Oklahoma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Oklahoma (disambigua).
Oklahoma
stato federato
State of Oklahoma
Oklahoma – Stemma Oklahoma – Bandiera
(dettagli) (dettagli)
Dati amministrativi
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Capoluogo Oklahoma City
Governatore Mary Fallin (R) dal 2011
Data di istituzione 16 novembre 1907
Territorio
Coordinate
del capoluogo
35°28′56.28″N 97°32′06.72″W / 35.4823°N 97.5352°W35.4823; -97.5352 (Oklahoma)Coordinate: 35°28′56.28″N 97°32′06.72″W / 35.4823°N 97.5352°W35.4823; -97.5352 (Oklahoma)
Altitudine 88 - 1516 m s.l.m.
Superficie 181 195 km²
Abitanti 3 751 351[1] (1-7-2010)
Densità 20,7 ab./km²
Contee 77 contee
Comuni 582 comuni
Stati federati confinanti Colorado, Kansas, Missouri, Arkansas, Texas, Nuovo Messico
Altre informazioni
Fuso orario UTC-6
ISO 3166-2 US-OK
Nome abitanti oklahoman
Rappresentanza parlamentare 5 Rappresentanti: 5 R
2 Senatori: Jim Inhofe (R), Tom Coburn (R)
Soprannome Sooner State
Motto Labor omnia vincit
Localizzazione

Oklahoma – Localizzazione

Oklahoma – Mappa
Sito istituzionale

L'Oklahoma è uno stato federato situato nella parte meridionale degli Stati Uniti. Con una popolazione stimata intorno ai 3.617.316 nel 2007 e una superficie di 177,847 km², l'Oklahoma è il 28º stato più popoloso e il 20° più grande. Il nome deriva dalle parole Choctaw okla e humma, che letteralmente significano "persona rossa"; negli Stati Uniti è anche conosciuto con il soprannome di The Sooner State. Nato dall'unione tra il Territorio dell'Oklahoma e il Territorio indiano, il 16 novembre 1907, l'Oklahoma fu il 46º stato ad entrare nell'unione. I suoi abitanti sono noti con il nome di Oklahomans e la città più popolosa, nonché la capitale, è Oklahoma City, il che rende l'Oklahoma l'unico stato a condividere il suo nome con il nome della capitale. Maggior produttore di gas naturale, petrolio e prodotti agricoli, l'Oklahoma basa la sua economia su energia, telecomunicazioni e biotecnologie, rendendolo uno degli stati con il più rapido sviluppo economico, tra i primi posti per reddito dei suoi cittadini e per crescita del PIL. Oklahoma City e Tulsa sono il fulcro della vita economica dello stato in quanto circa il 60% della popolazione vive in queste due aree metropolitane.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il nome Oklahoma, deriva dalle parole Choctaw, okla homma, che letteralmente significa "terra delle persone rosse".[2] Allen Wright fu il primo a suggerire il nome nel 1866, durante i trattati con il governo federale riguardo alle sorti del territorio indiano, che doveva essere totalmente controllato dagli Stati Uniti. Equivalente alla parola inglese indiano, okla humma era una parola usata dalle tribù indiane per descrivere le popolazioni che vivevano nella zona. In seguito, Oklahoma divenne di fatto il nome assegnato a tutto il territorio, e venne adottato ufficialmente nel 1890, due anni dopo l'inizio della colonizzazione da parte dei bianchi.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

L'Oklahoma, con una superficie di 181,035 km², è il 20º stato più esteso della nazione, con 177847 km² di terra e 3,188 km² coperti dall'acqua[3]. fa parte dei sei stati che compongono la cosiddetta Frontier Strip e si trova in parte nella regione delle Grandi Pianure vicino al centro geografico degli Stati Uniti continentali. Confina a est con l'Arkansas e il Missouri, a nord con il Kansas e il Colorado, a ovest con il Nuovo Messico e a sud con il Texas.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Il Wichita Canyon

L'Oklahoma è situato tra l'Altopiano d'Ozark e le Grandi Pianure, nella linea dello spartiacque del Golfo del Messico. Generalmente i corsi d'acqua si dirigono dalle zone più elevate nelle grandi pianure lungo il confine occidentale verso le zone umide lungo il confine sud-orientale. Il punto più alto dello Stato è il Black Mesa, che si innalza fino a 1.516 m s.l.m. nella zona dell'Oklahoma Panhandle. Il punto più basso dello Stato invece è lungo Little River (confine sud orientale), nei pressi della città di Idabel, ad un'altitudine di 88 m s.l.m. La metà orientale e quella occidentale sono segnate da profonde differenze geografiche: la metà occidentale è caratterizzata dalla presenza di molti alberi, mentre nella parte orientale sono presenti 8 ecoregioni distinte. L'Oklahoma ha 4 catene montuose principali: i Monti Ouachita, i Monti Arbuckle, i Monti Wichita e l'Altopiano d'Ozark. Contenuti all'interno della regione della U.S. Interior Highlands, i monti Ozark e Ouachita rappresentano l'unica grande regione montuosa tra le Montagne Rocciose e gli Appalachi. Una parte delle Flint Hills si estende lungo la parte centro-settentrionale dello Stato, e nell'angolo sud orientale dallo stato la Cavanal Hill è considerata dal dipartimento del turismo dell'Oklahoma la collina più alta del mondo con un'altezza di 609 m s.l.m., un metro in meno rispetto alla definizione standard di montagna. La presenza di piccole pianure, interrotte dalla presenza di brevi catene montuose come le Antelope Hills e i Monti Wichita, è caratteristica dell'Oklahoma sud-occidentale, mentre la parte centrale dello Stato è coperta da boschi e piccole praterie.

Flora e fauna[modifica | modifica sorgente]

Una popolazione di bisonti americani

L'Oklahoma è coperto da foreste per circa il 17% del territorio delle quali oltre la metà sono utilizzate per produrre legname, una risorsa economica importante soprattutto per la regione orientale dello Stato. Per la maggior parte si tratta di foreste private e il legno viene utilizzato per costruzioni, produzione di carta e come combustibile. Gli alberi più diffusi sono il Pino Loblolly (pinus taeda), il Pino Shortleaf (pinus echinata), la Quercia e il Cedro rosso. Il resto del territorio è caratterizzato soprattutto da ampie distese di erba tanto da meritare all'Oklahoma il nomignolo di Stato dell'erba corta (short grass state). Nel nordovest sono frequenti i cactus caratterizzati da fiori rossi e gialli. Più rara l'orchidea frangiata (Platanthera leucophaea) dichiarata nel 2003 fra le specie vegetali a rischio di estinzione.

Una vista dei Monti Glass in uno dei parchi nazionali dell'Oklahoma

Clima[modifica | modifica sorgente]

Il clima dell'Oklahoma è famoso per la formazione dei temporali.

L'Oklahoma durante la stagione primaverile ed estiva è spesso colpito da temporali di grande intensità, questi possono generare tornado altamente distruttivi. Questo fenomeno meteorologico da molti anni è studiato da veri e propri professionisti, prendono il nome di Storm chasers.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Visitato da Francisco Vázquez de Coronado nel 1540, conteso fra Spagna e Francia, il territorio fu ceduto dai francesi agli Stati Uniti nel 1803 (Louisiana Purchase). Abitato da diverse tribù di amerindi, dal 1819 cominciano ad esservi condotte le varie tribù di nativi allontanate dalla colonizzazione bianca dall'est americano (Cherokee, Creek, Choctaw, Ponca, Osage, Cheyenne, Arapaho, Caddo, Wichita, Delaware, Kiowa, Comanche, Apache, Potawatomi, Shawnee, Kickapoo, Iowa, Fox, Pawnee, Tonkawa, Missouri, Miami, Ottawa, Peoria, Modoc, Seneca, ecc. Utilizzato come riserva indiana (1830), gran parte del territorio fu assegnato alle cosiddette "Cinque tribù civilizzate". L'occasione per colonizzare anche questa regione fu data dalla Guerra di Secessione americana. Infatti, molte tribù dell'Oklahoma possedevano schiavi e parteggiarono per i Confederati sudisti. Con la sconfitta, tali tribù furono private di gran parte della regione occidentale del territorio che fu data ad altre tribù ed in parte agli europei. Fu però con la costruzione della ferrovia (1870-1872) che fu facilitata la grande penetrazione dei coloni bianchi. Nel 1889 il presidente Harrison fece assegnare una larga striscia del territorio a 20.000 coloni.

Per favorirne ulteriormente la colonizzazione, nel 1893 fu indetta la cosiddetta corsa alla terra dell'Oklahoma, a cui parteciparono circa 100.000 persone per il possesso di 42.000 poderi. Molti partecipanti alla corsa, contravvenendo alle regole della stessa, si accaparrarono in anticipo gli appezzamenti, da qui il soprannome The Sooner State, lo Stato di quelli che arrivarono presto (soon in inglese). Il territorio fu allora suddiviso in due parti: il Territorio indiano e quello dell'Oklahoma, divenendo nel 1906 un unico stato. Il 16 novembre 1907 divenne il 46º stato dell'unione.

Verso il 1920 la tribù degli Osage raggiunse il più alto reddito pro capite del mondo, in seguito alla scoperta dei giacimenti di petrolio nella loro terra.

Sport[modifica | modifica sorgente]

A causa della devastazione di New Orleans nel 2005, la squadra di NBA New Orleans Hornets cambiò sede da New Orleans a Oklahoma City.

Gli Hornets sono stati la prima squadra professionistica a giocare, seppur temporaneamente, nello stato. Oggi vi risiedono gli Oklahoma City Thunder.

Le squadre di baseball militanti nei campionati minori sono:

Altre squadre di Oklahoma City sono:

Altre squadre di Tulsa sono:

Altre squadre di Enid sono:

Politica[modifica | modifica sorgente]

Lo Stato dell'Oklahoma fa parte dell'Unione federale degli Stati Uniti d'America, è dotato di un proprio parlamento e di un proprio governatore. L'Oklahoma mantiene la pena di morte, che viene effettuata tramite iniezione letale. L'Oklahoma è suddiviso in contee e la capitale è Oklahoma City. Lo Stato confina con Texas, Nuovo Messico, Colorado, Kansas, Missouri e Arkansas.

Istituzioni Governative[modifica | modifica sorgente]

Il sistema istituzionale dell'Oklahoma è suddiviso in due camere: un Senato ed una Camera. Il senato è composto da 48 parlamentari con incarico della durata di quattro anni, la Camera è composta da 101 parlamentari con un incarico della durata di due anni. Ogni eletto non può prestare servizio con un seggio nel parlamento statale per più di dodici anni cumulativi tra Camera e Senato.

Al titolo di Governatore dello Stato c'è Mary Fallin (R)

Suddivisione Amministrativa[modifica | modifica sorgente]

Lo stato dell'Oklahoma è suddiviso in 77 contee locali.

Città[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lista delle città dell'Oklahoma.

La città più popolosa è la capitale Oklahoma City, altra grande città è Tulsa. Il 58% degli abitanti dello Stato vive nelle aree metropolitane di queste due città. Solo Lawton ed Enid, tra le prime città per numero di abitanti, non fanno parte di questi due agglomerati.

Da una stima del 01-07-2007 queste sono le prime 10 città per numero di abitanti:

  1. Oklahoma City, 547.274
  2. Tulsa, 384.037
  3. Norman, 106.707
  4. Lawton, 91.568
  5. Broken Arrow, 90.714
  6. Edmond, 78.226
  7. Midwest City, 55.935
  8. Moore, 51.106
  9. Enid, 47.008
  10. Stillwater, 46.796

Demografia[modifica | modifica sorgente]

Religione[modifica | modifica sorgente]

Personaggi noti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Resident Population Data. URL consultato l'11-1-2012.
  2. ^ Mario Pei, La meravigliosa storia dei nomi di luogo e di persona in La meravigliosa storia del linguaggio, Sansoni, 1952, p.39.
  3. ^ Land and Water Area of States, 2000, Information Please, 2000. URL consultato il 22 novembre 2006.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

governo

Turismo e svago

Storia e cultura

Mappe e demografia

Stati Uniti d'America Portale Stati Uniti d'America: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Stati Uniti d'America