Aziliano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Questa voce è parte della serie
Età della pietra
prima dell'Homo (Pliocene)

Paleolitico

Paleolitico inferiore
Homo
controllo del fuoco, Industria litica
Paleolitico medio
Homo neanderthalensis
Paleolitico superiore
Propulsore, Addomesticazione del cane

Mesolitico

microliti, arco, canoe
Cultura kebariana
Cultura natufiana

Neolitico

Neolitico preceramico
coltivazione, addomesticamento
Ceramica neolitica

Età dei metalli

L'aziliano è un periodo e una cultura archeologica identificata in Europa, particolarmente in Spagna settentrionale e Francia meridionale, appartenente al Mesolitico,[1] ed è temporalmente databile tra 12.000 e 9.500 anni fa.

Prende il nome dai rinvenimenti preistorici nella grotta di Mas-d'Azil, al centro dei Pirenei francesi.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il concetto di aziliano fu introdotto dall'archeologo e studioso della preistoria francese Édouard Piette nel 1889 per descrivere la cultura a cui appartenevano i ritrovamenti derivanti dai suoi scavi nella grotta del Mas-d'Azil, il sito eponimo situato nel dipartimento dell'Ariège, nei Pirenei francesi. In questo giacimento, strati di ciottoli dipinti e arpioni piatti erano intercalati tra gli strati del Magdaleniano e del Neolitico.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

La sequenza magdaleniana si chiude con l'Aziliano, tradizionalmente ritenuto il termine più antico della sequenza mesolitica occidentale ed indicante un ritorno a climi più miti, in cui la renna cede il posto al cervo come principale preda di caccia.

In questa industria litica compaiono raschiatoi molto corti, punte caratteristiche (punte o bipunte allungate) ottenute mediante ritocco erto diretto e con andamento curvo e in seguito definite aziliane, segmenti e triangoli ottenuti con la tecnica dei microbulino; nell'industria su materiali duri di origine animale (quali ossa e corna), più povera di quella maddaleniana, compare un arpione corto, tozzo e piatto, con pochi denti disposti su uno o entrambi i lati, con base talora forata.

Galleria immagini[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ M. Barbaza, 1999, Les Civilisations postglaciaires. La vie dans la grande forêt tempérée, Histoire de la France préhistorique, La Maison des Roches, 128 p., 76 fig.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Jean Guilaine, Guida alla preistoria, Gremese Ed., 2004, ISBN 88-8440-292-1
  • AAVV (Ministero Pubblica Istruzione. Direzione Generale Antichità e Belle Arti), Bollettino di paletnologia italiana v.9-10, Roma, 1954-1956
  • AAVV (Istituto italiano di preistoria e protostoria), Rivista di scienze preistoriche v.47, 1995-1996
  • Claude Courad: L‘Art Azilien. Origine – Survivance. Paris 1985.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore:
Magdaleniano
Culture dell' Europa Occidentale
Aziliano
12.000 a. C.9.500 a. C.
Successore:
Sauveterriano