Era ispanica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Era ispanica o Era dei Cesari è il computo degli anni che si utilizzò nella penisola iberica fino al XIV secolo. Parte dall'anno 38 a.C., in cui Augusto pacificò definitivamente la Spagna romana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º gennaio del 38 a.C., dopo la pacificazione ufficiale di tutta l'Hispania, Augusto decretò l'Aera Hispanica, che fu adottata per datare il tempo nella Spagna romana.

"Aera" è il plurale di "aes" (pezzo di rame, denaro, imposta). I documenti dell'epoca visigotica e quasi tutti quelli della Reconquista adottano questo stile di datazione.

L'anno precedente all'Era ispanica, Augusto aveva concluso la parte più importante della sua impresa militare in Hispania, specialmente nel Nord della penisola. In questo modo emulava il suo predecessore Giulio Cesare, che aveva conquistato la Gallia. Augusto era stato avvertito dell'esistenza di giacimenti d'oro in Galizia.

Uso[modifica | modifica wikitesto]

L'Era ispanica fu utilizzata nella penisola iberica e nella Francia meridionale, ma con alcune differenze fra i differenti regni.

Non si conosce con certezza quando cominciò ad essere impiegata come stile di datazione; si ritiene tuttavia che si affermò a partire dal III secolo, sebbene non si conosca un avvenimento che giustificasse l'inizio di un computo relazionato con la cronologia della provincia, che può essere considerata una cronologia augustea di tipo criptocristiano. Probabilmente si affermò come conseguenza dell'affermazione dell'identità degli ispano-romani a fronte degli invasori visigoti.

Si usò in iscrizioni, cronache e documenti dal III fino al XV secolo.

Abbandono[modifica | modifica wikitesto]

  • In Catalogna l'utilizzo cessò dopo il concilio di Tarragona del 1180.
  • La Navarra fu il regno in cui l'uso sopravvisse più a lungo: fino al XV secolo inoltrato.

Conversione delle date all'era cristiana[modifica | modifica wikitesto]

Alle date che nei documenti sono precedute dalle espressioni era o sub era anteriori al XIV secolo, debbono essere sottratti 38 anni per ottenere il corrispondente della'Era cristiana.