Los Millares

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Los Millares
Epoca III millennio a.C.
Localizzazione
Stato Spagna Spagna
Comune Santa Fe de Mondújar

Coordinate: 36°57′53″N 2°31′20″W / 36.964722°N 2.522222°W36.964722; -2.522222

Ricostruzione in scala del sito.
Tomba a tholos di Los Millares.

Los Millares è un sito archeologico risalente al calcolitico situato a 17 km a nord di Almerìa nel municipio di Santa Fe de Mondújar in Andalusia (Spagna meridionale). Consiste in un insediamento circondato da mura e numerosi forti e da un cimitero esteso per circa 5 acri . Venne scoperto nel 1891 durante la costruzione di una ferrovia e fu scavato per la prima volta negli anni successivi da Luis Siret; gli scavi continuano ancora oggi. Si stima che in antichità raggiunse i 1000 abitanti [1] ; benché principalmente agricoltori e allevatori, i suoi abitanti praticavano anche la metallurgia del rame.

Relazione fra Los Millares e le altre culture contemporanee[modifica | modifica sorgente]

Los Millares era parte della cultura megalitica e del vaso campaniforme che caratterizzava larga parte dell'Europa nello stesso periodo. Le analisi sulle circa 70 tombe a tolos del sito, secondo gli archeologi rivelerebbero che la società di Los Millares era fortemente stratificata e bellicosa, spesso in guerra con i suoi vicini. La civiltà di Los Millares venne rimpiazzata nell'età del bronzo (1800 a.C. circa) dalla civiltà di El Argar.

Un altro insediamento contemporaneo di Los Millares scoperto in questa regione è quello di Los Silillos.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cunliffe, Barry, Europe Between the Oceans, 9000 BC-AD 1000, 2008, p. 144.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]