Olocene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Quaternario
Periodo Epoca Piano Età (Ma)
Quaternario Olocene 0–0.0117
Pleistocene Tarantiano 0,0117–0,126
Ioniano 0,126–0,781
Calabriano 0,781–1,806
Gelasiano 1,806–2,588
Neogene Pliocene Piacenziano Più antico
Suddivisione del Quaternario secondo la Commissione internazionale di stratigrafia dell'IUGS.[1]
Nell'Europa e Nord America, l'Olocene viene suddiviso negli stadi della scala del tempo di Blytt-Sernander: Preboreale, Boreale, Atlantico, Subboreale e Subatlantico. Vi sono molte suddivisioni regionali per il Pleistocene Superiore o Inferiore, di solito queste rappresentano localmente periodi riconosciuti di freddo (glaciale) e caldo (interglaciale). L'ultimo periodo glaciale finisce con il freddo sottostadio del Dryas recente.

L'Olocene è l'epoca geologica più recente, quella in cui ci troviamo oggi e che ha avuto il suo inizio convenzionalmente circa 11 700 anni fa.[1][2]

Il limite con l'epoca inferiore (il Pleistocene) è definito sulla base del decadimento del 14C (un isotopo radioattivo del carbonio) e coincide approssimativamente con il termine dell'ultima fase glaciale che ha interessato l'emisfero settentrionale. Per convenzione il limite è posto a 10 000 anni dal 1950 e viene espresso in milioni di anni (quindi 0,01143 ± 0,00013 Ma).

L'Olocene è la seconda epoca del periodo Quaternario. Il suo nome deriva dal greco ὅλος (holos, tutto o intero) e καινός (kainos, nuovo), vale a dire "del tutto recente". Esso è stato identificato con il MIS 1 e può essere considerato un periodo interglaciale compreso nell'attuale era glaciale.

Visione d'insieme[modifica | modifica wikitesto]

L'inizio dell'Olocene è stato posto a 11 700 anni fa.[1] Il periodo segue la Glaciazione Würm (nota anche come glaciazione baltico-scandinava o glaciazione weichseliana). L'Olocene può essere suddiviso in cinque cronozone basate sulle fluttuazioni climatiche:

La civiltà umana moderna viene datata interamente dentro l'Olocene. La classificazione di Blytt-Sernander dei periodi climatici, definita inizialmente in base ai residui di muschio del genere Sphagnum, è adesso puramente di interesse storico. Lo schema era definito per il Nord Europa, ma ritenendo che i mutamenti climatici si applicassero a tutte le aree. I periodi dello schema includono alcune oscillazioni finali dell'ultimo periodo glaciale pre-Olocenico e classifica poi i climi della preistoria più recente.

I paleontologi non hanno ancora definito nessuno stadio faunistico per l'Olocene. Quando si rende necessaria una suddivisione, vengono di solito usati i periodi dello sviluppo tecnologico umano come il Mesolitico, Neolitico e l'Età del Bronzo. Tuttavia, i periodi di tempo a cui ci si riferisce con questi termini variano in funzione della differente comparsa di quelle tecnologie nelle diverse aree del mondo.

Climaticamente, l'Olocene può essere suddiviso equamente nei periodi Ipsotermico e Neoglaciale; il confine coincide con l'inizio dell'Età del Bronzo nella civiltà Occidentale. Secondo alcuni studiosi, una terza suddivisione, l'Antropocene, iniziò nel XVIII secolo,[3] ma senza indicare se questa sia un'età compresa nell'epoca olocenica, oppure la segua.

Paleogeografia[modifica | modifica wikitesto]

L'andamento del livello dei mari dopo l'ultima glaciazione.
Paleogeografia dell'Olocene.

La deriva dei continenti negli ultimi 10 000 anni è stata inferiore a un chilometro, che in termini geologici è uno spostamento pressoché irrilevante. Tuttavia, la fusione del ghiaccio causò un innalzamento del livello del mare di circa 20 m nella prima parte dell'Olocene e in totale di 120 m dall'ultima glaciazione.[4] L'aumento del livello del mare non fu un processo lineare e uniforme, ma alternò fasi di rapido disgelo ad altre di scongelamento progressivo. La maggior parte della crescita delle acque è avvenuta prima di 6 000 anni fa.[5]

  • La prima fase, denominata impulso MWP-1A0, ebbe luogo 19 000 anni fa all'inizio del Pleistocene nel Dryas antico. In meno di 500 anni il livello del mare si alzò di 10–15 m, cioè al ritmo di 50 mm all'anno.
  • Il secondo impulso (MWP-1A) si produsse tra 14 600 e 13 500 anni fa, durante la prima parte del riscaldamento Bølling-Allerød. In 500 anni la crescita fu di 16–24 m al ritmo di 40 mm all'anno.
  • Il ritmo di scongelamento calò durante il freddo periodo del Dryas recente, tra 12 800 e 11 500 anni fa, quando la terra subì un nuovo episodio di raffreddamento durato 1 300 anni, che si ritiene legato alla circolazione termoalina instauratasi in seguito all'immissione di acqua dolce nell'Oceano Atlantico.[6] Alla fine di questo periodo si ebbe un altro periodo di disgelo (MWP-1B), compreso tra 11 500 e 11 000 anni fa quando il mare salì di ulteriori 25 m.
  • Il quarto impulso si produsse tra 8 200 e 7 600 anni fa, probabilmente a seguito del prosciugamento del Lago Agassiz e del Lago Ojibwa che produsse un innalzamento del mare di un solo metro.

Da quest'ultimo episodio le variazioni significative del livello del mare sono cessate e negli ultimi 3 000 anni la crescita si è limitata a 0,1-0,2 mm all'anno.[7] Tuttavia dal 1900 l'aumento è ritornato a 1–2 mm all'anno, mentre le rilevazioni del satellite TOPEX/Poseidon indicano che dal 1993 la crescita è di 3,1 ± 0,7 mm all'anno.[8]

Le terre che erano emerse quando il livello del mare era più basso, avevano permesso una serie di collegamenti tra:

L'area dello stretto di Bering.

Molte aree oltre il 40º parallelo di latitudine nord che si erano abbassate a causa del peso dei ghiacciai del Pleistocene si risollevarono fino ad un'altezza di 180 m tra il tardo Pleistocene e l'Olocene; questo processo di sollevamento sta ancora continuando. L'innalzamento del livello del mare e la contemporanea depressione di alcune aree permise occasionali incursioni marine in quelle che adesso sono molto distanti dal mare.

La ripercussione post-glaciale nella regione della Scandinavia risultò nella formazione del Mar Baltico. La regione continua a sollevarsi, causando ancora deboli terremoti da una parte all'altra dell'Europa Settentrionale. L'evento equivalente nel Nord America fu la ripercussione nella baia di Hudson, che si restrinse rispetto alla sua più grande fase post-glaciale del Mare di Tyrrell, per avvicinarsi ai suoi confini attuali.

Fossili marini dell'Olocene sono noti nel Vermont, Québec, Ontario e Michigan. In aggiunta a quelli associati alle incursioni marine temporanee alle alte latitudini, fossili dell'Olocene vengono ritrovati principalmente su fondi lacustri, pianure alluvionali, e depositi di grotte (speleotema). I depositi marini dell'Olocene lungo le linee costiere alle basse latitudini sono rari perché l'innalzamento del livello del mare durante il periodo supera ogni sollevamento di probabile origine non-glaciale.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Variazioni della temperatura nell'Olocene.

Il clima è stato abbastanza stabile dopo l'inizio dell'Olocene. Le registrazioni fornite dalle carote di ghiaccio mostrano che prima dell'Olocene ci sono stati riscaldamenti globali e periodi gelati, ma che i mutamenti climatici divennero più regionali all'inizio del Dryas recente. Durante la transizione dall'ultima fase glaciale all'Olocene, l'inversione di freddo Huelmo/Mascardi nell'emisfero meridionale iniziò prima del Dryas recente, e il massimo flusso di calore si diresse da sud verso nord, tra 11 000 e 7 000 anni fa. Sembra che questo fosse influenzato dalla glaciazione residuale che rimase nell'Emisfero Settentrionale fino all'ultima data.

L'ipsotermico fu un periodo di riscaldamento in cui il clima globale divenne più caldo. Ad ogni modo, il riscaldamento non fu probabilmente uniforme nel mondo. Questo periodo finì circa 5 500 anni fa, quando le più arcaiche civiltà umane in Asia e in Africa iniziavano a fiorire, terminando con la discesa nel Neoglaciale. A quel tempo, il clima non era dissimile da quello attuale, ma ci fu un periodo leggermente più caldo dal XXIV secolo noto come il periodo caldo medioevale. Questo fu seguito dalla piccola era glaciale, dal XIII o XIV secolo fino alla metà del XIX secolo, un periodo di raffreddamento significativo, sebbene non dappertutto così duro come nei periodi precedenti durante la neoglaciazione e con tre picchi negli anni 1650, 1770 e 1850.[9][10]

Il riscaldamento dell'Olocene è un periodo interglaciale e non c'è ragione di credere che esso rappresenti la fine permanente dell'attuale era glaciale. È possibile che l'attuale riscaldamento globale della Terra possa risultare più caldo dello stadio eemiano, il quale raggiunse il suo picco più alto circa 125 000 anni fa e fu più caldo dell'Olocene. Per questa ipotesi si parla di un possibile super-interglaciale.

Rispetto alle condizioni glaciali, le zone abitabili si sono estese verso nord, pervenendo al loro punto più settentrionale durante l'ipsotermico. La più elevata umidità nelle regioni polari ha causato la scomparsa delle praterie boreali di steppa-tundra.

Evoluzione ecologica[modifica | modifica wikitesto]

La vita animale e vegetale non si è evoluta molto durante il relativamente breve Olocene, mentre sono stati più importanti gli spostamenti nella sua distribuzione. Un numero di grandi animali, inclusi i mammut e mastodonti, tigri dai denti a sciabola come la Smilodon e l'Homotherium, e il bradipo gigante sparirono nel tardo Pleistocene e l'inizio dell'Olocene — specialmente in Nord America, dove gli animali che sopravvivevano altrove (inclusi cavalli e cammelli) andavano ad estinguersi. Questa estinzione della megafauna americana è stata da alcuni legata all'arrivo degli antenati degli Amerindi, sebbene la maggior parte degli studiosi affermino che vi contribuì anche il mutamento climatico, come pure l'evento di un bolide cometario sul Nord America che si è supposto abbia scatenato il Dryas recente.[11]

Da una parte all'altra del mondo, gli ecosistemi nei climi più freddi, che erano precedentemente regionali, sono rimasti confinati nelle "isole" ecologiche ad altitudine più elevata.

L'evento di 8,2 ka, il breve periodo di freddo repentino documentato come un'escursione negativa nella registrazione del δ18O degli ultimi 400 anni, è il più importante evento climatico successo nell'epoca dell'Olocene, e può aver segnato una ripresa della coltre di ghiaccio. Si è pensato che questo evento sia stato causato dal drenaggio finale del Lago Agassiz, che era stato confinato dai ghiacciai, la cui enorme quantità di acqua dolce confluita nell'Oceano Atlantico spezzò la circolazione termoalina.[12]

Le estinzioni di piante e animali sono continuate nell'Olocene e persistono anche al giorno d'oggi. Alcune delle estinzioni moderne sono attribuibili all'influenza dell'uomo e si caratterizzano per avvenire in un tempo relativamente breve (decine di migliaia di anni) in confronto alla maggior parte delle altre estinzioni e sembrerebbero caratterizzate da un tasso di estinzione più elevato, tanto che si parla di sesta estinzione di massa dopo i precedenti cinque grandi eventi.

Tra le specie la cui estinzione è attribuibile all'uomo vengono indicate:

La Lista rossa IUCN raccoglie il numero e il tipo di specie estinte a partire dall'anno 1500 e quelle a rischio di estinzione.[13]

Evoluzione umana[modifica | modifica wikitesto]

È l'epoca del definitivo sviluppo dell'Homo sapiens, l'unico sopravvissuto del genere Homo, e destinato a diventare in breve tempo con la sottospecie Homo sapiens sapiens l'essere dominante del pianeta.

I cambiamenti climatici provocarono una serie di rapidi progressi nell'evoluzione umana che fecero passare i nostri antenati da un'economia di caccia e raccolta a quella stanziale di coltivazione e allevamento. I piccoli gruppi nomadi cominciarono ad utilizzare dapprima i ripari naturali come grotte o caverne, poi a costruirsi un riparo artificiale di rami e foglie, di pelli, poi di legno, fango e pietre fino ad arrivare alle successive case.

Furono sviluppati i primi utensili in legno, osso, pietra ed infine metallo. Si prepararono lance, asce, arpioni, archi e frecce, coltelli, spade. Dall'addomesticamento del lupo derivò il cane, e si addomesticarono e allevarono altri animali utili per l'alimentazione come ovini, bovini, suini e cavalli.

L'inizio dell'Olocene corrisponde all'inizio dell'era Mesolitica nella maggior parte dell'Europa; ma nelle regioni come il Medio Oriente e l'Anatolia con una molto precoce neolitizzazione, l'Epipaleolitico viene preferito al posto del Mesolitico. Le culture in questo periodo includono: l'Amburghiana, la Federmesser e la cultura natufiana.

Entrambi sono seguiti dal Neolitico aceramico (Neolitico pre-ceramico A e Neolitico pre-ceramico B) e il Neolitico ceramico.

Impatto ecologico dell'uomo sul pianeta[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi antropocene.

Impatti cosmici[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ambito dell'Olocene numerosi eventi meteoritici sono stati recentemente scoperti in Europa, come pure in zone come l'Oceano Indiano e nella remota Siberia (Evento di Tunguska). È stato congetturato che l'effetto di un impatto come quello rappresentato oggi dal cratere di Burckle[14] o dal campo di crateri del Chiemgau[15] potrebbe drammaticamente colpire la civiltà umana nella sua prematura storia con la creazione di megatsunami, forse evocando il diluvio o storie di inondazioni come quella di Noè. Un effetto di dilavamento prodotto da tali onde può erompere in lembi di terra con improvvise e massicce erosioni, insieme a violenti mutamenti meteorologici.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia della Terra.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Chronostratigraphic chart 2014, ICS. URL consultato l'11 agosto 2014.
  2. ^ Global Boundary Stratotype Section and Point (GSSP) of the International Commission of Stratigraphy, Status on 2009.
  3. ^ Fred Pearce (2007). Con rapidità e violenza. Pagina 21. ISBN 978-0-8070-8576-9
  4. ^ Y. Yokoyama (2000) Timing of the Last Glacial Maximum from observed sea-level minima, Nature 406, 713-716, doi:10.1038/35021035
  5. ^ V. Gornitz (2007) Sea Level Rise, After the Ice Melted and Today, NASA.
  6. ^ L.D. Keigwin y E.A. Boyle (2000) Detecting Holocene changes in thermohaline circulation, PNAS, volume 97, numero 4, 1343-1346
  7. ^ Houghton, J.T. (ed.), Long-term mean sea level accelerations in Climate Change 2001: The Scientific Basis.
  8. ^ Bindoff, NL et al., Observations: Oceanic Climate Change and Sea Level in Climate Change 2007: The Physical Science Basis. Contribution of Working Group I to the Fourth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change, Cambridge University Press.
  9. ^ NASA Earth Observatory Glossary: "Little Age of Ice"
  10. ^ Climate Change 2001: Working Group I: The Scientific Basis: "2.3.3 Was there a 'Little Ice Age' and a 'Medieval Warm Period'?".
  11. ^ "Flagello dal passato? Una nuova idea controversa suggerisce che una grande roccia spaziale esplose sul o al di sopra del Nord America alla fine dell'ultima era glaciale," di Rex Dalton, Nature, vol. 447, no. 7142, pagine 256-257 (17 maggio 2007). Disponibile on-line: http://www.geo.arizona.edu/~reiners/blackmat.pdf
  12. ^ doi:10.1016/j.quascirev.2003.06.004
  13. ^ IUCN Red List of Threatened Species, 2007.
  14. ^ Meteor 'misfits' find proof in sea. URL consultato il 14 novembre 2006.
  15. ^ The Holocene Tüttensee meteorite impact crater in southeast Germany. URL consultato il 21 novembre 2006.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Roberts, Neil. (1998). The Holocene: an environmental history. 2nd ed. Malden, MA: Blackwell.
  • Mackay, A.W., Battarbee, R.W., Birks, H.J.B. & Oldfield, F. (2003) Editors. Global change in the Holocene. Publisher: Arnold, London. 528 pp (29 chapters)
  • Ogg, Jim; June, 2004, Overview of Global Boundary Stratotype Sections and Points (GSSP's) http://www.stratigraphy.org/gssp.htm Accessed April 30, 2006

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

era Cenozoica
periodo Paleogene
periodo Neogene
periodo Quaternario
periodo Quaternario
Pleistocene Olocene
Inferiore · Medio · Superiore Preboreale · Boreale · Atlantico · Subboreale · Subatlantico


geologia Portale Geologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di geologia