Mombello Monferrato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mombello Monferrato
comune
Mombello Monferrato – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Alessandria-Stemma.png Alessandria
Amministrazione
Sindaco Maria Rosa Dughera (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 45°08′02″N 8°15′05″E / 45.133889°N 8.251389°E45.133889; 8.251389 (Mombello Monferrato)Coordinate: 45°08′02″N 8°15′05″E / 45.133889°N 8.251389°E45.133889; 8.251389 (Mombello Monferrato)
Altitudine 273 m s.l.m.
Superficie 19,69 km²
Abitanti 1 099[1] (31-12-2010)
Densità 55,82 ab./km²
Frazioni Casalino, Gaminella, Ilengo, Morsingo, Pozzengo, Zenevreto
Comuni confinanti Camino, Castelletto Merli, Cerrina Monferrato, Gabiano, Ponzano Monferrato, Serralunga di Crea, Solonghello
Altre informazioni
Cod. postale 15020
Prefisso 0142
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 006097
Cod. catastale F313
Targa AL
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 711 GG[2]
Nome abitanti mombellesi
Patrono san Rocco
Giorno festivo 16 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Mombello Monferrato
Sito istituzionale

Mombello Monferrato (Mombè in piemontese) è un comune italiano di 1.110 abitanti della provincia di Alessandria, in Piemonte, situato a 21 km. ad ovest di Casale Monferrato.

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

In cento anni, dal 1911, la popolazione si è ridotta di due terzi, superando oggi di poco i mille abitanti.

Abitanti censiti[3]

Santuario di San Gottardo a Pozzengo[modifica | modifica wikitesto]

Santuario di San Gottardo a Pozzengo

La chiesa di San Gottardo di Pozzengo è stata voluta dalla devozione religiosa monferrina, in pieno clima della Controriforma, sulla strada che congiunge la frazione di Gaminella con quella di Pozzengo.
La sua origine è affidata alle tradizioni popolari ancora ben radicate nella zona, come la miracolosa apparizione del santo vescovo di Hildesheim per salvare un bambino dalla furia di una coppia di buoi imbizzarriti oppure quella del viandante che si era appoggiato al muro del portico dove rimase impressa la figura del Santo, intorno alla quale si costruì la prima edicola.
L’oratorio compare per la prima volta come documento nella richiesta inviata il 21 marzo 1692 dal priore Lodovico Mombellardo al vescovo di Casale Monferrato per trasformare la cappella di San Gottardo in chiesa campestre, adatta alla celebrazione della Santa Messa.
. Nell’ultimo ventennio dell’Ottocento l’oratorio venne ampliato con l’aggiunta di un pronao tetrastilo romano sormontato da un timpano mentre un ulteriore intervento fu realizzato negli anni 1930-31.
Demolita l’antica abside della cappella, venne innalzata sul presbiterio la cupola con lanterna e costruiti i due transetti laterali semicilindrici che conferirono alla costruzione una planimetria a croce latina.
L’ultimo intervento sul santuario di Pozzengo in ordine di tempo fu attuato nel 1996, con la sostituzione delle vetrate e del manto di copertura in coppi con lastre di rame sagomate.
All’interno della chiesa, la grande statua di San Gottardo, che ha preso il posto di un quadro seicentesco, domina il presbiterio, mentre le numerose immagini votive fissate alle pareti rappresentano il segno di riconoscenza popolare per le grazie concesse.[4]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Sindaco è Maria Rosa Dughera, a capo di una lista civica denominata "Percorso Comune", eletta nel 2009 e riconfermata il 25 maggio 2014 per un secondo mandato.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

La piazza della chiesa di Mombello è citata nel libro Il diavolo sulle colline di Cesare Pavese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ http://www.marchesimonferrato.com/web2007/_pages/gen_array.php?DR=all&URL=marchesidelmonferrato.com&LNG=IT&L=2&C=95&T=news&D=IT%7B696E8442-4020-25C9-19FF-1864600C4746%7D&A=0
Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte