Conuropsis carolinensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Parrocchetto della Carolina
AudubonCarolinaParakeet2.jpg
Conuropsis carolinensis
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EX it.svg
Estinto (1918?)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Psittaciformes
Famiglia Psittacidae
Sottofamiglia Arinae
Genere Conuropsis
Salvadori, 1891
Specie C. carolinensis
Nomenclatura binomiale
Conuropsis carolinensis
(Linnaeus, 1758)
Sinonimi

Psittacus carolinensis
Linnaeus, 1758
Conurus carolinensis
Lesson, 1831

Esemplare impagliato di Conuropsis carolinensis, Museo di Wiesbaden, Germania

Il parrocchetto della Carolina (Conuropsis carolinensis (Linnaeus, 1758)) era l'unica specie di pappagallo dell'America settentrionale, estinto durante il XX secolo.[1]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Diffusi fino agli inizi dell'Ottocento, al culmine della sua diffusione dovevano aver raggiunto una popolazione superiore a quella della Colomba Migratrice. Siccome era considerato un flagello dai contadini, venivano cacciati. Una loro caratteristica era che dopo uno sparo si alzavano in volo per poi ritornare a vedere cosa era successo ai compagni. Nel suo classico American Ornithology, Charles Wilson Peale scrisse che sparava ai parrocchetti per vederli tornare indietro. Nel 1832 l'ornitologo J. Audubon rilevava una diminuzione della popolazione. In seguito si arrivò sino al 1850 dove venivano considerati rari. L'ultimo parrocchetto della Carolina, in cattività nello Zoo di Cincinnati, nell'Ohio, morì il 21 febbraio 1918. Un articolo gli fu dedicato dal Cincinnati Times-Star del giorno seguente, venerdì 22 febbraio 1918. Si trattava del maschio «Incas», che era sopravvissuto alla femmina «Lady Jane». In seguito fu impagliato. L'esemplare andò perduto.

Nella primavera del 1926, C. E. Doe, conservatore degli uccelli dell'Università della Florida, scoprì tre coppie di parrocchetti a Kissimee, nella contea di Okeechobee, in Florida. Egli identificò quegli uccelli come parrocchetti della Carolina. Cominciò allora tra gli ornitologi americani una violenta controversia, perché parecchi di loro rifiutavano di ammettere le asserzioni di C. E. Doe. Si racconta che alcuni esemplari siano sopravvissuti almeno sino al 1938.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La sua lunghezza superava di poco i 30 cm, il suo piumaggio tendeva al verde e al giallo mentre parte della testa era di colore arancio.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Si nutriva di semi, bacche, frutti e gemme. Rilevanti erano i danni causati da questi pappagallini ai frutteti dei coloni. Nidificava da 3 a 6 uova e viveva circa 35 anni.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Di questo pappagallo esistevano due sottospecie distinte:

  • Conuropsis carolinensis carolinensis, viveva nelle regioni orientali degli Stati Uniti
  • C. carolinensis ludovicianus, viveva nelle regioni ad occidente di quelle in cui era presente l'altra sottospecie, e cioè più verso il centro degli Stati Uniti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Psittacidae in IOC World Bird Names (ver 4.4), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 19 maggio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) BirdLife International 2004, Conuropsis carolinensis in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  • Godfrey, W. Earl (1986). The Birds of Canada. (Revised Edition) Page 303. National Museum of Natural History. ISBN 0-660-10758-9
  • Luther, Dieter (1996): Die ausgestorbenen Vögel der Welt (Die neue Brehm-Bücherei 424) (4th ed.). [in German] Westarp-Wissenschaften, Magdeburg; Spektrum, Heidelberg. ISBN 3-89432-213-6
  • McKinley, Daniel (1977): Eggs of the Carolina Parakeet: a preliminary review. Bird-Banding 48(1): 25–37. PDF fulltext
  • Olson, Storrs L. (1985): The fossil record of birds: Section VIII. K. Psittaciformes. In: Farner, D.S.; King, J.R. & Parkes, Kenneth C. (eds.): Avian Biology 8: 120-121. Academic Press, New York.
  • Snyder, N. F. R. & Russell, K. (2002): Carolina Parakeet (Conuropsis carolinensis). In: Poole, A. & Gill, F. (eds.): The Birds of North America 667. The Birds of North America, Inc., Philadelphia, PA. DOI: 10.2173/bna.667
  • Wetmore, Alexander (1926): Descriptions of additional fossil birds from the Miocene of Nebraska. American Museum Novitates 211: 1-5. PDF fulltext

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli