Alaska

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Alaska (disambigua).
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Alaska
stato federato
State of Alaska
Alaska – Stemma Alaska – Bandiera
(dettagli) (dettagli)
Localizzazione
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Amministrazione
Capoluogo Juneau
Governatore Sean Parnell (R) dal 2009
Data di istituzione 3 gennaio 1959
Territorio
Coordinate
del capoluogo
58°26′40″N 134°13′47″W / 58.444444°N 134.229722°W58.444444; -134.229722 (Alaska)Coordinate: 58°26′40″N 134°13′47″W / 58.444444°N 134.229722°W58.444444; -134.229722 (Alaska)
Altitudine 0 - 6194 m s.l.m.
Superficie 1 717 854 km²
Abitanti 731 449[1] (2012)
Densità 0,43 ab./km²
Contee 16 boroughs e 11 aree censuarie
Comuni 150 comuni
Stati federati confinanti Yukon (CA), Columbia Britannica (CA)
Altre informazioni
Fuso orario UTC-9, -10
ISO 3166-2 US-AK
Nome abitanti (EN) alaskan
Rappresentanza parlamentare 1 Rappresentante: Don Young (R)
2 Senatori: Lisa Murkowski (R), Mark Begich (D)
Soprannome The Last Frontier (L'ultima frontiera)
Motto North to the Future
Cartografia

Alaska – Localizzazione

Alaska – Mappa
Sito istituzionale

L'Alaska (/aˈlaska/, in inglese ascolta[?·info], [əˈlæskə]), italianizzato Alasca[2], è uno Stato federato degli Stati Uniti d'America. Situato nella estremità nordoccidentale del continente nordamericano, confina ad est con il Canada, a nord con il Mar Glaciale Artico e a ovest e a sud con l'oceano Pacifico.

Con un'estensione di 1 717 854 k è lo Stato più grande di tutta la federazione, esteso in un'area dieci volte più grande della superficie media degli altri 49 stati.[3] Nel 2012 la popolazione dello Stato era di 731 449 abitanti. Circa la metà di questi abitanti vivono nell'area metropolitana di Anchorage, centro principale dello stato. L'economia dell'Alaska è dominata dalle riserve di petrolio, gas naturale e dall'industria della pesca, risorse di cui dispone in abbondanza. Anche il turismo occupa una parte significativa dell'economia.

Anche se era stata occupata da migliaia di anni dalle popolazioni indigene, dal XVIII secolo in poi le potenze europee considerarono il territorio dell'Alaska pronto per essere sfruttato. Gli Stati Uniti hanno acquistato l'Alaska dalla Russia il 30 marzo 1867, per 7,2 milioni di dollari (120 milioni di dollari al netto dell'inflazione), a circa due centesimi per acro (4,74 $/km²). L'area ha attraversato diversi cambiamenti amministrativi prima di essere organizzata come un territorio l'11 maggio 1912. È stato ammesso come 49º stato degli Stati Uniti d'America il 3 gennaio 1959.

Il toponimo Alaska è derivato dalla parola alaxsxaq (ah-lòk-shok) che ha come significato "grande paese" o "terraferma" nella lingua degli Aleutini o Unangan (come essi si chiamavano nella propria lingua)[4].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le tipiche foreste dello Stato.

I primi abitanti dell'Alaska furono quei popoli che durante le ere glaciali raggiunsero l'America tramite lo stretto di Bering, reso percorribile grazie all'aumento delle acque ghiacciate. Furono tra questi i progenitori delle varie tribù amerinde dello Stato, ma è da ricordare che il passaggio fu sfruttato da tutti i progenitori delle civiltà precolombiane. Successivamente altre popolazioni, come gli inuit e gli Aleutini raggiunsero l'Alaska dal continente asiatico, probabilmente via mare. Fino all'800 alcune comunità aleutine e inuit vivevano nell'estremo oriente russo, e ancora oggi i discendenti degli inuit vivono a nord della Kamčatka.

In realtà dunque l'America non fu mai completamente isolata dall'Asia, e veniva continuamente raggiunta dalle popolazioni nomadi dell'estremo est asiatico. Tra i primi europei a raggiungere l'Alaska vi fu il danese Vitus Bering, che esplorò via mare, per conto dell'Impero russo, la zona sino al monte Saint Elias (1747).

America russa[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi America russa e Colonizzazione russa dell'America.

In seguito il territorio fu annesso all'Impero russo, che tuttavia lo colonizzò solo marginalmente (l'attività principale allora era la caccia alle lontre, alle foche e ad altri animali da pelliccia). Di fatto la regione divenne zona di commercio delle pellicce per le compagnie commerciali russe "Selikov" e "Golicov" che ebbero come base Kodiak dal 1784. Nel 1799 fu fondata la Compagnia russo-americana, autorizzata dallo zar Paolo I a commerciare fino al 52º parallelo nord. La regione rimase emarginata dalla vita politica ed economica dell'Impero russo: la maggior parte dei pochi russi che si trasferivano in Alaska preferiva tornare in Russia dopo essersi arricchiti.

Il commercio con gli indiani non era sempre pacifico, anzi molto spesso era basato sui ricatti degli europei nei confronti dei nativi, che rispondevano attaccando alcune piccole concessioni russe, con uno stato di guerra latente che si protraeva anche dopo la fine degli scontri. I nativi furono però definitivamente sconfitti verso la fine degli anni quaranta del XIX secolo. Agì come pacificatore dei conflitti l'attività dei missionari ortodossi, che riuscirono sia a convertire molti nativi, sia a convincere il governo locale russo a limitare le attività di saccheggio, ruberia e repressione armata nei confronti degli indigeni.

La colonizzazione russa dell'Alaska si scontrò con altri due colonialismi: quello britannico e soprattutto quello spagnolo. Inoltre i Russi cercarono di estendere il loro dominio anche più a sud, con il tentativo di installare una colonia in California durante gli anni dieci del XIX secolo: il progetto non ebbe esito positivo ed innervosì notevolmente le cancellerie spagnole.

Nel corso del Settecento alle rivendicazioni spagnole sull'Alaska fece seguito un viaggio esplorativo del navigatore italiano, al servizio iberico Alessandro Malaspina, che ripercorse la rotta del viaggio (forse leggendario) di Lorenzo Ferrer Maldonado, che nel tardo Cinquecento aveva cercato un passaggio a nord ovest partendo dal Messico. Questa spedizione, che il capitano di fregata prima e di vascello poi Malaspina comandava in qualità di commodoro, produsse una notevole mole di dati geografici, etnografici, botanici, naturalistici, geologici, e antropologici; questi lavori non sono ancora stati completamente pubblicati.

Acquisto dell'Alaska[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Acquisto dell'Alaska.

Nel 1867 gli Stati Uniti acquistarono l'Alaska dalla Russia per $ 7 200 000, (poco più di 4 dollari per k). L'acquisto, passato alla storia con il nome di Alaska Purchase, fu gestito dal Segretario di Stato William H. Seward e venne ratificato dal Senato statunitense il 9 aprile 1867. Il passaggio di sovranità avvenne il 18 ottobre dello stesso anno. Il fatto non entusiasmò molto l'opinione pubblica statunitense di allora, che considerava l'Alaska un territorio inospitale e del tutto inutile (venne soprannominata "Follia di Seward" e "Ghiacciaia di Seward"). Ogni anno l'ultimo lunedì di marzo si ricorda l'avvenimento con il Seward's Day e il 18 ottobre con l'Alaska Day.

Nel 1884 divenne un distretto dell'Oregon. Nel 1898 in Alaska venne scoperto l'oro: questo fatto provocò una vera e propria invasione di cercatori d'oro, tra cui anche lo scrittore Jack London, e di conseguenza anche la colonizzazione del territorio. Altro oro venne scoperto nel vicino Klondike, territorio canadese, e l'Alaska fu utilizzata come base di partenza per i cercatori, e questo favorì la crescita delle prime città e delle prime strade nell'entroterra della regione sud-orientale, come collegamento verso lo Yukon.

Divenuta territorio autonomo nel 1912, il 7 luglio 1958 il presidente Eisenhower firmò l'Alaska Statehood Act che rese l'Alaska uno Stato degli USA a tutti gli effetti, entrando nell'Unione come il 49º stato il 3 gennaio 1959.

Nel 1968 fu scoperto il più grande giacimento di petrolio e di gas naturale di tutto il Nordamerica, sfruttato pienamente a partire dal 1977, quando un oleodotto lungo circa 1 300 km collegò i giacimenti al porto di Valdez.

Nel 1976 fu creato l'Alaska Permanent Fund, un fondo che investe una porzione delle entrate minerarie dello stato, incluse le entrate del Trans-Alaskan Pipeline System, a beneficio di tutte le generazioni di Alaskani. Al giugno 2003, il valore del fondo ammontava a 24 miliardi di dollari.

Si è proposto più volte di realizzare un ponte o un tunnel attraverso lo stretto di Bering (85 km), ma sia per ragioni economiche che per ragioni strategico-militari questa idea non è mai stata portata avanti.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Dimensioni dell'Alaska confrontate con il resto degli Stati Uniti.

L'Alaska e le Hawaii sono gli unici due stati che non si trovano tra i 48 stati contigui degli Stati Uniti d'America. Inoltre l'Alaska è lo stato più esteso degli Stati Uniti (oltre 1 717 000 k).

La geografia dello Stato può essere schematizzata attraverso una suddivisione in regioni:

Grazie anche alle numerose isole, le coste dell'Alaska superano le 54 700 km di lunghezza. La serie di isole che si estende ad ovest della punta sudoccidentale dell'Alaska è nota come l'arcipelago delle Aleutine. Molte di queste isole ospitano vulcani attivi: per esempio, il monte Shishaldin (3 042 m) sull'isola di Unimak. La serie di vulcani raggiunge Mount Spurr, ad ovest di Anchorage, sulla terraferma.

In Alaska si trova il monte McKinley, la montagna più alta di tutto il Nordamerica, 6 194 metri.

Numerosi sono i fiumi e i laghi, tra questi ce ne sono più di tre milioni con una superficie di almeno 8 ettari. Gran parte del territorio dell'Alaska è gestito dal governo federale come foresta nazionale, parco nazionale, e rifugio naturale nazionale. Vi sono luoghi in Alaska che sono comune terreno pubblico demaniale (terreno del BLM) ma che sono probabilmente più spettacolari di molti parchi nazionali nei 48 stati. Molti dei parchi statali dell'Alaska sarebbero parchi nazionali se fossero in altri stati.

In gran parte dell'Alaska i servizi sono gestiti dalle cosiddette ANCSA corporations; le tredici più importanti operano a livello regionale, mentre ne esistono dozzine di locali.

Clima dell'Alaska[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Clima dell'Alaska.

L'Alaska ha un clima freddo che però si può suddividere in quattro aree:

  • la costa sud, in particolare Juneau (unica città in cui le massime medie di gennaio sono superiori a °C, media: −8 °C/1 °C) che gode delle condizioni più miti dello Stato (già Anchorage, sempre sulla costa sud, che è situata circa al 60º parallelo ha una media di gennaio di −3 °C/−13 °C; le medie di luglio sono sui 15 °C) ma che è anche l'area più nevosa per l'oceano che fa accumulare umidità: gli accumuli medi raggiungono e spesso superano di gran lunga il Québec e Hokkaidō (in cui cadono rispettivamente tra i 3, i 5 e i 7 metri) e in alcune parti arrivano a una media di 8 metri con copertura che va da 1–2 mesi di Juneau e la sua area e i 4–5 mesi dell'interno di Anchorage;
  • l'interno, che ha il clima che ci si aspetta dall'Alaska (Fairbanks ha una media di gennaio di −19 °C/−28,5 °C e di luglio di 12 °C/22 °C; tuttavia sono dati presi dal centro, dove vi è l'isola di calore urbana: altre località spesso sono più fredde e le medie di gennaio arrivano a −34 °C, più o meno quanto i più freddi luoghi dello Yukon, vicini ad Old Crow) in cui le medie mensili sono sotto zero 8 mesi all'anno e si registrano le temperature più basse (−62,1 °C a Prospect Creek[5], ma notizie non ufficiali riportano dati più bassi) e più alte (38 °C a Fort Yukon, che d'inverno scende spesso sotto i −40 °C); la copertura nevosa dura da 6 a 7–8 mesi e i fiumi sono liberi dai ghiacci solo 4 mesi;
  • la costa occidentale, che ha inverni freddi (stretto di Bering gelato) ed estati fresche;
  • la costa artica, in cui le medie di gennaio sono −23 °C e i −30 °C e di luglio tra i 4 °C e i 6 °C (Barrow, la punta nord, ha a febbraio −21 °C/−31 °C, a luglio 1 °C/5 °C): le precipitazioni sono scarsissime sui 200–250 mm l'anno, la maggior parte in estate, il mare è gelato da ottobre a giugno con temperatura massima di 1 °C, la copertura nevosa rimane da settembre a inizio giugno, ma i residui si vedono tutto l'anno.

In Alaska sono state registrate temperature da record come il già citato primato di Prospect Creek, Fairbanks −62 °C, Chandalar −59 °C, Fort Yukon −58 °C e Barrow −53 °C.

The Last Frontier
Uccello dello Stato: Pernice bianca nordica
Mammifero terrestre dello Stato: Alce
Mammifero marino dello Stato: Balena della Groenlandia
Pesce dello Stato: Salmone Reale
Insetto dello Stato: Libellula
Capitale dello Stato: Juneau
Fiore dello Stato: Nontiscordardimé
(Myosotis alpestris)
Motto dello Stato: "North To The Future"
Inno dello Stato: "Alaska's Flag"
Albero dello Stato: Peccio di Sitka
Fossile dello Stato: Mammut
Gemma dello Stato: Giada
Sport dello Stato: Dog Mushing

Economia[modifica | modifica sorgente]

Nel 2007 il prodotto interno lordo dell'Alaska è stato di 44 miliardi di $, che lo pone al 45º posto fra i 50 stati. Il reddito pro capite per l'anno 2007 è stato di 40 042 $ (15º negli Stati Uniti).

La pesca occupa un importante ruolo nell'economia dell'Alaska, e fornisce un ampio surplus destinato all'esportazione. In campo agricolo, a causa delle difficili condizioni climatiche, la produzione di latte e latticini, bestiame, verdure e vivai è appena sufficiente per il fabbisogno interno, tuttavia gran parte dei generi alimentari sono importati da regioni del mondo più adatte all'agricoltura. Anche l'industria manifatturiera è di proporzioni alquanto limitate, ed anche i prodotti non alimentari sono in gran parte importati. I costi delle importazioni sono molto elevati a causa delle spese di trasporto e questo contribuisce a tenere alto il costo della vita nonostante i sussidi governativi per gli abitanti dello Stato.

Tuttavia, gran parte degli abitanti lavora per il governo o nel campo dell'estrazione e del trasporto delle risorse naturali: petrolio greggio, gas naturale, carbone, oro, metalli preziosi, zinco ed altri minerali, legname e prodotti in legno. Un altro settore di impiego è in ambito militare a causa delle molte basi militari presenti nello stato. Il settore turistico è poco sviluppato ma in crescita grazie ai paesaggi naturali e alla possibilità di effettuare spettacolari escursioni.

In Alaska le comunicazioni sono assicurate in diverse maniere. La rete stradale non è molto sviluppata a causa della scarsità della popolazione, delle grandi distanze e della natura del suolo, per gran parte dell'anno ricoperto da ghiaccio o neve o formato da permafrost. Le strade sono presenti soprattutto nella parte meridionale dello Stato, la Alaska Highway unisce le città principali e lo stato al Canada. La capitale dello Stato non è collegata da strade e si può raggiungere solo tramite aerei o navi.

Sulla costa del Pacifico, molte località usufruiscono di un servizio navale per merci e passeggeri. Ancor più diffuso è il trasporto aereo, molte sono le linee aree locali e molto utilizzati sono gli idrovolanti che atterrano sui numerosi laghi.

Il mezzo di trasporto più usato nel periodo della corsa all'oro, la slitta trainati da cani, ormai è un mezzo folcloristico e sportivo. Molto popolare è la corsa con le slitte che si svolge a marzo per 1850 km tra Anchorage e Nome, la Iditarod Trail Sled Dog Race per ricordare l'impresa compiuta nel 1925 quando delle slitte riuscirono a raggiungere il piccolo villaggio di Nome per portare le medicine per combattere un'epidemia.

Tra i problemi della popolazione dell'Alaska bisogna ricordare l'alcolismo, causato soprattutto dall'isolamento di alcune comunità, dai lunghi periodi di buio invernale, dalle difficoltà negli spostamenti. In alcune zone l'alcol è addirittura vietato. L'alcolismo genera altri problemi quali l'alto numero di suicidi, le violenze domestiche e la sindrome alcolica fetale nei bambini dovuta all'abuso di alcol da parte di donne in gravidanza, che genera nei bambini disfunzione in alcuni organi, basso peso alla nascita, ritardo nello sviluppo, e in alcuni casi epilessia.

La condizione di essere "terra di frontiera", con limitate regole etiche e fortissimi interessi economici in ballo e, per i critici, anche con scarsi controlli, ha portato come conseguenza a diversi fenomeni di "disinvoltura economico-politica" nel paese, con casi di corruzione, sperpero, e finanziamenti ritenuti clientelari, (buona parte del territorio sconfinato è di diretta competenza statale, ed è stato ampiamente ed interessatamente concesso a grandi società private), è emblematica la figura del senatore Theodore Stevens (Zio Ted) coinvolto per decenni in tali generose concessioni; il ripetersi di tali fenomeni ha prodotto la definizione per l'Alaska, da parte degli altri Stati dell'Unione, di luogo della corruzione, e dello sperpero dei beni di proprietà comune. Nonostante la politica attuale dell'Alaska cerchi di limitare questi fenomeni, la consuetudine degli altri Stati dell'Unione di citare l'Alaska come luogo di eventi di questo tipo è ancora molto presente.

L'Alaska è l'unico stato degli Stati Uniti in cui è consentito il possesso per uso personale di circa 30 grammi di marijuana.

Demografia[modifica | modifica sorgente]

Secondo il censimento del 2000 la popolazione dell'Alaska è così divisa:

L'inglese è la lingua più parlata, dall'89,7% della popolazione, il 5,2% è ripartito tra le più di venti lingue indigene, segue lo spagnolo con il 2,9%.

Religione[modifica | modifica sorgente]

L'interno di una tipica chiesa ortodossa in Alaska.

L'Alaska, così come gli Stati del nord Pacifico, è tra i meno religiosi degli Stati Uniti. Secondo i dati raccolti dall'American Religious Identification Survey, le confessioni religiose sono così suddivise:

La relativamente elevata percentuale di ortodossi è dovuta alla colonizzazione russa e all'opera missionaria condotta tra gli indigeni alaskani.

Simboli[modifica | modifica sorgente]

  • Motto: North to the future
  • Soprannomi: L'ultima frontiera o Terra del sole di mezzanotte
  • Uccello dello Stato: pernice bianca, adottata dalla Legislatura Territoriale nel 1955
  • Pesce dello Stato: salmone reale, adottato nel 1962
  • Fiore dello Stato: nontiscordardimé nativo, adottato dalla Legislatura Territoriale nel 1917
  • Fossile dello Stato: mammuth lanoso, adottato nel 1986
  • Gemma dello Stato: giada, adottata nel 1968
  • Insetto dello Stato: libellula schiumaiola, adottata nel 1995
  • Mammifero dello Stato: alce, adottato nel 1998
  • Minerale dello Stato: oro, adottato nel 1968
  • Canzone dello Stato: Alaska's Flag
  • Sport dello Stato: dog mushing (gare di slitte trainate da cani), adottato nel 1972
  • Albero dello Stato: abete rosso di Sitka, adottato nel 1962

Città e cittadine importanti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lista delle città dell'Alaska.

La città più popolosa dell'Alaska è Anchorage, con una popolazione di 282 813 abitanti.

La lista delle città più estese (superficie del territorio municipale) degli Stati Uniti vede tre città dell'Alaska ai primi tre posti: nell'ordine Sitka, Juneau ed Anchorage (Jacksonville in Florida occupa il quarto posto in questa lista).

Città con più di 10 000 abitanti:

Città con meno di 10 000 abitanti:

Storie sull'Alaska[modifica | modifica sorgente]

Il racconto di T. Coraghessan Boyle Drop City (2003, ISBN 0-670-03172-0) racconta la storia di un gruppo di hippies che si trasferiscono in Alaska.

Marcia Simpson (2003) ha scritto tre libri che descrivono la vita in una piccola comunità costiera in Alaska: Rogue's Yarn (2003, ISBN 0-425-19198-2), Crow in Stolen Colors (2000, ISBN 1-890208-36-1) and Sound Tracks (2001, ISBN 1-890208-72-8).

James Michener scrisse Alaska.

Nelle terre estreme di Jon Krakauer è la storia vera di Christopher McCandless, un laureato e studente di successo che donò tutti i suoi risparmi (24 000 $) ad un'opera di carità e si trasferì nelle foreste dell'Alaska. 1997, ISBN 0-385-48680-4

Sulla vita di McCandless è stato realizzato il film del 2007 Into the Wild - Nelle terre selvagge ad opera di Sean Penn.

Pochi sanno che uno dei protagonisti della corsa all'oro in Alaska fu un emigrante italiano, Felice Pedroni, che nel 1902, dopo innumerevoli avventure, trovò l'oro nel Pedro creek. Con lui c'erano molti altri italiani.

Alaskani famosi[modifica | modifica sorgente]

La National Statuary Hall degli Stati Uniti d'America è parte del Campidoglio a Washington. Ogni stato ha selezionato uno o due cittadini particolarmente rappresentativi e fornito le loro statue. Dell'Alaska ci sono i suoi primi due senatori:

  • La prima donna eletta ad una carica statale fu Fran Ulmer, eletta Vice-Governatore nel 1994.

Personaggi di fantasia[modifica | modifica sorgente]

  • William T. Riker, primo ufficiale della nave stellare USS Enterprise dal 2364 al 2379, nasce nel 2335 a Valdez.

Cinema e televisione[modifica | modifica sorgente]

Videogiochi[modifica | modifica sorgente]

  • Solid Snake, protagonista della saga di Metal Gear Solid dopo la fine degli eventi di Zanzibar Land si rifugerà in Alaska vivendo in solitudine, ma verrà richiamato per una missione su Shadow Moses, un'immaginaria isola del vicino arcipelago delle Fox.
  • Alex Mason, protagonista del videogioco Call of Duty Black Ops, è nativo dell'Alaska.

Cantanti / poeti[modifica | modifica sorgente]

Anchorage: la città più popolosa

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Resident Population Data. URL consultato l'11 gennaio 2012.
  2. ^ DOP, «Alasca»
  3. ^ Valori presi da Stati degli Stati Uniti d'America per superficie e calcolati autonomamente.
  4. ^ I nomi degli Stati Uniti | Il Post
  5. ^ NOAA – NCDC – SCEC – Climatological Extremes for AK. URL consultato il 23 febbraio 2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Bandiera dell'Alaska Comuni dell'Alaska Bandiera statunitense

Adak · Akhiok · Akiak · Akutan · Alakanuk · Aleknagik · Allakaket · Ambler · Anaktuvuk Pass · Anchorage · Anderson · Angoon · Aniak · Anvik · Atka · Atqasuk · Barrow · Bethel · Bettles · Brevig Mission · Buckland · Chefornak · Chevak · Chignik · Chuathbaluk · Clark's Point · Coffman Cove · Cold Bay · Cordova · Craig · Deering · Delta Junction · Dillingham · Diomede · Eagle · Eek · Egegik · Ekwok · Elim · Emmonak · Fairbanks · False Pass · Fort Yukon · Galena · Gambell · Golovin · Goodnews Bay · Grayling · Gustavus · Haines · Holy Cross · Homer · Hoonah · Hooper Bay · Houston · Hughes · Huslia · Hydaburg · Juneau · Kachemak · Kake · Kaktovik · Kaltag · Kasaan · Kenai · Ketchikan · Kiana · King Cove · Kivalina · Klawock · Kobuk · Kodiak · Kotlik · Kotzebue · Koyuk · Koyukuk · Kupreanof · Kwethluk · Larsen Bay · Lower Kalskag · Manokotak · Marshall · McGrath · Mekoryuk · Mountain Village · Napakiak · Napaskiak · Nenana · New Stuyahok · Newhalen · Nightmute · Nikolai · Nome · Nondalton · Noorvik · North Pole · Nuiqsut · Nulato · Nunam Iqua · Nunapitchuk · Old Harbor · Ouzinkie · Palmer · Pelican · Petersburg · Pilot Point · Pilot Station · Platinum · Point Hope · Port Alexander · Port Heiden · Port Lions · Quinhagak · Ruby · Russian Mission · St. George · St. Mary's · St. Michael · St. Paul · Sand Point · Savoonga · Saxman · Scammon Bay · Selawik · Seldovia · Seward · Shageluk · Shaktoolik · Shishmaref · Shungnak · Sitka · Skagway · Soldotna · Stebbins · Tanana · Teller · Tenakee Springs · Thorne Bay · Togiak · Toksook Bay · Unalakleet · Unalaska · Upper Kalskag · Valdez · Wainwright · Wales · Wasilla · White Mountain · Whittier · Wrangell · Yakutat