Dernice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dernice
comune
Dernice – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Alessandria-Stemma.png Alessandria
Amministrazione
Sindaco Carlo Buscaglia (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 44°46′03″N 9°03′05″E / 44.7675°N 9.051389°E44.7675; 9.051389 (Dernice)Coordinate: 44°46′03″N 9°03′05″E / 44.7675°N 9.051389°E44.7675; 9.051389 (Dernice)
Altitudine 600 m s.l.m.
Superficie 18,30 km²
Abitanti 237[1] (31-12-2010)
Densità 12,95 ab./km²
Frazioni Bregni, Cascina Carano, Gropparo, Montebore, Parogna, Poggiolo, Vigana, Vigoponzo, Fontanelle
Comuni confinanti Borghetto di Borbera, Brignano-Frascata, Cantalupo Ligure, Garbagna, Montacuto, San Sebastiano Curone
Altre informazioni
Cod. postale 15056
Prefisso 0131
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 006066
Cod. catastale D277
Targa AL
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Nome abitanti dernicesi
Patrono San Donnino
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Dernice
Sito istituzionale

Dernice (Dernìs in piemontese, Dernìxe in ligure) è un comune italiano di 237 abitanti della provincia di Alessandria, in Piemonte.

Sorge su un crinale che separa la valle del torrente Curone da quella del torrente Borbera e fa parte della Comunità montana Terre del Giarolo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Insediamento abitato lungo l'antica via del sale, strada di importante traffico commerciale tra Genova e la pianura padana.

Il nome di Dernice, dal latino "Darnisium", compare nei documenti a partire dall'anno 869. Importante è la presenza monastica posta nel monastero di Vigoponzo (Vico Pontio), citato in un documento dell'865, con il quale Ludovico II confermava all'Abbazia di San Colombano di Bobbio la proprietà del monastero e del territorio.[2]

Fu sotto la giurisdizione dei vescovi di Tortona, già dal 1157. Presidiato nel XIII secolo da mercenari del comune di Tortona, fu poi signoria dei Malaspina, degli Spinola nel XV secolo e infine della famiglia Sfrondati.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Nel paese di Dernice si conservano i ruderi dell'antico castello, caduto in disuso dopo l'estinzione della famiglia Sfrondati. I ruderi sono costituiti da una torre a base quadrata situata nel punto più alto del paese (la torre è stata abbassata perché pericolante, ma oggi si può salire sulla sua sommità da dove si ha una visione a 360° delle valli circostanti), un torrione a base circolare situato nella parte bassa del paese (l'edificio è privato, ma dalla strada comunale si può vedere molto bene). Esisteva anche parte delle antiche mura, oggi non più visibili dopo la realizzazione di una nuova strada.

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa parrocchiale del paese risale al XVII secolo e conserva un interessante gruppo statuario ligneo raffigurante il martirio di San Donnino: quella presente sarebbe l'unica statua che ritrae il Santo nel momento del martirio poiché l'iconografia classica lo rappresenta sempre dopo con la testa fra le mani.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Questo paese fa parte del territorio culturalmente omogeneo delle Quattro province (Alessandria, Genova, Pavia, Piacenza), caratterizzato da usi e costumi comuni e da un importante repertorio di musiche e balli molto antichi. Strumento principe di questa zona è il piffero appenninico che accompagnato dalla fisarmonica, e un tempo dalla müsa (cornamusa appenninica), guida le danze e anima le feste.

Cucina[modifica | modifica wikitesto]

Il Montebore

Una frazione del comune di Dernice ha dato il nome a un caratteristico formaggio, tipicamente prodotto in queste zone, il Montebore. Nella frazione è ancora visibile il rudere dell'antica torre, alle cui fattezze pare ispirata la forma particolare del formaggio.

Persone legate a Dernice[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Abbazia Di Bobbio
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte