Odalengo Grande

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Odalengo Grande
comune
Odalengo Grande – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Alessandria-Stemma.png Alessandria
Amministrazione
Sindaco Fabio Olivero (lista civica) dal 16/05/2011
Territorio
Coordinate 45°06′36″N 8°10′05″E / 45.11°N 8.168056°E45.11; 8.168056 (Odalengo Grande)Coordinate: 45°06′36″N 8°10′05″E / 45.11°N 8.168056°E45.11; 8.168056 (Odalengo Grande)
Altitudine 381 m s.l.m.
Superficie 15,83 km²
Abitanti 520[1] (31-12-2010)
Densità 32,85 ab./km²
Frazioni Sant'Antonio, Cicengo, Vallestura, Pozzo, Torre San Quilico, Frostolo, Casaleggio
Comuni confinanti Cerrina Monferrato, Murisengo, Odalengo Piccolo, Robella (AT), Verrua Savoia (TO), Villadeati, Villamiroglio
Altre informazioni
Cod. postale 15020
Prefisso 0142
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 006116
Cod. catastale F997
Targa AL
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti odalenghesi
Patrono san Vittore
Giorno festivo 15 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Odalengo Grande
Sito istituzionale

Odalengo Grande (Audalengh Grand in piemontese) è un comune di 528 abitanti della provincia di Alessandria.

Il territorio del comune comprende alcune frazioni sviluppatesi sul lato sinistro della Strada statale 590 della Val Cerrina verso Casale Monferrato e più precisamente :

  • Sant'Antonio
  • Cicengo
  • Vallestura
  • Pozzo
  • Torre San Quilico
  • Frostolo
  • Casaleggio

Architetture storiche[modifica | modifica sorgente]

  • Torre San Quilico : la Torre è situata in prossimità del torrente Stura, nella frazione omonima e risale al XII secolo ed era la torre campanaria dell’antica pieve di S.Quilico, ora scomparsa.

Si hanno prove anche della presenza di un antico cimitero, a poco a poco rosicchiato dalle alluvioni del vicino corso d’acqua, che insieme ai ritrovamenti di macerie, rottami, armi e vecchie monete, sono una delle più importanti testimonianze che nella zona vi fosse un insediamento abbastanza importante, probabilmente derivante da un antico pago romano.

In un documento del 29 maggio 1725 Pietro II Radicati, arcivescovo di Casale, descrive la chiesa nei seguenti termini: "Questa chiesa ha tre navate, di cui quella centrale in volta e le altre due a col nudo tetto, questo tetto si trova in pessimo stato ed è sul punto di cadere."

Lo stile è romanico, realizzato con l’alternarsi di tufo e laterizio, con la presenza di diversi ordini di archetti pensili. Si hanno tre ordini di finestre, l’ultimo costituito da bifore. La costruzione è in tufo grigio, ne primo tratto chiuso da eleganti e classici archetti incrociati, e poi di mattoni rossi e rosei. Strette monofore sono poste nel secondo e nel terzo pezzo; e quattro bifore sulla sommità sono sormontate da archetti pensili di coronamento. [2]

Persone legate ad Odalengo Grande[modifica | modifica sorgente]

  • Gad Lerner (Beirut, 7 dicembre 1954), giornalista e scrittore che ha la residenza ad Odalengo Grande.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Comune di Odalengo Grande
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte