Papa Adriano V

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Papa Adriano V
Papa Adriano V.jpg
186º papa della Chiesa cattolica
C o a Adriano V.svg
Elezione 11 luglio 1276
Fine pontificato 18 agosto 1276
Predecessore papa Innocenzo V
Successore papa Giovanni XXI
Nome Ottobono Fieschi
Nascita Genova, 1205 circa
Morte Viterbo, 18 agosto 1276
Sepoltura Basilica di San Francesco alla Rocca

Adriano V, nato Ottobono Fieschi (Genova, 1205 circa – Viterbo, 18 agosto 1276), fu il 186º papa della Chiesa cattolica nel 1276. Era il sesto figlio di Teodoro Fieschi, conte di Lavagna, e della di lui consorte Simona.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Apparteneva alla ricchissima ed antica famiglia genovese dei Fieschi, discendenti dei Conti di Lavagna. Poco si sa della sua giovinezza, se non che intraprese presto la carriera ecclesiastica, ricoprendo in Francia incarichi di canonico e arcidiacono; prima del 1250 fu arcidiacono presso la diocesi di Parma. Nel 1251 suo zio Innocenzo IV lo creò cardinale diacono, assegnandogli la diaconia di Sant'Adriano. Ebbe importanti incarichi come legato pontificio sia con lo zio che, successivamente, con Alessandro IV e con Urbano IV, venendo spesso inviato all'estero: durante queste missioni si mise in luce per le sue capacità di fine diplomatico.

Nel 1259 venne nominato arciprete della basilica Liberiana, carica che mantenne fino alla sua elezione al Soglio Pontificio. Nel 1265 papa Clemente IV gli affidò un incarico di estrema importanza, inviandolo prima in Francia, presso Luigi IX, e quindi in Inghilterra, per mediare nella difficile vertenza che contrapponeva Enrico III ai suoi Baroni. Pur appoggiando il sovrano, il cardinale Fieschi svolse comunque un'appassionata opera di pacificazione a tutto campo, che gli provocò l'ostilità di Robert di Glover, il quale lo imprigionò per alcuni giorni nella torre di Londra.

Liberato dal re, continuò il suo impegno, ottenendo infine la pace tra le due parti. Nella parte finale di quest'ambasceria (1267) fu raggiunto da altri due ecclesiastici: Tedaldo Visconti, il futuro papa Gregorio X, e Benedetto Caetani, che diventerà papa con il nome di Bonifacio VIII. Partecipò successivamente al lunghissimo e celebre conclave viterbese che portò all'elezione di papa Gregorio X, per il quale svolse ancora alcune missioni presso la corte di Carlo d'Angiò, nonostante la sua salute fosse peggiorata. Morto Gregorio all'inizio del 1276, e deceduto a Roma dopo soli cinque mesi il suo successore Innocenzo V, nella città capitolina ebbe inizio a fine giugno di quel 1276 il conclave per eleggere il nuovo papa. Carlo d'Angiò, che era senatore di Roma, assunse l'incarico di custode del conclave e, per influenzare i cardinali, li sottopose a varie angherie, segregandoli pesantemente in Laterano e riducendo loro drasticamente il cibo[1], ma commettendo al contempo varie parzialità in favore dei cardinali francesi.

Il fatto fece indignare i porporati italiani ed il potente cardinale Giangaetano Orsini riuscì a convincere la maggioranza degli elettori a scegliere un "papa di transizione" che li facesse uscire al più presto da quella situazione:[2] fu così eletto (11 luglio 1276) il malandato Ottobono, che prese il nome di Adriano V in onore di Adriano IV, unico papa inglese nella Storia della Chiesa, e della diaconia di cui era stato insignito 25 anni prima. Alcuni storici riferiscono che, a coloro che si congratulavano con lui per l'elezione, il nuovo papa abbia detto: «Di che vi rallegrate?... Non era meglio per voi lo avere un Cardinale sano, che un Papa moribondo?...»[3][4] Come suo primo atto il papa convocò in Laterano, nella stessa stanza dove era il suo letto d'infermo,[5] un concistoro segreto, nel quale, ricordando le vessazioni subite durante il conclave, sospese la costituzione apostolica Ubi Periculum, contenente le norme per l'elezione papale, riservandosi di riformarla successivamente (cosa che però non ebbe il tempo di fare).

Quindi, non sopportando più la canicola romana, il pontefice malato si recò, con la sua corte, a Viterbo[6] ove prese dimora nel grande convento francescano adiacente la Basilica di San Francesco alla Rocca. Pochi giorni più tardi morì, senza essere stato ordinato sacerdote né tantomeno incoronato papa, dopo soli 39 giorni di regno (18 agosto 1276). I suoi resti mortali, per volontà della famiglia, riposano nella stessa basilica di San Francesco alla Rocca, in uno splendido monumento sepolcrale, disegnato, con ogni probabilità, da Arnolfo di Cambio e realizzato da uno dei Vassalletto, nota famiglia romana di scultori[7]. Nel conclave indetto dopo la sua morte, sarebbe stato eletto papa, prima di Giovanni XXI, il cardinale piacentino Vicedomino Vicedomini, che avrebbe anche scelto il nome pontificale di "Gregorio XI" il 5 settembre 1276, ma lo stesso sarebbe morto dopo poche ore, il 6 settembre, prima che l'elezione potesse essere proclamata ufficialmente.[8].

Conclavi[modifica | modifica wikitesto]

Durante il periodo del suo cardinalato Ottobono Fieschi partecipò ai seguenti conclavi ed elezioni papali:

Adriano V in letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Adriano V è stato "vittima" di due curiosi equivoci:[9] egli viene infatti citato nella Divina Commedia da Dante Alighieri, che lo identifica con precisione e lo colloca nella quinta cornice del Purgatorio fra gli avari e i prodighi[10], anche se in realtà non sembrano esservi conferme di questa presunta avarizia, e nel medesimo equivoco cadde Francesco Petrarca nel suo Rerum Memorandum Liber,[11] ma il poeta ne fece successivamente ammenda rettificando il suo errore in una delle epistole raccolte nel Familiarium rerum libri.[12] Tutto questo avrebbe avuto origine da una cronaca di Giovanni di Salisbury, filosofo e scrittore inglese che fu vescovo di Chartres nella seconda metà del secolo XII, che ascrive a Nicholas Breakspear (divenuto papa con il nome di Adriano IV) il vizio di una grande avarizia accompagnata da una smodata sete di potere, vizi che, sempre secondo il citato cronista e filosofo inglese, sarebbero scomparsi con l'ascesa al soglio pontificio. L'identità del nome pontificale scelto da entrambi i pontefici sarebbe all'origine dei due equivoci.[9]. Amara ironia può suscitare il fatto, già citato, che Adriano V abbia scelto il suo nome proprio in omaggio al suo antico predecessore inglese e in ricordo del suo importante soggiorno in Inghilterra, oltre che in omaggio al titolo cardinalizio che 25 anni prima aveva assunto.

Monumento sepolcrale di Adriano V (Viterbo, basilica di San Francesco alla Rocca)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In realtà Carlo d'Angiò applicò alla lettera -ma solo per i cardinali italiani- le norme introdotte da Gregorio X con la costituzione apostolica Ubi Periculum nel 1274; si veda F. Gregorovius, op. cit..
  2. ^ Ferdinand Gregorovius: Storia della città di Roma nel medioevo, Einaudi, Torino, 1973, pag.1371. Il Gregorovius descrive bene le vessazioni cui Carlo d'Angiò sottopose i cardinali ed il clima che portò a questa scelta.
  3. ^ Cesare Pinzi: Storia della Città di Viterbo, Tip. Camera dei Deputati, Roma, 1889, lib. VII, pag.332. Il Pinzi riporta anche il testo latino della frase di Adriano V, ripreso dalle Cronache del Pipino.
  4. ^ Ludovico Antonio Muratori: Rerum Italicarum Scriptores, Roma, 1738, T.XI, pag.723.
  5. ^ C.Pinzi, op. cit., pag.333.
  6. ^ Salvador Miranda: The Cardinals of the Holy Roman Church, 2010, vedi
  7. ^ Andrea Scriattoli: Viterbo nei suoi monumenti, F.lli Capaccini, Roma,1915-20, pagg.290 e segg.
  8. ^ Molti sono gli storici favorevoli a questa tesi: v. Alfonso Chacón, Vitae, et Res Gestae Pontificum Romanorum etc., Roma, 1677, ed anche A.Ceccaroni, Dizionario Ecclesiastico Illustrato, Milano, 1898.
  9. ^ a b Claudio Rendina, I papi, Roma, Ed. Newton Compton, 1990. p. 422
  10. ^ Dante Alighieri, Divina Commedia, Purgatorio - Canto diciannovesimo vv.88-145
  11. ^ Francesco Petrarca, Rerum Memorandum Liber, III, 95
  12. ^ Francesco Petrarca, Familiarium rerum libri, IX, 25-28

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Claudio Rendina, I papi, storia e segreti, 2005, Roma, Ed. Newton Compton.
  • Cesare Pinzi, Storia della Città di Viterbo, 1887, Roma, Tip.Camera dei Deputati.
  • Ferdinand Gregorovius, Storia della Città di Roma nel medioevo, Ed. Einaudi, Torino, 1973
  • Andrea Scriattoli, Viterbo nei suoi monumenti, 1915-20, Roma, Tip. F.lli Capaccini.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Papa della Chiesa cattolica Successore Emblem of the Papacy SE.svg
Papa Innocenzo V 11 luglio 1276 - 18 agosto 1276 Papa Giovanni XXI
Predecessore Cardinale diacono di Sant'Adriano al Foro Successore Kardinalpallium.png
vacante
dal 1245
1251 - 1276 vacante
fino al 1288

Controllo di autorità VIAF: 93573791 LCCN: n84233791