Anna di Savoia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la figlia di Amedeo IX di Savoia, vedi Anna di Savoia (1455-1480).
Contea e Ducato di Savoia
Branca Ducale

Dinastia di Savoia
Arms of the House of Savoy.svg
Amedeo V il Conte Grande
Aimone il Pacifico
Amedeo VI il Conte Verde
Amedeo VII il Conte Rosso
Amedeo VIII il Pacifico (antipapa Felice V)
Figli
Ludovico il Generoso
Figli
Amedeo IX il Beato
Figli
Carlo I il Guerriero
Figli
Carlo II

Anna Paleologina, nata Giovanna di Savoia (1306Costantinopoli, 1359), è stata un'imperatrice bizantina.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Anna di Savoia

Era figlia di Amedeo V di Savoia e della seconda moglie Maria di Brabante, essendo così per parte di madre nipote di Giovanni I di Brabante, duca di Brabante, e di Margherita di Fiandra.

Divenne la seconda moglie di Andronico III Paleologo, che era vedovo di Adelaide di Braunschweig da cui aveva avuto un figlio morto infante. Stando a Giovanni VI Cantacuzeno, il matrimonio si tenne nell'ottobre del 1326. Anna, di fede cattolica, dovette per l'occasione convertirsi alla fede ortodossa cambiando il suo nome da Giovanna ad Anna.

Diede al marito un figlio:

Divenne imperatrice nel 1328.

Alla morte di Andronico III, avvenuta il 15 giugno 1341, Anna venne nominata reggente per il figlio Giovanni V Paleologo, ruolo che ricoprì dal 1341 al 1347[1]. Dovette tuttavia dividere il potere con il ministro del marito Giovanni Cantacuzeno col quale si scontrò in quanto ella voleva portare avanti una politica filopapista. Cantacuzeno riuscì a divenire imperatore col nome di Giovanni VI e di fatto divise il potere con Giovanni V finché si ritirò in convento lasciandolo unico imperatore.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Byzant 8

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]