Cartosio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cartosio
comune
Cartosio – Stemma Cartosio – Bandiera
Cartosio in primavera
Cartosio in primavera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Alessandria-Stemma.png Alessandria
Amministrazione
Sindaco Mario Morena (lista civica) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate 44°35′28″N 8°25′18″E / 44.591111°N 8.421667°E44.591111; 8.421667 (Cartosio)Coordinate: 44°35′28″N 8°25′18″E / 44.591111°N 8.421667°E44.591111; 8.421667 (Cartosio)
Altitudine 230 m s.l.m.
Superficie 16,67 km²
Abitanti 817[1] (31-12-2010)
Densità 49,01 ab./km²
Frazioni Rivere, Saquana
Comuni confinanti Castelletto d'Erro, Cavatore, Malvicino, Melazzo, Montechiaro d'Acqui, Pareto, Ponzone
Altre informazioni
Cod. postale 15015
Prefisso 0144
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 006036
Cod. catastale B847
Targa AL
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti cartosiani
Patrono sant'Andrea
Giorno festivo 30 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cartosio
Sito istituzionale

Cartosio (Cartòs in piemontese) è un comune della provincia di Alessandria.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Spigno Monferrato Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 5,6 9,8 14,4 19,3 24,0 27,8 30,6 29,2 24,9 18,1 11,0 7,0 7,5 19,2 29,2 18,0 18,5
T. min. mediaC) -2,6 -0,8 3,1 7,4 11,1 14,6 16,3 15,6 12,6 7,7 3,3 -0,4 -1,3 7,2 15,5 7,9 7,3

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di Sant'Andrea apostolo[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa Parrocchiale di Sant'Andrea apostolo fu edificata sicuramente prima del 1600 anche se se ne ignora la data esatta. Fu modificata più volte nel corso dei secoli: secondo Goffredo Casalis la chiesa è stata riedificata nel 1619, il Padre Gabriele Roffredo nel 1701 costruì l'altare maggiore, Don Carlo Giuseppe Scazzola ampliò e restaurò l'edificio nella seconda metà dell'Ottocento dotandolo di un protiro e di una porta barocca.

La chiesa è divisa in tre navate a volta separate da due file di colonne, è lunga circa 14 metri compreso il presbiterio ed è larga circa 11 metri. Ha un campanile alto circa 35 metri con 6 campane. Secondo la Relazione dello stato della Parrocchia di Sant'Andrea nel luogo di Cartosio, scritta da Don Carlo Giuseppe Scazzola intorno agli anni trenta dell'Ottocento, esistevano cinque altari: nel presbiterio l'altare maggiore, nella navata destra l'altare di Sant'Anna e quello del Santo Rosario, nella navata sinistra quello di San Concesso (del 1705) e quello di San Sebastiano. Attualmente, oltre all'altare principale, esistono solo due altari.

L'interno della chiesa è stato in gran parte affrescato da Lorenzo Lajolo (1877-1947) nel primo Novecento. Ai lati dell'altare maggiore si trovano due dei suoi affreschi che rappresentano l'Annunciazione e l'Orazione nell'orto degli ulivi realizzati con la tecnica del fresco secco. Illuminano l'ambiente dieci vetrate istoriate prodotte dalla ditta Gibo.

Altre chiese[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Rocco e San Sebastiano: oratorio edificato nel 1694 sede di una confraternita e trasformato in asilo nel 1954.
  • Chiesa dell'Ascensione di N.S.G.C. del Borgo.
  • Chiesa della Natività di Maria Vergine: nella Regione di Pallareto.
  • Chiesa di San Bernardo e San Defendente: nella Borgata di Saquana.
  • Chiesa di San Rocco: nella Regione di Castellarolo.
  • Chiesa di San Martino: costruita nel 1636 vicino alla Borgata della Colombara.
  • Chiesa di Sant'Antonio Abate: edificata nel 1631 nella Borgata della Caliogna.
  • Chiesa della Beata Vergine Addolorata: costruita nel 1714 nella regione Oltre Erro.
  • Chiesa di San Pietro Apostolo: nella Regione di Piano.
  • Chiesa di San Giovanni Battista: edificata attorno al 1923 nella frazione di Rivere.

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Cartolina degli anni venti che mostra gli "Avanzi del Castello"

Negli anni venti erano ancora visibili i ruderi di un castello feudale collocabile tra il XIII e il XIV secolo, costruito a sua volta su ruderi preesistenti che non sono databili. Oggi al suo posto sorgono due abitazioni private.

Il paese è caratterizzato da una torre medievale che spicca nel centro della piazza principale che fu edificata tra il XII e il XIII secolo da costruttori anonimi, ma probabilmente provenienti da Casale Monferrato.

La torre è stata costruita con l'arenaria locale cementata con conci. È alta 22,4 metri e ha una pianta rettangolare che si restringe fino all'inizio della verticale posta a 4,3 metri dal suolo: i lati alla base misurano 10,0 e 8,2 metri e si accorciano a 9,6 e 7,8 metri. In origine la torre raggiungeva i 25 metri di altezza perché presentava un parapetto merlato, distrutto il 2 dicembre 1296 dalle milizie Astigiane.

La torre oggi

È formata da sette piani di un unico vano: il primo (interrato per quattro metri), il secondo, il quarto e settimo sono a volta e gli altri tre piani erano coperti da un tavolato in legno, asportabile, ora demolito. I piani non erano collegati tramite una scala girante attorno al muro, ma con botole quadrilatere poste agli angoli nord-ovest e sud-est. Il primo piano era adibito a cisterna ed alimentato da acqua sorgiva ancora oggi attiva, il secondo era una prigione, il quarto era un magazzino delle scorte alimentari, il quinto era destinato a cucina e mensa, il sesto era un dormitorio mentre il settimo serviva per l'avvistamento e da qui si poteva raggiungere una terrazza per la vedetta.

Particolarità di questa torre, unica nel Monferrato, è la presenza di un'apertura detta "pustella" nella parete esterna ovest a 11,5 metri dal suolo. A questa apertura si accedeva tramite un ponte levatoio che poggiava su un muro del castello limitrofo oggi non più esistente.

Monumenti[modifica | modifica wikitesto]

Monumento al disastro aereo[modifica | modifica wikitesto]

Sulla strada che dal paese conduce alla Regione di Pallareto si trova un monumento dedicato ai caduti di un incidente aereo avvenuto in loco la mattina del 7 dicembre 1940. In quel giorno un Savoia-Marchetti S.M.79 precipitò a causa di un'avaria al motore oppure per le cattive condizioni meteorologiche causando la morte del Generale Pietro Pintor, capo della Commissione Italiana d'Armistizio con la Francia (CIAF), e dei suoi sei subordinati: Aldo Pellegrini, Attilio Corti, Cesare Quinto, Giuseppe Cadel, Ettore Alberi, Paolo Cinti. Il monumento si compone di una base a gradoni semicircolare sulla quale è posto un cumulo di pietre bianche che sorregge una lapide di marmo e un'elica spezzata dell'aereo.[3]

Monumento ai caduti[modifica | modifica wikitesto]

Vicino alla torre si trova un monumento dedicato ai caduti della prima e della seconda guerra mondiale composto da due lastre in marmo su cui sono scritti i vari nomi.

Venne inaugurato il 19 settembre 1920 e consisteva solamente della lastra dedicata ai morti nella Grande Guerra attaccata al lato sud della torre ad un'altezza di circa due metri dal suolo. Negli anni seguenti fu scavata una fontanella e fu costruito un giardinetto al di sotto di essa.

Durante il restauro della torre, avvenuto nei primi anni novanta, le lastre furono spostate nel luogo attuale e poste su un nuovo basamento con una fontanina nel centro.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]


Nel 1804 a Cartosio abitavano 650 persone[5] mentre nel 1836, secondo Goffredo Casalis, erano scese a un centinaio[6].

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2010 a Cartosio risultano residenti 83 cittadini stranieri. Le nazionalità sono le seguenti:[7]:

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • la Festa delle Frittelle: la prima domenica di giugno. Tradizionale sagra del paese, in cui vengono cucinate e distribuite frittelle di pastella di farina.
  • la Fiera di luglio: la prima domenica di luglio. Fiera in onore di San Concesso
  • Miss Valle Erro: agosto. Concorso di bellezza, presso la piscina comunale.
  • la Festa delle Castagne: la seconda domenica di ottobre. Cottura e distribuzione delle caldarroste al mattino e intrattenimenti per il resto della giornata.

Persone legate a Cartosio[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella climatica del Piemonte. URL consultato il 16 luglio 2009.
  3. ^ Associazione Arma Aeronautica ha festeggiato 25 anni in L'ancora.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Louis Marie Prudhomme, Dictionnaire universel, géographique, statistique, historique et politique de la France, Baudouin, 1804, p. 552.
  6. ^ Goffredo Casalis, Dizionario geografico-storico-statistico-commerciale degli stati di S. M. il re di Sardegna, volume III, Torino, 1836, p. 650.
  7. ^ Statistiche demografiche ISTAT. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  8. ^ La storia di Romeo e Giulietta (in Pettinati), Giro For Ghisallo, 10 luglio 2012. URL consultato il 19 luglio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Costantino Umberto Padovano, Cartosio. Storia di un paese dell'Alto Monferrato, 1994.
  • Francesco Pernice (a cura di), Luigi Moro, La torre medioevale di Cartosio. Restauro, Daniela Piazza Editore, 1993, ISBN 88-7889-018-9.
  • AA.VV., Territorio, costumi e civiltà contadina a Cartosio, Impressioni Grafiche, 2010, ISBN 978-88-6195-049-8.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte