Vitus Jonassen Bering

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vitus Jonassen Bering

Vitus Jonassen Bering (Horsens, 12 agosto 1681Isola di Bering, 19 dicembre 1741) è stato un esploratore danese, nato nello Jutland e morto ufficialmente di scorbuto, insieme ad altri 18 membri dell'equipaggio, nel mar di Bering, sull'isola che da allora porta il suo nome.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ufficiale di marina nel suo paese venne in seguito incaricato da Pietro il Grande di scoprire se l'America e l'Asia fossero collegate e nel 1728 scoprì lo stretto che ne reca il nome e che separa la Siberia dall'Alaska. Scoprì tra l'altro le Isole Aleutine.

Fu nel 1946 che alcuni cacciatori di pellicce rinvennero i resti del suo accampamento, si dice, in una baia dell'isola di Avatca in seguito chiamata isola di Bering. Solo nel 1991 una spedizione russo-danese cerca e trova i resti di Bering, li trasporta in Russia dove vengono studiati. Gli esami ai denti non hanno rinvenuto segni di scorbuto. Effettivamente il decorso della malattia era stato insolitamente rapido, ed era cominciata poco tempo dopo l'inizio del viaggio di ritorno dalla Alaska, quando verosimilmente Bering e i suoi compagni avevano ancora a disposizione alimenti freschi. Le cause della sua malattia sono quindi sconosciute.

Il medico e naturalista tedesco Georg Wilhelm Steller redasse un diario della spedizione e fu uno dei pochi uomini che tornarono vivi in Europa.

Letteratura[modifica | modifica sorgente]

Lo scrittore austriaco Konrad Bayer scrisse una biografia sull'esploratore, ricca di numerose digressioni, dal titolo La testa di Vitus Bering.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 4938639 LCCN: n50007501

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie