Mesolitico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Questa voce è parte della serie
Età della pietra
prima dell'Homo (Pliocene)

Paleolitico

Paleolitico inferiore
Homo
controllo del fuoco, Industria litica
Paleolitico medio
Homo neanderthalensis
Paleolitico superiore
Propulsore, Addomesticazione del cane

Mesolitico

microliti, arco, canoe
Cultura kebariana
Cultura natufiana

Neolitico

Neolitico preceramico
coltivazione, addomesticamento
Ceramica neolitica

Età dei metalli

Il mesolitico (dal greco μὲσος, mesos=medio e λίθος, líthos=pietra) o epipaleolitico è il periodo intermedio dell'Età della pietra, definito per questo l'età della pietra di mezzo.

Il Mesolitico in Europa viene suddiviso in quattro periodi, ciascuno caratterizzato da conoscenze e tecniche leggermente diverse:

  1. Maglemosiano
  2. Aziliano
  3. Sauveteriano
  4. Tardenoisiano

Durante il Mesolitico si elaborano tecniche sofisticate di lavorazione della pietra, come quella della "microlitica", nella quale piccole schegge di selce fissate a manici in legno o in osso sono utilizzate per costruire utensili per la caccia e la raccolta dei vegetali.

Si ha inoltre uno sviluppo delle armi da lancio e in particolare si generalizza l'impiego dell'arco e della freccia, soprattutto in Europa. Ciò è dovuto a rilevanti cambiamenti nella composizione delle prede, tra le quali spariscono i grandi migratori, probabilmente in seguito al riscaldamento del clima. L'uomo deve adattarsi al nuovo ambiente di foreste e conosce una crescita demografica senza precedenti.

Le abitazioni sono costituite da capanne che formano villaggi

Arte[modifica | modifica wikitesto]

Nel Mesolitico l'Homo sapiens rappresenta sulla roccia nuove immagini, non più quelle raffiguranti uomini a caccia di mammiferi di grossa taglia, poiché questo periodo è caratterizzato dallo svilupparsi del bosco, ambiente non adatto alla sopravvivenza di tali animali, i quali emigrano verso Nord. La tecnica principale dell'arte mesolitica è, come sempre, il graffito.

Sepoltura di Théviec - Museo di Tolosa[modifica | modifica wikitesto]

Epipaleolitico[modifica | modifica wikitesto]

Il termine epipaleolitico viene preferito come alternativa a mesolitico nelle aree che hanno subito un minore influsso dalle glaciazioni. Il periodo inizia alla fine del pleistocene circa 11000 anni fa e termina con l'introduzione dell'agricoltura che si suppone avvenuta nel neolitico circa 8000 anni fa. Queste date di riferimento sono comunque oggetto di ulteriori studi, ricerche, ipotesi. L'epipaleolitico è notevole in Medio Oriente, Anatolia e Cipro, cioè in aree in cui la rivoluzione del neolitico (neolitizzazione) è avvenuta in anticipo ed il cambio climatico susseguente al periodo post-glaciazione non è stato molto sensibile. I cacciatori-raccoglitori dell'epipaleolitico costruirono strumenti relativamente avanzati da piccole pietre o lame di ossidiana, conosciuti come microliti utilizzando strumenti di legno. Erano nomadi in genere, anche se la cultura natufiana nel Levante aveva realizzato stanziamenti permanenti.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia