Fieschi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Fieschi (disambigua).
Fieschi
Coa fam ITA fieschi3.jpg
SEDENS AGO
Bandato di azzurro e d'argento.
Stato Repubblica di Genova
Titoli Consignori di Serravalle Sesia, Consignori di Montacuto, Consignori di Mongiardino, Consignori di Fabbrica, Consignori di Borgo S. Dalmazzo, signori di Cantalupo, Signori di Castelletto d' orba, Signori di Cossatto, Signori di Croce Mosso, Signori di Masserrano, Signori di Moncrivello, Signori di Montjovet, Signori di Montonaro, Signori di Mosso Santa Maria, Signori di Oviglio, Signori di Roasio, Conti di Crevacuore, Marchesi di Savignone, Marchesi di Casella, Marchesi di Frasinello, Marchesi di Chiappe, Marchesi di Senarega
Data di fondazione XI secolo
Data di estinzione 1848
Etnia Italiana
Stemma della famiglia Fieschi

Stemma Fieschi.jpg

Il simbolo araldico dei Fieschi

« se le cose andavano bene per il gatto[1], significava che per Genova si metteva male »
(Lorenzo de' Medici)

La famiglia Fieschi è stata una delle maggiori famiglie genovesi.

Di antica origine, discendenti dei Conti di Lavagna che avevano iniziato ad ingrandire i loro feudi all'interno della Marca Obertenga nell'XI secolo, i Fieschi furono una delle quattro famiglie di nobiltà feudale più importanti della Repubblica di Genova, guelfi come lo erano i Grimaldi, mentre ghibellini erano gli Spinola ed i D'Oria. Originari dell'entroterra di Levante, avevano il loro centro feudale nella zona della val Fontanabuona. Qui era il centro del loro potere; infatti venne eretta la Basilica dei Fieschi a Cogorno alla metà del XIII secolo.

Furono tradizionalmente di parte Guelfa, legati con un filo diretto al papato, tanto da riuscire a confermare anche due pontefici provenienti da essa, Innocenzo IV e Adriano V, famosi antagonisti della parte ghibellino-imperiale di Federico II di Svevia.

Arricchitasi con la mercatura, la finanza e l'acquisto di terre, questa famiglia si divise in numerosi rami. Il ramo più importante fu quello detto "di Torriglia"; questo e quello "di Savignone" discendevano da due fratelli di Innocenzo IV e perciò si erano formati sin dal XIII secolo.

Il ruolo dei Fieschi nella formazione del tessuto edilizio medioevale della città[modifica | modifica sorgente]

Il palazzo nobiliare fliscano presso il borgo di San Salvatore di Cogorno

La sistemazione della città medievale era strutturata in base alla disposizione dei vari abitati dei clan familiari che si organizzavano in vari centri di potere, spesso in lotta tra di loro.

In questa collocazione strategico-urbana i Fieschi concentrarono i loro palazzi a cominciare dalla zona di Sarzano procedendo verso Levante. Altri palazzi fliscani, inizialmente posti nella zona di Serravalle (tra San Matteo e San Lorenzo) vennero ceduti, come quelli presso il borghetto della famiglia D'Oria di San Matteo che vennero in parte venduti al Comune per edificarvi il Palazzo Ducale di Genova. Soprattutto nella iniziale formazione del Sestiere di Portoria e della vicina parte di San Vincenzo sul Bisagno assume importanza il ruolo dei Fieschi.

L'antica chiesa di Santo Stefano in Genova era a loro legata, e fu questa che come parrocchia dai secoli XII-XIII sistemò il tessuto urbanistico della valletta del torrente Rivotorbido chiamando dalle vallate della val Fontanabuona molti artigiani della Lana (da cui il nome di Borgo Lanaiuoli) per la via che costituiva l'asse di questo abitato. La concentrazione dei loro palazzi era poco oltre, in Carignano, presso la trecentesca chiesa di Santa Maria in Via Lata.

Santa Maria in Via Lata venne eretta dal 1336, per lascito testamentario del cardinale Luca Fieschi, accanto alle case della loro famiglia. Al loro patrocinio è legata anche la fondazione della vicina Santa Maria dei Servi, allora nella omonima via, nella valletta del Rivotorbido in Borgo Lanaiuoli. Importante era soprattutto il loro grande palazzo accanto alla chiesa di Via Lata, splendida costruzione che nel 1502 aveva ospitato Luigi XII di Francia.

Il ruolo dei Fieschi nella vita politica cittadina[modifica | modifica sorgente]

La congiura dei Fieschi

La famiglia dei Fieschi cadde in grave disgrazia a causa della fallita congiura di Gian Luigi Fieschi "il Giovane" (1547) ai danni di Andrea D'Oria, con il quale era pure imparentato tramite la moglie. Gian Luigi "il Giovane", a capo del partito filofrancese, aveva riacceso la lotta con il partito spagnolo, sostenuto dai D'Oria.

Presentandosi come un novello Bruto, come un vendicatore austero delle libertà repubblicane contro le usurpazioni del tiranno, dopo aver occupato le porte e la darsena, stava per impossessarsi di una galea dei Doria, quando, improvvisamente scivolò in mare da una passerella, e annegò soprattutto per il peso dell'armatura.[2].

Nel tumulto fu ucciso anche Giannettino D'Oria, nipote ed erede designato di Andrea D'Oria, per cui le sorti dell'insurrezione sembravano favorevoli agli insorti; invece i Fieschi, disorientati, si diedero alla fuga. Da allora la famiglia perse gran parte dell'importanza politica a Genova. Ai Fieschi, perseguitati duramente, vennero in tale occasione sequestrati i beni e molti di loro dovettero abbandonare la città, rifugiandosi per lo più in Francia.

Un primo resoconto della congiura dei Fieschi è stato pubblicato nel 1629 dallo storico Agostino Mascardi (1591-1640): La congiura del conte Gio. Luigi de Fieschi del Mascardi ha ispirato, a sua volta, l'opera giovanile del cardinale de Retz, La congiura del conte Gian Luigi Fieschi (titolo originale La conjuration du comte de Fiesque), la cui narrazione non si discosta dal testo del Mascardi. Per il cardinale de Retz, Gian Luigi Fieschi, "ambizioso, ardito e intraprendente", ordiva la congiura perché, "appassionatamente amante della gloria, non avendo altre occasioni per acquistarne, non pensava che al modo di raggiungerla". Anche per Friedrich Schiller, autore della tragedia La congiura di Fiesco a Genova (titolo originale, Die Verschwörung des Fiesco zu Genua), Gian Luigi Fieschi era, come per il cardinale de Retz, un ambizioso eroe plutarchiano; ma nella tragedia di Schiller la storia della congiura fu scientemente stravolta: la congiura, tesa a restaurare le libertà repubblicane a Genova, nel dramma di Schiller ebbe successo; ma un integerrimo repubblicano, scorgendo nell'ambizione di Gian Luigi i prodromi di un nuovo regime tirannico, lo uccise facendolo precipitare in mare con una spinta.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi La congiura di Gianluigi Fieschi e Assedio e distruzione del castello di Montoggio.

Intervennero sempre nelle questioni interne della città, come nelle lotte tra fazioni, sempre dalla parte guelfa, pur nel complesso gioco delle alleanze, ad esempio collegandosi ai ghibellini D'Oria tramite il matrimonio organizzato da Branca D'Oria tra il figlio di quest'ultimo, Bernabò, ed Eleonora Fieschi od agli ancora più ghibellini Duchi di Milano con il matrimonio tra Luchino Visconti e Isabella Fieschi, concluso con l'avventurosa fuga della moglie e la morte del marito. Legato al loro casato era in genere il vescovo genovese, il cui palazzo, l'edificio che era stato a suo tempo il castello di Sarzano, dominava le loro case minori attorno all'attuale vico Vegetti.

Le politiche matrimoniali[modifica | modifica sorgente]

Le politiche matrimoniali furono un loro punto di forza. Le famiglie con cui si collegano sono tradizionalmente i Doria o i Malaspina, a seconda dei vari interessi. Relativamente agli usi del clan familiare le donne mantengono un certo ruolo, sono spesso amministratrici o procuratrici nei vari affari immobiliari, vendite e cessioni di beni, di diritti, ecc.

Dei matrimoni, i più noti sono due, che legano i Fieschi ai Doria e ai Visconti. Il primo fu il matrimonio tra Bernabò Doria ed Eleonora (o Eliana) Fieschi, figlia di Federico Fieschi e nipote del cardinale Ottobono Fieschi (poi papa Adriano V), organizzato da Branca D'Oria, padre dello sposo, subito dopo il suo famoso delitto ai danni del suocero Michele Zanche, episodio cantato dalla Divina Commedia.

Branca lasciata la Sardegna era dal 2 settembre 1275 al Borghetto di San Matteo, da tutti rispettato per le ricchezze raggiunte; i Fieschi, maggior famiglia guelfa, davano in sposa al suo primogenito Bernabò Eleonora. Il matrimonio, frutto dell'accurata diplomazia di Branca, permetteva a questi un utile contatto con la parte guelfa onde poter meglio esporre alcune sue richieste presso il pontefice.

L'altro è il matrimonio tra Isabella Fieschi e Luchino Visconti, che prende la nobile genovese in terze nozze. Dopo la fuga da Milano di Isabella e la morte improvvisa di Luchino, la nobildonna Fieschi torna a Genova e poi nei suoi feudi con il figlio Luchinetto, costretta a dirlo nato non da Luchino ma dal suo amore illegittimo con Galeazzo II Visconti (figlio di Stefano Visconti e di Valentina Doria), per la presa del potere in Milano da parte dei tre cugini.

I Fieschi nel XIV secolo[modifica | modifica sorgente]

I Fieschi nel XIV secolo, all'epoca dei dogati popolari di Simon Boccanegra, tendono a ritirarsi nei loro feudi appenninici, loro vero e proprio punto di forza più che le pratiche della mercatura o del commercio in denaro; evitano così di logorarsi nelle lotte tra le fazioni e possono ripresentarsi nel secolo successivo come clan familiare che si è conservato ancora integro in tutte le sue forze pur mantenendo la struttura interna tipiche della vecchia nobiltà terriera dei secoli XII e XIII.

Dal 1343 fino al 1437, eccettuata una parentesi di sei anni, i vescovi della famiglia Fieschi ebbero la cattedra vescovile di Vercelli, con il relativo principato ecclesiastico. Nel 1394 il Vescovo di Vercelli, Lodovico Fieschi, ottenne che Masserano, assieme a Crevacuore (e, fino al 1399, Moncrivello), venisse infeudata a suo fratello Antonio da papa Bonifacio IX. I suoi discendenti (che nel 1517 assunsero il cognome di Ferrero-Fieschi a seguito dell'adozione di Filiberto Ferrero) tennero fino al 1767 tale feudo pontificio, di fatto un'entità statale indipendente (Principato di Messerano e Marchesato di Crevacuore). Per un breve periodo, tra il 1566 e il 1588, i Ferrero-Fieschi furono anche marchesi di Romagnano, feudo ereditato dai Borromeo con i quali erano imparentati.

I Fieschi nel XV secolo[modifica | modifica sorgente]

Nel XV secolo i Fieschi allargarono l'orizzonte dei loro interessi soprattutto ad opera di Gian Luigi "il Vecchio" (1441-1508). Avversario degli Sforza, contese al Ducato di Milano i possedimenti in Liguria, lottando per la conquista della Riviera ligure. Al tempo del doge Battista Fregoso (1478-1483) combatté in qualità di ammiraglio contro gli Aragonesi. Filofrancese, favorì tuttavia il passaggio di Genova sotto la sfera di influenza francese: un sollevamento popolare lo scacciò tuttavia dai suoi possessi liguri (20 luglio 1506). Poté rientrare successivamente a Genova con l'aiuto dei Francesi, e svolse ancora attività politica filofrancese[3].

I Fieschi nel XVI secolo[modifica | modifica sorgente]

In questo periodo la storia della famiglia subisce una disastrosa interruzione a causa della congiura di Giovanni Luigi Fieschi (vedi nota a lato).
Nella spartizione gentilizia del territorio urbano, la zona di Carignano, loro tradizionale centro di potere, divenne da allora sede dei palazzi della famiglia Sauli. I Fieschi sopravvissero da allora in tono minore.Fu verosimilmente in queste tristi circostanze che Arrigo Fieschi lasciò le patrie terre per rifuggiarsi nel libero stato delle Tre Leghe e stabilirsi a Fontanarossa (Rothenbrunnen) dove germanizzò il suo appellativo in Raget Flisch ed ebbe numerosa discendenza. Ancora oggi i Flisch di Rothenbrunnen portano l'avita arma dei Fieschi (lat. Flisci) d'azzurro a tre bande d'argento.

Tra i feudi confiscati fu quello di Montoggio, attaccato dalle milizie genovesi subito dopo la congiura e concesso ai D'Oria della famiglia di Andrea.

I Fieschi dopo il Cinquecento[modifica | modifica sorgente]

In tono minore la famiglia sopravvive, sempre grazie all'eredità rimasta nell'entroterra appenninico. Tra gli ultimi possessi rimasti ebbero i feudi imperiali di Savignone e di Croce Fieschi. Tali feudi, riconosciuti immediati, furono sovrani e governati come tali fino alla loro abolizione nel 1797.

  • Marchesato di Savignone, Casella, Frasinello, Chiappe e Senarega:

Con la divisione ereditaria del 1678 venne dato a Gerolamo Fieschi. Tale importante possesso controllava la "strada del sale" altrimenti conosciuta come "strada dei feudi imperiali" che da Genova saliva nella Valle del Curone nell'Oltrepò e da lì in Lombardia. Nel 1685 sono acquisite le ville di Frasinello, Chiappe e Senarega, mantenendo con l'altra linea familiare la signoria su Mongiardino. Il feudo fu oggetto di dispute nella metà del XVIII secolo, quando Genova tentò di acquistarne l'intera quota. Nel 1748 il principe Giò Andrea IV Doria-Landi, acquistò da un erede Fieschi una quota sul feudo ed entrò in trattative per la sua cessione con la Repubblica di Genova, desiderosa di acquisire un maggior controllo sul marchesato. Il 21 luglio 1748 viene stipulato l'atto di cessione tra il Doria e Genova per la porzione di alcune terre, il castello e la giurisdizione con l'assenso imperiale. Allarmati per questa progressiva ingerenza genovese, i marchesi Ettore, Niccolò e Gerolamo Fieschi, consignori delle restanti quote feudali, si opposero a tale vendita, proponendo allo stesso imperatore il diritto di avocazione pro-quota. Il 20 giugno 1750 gli eredi Fieschi provvedono così a riscattare la quota ceduta a Genova, confinandola a mantenere la propria quota marginale che possedeva in origine, senza avere alcun potere di influenza gestionale del feudo.

  • Marchesato della Croce dei Fieschi:

Il feudo appartenne alla famiglia dal 1250, confermandone lo status immediato di feudo imperiale, riconfermato con le investiture del 1495 e 1548. Nel 1687 Innocenzo Fieschi divise l'eredità paterna con il fratello Gerolamo, tenendo per sé il feudo di Croce con le varie pertinenze di Bastia e Vobbio, oltre la signoria comune di Mongiardino, ereditata dalla madre Tomasina Spinola. Il feudo fu amministrato successivamente da Lorenzo (1733) in comune con gli altri familiari e le famiglie De Ferrari e Morando. Da tale anno cominciò ad essere conosciuto come "Croce de' Fieschi o Crocefieschi". Ultimo marchese sovrano fu Agostino Innocenzo fino al 1797.

Tra gli ultimi eredi fu nella prima metà dell'Ottocento Carlotta Fieschi, che sposando Nicolò Crosa di Vergagni (ministro del Regno di Sardegna presso la Santa Sede) portò a questi i beni di famiglia ancora tenuti, tra i quali i suoi possedimenti in Savignone. L'ultima discendente della famiglia, Maria Maddalena Fieschi, sposò il conte Alessandro Negri di Sanfront, primo generale dei Carabinieri e senatore del Regno, che nel 1848 - nel corso della battaglia di Pastrengo - comandò la carica dei tre squadroni di cavalleria che salvò la vita del re Carlo Alberto. Dalla loro unione nacque una sola figlia, Marinetta Fieschi Negri di Sanfront, che sposò il conte Alessandro Thellung di Courtelary.

Castelli fliscani[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi La congiura di Gianluigi Fieschi e Assedio e distruzione del castello di Montoggio.

I Fieschi più famosi[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ emblema dei Fieschi
  2. ^ Jean-François Paul de Gondi, cardinale di Retz, La conjuration du comte de Fiesque (La congiura del conte Gian Luigi Fieschi), in A. Feillet, J. Gourdault et R. Chantelauze (eds), Oeuvres du cardinal de Retz, vol. IV, pp. 577-578. [Il testo elettronico può essere prelevato al sito Gallica della Bibliothèque nationale de France]
  3. ^ Armand Fouquier, Causes célèbres de tous les peuples, Paris: Lebrun, 1858-1867, vol. I, "Fieschi". [L'opera, in 8 volumi, può essere prelevata dal sito Gallica della Bibliothèque nationale de France]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]