Rubicone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rubicone
Rubicone
Stato Italia Italia
Regioni Emilia-Romagna Emilia-Romagna
Lunghezza ~ 29 km
Altitudine sorgente ~ 250 m s.l.m.
Nasce Strigara di Sogliano al Rubicone
Sfocia Mare Adriatico
Mappa del fiume

Il Rubicone è un piccolo fiume a regime torrentizio dell'Italia settentrionale, 320 km a nord di Roma, che scorre nella provincia di Forlì-Cesena ed incontra la via Emilia all'altezza di Savignano sul Rubicone per poi sfociare nel mar Adriatico poco a sud di Cesenatico. Sembra che il nome derivi dal colore delle acque che, attraversando territori argillosi, si tingevano di rubino. In età classica esso segnava, insieme all'Arno, il confine tra la terra italica ed il resto d'Europa.

SAVIGNANO Ponte Romano.jpg
Fiume rubicone by stefano Bolognini.JPG
Savignano sul Rubicone, Ponte Romano.jpg
SAVIGNANO Statua Cesare.jpg

Geologia del terreno[modifica | modifica wikitesto]

Le sorgenti del fiume Rubicone si trovano in terreni argillosi. Si tratta di argille marnose leggermente arenacee, grigio-blu del pliocene (da 3 a 4 milioni di anni). In prossimità, affiorano terreni più sabbiosi di colore giallo, giallo-arancio, che si presentano in banchi di spessori più o meno compatti (sabbie cementate). La granulometria delle sabbie varia da fine a media, ed alla base di ogni strato si osserva una struttura più massiccia che tende a diventare gradualmente più laminata in superficie. La caratteristica dominante è la frequente presenza di "ciottoli" (cogoli) arenacei. Gli strati arenacei sono separati da sottili livelli argilloso-sabbiosi e il contenuto in fossili è elevato con la presenza di conchiglie di lamellibranchi.

Scendendo a valle, il paesaggio che attraversa passa dai rilievi collinari alla pianura, dove scorre formando meandri. Al passaggio nell'alta pianura si osservano tipiche forme geomorfologiche sedimentarie come il cono alluvionale. In corrispondenza delle grandi variazioni di pendenza il fiume ha scaricato considerevoli spessori di sedimenti grezzi (sabbie e ghiaie).

Questi depositi costituiscono la banda d'unione tra gli ultimi strati del pliocene e la pianura d'età olocenica (circa 10.000 anni fa), lungo periodo durante il quale si sono alternate le fasi glaciali e interglaciali del quaternario.

Nella pianura bassa prevalgono di nuovo terreni argillosi; vi si trovano anche strisce sabbiose e ghiaiose che corrispondono ai corsi d'acqua attuali ed ai loro meandri, con zone, generalmente argillose, dove si è verificata la decantazione dei sedimenti più fini.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

In epoca romana segnò per un periodo (epoca tardo - repubblicana, tra il 59 a.C. ed il 42 a.C.) il confine tra l'Italia, considerata parte integrale del territorio di Roma, e la provincia della Gallia Cisalpina ed era quindi vietato ai generali di passarlo in armi.

L'episodio storico, cui il nome del fiume è legato, vede protagonista Gaio Giulio Cesare al termine delle Guerre Galliche (58 a.C. - 51 a.C.). Nel tardo autunno del 50 a.C., il Senato romano ordinò a Cesare di congedare l'esercito, di rimettere i poteri della Gallia Cisalpina (l'Italia settentrionale, all'epoca formalmente ancora una provincia, nella quale Cesare reclutò gran parte delle sue legioni) e di recarsi a Roma. Cesare, intuendo il complotto ai suoi danni che il senato stava ordendo, ovvero di metter fuori legge il partito dei populares che egli rappresentava, e temendo per la sua stessa vita, rifiutò, rimanendo accampato nella provincia che gli era stata assegnata, non distante dalla odierna Cervia. L'esercito, fedele a Cesare perché da lui dipendeva il pagamento delle sue spettanze, rimase compatto agli ordini del generale. Solo il suo vice, Tito Labieno, disertò e si schierò con la Repubblica romana. Per sicurezza, Cesare fece presidiare la riva settentrionale del Rubicone, ma non correva sostanziali pericoli, in quanto, in Italia, il senato poteva schierare due sole legioni.

Cesare lo attraversò nelle prime ore del 10 gennaio 49 a.C. alla testa del suo esercito, composto di 11 legioni, per un totale di circa 50.000 uomini, al ritorno dalla Gallia, ed essendo penetrato in armi nel territorio di Roma, manifestò in tal modo la sua ribellione allo stato romano: secondo il racconto di Svetonio, prima di risolversi a questo passo sembra che abbia esitato e infine abbia preso la sua decisione esclamando alea iacta est ("il dado è tratto", lett. "il dado è gettato") secondo la tradizione. È più probabile che abbia pronunciato in latino un antico proverbio greco "alea iacta esto" ("il dado sia tratto"). Quest'ultima infatti, è una lectio difficilior potior.

Controversia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Localizzazione dell'antico Rubicone.
Approfondimento

Queste due immagini rappresentano una piccola parte di una grande mappa esposta nella galleria delle mappe ai Musei Vaticani. Queste mappe erano etichettate "Flaminia", nome riferito alla Romagna prima del Risorgimento e dell'unificazione. L'immagine 1 rappresenta il Rubicone ed altri due fiumi che sfociano insieme nell'Adriatico nei pressi di Cesenatico e di Cervia. Nell'immagine 2 il "Rubicone" passa vicino a Cesena: oggi questo fiume si chiama Pisciatello mentre quello che gli è parallelo (a destra) si chiama Rubicone.

La controversia, di origine secolare, riguarda l'identificazione del corso d'acqua effettivamente attraversato da Giulio Cesare, diretto a Roma con le sue truppe, in violazione al divieto di varcare il limite entro il quale non era consentito portare eserciti. Il Pisciatello e il Rubicone ufficialmente riconosciuto possono essere confusi facilmente in quanto le loro sorgenti hanno origine nella stessa area collinare e precisamente a Strigara nel territorio comunale di Sogliano al Rubicone, i fiumi scendono ciascuno in valli parallele per sfociare al livello del mare nella zona di Gatteo. Il Pisciatello, chiamato anche Urgòn in antiche carte (parola in dialetto romagnolo che sarebbe da mettere in relazione a Rubicone), confluisce in prossimità del mare nella Rigossa e nel Fiumicino, formando un'unica foce.

Va detto che il Rubicone avrebbe mutato diverse volte il suo corso per cause naturali e per questo motivo non è oggi possibile affermare quale sia il "vero" Rubicone attraversato da Cesare. Secondo una ipotesi, straripamenti e piene infatti avrebbero modificato presso la frazione di Calisese l'alveo dell'attuale Urgòn, portandolo a confluire nel Pisciatello, e il vecchio letto del Rubicone sarebbe stato ribattezzato Rigoncello. Non vi è certezza che Cesare abbia oltrepassato l'attuale Rigoncello, l'attuale Pisciatello, ovvero l'attuale Rubicone, che scorre a Savignano e che un tempo si chiamava Fiumicino.

A tutt'oggi non si è ancora venuti a capo della controversia sulla reale identificazione del fiume, e diversi paesi della provincia di Forlì-Cesena ne reclamano la paternità in base a prove e documenti di diversa entità. Ad esempio, fonti medioevali, reperibili presso l'Archivio Arcivescovile di Ravenna, indicherebbero come l'originario Rubicone quello che oggi le carte chiamano Pisciatello, in base all'ipotesi che il toponimo della pieve Sancti Martini in Robigo, documentata intorno all'anno 1000 a Calisese, sia da riferire al nome Rubicone. A sostegno dell'attuale identificazione con il Fiumicino vi è invece, oltre all'abbondanza di reperti archeologici di epoca repubblicana in corrispondenza dell'abitato del Compito, a testimoniare l'esistenza di un centro abitato, l'evidenza che il tracciato del corso d'acqua è preso come riferimento dell'andamento delle maglie centuriate circostanti. Inoltre la presenza dello storico ponte romano a Savignano sul Rubicone proprio sul fiume Rubicone, sono una ulteriore prova nell'identificazione del tracciato.

L'attuale Savignano sul Rubicone si chiamava Savignano di Romagna fino al 1933 quando Benito Mussolini, per sanare questa secolare diatriba, decretò che l'allora Fiumicino era da ritenersi il vero Rubicone[1].

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

_ Nella canzone Streets Of Love dei Rolling Stones, viene citato il fiume Rubicone ("I think I've crossed the Rubicon")

_ Nella canzone Orphans di Beck, viene citato il fiume Rubicone ("As we cross ten leagues from a Rubicon")

_ Il Capitolo 37 del manga Bleach si intitola "Crossing the Rubicon" (Attraversando il Rubicone). Il fiume viene anche citato, all'interno dello stesso capitolo, da Uryū Ishida.

_ Nella sesta puntata della prima stagione della serie televisiva americana "House of Cards", prodotta da Netflix, Frank Underwood (Kevin Spacey), parlando con il chief of staff, sostiene come non si possa fare marcia indietro nei confronti del sindacato degli insegnanti perché "we've already crossed the Rubicon".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ mitidiromagna.it: "Fiume Rubicone"
Romagna Portale Romagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Romagna