Colorado

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Colorado (disambigua).
Colorado
stato federato
State of Colorado
Colorado – Stemma Colorado – Bandiera
(dettagli) (dettagli)
Colorado – Veduta
Dati amministrativi
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Capoluogo Denver
Governatore John Hickenlooper (D) dal 2011
Data di istituzione 1 agosto 1876
Territorio
Coordinate
del capoluogo
39°44′21″N 104°59′05″W / 39.739167°N 104.984722°W39.739167; -104.984722 (Colorado)Coordinate: 39°44′21″N 104°59′05″W / 39.739167°N 104.984722°W39.739167; -104.984722 (Colorado)
Altitudine 1011 - 4401,2 m s.l.m.
Superficie 269 837 km²
Abitanti 5 029 196[1] (1-7-2010)
Densità 18,64 ab./km²
Contee 64 contee
Comuni 270 comuni
Stati federati confinanti Wyoming, Nebraska, Kansas, Oklahoma, Nuovo Messico, Arizona, Utah
Altre informazioni
Fuso orario UTC-7
ISO 3166-2 US-CO
Rappresentanza parlamentare 7 Rappresentanti: 4 D, 3 R
2 Senatori: Mark Udall (D), Michael Bennet (D)
Soprannome The Centennial State (Lo stato del centenario)
Motto Nil sine numine
Localizzazione
Colorado – Mappa
Sito istituzionale

Il Colorado (/koloˈrado/, in inglese ascolta[?·info], [kɒləˈrædoʊ]) è uno stato federato degli Stati Uniti d'America. Confina a nord con il Wyoming e il Nebraska, a sud con l'Oklahoma e il Nuovo Messico, ad ovest con l'Utah, ad est con il Kansas, in un solo punto tocca l'Arizona.

È chiamato Centennial State perché è diventato uno Stato federato degli Stati Uniti nel 1876, cento anni dopo la Dichiarazione d'indipendenza degli Stati Uniti. La capitale e città più popolosa è Denver.

È uno dei due soli stati degli Stati Uniti d'America ad essere un "rettangolo" perfetto (applicato sulla sfera planetaria e non con geometria euclidea, e per conseguenza con quattro confini rettilinei, per meridiani e paralleli; l'altro stato è il Wyoming). Confina con l'Utah, il Nuovo Messico e in un solo punto con l'Arizona, nel suo angolo a sud-ovest (è il famoso punto del confine quadruplo che dà origine a quelli che gli statunitensi usano chiamare i Four corner states).

Il nome deriva dallo spagnolo colorado, che significa colorato (di rosso), ed era stato dato all'inizio al fiume Colorado, le cui acque sono rosse quando scorre in fase di piena attraverso i terreni erosi dei canyon.

Storia[modifica | modifica sorgente]

I primi europei ad arrivare nella zona furono degli esploratori spagnoli nel XVI secolo. Erano in cerca di oro, ma non lo trovarono e lasciarono presto l'area senza tentare di colonizzarla. Nel 1682 l'esploratore francese Robert Cavalier reclamò per la Francia un'area che ora è il Colorado orientale. Nel 1705 Juan de Ulibarri, un ufficiale dell'esercito spagnolo, reclamò l'area per la Spagna.

Nel 1803 gli Stati Uniti comprarono dalla Francia gran parte dell'attuale Colorado come parte della Louisiana Purchase (tutta la parte ad oriente delle montagne Rocciose). Nei successivi vent'anni molti americani esplorarono l'area. Tra i primi ci fu Zebulon M. Pike, un ufficiale dell'esercito, che entrò in Colorado nel 1806. Il primo insediamento permanente fu il Bent's Fort, costruito nel 1833. Era usato come base anche dal famoso avventuriero Kit Carson. Nel 1821 il Messico strappò alla Spagna il controllo del Colorado occidentale. Durante la guerra tra Stati Uniti e Messico del 1846-1848 la zona passò sotto il controllo degli Stati Uniti.

Nel 1858 furono trovati diversi filoni d'oro vicino all'attuale Denver, e molti cercatori affluirono nella zona. Lo slogan "Pikes Peak or Bust" (arrivare a Pikes Peak o scoppiare) era usato per invogliare altri americani a diventare cercatori d'oro. Verso la fine del 1859 circa 100.000 persone si erano stabilite nell'area. Ci furono problemi con diverse tribù di Indiani, che avevano ricevuto tramite vari trattati diverse riserve. I cercatori d'oro ignorarono i trattati e istituirono quello che chiamarono il Jefferson Territory. Il Congresso non riconobbe questo territorio e creò il Colorado Territory nel 1861. Vi furono in seguito diversi scontri tra gli Indiani e le truppe governative, che culminarono nel massacro di Sand Creek, in cui vennero uccise diverse centinaia di uomini, donne e bambini della tribù dei Cheyenne.

Il 1º agosto 1876 il Colorado fu annesso all'Unione come 38º Stato. John L. Routt fu eletto come primo governatore.

Il 20 aprile 1914, nella cittadina di Ludlow, nel corso delle lotte dei minatori delle miniere del Colorado, avvenne il massacro di Ludlow: le guardie private dei Rockefeller, proprietari della "Colorado Fuel and Iron Company" uccisero almeno venti persone, fra cui dodici fra donne e bambini. È il momento più tragico della lotta dei minatori, che coinvolse fino a dodicimila lavoratori, e durò dall'autunno del 1913 fino al dicembre 1914.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Il Colorado è uno dei soli tre stati (gli altri sono Wyoming e Utah) i cui confini sono esclusivamente tracciati su meridiani e paralleli, sempre insieme col Wyoming è esattamente di forma rettangolare. Si va dal 37º al 41º parallelo Nord in latitudine, e dal meridiano 102°03' a quello 109°03' Ovest in longitudine (dal 25º al 32º meridiano ad ovest del meridiano di Washington D.C.).[2] Confina in un solo punto con l'Arizona, famoso per essere il punto di confine di 4 stati detto "Four Corners" (quattro angoli). È lo stato con la più alta quota media del territorio (2.073 m)[3]. È anche l'unico stato ad essere interamente al di sopra dei 1.000 m s.l.m. di quota. Il punto più basso (1.010 m) è dove il fiume Arikaree supera il confine Colorado-Kansas.

Ad est delle Montagne Rocciose meridionali c'è appunto un vastissimo altopiano (Colorado Eastern Plains), parte di quella regione degli altipiani (High Plains) che è la continuazione della regione delle Grandi Pianure. L'urbanizzazione di quest'area pianeggiante è molto diradata, ad eccezione delle zone lungo i fiumi South Platte e Arkansas e del corridoio della strada interstatale I-70, che attraversa tutto lo Stato da est ad ovest. Le piogge sono scarse, con una media di 300 - 450 millimetri l'anno. Ci sono fattorie irrigate, ma la maggior parte dello sfruttamento agricolo si basa su colture appositamente studiate per i terreni secchi (dryland farming), o per il pascolo e allevamento di bestiame (ranching).

I maggiori centri urbani dello Stato si trovano ad est del cosiddetto Front Range, la catena di monti che segna in maniera netta il confine tra il paesaggio montuoso dell'ovest e le pianure dell'est. In particolare, la popolazione si concentra lungo il corridoio della strada interstatale I-25 che attraversa tutto lo Stato da nord a sud, incrociandosi con la I-70 nei pressi di Denver.

Le Montagne Rocciose del Colorado presso la Contea di Boulder.

Ad ovest ci sono le Montagne Rocciose, i cui picchi maggiori sono Longs Peak, Mount Evans, Pikes Peak e Spanish Peaks vicino a Walsenburg nel sud. Quest'area presenta molte foreste ed è parzialmente urbanizzata. Lo sfruttamento delle foreste per il legname e per il pascolo è stato rallentato dall'urbanizzazione. Gli incendi delle foreste, seguiti alla grande siccità del 2002, hanno sconvolto quest'area.

Ad ovest del Front Range c'è lo spartiacque continentale. Più ad ovest c'è il Western Slope del Colorado, una regione montuosa ancor meno abitata del Front Range. Ad ovest dello spartiacque continentale le acque sono raccolte dal bacino del fiume Colorado e finiscono così nell'Oceano Pacifico.

Nella regione delle Montagne Rocciose vi sono numerosi ampi parchi e vasti bacini fluviali. A nord, ad est dello spartiacque continentale, c'è il North Park. Il North Park è bagnato dal North Platte River, che scorre verso nord fino al Wyoming. Poco più a sud ma ad ovest dello spartiacque continentale, c'è il Middle Park, attraversato dal fiume Colorado. South Park sta a monte del South Platte River. A sud, nella San Luis Valley, ci sono le sorgenti del Rio Grande, che poi scorre nel Nuovo Messico. Attraverso il massiccio montuoso del Sangre de Cristo Range, ad est della San Luis Valley, giace la Wet Mountain Valley. Tutti questi bacini, in particolare la San Luis Valley, giacciono lungo la spaccatura del Rio Grande e le sue ramificazioni.

Le Montagne Rocciose presentano decine di picchi al di sopra dei 4.000 m. La vegetazione è costituita da conifere, che possono arrivare fino ai 4.000 m nel sud dello Stato, e fino ai 3.200 m nel nord; al di sopra di queste quote resiste solo la vegetazione di tipo alpino. Le montagne sono innevate solo in inverno. Ad agosto si scioglie pressoché tutto, ad eccezione di qualche piccolo ghiacciaio. La "Cinta mineraria del Colorado" (Colorado Mineral Belt), che si estende dai Monti San Juan nel sud-ovest, verso Boulder e Central City nel Front Range, conserva la maggior parte degli storici distretti di miniere d'oro e d'argento del Colorado.

Modello digitale dell'orografia del Colorado; si noti come la metà orientale sia assolutamente pianeggiante

Nel sud vanno segnalati i Monti San Juan, una catena montuosa estremamente impervia, e ad ovest di questi, l'Altopiano del Colorado, un'area semidesertica in quota che prosegue nello Utah. Grand Junction è la maggiore cittadina del Western Slope ed è attraversata dalla I-70. A sud-est di Grand Junction c'è la Grand Mesa, la più grande montagna al mondo con cima piatta. Più ad est, grosso modo al centro dello Stato, vi sono le rinomate località sciistiche di Aspen, Vail, Crested Butte e Steamboat Springs. L'angolo nord-occidentale al confine con Utah e Wyoming è montuoso e spopolato.

Mount Elbert (4.399 m s.l.m.) è la cima più alta delle Montagne Rocciose, per la parte continentale degli Stati Uniti. Il famoso Pikes Peak ad ovest di Colorado Springs, nei giorni tersi, è visibile fin dalla zona al confine con il Kansas.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Il clima è in generale molto arido, con scarse precipitazioni piovose. Le estati sono calde e afose, con temperature che possono raggiungere facilmente i 40 gradi centigradi. In inverno il clima rimane mite nella parte Est, mentre nella parte Ovest più a ridosso delle Montagne Rocciose si hanno temperature medie di 6 °C e notevoli precipitazioni, inclusa la capitale Denver.

Il Colorado, tra Stati Uniti e Messico[modifica | modifica sorgente]

Dalla sorgente nel Wyoming alla foce nel golfo di California, il Colorado fornisce acqua agli Stati del Sud-Ovest (Arizona, Nuovo Messico, California, Nevada, Utah, Wyoming e Colorado). Per lungo tempo gli Stati Uniti hanno gestito e controllato le acque del Colorado, entrando in conflitto con i bisogni e gli interessi degli agricoltori e gli abitanti del Messico. A partire dal 1944 ebbe inizio una serie di negoziazioni e trattati. Fu così costruito un sistema di canalizzazione che garantì al Messico il 10% delle acque del fiume. Dagli anni settanta, però, i messicani fecero rilevare che l'acqua a loro destinata conteneva una grande concentrazione di fitofarmaci e un elevato tasso di salinità, tanto da non poter essere utilizzata né per consumi umani, né per l'irrigazione. La situazione non è ancora completamente risolta e i rischi di conflitto restano latenti.

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Contee del Colorado.

Lo stato è suddiviso in 64 contee.

Demografia[modifica | modifica sorgente]

Città[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lista delle città del Colorado.

La città più popolosa è la capitale Denver. L'area metropolitana di Denver-Aurora occupa il territorio di ben 5 contee ed è stimata in circa 2.400.000 abitanti nel 2007, vale a dire la metà esatta dell'intera popolazione dello Stato. Delle maggiori città dello Stato, solo Colorado Springs, Fort Collins e Pueblo non appartengono a questo grande agglomerato urbano.

Da una stima del 01-07-2007 queste sono le prime 10 città per numero di abitanti:

  1. Denver, 588.349
  2. Colorado Springs, 376.427
  3. Aurora, 311.794
  4. Lakewood, 140.305
  5. Fort Collins, 133.899
  6. Thornton, 110.880
  7. Arvada, 106.328
  8. Westminster, 106.195
  9. Pueblo, 103.805
  10. Centennial, 99.150

Religione[modifica | modifica sorgente]

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

Lo stato è servito dall'Aeroporto di Colorado Springs.

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Lo stato ospita la cittadina di South Park, anche location dell'omonima serie di culto.

Nel novembre del 1932, lo stato del Colorado abroga la legge, del 1919, che proibiva la fabbricazione, vendita, importazione e il trasporto di alcol negli Stati Uniti, un anno in anticipo rispetto alla promulgazione del XXI Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti.

Nel 2012, gli elettori, tramite referendum, hanno modificato la costituzione dello stato per permettere l'uso personale di marijuana a scopo ricreativo per gli adulti.[4] La legge regolamenta l'utilizzo della cannabis in un modo simile a quello dell'alcool. I primi negozi di marijuana a scopo ricreativo in Colorado, e per estensione negli Stati Uniti, hanno aperto le porte il 1º gennaio 2014.

Ambiente[modifica | modifica sorgente]

Parchi Nazionali:

Sport[modifica | modifica sorgente]

di squadra

Le franchigie del Colorado che partecipano al Big Four (le quattro grandi leghe sportive professionistiche americane) hanno tutte sede a Denver e sono:

Oltre ai Colorado Rapids della MLS, e i Colorado Mammoth della NLL.

motoristici

Dal 1916 in Colorado si disputa annualmente, in occasione del Giorno dell'Indipendenza degli Stati Uniti d'America, la Pikes Peak International Hill Climb, una celebre cronoscalata che nel panorama dell'automobilismo americano per data di fondazione è seconda solo alla 500 Miglia di Indianapolis (che si disputa dal 1911).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Resident Population Data. URL consultato l'11-1-2012.
  2. ^ An Act to provide a temporary Government for the Territory of Colorado (PDF), 36° Congresso degli Stati Uniti, 28 febbraio 1861]. URL consultato il 12 gennaio 2007.
  3. ^ www.census.gov 2004
  4. ^ [http://www.lastampa.it/2012/11/07/esteri/speciali/presidenziali-usa-2012/colorado-e-washington-legalizzano-la-marijuana-jmjNPqphmH3jtP6QahzwZK/pagina.html Colorado e Washington legalizzano la marijuana], La Stampa

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Stati Uniti d'America Portale Stati Uniti d'America: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Stati Uniti d'America