Tagliolo Monferrato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tagliolo Monferrato
comune
Tagliolo Monferrato – Stemma
Tagliolo Monferrato – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Alessandria-Stemma.png Alessandria
Sindaco Franca Repetto (lista civica) dal 14/06/2004
Territorio
Coordinate 44°38′21″N 8°40′01″E / 44.639167°N 8.666944°E44.639167; 8.666944 (Tagliolo Monferrato)Coordinate: 44°38′21″N 8°40′01″E / 44.639167°N 8.666944°E44.639167; 8.666944 (Tagliolo Monferrato)
Altitudine 315 m s.l.m.
Superficie 25,91 km²
Abitanti 1 571[1] (31-12-2010)
Densità 60,63 ab./km²
Frazioni Caraffa, Cherli, Crocera, Gambina, Grossi, Mongiardino, Pessino, Pianomoglia, Varo
Comuni confinanti Belforte Monferrato, Bosio, Casaleggio Boiro, Lerma, Ovada, Rossiglione, Silvano d'Orba
Altre informazioni
Cod. postale 15070
Prefisso 0143
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 006169
Cod. catastale L027
Targa AL
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Cl. climatica zona E, 2 650 GG[2]
Nome abitanti tagliolesi
Patrono san Carlo Borromeo
Giorno festivo 4 novembre
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Tagliolo Monferrato
Sito istituzionale

Tagliolo Monferrato (Taiö o Tajeo in piemontese) è un comune di 1.578 abitanti della provincia di Alessandria situato nell'Alto Monferrato, su un'altura nei pressi della confluenza dello Stura nell'Orba.

Parte del territorio comunale fa parte del Parco Regionale delle Capanne di Marcarolo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Trae il toponimo da taliolus, ad indicare forse una zona di intenso disboscamento. In epoca longobarda vi operarono i monaci di san Colombano e del vicino monastero di Belforte Monferrato. Concesso nel 976 in feudo agli Aleramici dall'imperatore Ottone I, fu possedimento di vari feudatari: Malaspina, Cattaneo della Volta, gli Spinola, i Doria, i Del Bosco. Entrato nell'orbita del ducato di Milano, fu dato in feudo alla famiglia Gentile. Nel 1750 a seguito del matrimonio di Teresa Gentile con Costantino Pinelli, il feudo di Tagliolo passò alla famiglia Pinelli Gentile, ancora attuale proprietaria del castello.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Il castello di Tagliolo, tuttora abitato dai Marchesi Pinelli Gentile, è uno dei meglio conservati dell'Alto Monferrato. Inserito nel circuito dei "Castelli Aperti" del Basso Piemonte, si caratterizza per una torre di forma quadrata, che costituisce la parte più antica, risalente al X secolo, utilizzata per avvistare il possibile arrivo di invasioni saracene.

All'interno sono visitabili le cantine del Castello, in cui da 500 anni vengono prodotti e conservati i vini del territorio.

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]

Ricorrenze e manifestazioni[modifica | modifica sorgente]

  • Gran Palio del Monferrato - Gara di Lancio dello Stoccafisso. Farinata e vino Dolcetto d'Ovada. A cura di Assoc. Sportiva Tagliolo e Assoc. Alto Monferrato. La seconda domenica di settembre.
  • Le storie del vino, festa medioevale con costumi d'epoca, sbandieratori e duelli.

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

Tagliolo è attualmente servita da autoservizi festiti dalle società ARFEA e SAAMO.

In passato la cittadina era servita da una fermata della tranvia Novi Ligure - Ovada, relativamente distante dal borgo, le cui corse cessarono nel 1953.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte