littoria, costituita dal governo fascista dell'epoca, della quale ne divenne capoluogo. Nel 1945 cambiò denominazione in Latina.

Amministrazioni successive alla proclamazione della Repubblica[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1946 1951 Fernando Bassoli PRI Sindaco
1951 1953 Vittorio Cervone DC Sindaco
1953 1962 Igino Salvezza DC Sindaco
1962 1964 Angelo Onorati DC Sindaco
1964 1967 Guido Bernardi DC Sindaco
1967 1972 Vincenzo Tasciotti DC Sindaco
1972 1980 Antonio Corona DC Sindaco [8]
1980 1983 Delio Redi DC Sindaco
1983 1985 Antonio Corona DC Sindaco
1985 1992 Delio Redi DC Sindaco
1992 1993 Mario Romagnoli DC Sindaco
1993 1993 Maurizio Mansutti DC Sindaco
1993 2002 Ajmone Finestra MSI poi indipendente Sindaco [9]
2002 2010 Vincenzo Zaccheo AN poi PDL Sindaco [10]
2010 2011 Guido Nardone Commissario prefettizio
2011 Giovanni Di Giorgi PDL poi Fratelli d'Italia Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Sport[modifica | modifica sorgente]

Città Europea dello Sport 2014

La città di Latina è stata ufficialmente proclamata Città Europea dello Sport per l'anno 2014 dall'ACES (Associazione delle Capitali Europee dello Sport). Tra le altre città proclamate per il 2014 ci sono Ascoli Piceno e Brindisi. Il riconoscimento è stato conferito il 7 novembre 2012 al sindaco Giovanni Di Giorgi a Bruxelles, presso la sede del Parlamento Europeo.[11]

Atletica leggera[modifica | modifica sorgente]

La società è l'Asi Atletica Latina 80, che si allena nel Campo Coni.

Calcio[modifica | modifica sorgente]

Calcio a 11

Dalla stagione 2009/2010 è presente l'Unione Sportiva Latina che, con la promozione ottenuta il 16 giugno 2013 nei playoff contro il Pisa, rappresenta la città nel campionato di serie B. Le altre squadre di calcio della città sono il Borgo Podgora 1950 che milita nell'Eccellenza, R11 Latina Calcio e Agora FC che militano nel girone G laziale di 1ª Categoria, e la Samagor Latina Calcio fondata nel 1983 e SS. Pietro e Paolo Calcio, entrambe militanti in Seconda Categoria laziale.

Calcio a 5

Città di Latina Calcio a 5 - Campionato nazionale di serie A2. La squadra gioca al PalaBianchini.

Kitesurfing[modifica | modifica sorgente]

  • Kitesurfing Club Latina, la prima scuola di kitesurf[senza fonte] del litorale Pontino riconosciuta dal Coni.
  • Associazione Kitesurf Italiana

Pallavolo[modifica | modifica sorgente]

  • Top Volley - La Top Volley Andreoli Latina partecipa al campionato nazionale di Serie A1 maschile, nel quale è stata promossa al termine della stagione 2008-2009.
  • Hydra Volley Latina - La squadra disputa nella stagione agonistica 2013/2014 la serie B2 maschile.

Pallacanestro[modifica | modifica sorgente]

Ciclismo[modifica | modifica sorgente]

Pallanuoto[modifica | modifica sorgente]

Baseball[modifica | modifica sorgente]

Hockey in-line[modifica | modifica sorgente]

Tennistavolo[modifica | modifica sorgente]

  • ASD TT Pontinia - Il Tennistavolo è l'unico sport che è riuscito a portare la vittoria di due scudetti nella massima serie per la città di Latina e Provincia. Attualmente milita nel campionato di serie A2 con giocatori molto rappresentativi come Pietro Nuvola (13 volte campione italiano ed ex nazionale assoluta), Luca Maggi (1 volta campione italiano ed ex nazionale giovanile), Andrea Perillo (1 volta campione italiano) e Francesco Puglisi.

Tiro con l'arco[modifica | modifica sorgente]

Rugby[modifica | modifica sorgente]

  • RCL - Rugby Club Latina militante nel campionato di serie C per l'anno 2013/2014 negli anni 2010/2011-2011/2012-2012/2013 ha disputato la fase nazionale spareggi per accesso in serie B.

Minimoto[modifica | modifica sorgente]

  • ASD Minimotodromo aBC Latina - Pista Minimoto Internazionale.

Personalità sportive legate a Latina[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Bilancio demografico popolazione residente al febbraio 2013
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Intervista ad Aimone Finestra, Nuovo Fronte N. 173, Aprile 1997
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Istat 2001
  6. ^ Classifica ACI su Omniauto.it
  7. ^ http://www.euromobility.org/documenti/strumenti/Volume50citta2009_1parte.pdf
  8. ^ Rieletto nel 1975.
  9. ^ Rieletto nel 1997 come indipendente.
  10. ^ sfiduciato dal Consiglio Comunale
  11. ^ Latina Città Europea dello Sport 2014. Latina in vetrina. URL consultato il 10 novembre 2012.
  12. ^ 82ª Adunata Nazionale di Latina su ANA.it

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Lazio Portale Lazio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lazio