Oddone di Savoia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando informazioni sull'omonimo principe di Savoia e duca di Monferrato, vedi Oddone Eugenio Maria di Savoia.
Oddone
Conte di Savoia
Stemma
In carica 1051 –
1057
Predecessore Amedeo I di Savoia
Successore Pietro I di Savoia
Nascita 1023
Morte 1057
Sepoltura Duomo di Torino
Casa reale Savoia
Padre Umberto I Biancamano
Madre Ancilia d'Aosta
Consorte Adelaide di Susa
Figli Pietro
Amedeo
Berta
Adelaide
Oddone
Contea di Savoia
Branca comitale dei Savoia

Arms of the House of Savoy.svg

Amedeo I (1047-1051)
Oddone I (1051-1057)
Pietro I (1057-1078)
Amedeo II (1078-1080)
Umberto II (1080-1103)
Amedeo III (1103-1148)
Umberto III (1148-1189)
Tommaso I (1189-1233)
Amedeo IV (1233-1253)
Tommaso II (1253-1259)
Bonifacio I (1253-1263)
Pietro II (1253-1268)
Filippo I (1268-1285)

Oddone di Savoia (10231057) , divenne conte di Savoia e conte d'Aosta e Moriana alla morte del fratello Amedeo I (dopo il 1051). Fu figlio secondogenito di Umberto I Biancamano e di Ancilla dei conti del Vallese. Si hanno scarsissime notizie di lui, e anche le date di nascita (o 1010, o 1020) e di morte (o 1056, o 1060) sono incerte. È il capostipite dei Savoia in Italia[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ereditato il potere dal padre, lo ampliò grazie al matrimonio nel 1045 con Adelaide, marchesa di Torino e di Susa, titolo che aveva ereditato dal padre Olderico Manfredi. Fu questo matrimonio con Adelaide a decidere i destini dei Savoia.

Fino a quel momento essi si erano impegnati ad espandersi soprattutto al di là delle Alpi ma ora iniziarono la loro opera di espansione in Italia. Oddone aggiunse ai possedimenti ereditati dal padre la vasta marca di Torino.

La Marca comprendeva, oltre alla contea di Torino, anche le contee di Alba, di Albenga, di Asti e di Ventimiglia. Così l'unione tra Oddone e Adelaide fu particolarmente proficua: l'estensione dei loro domini, avendo stretto insieme le forze, era davvero ragguardevole dominando, nel complesso, territori aventi la dimensione di un regno anche se vari piccoli domini vi s’interponevano, e qui si incontrava un marchesato, qua un ducato, là una contea appartenenti a feudatari minori.

Dalla moglie Adelaide ebbe cinque figli:

  • Pietro, primo successore di Oddone di Savoia
  • Amedeo, che succederà al fratello Pietro
  • Berta, che sposò a quattordici anni Enrico IV re e poi imperatore di Germania (fu ad egli promessa sposa già all'età tre anni)
  • Adelaide (come la madre), che divenne moglie di Rodolfo, duca di Svezia
  • Oddone, erroneamente considerato Vescovo di Asti[2]

Oddone di Savoia morì giovane (probabilmente nel 1057) e lasciò tutti i figli pressoché bambini affidati alla moglie poco più che quarantenne; tutt'oggi la sua salma riposa nella Cattedrale di San Giovanni Battista a Torino. Adelaide di Torino, oltre che al marito, sopravvisse anche ai figli e mantenne di fatto il potere fino alla morte, avvenuta nel 1091, 31 anni dopo quella del marito. Ricca e potente, aveva anche una grande attitudine a governare.

Assidua corrispondente di papi e letterati, Adelaide nei panni della suocera fece paura persino all'imperatore Enrico IV, minacciandolo di chiudergli il valico del Moncenisio se quello avesse ripudiata la moglie Berta, che ben poco aveva della grinta materna. Infatti quando l'imperatore aveva dovuto marciare verso Roma, era stato costretto a chiederle il passaggio attraverso le sue terre. Adelaide non glielo aveva negato: si era limitata a chiedere in compenso del favore, una provincia transalpina che andasse ad arricchire i suoi possedimenti.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Cinti, Decio, I Savoia dalle origini della dinastia ai nostri giorni. Cenni biografici e storici con numerose illustrazioni, Casa Editrice Sonzogno, Milano 1929.
  • Savoia, Maria José di, Le origini di Casa Savoia, Oscar Storia Mondadori, Milano 2001.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ AA.VV., Arduinici in Enciclopedia Italiana, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
    «Oddone di Savoia, figlio del conte Umberto Biancamano; e da queste fauste nozze ebbe inizio la storia della casa di Savoia nel nostro paese».
  2. ^ Ludovico Vergano, Storia di Asti, parte I, Asti 1951. Oddone III o Ottone, filoimperiale, partigiano dell'antipapa Clemente III, venne considerato da molti storici come il figlio di Adelaide, ma anzi ne fu un acerrimo nemico e la combatté con l'aiuto degli astigiani per recuperare i territori della diocesi di Asti.
    Alla morte di Adelaide, il vescovo ottenne la carica di conte della città di Asti direttamente da Enrico IV
Predecessore Conte di Savoia Successore Coat of arms of the House of Savoy (early).svg
Amedeo I 1051 - 1057 Pietro

Controllo di autorità VIAF: 89999028