Norvegesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Norvegesi
nordmenn
Norvegesinordmenn
Alcuni norvegesi famosi (dall'alto, da sinistra a destra): Olaf II di Norvegia, Peter Tordenskjold, Niels Henrik Abel, Frederik Stang; Henrik Ibsen, Edvard Grieg, Fridtjof Nansen, Edvard Munch; Roald Amundsen, Eivind Groven, Liv Ullmann, Ole Gunnar Solskjær; Märtha Louise di Norvegia, Mette-Marit di Norvegia, Siv Jensen, Lisa-Mari Moen Jünge.
Luogo d'origine {{{regione}}}
Popolazione ~12 milioni
Lingua Norvegese
Religione Chiesa Evangelica Luterana di Norvegia (83%), sebbene la secolarizzazione sia molto forte.
Gruppi correlati Svedesi, Finlandesi, Islandesi, Danesi, Faroesi, Olandesi, Tedeschi, Britannici, Normanni, Bretoni.
Distribuzione
Norvegia Norvegia[1] 4 135 400
Stati Uniti Stati Uniti[2] ~4 500 000
Canada Canada[3] 432 515
Svezia Svezia[4] 44 773
Spagna Spagna[5] ~20 000
Danimarca Danimarca[6] 15 782
Australia Australia[7] ~15 000
Regno Unito Regno Unito[8] 10 000
Germania Germania[9] 6 251
Giappone Giappone[10] 452
Islanda Islanda[11] 301
Fær Øer Fær Øer 97

I Norvegesi (in lingua norvegese nordmenn) sono un gruppo etnico dell'Europa settentrionale, diffuso prevalentemente in Norvegia, nei Paesi scandinavi e, in seguito alla diaspora del XIX secolo e dei primi del XX secolo, nell'America settentrionale. I norvegesi e i loro discendenti si trovano nelle comunità di migranti di tutto il mondo, in particolare negli Stati Uniti, Canada, Australia e Brasile.

I norvegesi parlano come lingua madre il norvegese, appartenente alla famiglia delle lingue germaniche. La religione prevalente è il Luteranesimo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia della Norvegia, Popoli germanici e Storia della Scandinavia.

Verso la fine del III millennio a.C., i popoli di lingua protoindoeuropea e della cultura dell'ascia da combattimento migrarono verso la Norvegia portando con se cavalli domestici, agricoltura, bestiame e la tecnologia della ruota nella regione.

Durante l'Epoca vichinga, Harald Bellachioma unificò i regni Norvegesi nel Regno di Norvegia, dopo aver vinto nella battaglia di Hafrsfjord negli anni 880. Due secoli di Espansione vichinga portarono al declino del paganesimo norreno con l'adozione del cristianesimo nel corso dell'XI secolo. Durante la Peste nera, circa il 60% della popolazione morì e nel 1397 la Norvegia entrò in un'unione con la Danimarca che venne chiamata Unione di Kalmar.

Nel 1814, dopo la sconfitta della Danimarca-Norvegia, durante le guerre napoleoniche, la Norvegia entrò in un'unione con la Svezia e adottò una nuova costituzione. Il nazionalismo aumentò per tutto il XIX secolo e portò ad un referendum nel 1905 dove la Norvegia guadagnò l'indipendenza. Anche se la Norvegia rimase ufficialmente neutrale durante la Prima guerra mondiale, il paese fu ufficiosamente alleata con le potenze dell'Intesa. Nella Seconda guerra mondiale, la Norvegia proclamò la sua neutralità, ma venne comunque occupato per cinque anni da parte della Germania nazista (1940-1945). Nel 1949, la neutralità venne abbandonata e la Norvegia divenne membro della NATO. La scoperta di petrolio e gas naturale nel Mare del Nord alla fine degli anni sessanta potenziarono l'economia della Norvegia, ma, in dei referendum tenuti nel 1972 e nel 1994, la Norvegia respinse l'adesione all'UE.

Distribuzione Geografica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Diaspora norvegese.

Come per molte delle persone provenienti dai paesi europei, i norvegesi sono sparsi in tutto il mondo. Ci sono più di 100.000 cittadini norvegesi che vivono all'estero in modo permanente, per lo più negli Stati Uniti, Regno Unito e negli altri paesi scandinavi. Una volta che si rinuncia alla cittadinanza norvegese, si cessa di essere norvegesi. Nonostante questo, alcune persone scelgono di continuare a vedere se stessi come aventi legami etnici o culturali in Norvegia, in quanto tali, essi possono includere la parola "norvegese" nella loro personale descrizione (per esempio, negli Stati Uniti, si definiscono Norvegesi-americani).

Epoca vichinga[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Vichinghi, Epoca vichinga, Espansione vichinga, Normanni e Variaghi.

I Vichinghi norvegesi viaggiarono a nord e ad ovest e fondarono numerose comunità nelle Isole Faroe, Shetland, Orcadi, Islanda, Irlanda, Scozia e Inghilterra settentrionale . Essi hanno condotto ampie incursioni in Irlanda e fondarono, tra le altre, le città di Cork, Dublino e Limerick. Nel 947, una nuova ondata di Vichinghi norvegesi arrivò in Inghilterra , quando Erik il sanguinario conquistò la città di York. Dall'VIII secolo in poi, vichinghi norvegesi e danesi, il più famoso dei quali fu Rollone, si stabilirono in Normandia e iniziò così la tradizione dei Normanni (uomini del nord), che si spostarono anche in Inghilterra, soprattutto dopo la Battaglia di Hastings del 1066, la Sicilia e le altre isole del Mediterraneo. A parte la Gran Bretagna e l'Irlanda , i vichinghi norvegesi crearono principalmente insediamenti in regioni in gran parte disabitate. Il primo colono norvegese permanente a noi noto in Islanda fu Ingólfur Arnarson. Nell'anno 874 si stabilì a Reykjavík. Dopo la sua espulsione dall'Islanda Erik il Rosso scoprì la Groenlandia, un nome che scelse nella speranza di attirare coloni islandesi . Insediamenti vichinghi sono stati ritrovati nei fiordi riparati della costa meridionale e occidentale. Leif Eriksson, parente di Erik, pare che abbia scoperto il Nord America.

Lingua[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lingua norvegese e Lingue germaniche settentrionali.

Il norvegese è una lingua germanica del Nord con circa 5 milioni di parlanti, dei quali la maggior parte si trova in Norvegia. Ci sono anche alcuni madrelingua norvegesi in Danimarca, Svezia, Germania, Gran Bretagna, Spagna, Canada e Stati Uniti, dove si trova la più grande comunità di norvegesi, con 55.311 persone che dichiaravano di parlare il norvegese nel 2000, circa la metà dei parlanti vivono in Minnesota (8.060), California (5.865), Washington (5460), New York (4200), e Wisconsin (3520).[12]

Nel 2006, in Canada, c'erano 7.710 madrelingua norvegesi, dei quali 3.420 risiedono nella British Columbia, 1.360 nell'Alberta, e 1.145 in Ontario.[13]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ [1]
  2. ^ Dati aggiornati al 2000, perlopiù di discendenza norvegese.
  3. ^ Dati aggiornati al 2006.
  4. ^ Dati aggiornati al 2005.
  5. ^ Dati aggiornati al 2005.
  6. ^ Dati aggiornati ad ottobre 2005.
  7. ^ Media effettuata su dati aggiornati al 2003.
  8. ^ Numero di persone registrate come residenti presso l'Ambasciata norvegese locale.
  9. ^ Dati aggiornati al 2003.
  10. ^ Dati provenienti dal Ministero degli Affari esteri giapponese.
  11. ^ Dati aggiornati al 2006.
  12. ^ U.S Census 2000
  13. ^ http://www12.statcan.ca/census-recensement/2006/dp-pd/tbt/Rp-eng.cfm?TABID=1&LANG=E&APATH=3&DETAIL=0&DIM=0&FL=A&FREE=0&GC=0&GK=0&GRP=1&PID=89186&PRID=0&PTYPE=88971,97154&S=0&SHOWALL=0&SUB=0&Temporal=2006&THEME=70&VID=0&VNAMEE=&VNAMEF=

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]