Calendario olocenico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Calendario olocenico è un sistema di misurazione del tempo proposto, nel 1993 dal geologo e paleontologo americano di origine italiana Cesare Emiliani.
Secondo il metro usato dallo scienziato il conto degli anni prende l'avvio nell'anno 10.001 a.C. (anno zero nel calendario olocenico) o nell'anno 10.000 a.C. (anno uno dello stesso), in quel periodo terminava all'incirca l'ultima glaciazione denominata Wurm e dopo un periodo tardiglaciale si arrivava al clima attuale. In questo modo l'anno 2010 del Calendario Gregoriano (considerando che in quest'ultimo l'anno zero non esiste), diventerebbe l'anno 12.010.
In questo contesto non ci sarebbero conteggi di anni alla rovescia o date con valore negativo in quanto nessun avvenimento con datazione certa è avvenuto prima dell'inizio dell'Olocene.

Avvenimenti importanti[modifica | modifica sorgente]

Se il calendario olocenico fosse diffuso a livello mondiale:

L'anno 9.248 sarebbe la data della Fondazione di Roma
L'anno 10.476 sarebbe la data della caduta dell'Impero romano d'Occidente
L'anno 11.492 sarebbe la data della Scoperta dell'America
L'anno 11.815 sarebbe la data del Congresso di Vienna
L'anno 11.945 sarebbe la data della fine della Seconda guerra mondiale

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]