Grondona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Grondona
comune
Grondona – Stemma
Grondona – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Alessandria-Stemma.png Alessandria
Amministrazione
Sindaco Mario Sassi (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 44°41′51″N 8°57′59″E / 44.6975°N 8.966389°E44.6975; 8.966389 (Grondona)Coordinate: 44°41′51″N 8°57′59″E / 44.6975°N 8.966389°E44.6975; 8.966389 (Grondona)
Altitudine 303 m s.l.m.
Superficie 25,74 km²
Abitanti 549[1] (31-12-2010)
Densità 21,33 ab./km²
Frazioni Cá di Lemmi, Chapparolo, Lemmi, Sasso, Sezzella, Torrotta, Variana
Comuni confinanti Arquata Scrivia, Borghetto di Borbera, Isola del Cantone (GE), Roccaforte Ligure, Vignole Borbera
Altre informazioni
Cod. postale 15060
Prefisso 0143
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 006085
Cod. catastale E191
Targa AL
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Nome abitanti grondonesi
Patrono san Sebastiano
Giorno festivo 20 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Grondona
Sito istituzionale

Grondona (Grondòuna in piemontese, Grondonn-a in ligure) è un comune della provincia di Alessandria sul torrente Spinti, tributario dello Scrivia, unico comune completamente nella valle omonima.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La zona venne infeudata dai carolingi ai Marchesi di Gavi sotto Pavia. Grondona viene citata per la prima volta in un documento imperiale nel 1164 quando l'imperatore del Sacro Romano Impero Federico I "Barbarossa" che confermava i privilegi del comune di Pavia, a cui sottoponeva Grondona. Nel 1176 Grondona veniva integrata nei domini del comune di Tortona. Nel 1181 i signori di Grondona che erano Alberto Becco, Corrado, Alberto e Gugliemo Pavese giuravano fedeltà al comune di Tortona, in cambio il comune agli stessi Grondona. Nel 1181 il marchese Guido II, marchese di Gavi cedeva al suddiacono Girvino la metà del castello di Grondona e altri castelli al prezzo di 600 denari d'argento comprese le torri, le mura, i fossati e qualsiasi bene fosse all'interno e all'esterno degli stessi compresi i diritti e redditi pertinenti. Nel 1185 i consoli di Tortona promettevano la protezione ai milanesi che avessero percorso la Valle Scrivia e la giurisdizione tortonese, dove figurano i de Grondona, signori di Grondona, che passavano quindi sotto la protezione dei vescovi di Tortona. Nel periodo 185-1192 sono frequenti scorribande genovesi che fanno temere al vescovo di Tortona la fedeltà dei signori di Grondona. Nel 1192 Grondona giura nuovamente fedeltà a Tortona con l'intermediazione dei marchesi di Gavi e di Parodi, alleati di Tortona. Tra il 1198 e il 1202 i marchesi di Gavi alienano completamante i loro diritti feudali su Grondona. I de Grondona sono quindi gli unici signori del luogo e nel 1210 giurano fedeltà a Tortona. Nel 1259 si costituisce come comune autonomo, governato da un podestà, il primo è il signore del luogo Federico da Grondona, signore anche di Dernice, Roccaforte e Mangioncalda di Carrega. Tra il 1294 e il 1310 Percivalle Fieschi, futuro vescovo di Tortona acquista dai signori di Grondona parte del feudo che era quindi amministrato in condominio tra Fieschi, marchesi di Gavi e signori di Grondona. Nel 1350 dopo una controversia risolta dal luogotenente dell'impero Generardo di Arnstein venivano delimitati i confini del feudo con le comunità di Montessoro di Isola del Cantone e Roccaforte. Nel 1369 vengono delimitati i confini del feudo con le comunità di Prato di Cantalupo e Roccaforte. Nel 1433 Nicolò Fieschi giura fedeltà ai Visconti. Nel 1457 passa definitivamente sotto il Ducato di Milano, ma nel 1471 è restituito a Nicolò Fieschi. Nel 1457 era castellano di Grondona per il Ducato di Milano il marchese Giacomo Malaspina, nel 1477 viene restituito a Nicoló Fieschi, dato che aveva giurato fedeltà al nuovo duca di Milano Gian Galeazzo Sforza. Nel 1547 passa insieme a Vargo di Stazzano ad Andrea Doria che lo renderà feudo imperiale, ma nel 1560 ritorna ai Malaspina, che lo terranno fino al 1797. Nel 1736 con la Contea di Tortona passa ai Savoia. nel 1797 entra a far parte della Repubblica Ligure, nel 1805 dell'Impero francese e nel 1815 rientra a far parte del Regno di Sardegna nella Provincia di Novi nella Divisione di Genova, da cui viene staccata nel 1859 col decreto Rattazzi per entrare a far parte della provincia di Alessandria e quindi del Piemonte. Dal 1943 al 1945 nelle sue frazioni si svolsero combattimenti tra nazifascisti e partigiani. Grondona fu liberata il 27 aprile 1945. Nel 1968 ha ricevuto le frazioni di Cà di Lemmi e di Lemmi dal comune di Roccaforte Ligure.

Luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Il mastio del castello

Un castello venne costruito nel 1181, quando su iniziativa dei vescovi di Tortona. L'edificio era di forma oblunga, con tre torri cilindriche e una cappella, segui la storia di Grondona, dal 1797 venne abbandonato. Venne distrutto da una frana il 12 aprile 1934 che provocò dieci vittime. Rimane solo il mastio.

La chiesa dell'Assunta, in stile romanico del XII secolo, fu edificata nella giurisdizione di San Vittore di Borghetto di Borbera. Fin dalle origini il cimitero del paese ne ingloba una parte. Venne rimaneggiata e ampliata tra il 1645 e il 1647 e nel 1756.

La facciata presenta un portale, con arco a tutto sesto con scolpita una croce, tre gigli e la mano benedicente di Dio. L'architrave invece è liscio collegato a colonnine terminati a crochet. Il campanile a pianta quadrata, alto quattro piani segnati esternamente da cornici a dente di sega e con specchiature ad archetti pensili ciechi. La cella campanaria è aperta da bifore con pilastrino che si conclude con capitello a stampella.

All'interno ospita affreschi con Sant'Antonio abate, San Giacomo di Compostela, San Pietro e san Giorgio, la Vergine nell'atto di bastonare il diavolo, tra Sant'Andrea e sant'Antonio abate, opera di Antonio Barbe del 1649 e la Madonna con Bambino tra i santi Pietro e Paolo, del XV secolo.

La Chiesa dell'Assunta

La chiesa parrocchiale di Variana è dedicata a San Colombano. Nei pressi l'antica Torre di San Colombano, facente tempo dell'antica Chiesa di San Colombano non più esistente.[2]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]
Di seguito sono riportati i dieci gruppi di stranieri più consistenti (al 31/12/2007):

Cittadinanza Popolazione
Romania Romania 11
Resto del Mondo 6
TOTALE 17

Persone legate a Grondona[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Manifestazioni[modifica | modifica sorgente]

  • Festa delle Tinelle. Località Chiapparolo. Ultima domenica di luglio.
  • Sagra A' Rampanna. Località Lemmi. Arte, tradizioni e musica. 2ª domenica di agosto.
  • Sagra della capra e della fersulla. Ultimo fine settimana di agosto.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ http://www.comune.grondona.al.it/detail.asp?dove=Patrimonio&id_doc=63
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Autori Vari, Il Secolo XIX 1886-1986, Il Secolo XIX, 1986.

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte