Assedio di Famagosta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Famagosta
parte della guerra di Cipro
Mappa di Famagosta a fine Cinquecento
Mappa di Famagosta a fine Cinquecento
Data 22 agosto 1570 - 4 agosto 1571
Luogo Famagosta
Esito Vittoria ottomana
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
7.000 uomini 200.000 uomini, 150 navi
Perdite
6.000 uomini 80.000 uomini
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

L'assedio della città di Famagosta da parte degli Ottomani ai danni della Repubblica di Venezia fu la battaglia decisiva che permise ai Turchi di impossessarsi dell'intera isola di Cipro; l'assedio durò quasi un anno, dal 22 agosto 1570 al 4 agosto 1571.

L'assedio[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 agosto 1570 la città di Famagosta venne assediata dall'imponente flotta turca ottomana capitanata da Lala Kara Mustafa Pascià. I veneziani erano guidati da Marcantonio Bragadin e da Astorre Baglioni.

Appena iniziato l'assedio, verso metà ottobre, il comandante ottomano Lala Mustafà invitò gentilmente il governatore della città Bragadin ad arrendersi, donandogli anche un carniere di pernici, ma questi rifiutò sia l'"invito" che il carniere. Vedendosi rifiutato il proprio invito, il generale turco s'irritò passando quindi a modi "meno cortesi": inviò l'ordine di resa immediata insieme alla testa mozzata e in fase di putrefazione di Niccolò Dandolo, governatore di Nicosia. Questo non spaventò né Bragadin né Baglioni, i quali, dopo aver fatto seppellire con le dovute onoranze funebri la testa del malcapitato, decisero di non arrendersi.

Famagosta aveva un ottimo sistema difensivo: si affacciava al mare ed era protetta da un muro di cinta dotato di quattro bastioni e a sua volta la cinta muraria era protetta da un ampio e profondo fossato. Questo però non poteva resistere all'enorme esercito ottomano, e per giunta in continuo incremento d'unità, che stringeva sotto assedio la piccola città veneziana. A peggiorare la situazione dei veneziani s'aggiunse pure la scarsità di derrate alimentari in giacenza.

I primi attacchi vennero condotti dai giannizzeri, che però furono respinti dalla cavalleria veneziana. Vedendo la futilità di questo tipo d'attacco, Lala Mustafà decise di cambiare tattica e di far uso dell'artiglieria: con 25 cannoni e 4 basilischi iniziò a bombardare la città.

Data la loro colossale inferiorità numerica, gli assediati, dal canto loro, non potevano fare altro che resistere con la speranza che da un momento all'altro avrebbero visto giungere in loro aiuto rinforzi da Venezia. Nel frattempo Bragadin e il comandante delle truppe Astorre Baglioni seppero sfruttare al meglio le poche truppe di cui disponevano e il sistema fortificato sul quale si appoggiavano: riuscirono a resistere per tutto l'inverno, in grazia principalmente della loro controbatteria e delle incursioni a sorpresa che effettuavano al di fuori delle mura nell'accampamento degli assedianti.

Tutto questo non fece altro che irritare maggiormente il generale turco, il quale temeva un'altra rovinosa sconfitta come quella subita durante l'Assedio di Malta avvenuto cinque anni prima; un altro insuccesso militare avrebbe compromesso la sua carriera e forse anche la sua stessa vita. Quindi chiese ulteriori rinforzi e dopo due mesi riuscì ad incrementare il proprio esercito assediante raggiungendo le 250.000 unità.

Il 26 gennaio 1571 giunsero a Famagosta 16 galee veneziane guidate da Marcantonio Querini, non per offrire supporto militare contro il nemico, bensì solo per rifornimento di viveri e di nuove truppe, circa 1.600 uomini: tra questi rimase a combattere anche il figlio di Gianantonio Querini, Marcantonio. Un successivo rifornimento di 800 fanti arrivò in marzo.

Agli inizi di aprile l'esercito turco riprese l'attività bellica (per tutto l'inverno non vi furono attacchi militari, ma venne solamente mantenuto l'assedio). Nel frattempo gli ottomani avevano posizionato nuova artiglieria e scavato nuove trincee, in tutto 85 cannoni più alcuni grossi basilischi di bronzo. Riprese quindi anche il bombardamento sulla città, la quale ormai era ridotta a un cumulo di macerie.

Verso fine luglio 1571 Mustafa Pascià, che aveva da poco perso il figlio in battaglia, ordinò il più pesante bombardamento dall'inizio dell'assedio: la torre nord venne in gran parte demolita. Ormai le mura non erano più in grado di resistere e i soldati, in gran parte feriti, erano rimasti appena settecento, incapaci di gestire la difesa.

Il Baglioni e il colonnello Martinengo optarono per la resa. Marcantonio Bragadin prevedeva il tragico destino della città, ma decise di sottoscrivere lo stesso la resa.

[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º agosto 1571[1][2] Famagosta si arrese. I capi veneziani ottennero da Mustafa Pascià la promessa di aver salva la vita a loro e a tutti i cittadini della città ancora in vita, considerando anche l'eventualità che essi decidessero di rimpatriare.

Ma Mustafa, venendo contro alle sue promesse, fece uccidere Baglioni appena firmata la resa. Il colonnello Martinengo, catturato, fu impiccato tre volte. La città venne lasciata in balia delle milizie ottomane, che seminarono la strage.

Marcantonio Bragadin venne catturato e gli furono mozzate ambedue le orecchie. Fatto girare per le vie della città per tredici giorni a cavallo di un mulo, sottoposto allo scherno dei soldati vincitori, il 17 agosto 1571 venne condotto, dopo altre innumerevoli sevizie ed umiliazioni, nella piazza principale e scuoiato vivo. La sua pelle, ancora oggi conservata a Venezia, venne issata sulla nave ammiraglia e portata a Istanbul, da dove venne rocambolescamente trafugata in seguito: custodita nell'Arsenale della città in una botte per vivande, fu presa da uno schiavo veneziano, Gerolamo Polidori, che corrompendo guardiani ed aiutato dalla fortuna, riuscì a trasportarla via mare in patria. Sepolta nel 1580 nella chiesa di San Gregorio fu trasferita nel 1596 in quella dei Santi Giovanni e Paolo, dove si trova attualmente.

L'eroica resistenza di Famagosta servì in ogni caso a far guadagnare tempo alle forze cristiane, tenendo impegnata l'immensa flotta ottomana: a Lepanto, appena un mese e mezzo dopo, l'armata della Lega Santa ottenne una schiacciante vittoria sulle forze turche.

Nella letteratura[modifica | modifica wikitesto]

  • Lo scrittore veronese Emilio Salgari ha descritto la battaglia di Famagosta nel suo romanzo Capitan Tempesta.
  • Il collettivo Wu Ming tratta le vicende dell'assedio di Famagosta nel romanzo Altai.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alvise Zorzi, La Repubblica del Leone. Storia di Venezia, Bompiani, Milano 2009, p. 348
  2. ^ Arrigo Petacco, La Croce e la Mezzaluna. Lepanto 7 ottobre 1571: quando la Cristianità respinse l'Islam, p. 142

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gigi Monello, Accadde a Famagosta, l'assedio turco ad una fortezza veneziana ed il suo sconvolgente finale, Scepsi & Mattana Editori, Cagliari, 2006.
  • Nestore Martinengo, Relazione di tutto il successo di Famagosta, a cura di Gigi Monello, Scepsi & Mattana Editori, Cagliari, 2007.
  • Frate Agostino, La perdita di Famagosta e la gloriosa morte di M.A. Bragadino, a cura di Gigi Monello, Scepsi & Mattana Editori, Cagliari, 2013.
  • Oscar Santilli Marcheggiani, I fantasmi di Famagosta, Polaris, Firenze, 2014
  • Emilio Garro, Il Mediterraneo in fiamme, SEI, Torino, 1944

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]