Amedeo VII di Savoia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il transatlantico, vedi Conte Rosso (transatlantico).
Amedeo VII
Conte di Savoia
Stemma
In carica 1383 –
1º novembre 1391
Predecessore Amedeo VI di Savoia
Successore Amedeo VIII di Savoia
Nascita Avigliana, 24 febbraio 1360
Morte Ripaglia, 1º novembre 1391
Sepoltura Cappella della Sacra Sindone
Casa reale Savoia
Padre Amedeo VI di Savoia
Madre Bona di Borbone
Consorte Bona di Berry
Figli Amedeo
Bona
Giovanna
Religione Cattolico
Contea e Ducato di Savoia
Branca Ducale

Dinastia di Savoia
Arms of the House of Savoy.svg
Amedeo V il Conte Grande
Aimone il Pacifico
Amedeo VI il Conte Verde
Amedeo VII il Conte Rosso
Amedeo VIII il Pacifico (antipapa Felice V)
Ludovico il Generoso
Amedeo IX il Beato
Carlo I il Guerriero
Carlo II

Amedeo VII di Savoia detto il Conte Rosso (Avigliana, 24 febbraio 1360Ripaglia, 1º novembre 1391) fu conte di Savoia, d'Aosta, Moriana e Nizza dal 1383 al 1391. Amedeo era figlio del conte Amedeo VI di Savoia e di Bona di Borbone. La sua casa di nascita, il Castello di Avigliana, è ancora conservata benché attualmente in rovina. Quando salì al potere, lasciò nei primi tempi il potere alla madre, già abituata a governare lo stato durante le lunghe assenza del marito per guerre e missioni politiche. (Amedeo VI fu considerato uno dei maggiori combattenti del suo tempo, e anche il figlio non fu da meno).

La politica del Conte Rosso[modifica | modifica sorgente]

Avigliana, città natale del Conte Rosso

Amedeo salì al trono di uno Stato afflitto da gravi problemi economici: le continue guerre del padre avevano prosciugato le finanze dello stato, già di loro natura mai floride. Per ottenere i fondi necessari alle imprese che meditava dovette faticare non poco.

Già dalla sua ascesa al trono dovette affrontare i riottosi conti del Canavese e il Monferrato, sempre più potente ed invasivo (aveva negli anni addietro scacciato i Visconti da Asti e Alba, e ora minacciava apertamente i Savoia). Anche Gian Galeazzo Visconti preoccupava, ma Amedeo seppe abilmente stipulare un patto di non aggressione, anche grazie alla moglie di Gian Galeazzo, Bianca di Savoia.

Altre preoccupazioni arrivarono dall'imperatore Venceslao: egli, che nel complicato quadro europeo del Grande Scisma d'Occidente parteggiava per Urbano VI, intimò al Conte Rosso di abbandonare la causa del rivale, l'antipapa Clemente VII. Amedeo non poteva piegarsi alla volontà imperiale anche per fattori economici: Clemente aveva promesso al conte una retribuzione pari a 4000 fiorini sulle decime della Chiesa in Piemonte. Il Conte Rosso girò intorno all'argomento, e la faccenda si placò. Anche perché l'astuto conte aveva un progetto ambizioso che lo occupava: Carlo VI di Francia lo aveva chiamato per una guerra contro gli inglesi: l'intento del folle monarca francese consisteva nello sbarcare direttamente sul suolo inglese. L'impresa non si fece mai, scoraggiata dal duca di Berry, ma il Conte Rosso ebbe modo di farsi notare ugualmente nel periodo che passò nell'accampamento francese di Ecluse: perse al gioco somme enormi, che riottenne a stento e dopo lunghe richieste e suppliche. Ma se andò male con il gioco, gli riuscì almeno di far fidanzare la figlia del duca di Borgogna con il figlio Amedeo. Parte della dote della giovane, 100.000 fiorini, servì ad estinguere i debiti di gioco.

Tornato dall'Ecluse, Amedeo VII si trovò immischiato nella rivolta cosiddetta dei Tuchini, gruppi di contadini che, manifestando contro i signori locali, erano protetti dal marchese del Monferrato e dai Visconti. Quando in aiuto dei monferrini giunse anche il famoso condottiero Facino Cane, Amedeo VII decise che era giunto il momento di scontrarsi con Gian Galeazzo.

Ma dalle due parti non vennero segnali di voler attaccare per primi: la faccenda si protrasse, Gian Galeazzo decise di proporre la pace. Motivo della scelta era che la figlia Valentina Visconti avrebbe dovuto fidanzarsi con il fratello di Carlo VI, e per raggiungerlo avrebbe dovuto attraversare le terre sabaude. Dopo alterne vicende, Valentina il 1º luglio 1388 entrava nelle terre del Conte Rosso.

Lo sbocco sul mare[modifica | modifica sorgente]

Nei suoi progetti, Amedeo VII vedeva un obiettivo fondamentale: il mare. Aveva osservato l'oceano nel periodo dell'Ecluse, quando Carlo VI cercò inutilmente di attaccare l'Inghilterra. Tornato in patria, si prefissò come obiettivo la conquista di uno sbocco al mare. Grazie alla presa di Cuneo da parte del Conte Verde, Amedeo VII riuscì a penetrare in Provenza. Molte terre provenzali erano dei Durazzo-Angiò, che avevano da anni promesso di restituire le somme impegnate da Amedeo VI nell'impresa in cui morì per difendere il Regno di Napoli. Quelle somme non furono mai restituite. Il Conte Rosso vedeva nella sua occupazione armata un riparo del debito. Arrivando infine ad occupare Nizza, lo sbocco al mare da tanto sognato dal conte.

Giovanni Grimaldi, nominato gran siniscalco della città di Nizza dai napoletani, si vide costretto a firmare un atto in cui Nizza veniva ceduta al Piemonte. Amedeo VII entrò in Nizza il 28 settembre 1388: dopo le consuete festività, nominò i Grimaldi come governatori sabaudi della città e signori di vari feudi adiacenti.

La morte del Conte Rosso[modifica | modifica sorgente]

Verso la fine di ottobre del 1391 il Conte Rosso fece ritorno a Ripaglia e rivolse la sua attenzione al Vercellese, dove era in atto una sanguinosa rivolta. Chiese che Gian Galeazzo non intervenisse ulteriormente nei suoi affari di stato e decise che avrebbe sedato la protesta rapidamente. Ma, durante una caccia al cinghiale nella tenuta di Ripaglia, Amedeo VII si ferì ad una gamba in seguito ad una caduta da cavallo e venne condotto a letto; il giorno seguente fu aggredito dal tetano che si manifestò prontamente col trisma e si spense tre giorni dopo a soli trentadue anni. Pur senza prove fondanti, corse subito voce che fosse stato avvelenato dal medico e dal farmacista i quali, sospettati di omicidio volontario, furono barbaramente torturati.

Il Conte Rosso lasciò un successore, Amedeo VIII ma le redini dello stato vennero tenute dalla nonna Bona di Borbone e dalla corte di feudatari che, con infami calunnie, riuscirono ad allontanarla. La vedova, Bona di Berry, venne costretta invece a schierarsi con il partito dei nobili contrari alla contessa e, tornata in patria, Filippo II l'Ardito la costrinse a risposarsi con il duca d'Armagnac senza più rivedere i figli avuti dal Conte Rosso, che venne inumato nell'Abbazia di Altacomba. Circa un secolo dopo Emanuele Filiberto di Savoia trasferì le sue ceneri, insieme a quelle di Amedeo VIII, nella Cappella della Sindone di Torino.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Amedeo VII aveva sposato a Parigi nel 1377 Bona di Berry, soprannominata in seguito Madame la Jeune, per distinguerla dalla suocera Bona di Borbone, detta la Madama Grande. Bona era figlia di Giovanni di Francia, duca di Berry e d'Alvernia e di Giovanna d'Armagnac ed era nipote diretta del re di Francia Giovanni il Buono. Sebbene il matrimonio fosse avvenuto il 18 gennaio del 1377, fu solo a partire dal marzo 1381 che Bona giunse in Savoia per vivere col marito. Dal matrimonio nacquero:

Sono inoltre noti due figli illegittimi di Amedeo, Umberto, conte di Romont (†1443), e Giannetta, avuta da certa Francesca Arnodi, ed andata sposa ad Andrea di Glareins.

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Amedeo VII di Savoia Padre:
Amedeo VI di Savoia
Nonno paterno:
Aimone di Savoia
Bisnonno paterno:
Amedeo V di Savoia
Trisnonno paterno:
Tommaso II di Savoia
Trisnonna paterna:
Beatrice Fieschi
Bisnonna paterna:
Sibilla de Baugé
Trisnonno paterno:
Guido II di Baugé
Trisnonna paterna:
Beatrice di Monferrato
Nonna paterna:
Violante Paleologa
Bisnonno paterno:
Teodoro I del Monferrato
Trisnonno paterno:
Andronico II Paleologo
Trisnonna paterna:
Violante di Monferrato
Bisnonna paterna:
Argentina Spinola
Trisnonno paterno:
Opicino Spinola
Trisnonna paterna:
Violante di Saluzzo
Madre:
Bona di Borbone
Nonno materno:
Pietro I di Borbone
Bisnonno materno:
Luigi I di Borbone
Trisnonno paterno:
Roberto di Clermont
Trisnonna paterna:
Beatrice di Borgogna-Borbone
Bisnonna materna:
Maria d'Avesnes
Trisnonno materno:
Giovanni II d’Avesnes
Trisnonna materna:
Filippa di Lussemburgo
Nonna materna:
Isabella di Valois
Bisnonno materno:
Carlo di Valois
Trisnonno materno:
Filippo III di Francia
Trisnonna materna:
Isabella d'Aragona
Bisnonna materna:
Mahaut di Châtillon
Trisnonno materno:
Guido IV di Châtillon
Trisnonna materna:
Maria di Bretagna

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Gran Maestro dell'Ordine del Collare - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Collare

Successioni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Conte di Savoia Successore Savoie flag.svg
Amedeo VI 1383 - 1391 Amedeo VIII
Predecessore Conte di Nizza Successore Nice Arms.svg
Titolo inesistente 1388 - 1391 Titolo confluito nella corona

Controllo di autorità VIAF: 265214933 LCCN: n88215881