Carpeneto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carpeneto
comune
Carpeneto – Stemma
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Alessandria-Stemma.png Alessandria
Sindaco Carlo Massimiliano Olivieri (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 44°40′45″N 8°36′24″E / 44.679167°N 8.606667°E44.679167; 8.606667 (Carpeneto)Coordinate: 44°40′45″N 8°36′24″E / 44.679167°N 8.606667°E44.679167; 8.606667 (Carpeneto)
Altitudine 329 m s.l.m.
Superficie 13,61 km²
Abitanti 966[1] (31-12-2010)
Densità 70,98 ab./km²
Frazioni Cascina Vecchia, Madonna della Villa
Comuni confinanti Montaldo Bormida, Ovada, Predosa, Rocca Grimalda, Sezzadio, Trisobbio, Acqui Terme
Altre informazioni
Cod. postale 15071
Prefisso 0143
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 006033
Cod. catastale B818
Targa AL
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Cl. climatica zona E, 2 661 GG[2]
Nome abitanti carpenetesi
Patrono san Giorgio
Giorno festivo 23 aprile
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Carpeneto
Sito istituzionale

Carpeneto (Carpnèj in piemontese) è un comune di 976 abitanti della provincia di Alessandria, nell'Alto Monferrato, su una dorsale spartiacque tra il torrente Orba e il fiume Bormida.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Citato come Castrum Carpani in un documento del 999, fu territorio dell'Abbazia di Sezzé (odierno Sezzadio), dove si narra di distruzioni causate dai saraceni. Fu quindi feudo degli Aleramici, marchesi del Monferrato, nel cui possesso furono confermati dal Barbarossa nel 1164. Nel 1191 gli Angioini, alleati di Alessandria, tolsero Carpeneto al marchese di Monferrato che lo riacquistò solo in parte dopo la pace del 1203. Nel 1305, in seguito a matrimonio, il feudo passò sotto gli Spinola. Nel 1500 passò in feudo ai Tortonesi, nobili d'Alba e nel 1567 ai Roberti d'Acqui. Venne poi la volta dei duchi di Mantova. Seguì da allora le sorti del marchesato del Monferrato, fino all'annessione agli stati sabaudi.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]


Persone legate a Carpeneto[modifica | modifica sorgente]

Borghi del paese[modifica | modifica sorgente]

Il paese è suddiviso in borghi che circondano il centro storico snodandosi fino al confine delle campagne:

Borgo S.Bovo arrivando da Ovada;

Borgo S.Alberto arrivando dal Comune di Roccagrimalda;

Borgo S.Giorgio arrivando dalla frazione Cascina Vecchia;

Borgo Garrone si presenta come un anello alle spalle dell'Asilo infantile intitolato ad Edoardo Garrone benefattore capostipite della famiglia genovese di petrolieri;

Borgo S.Barbara si snoda ai piedi delle mura del Castello.

Appuntamenti a Carpeneto[modifica | modifica sorgente]

Mercato ogni martedì sulla piazza della chiesa; 23 aprile Fiera di San Giorgio; il secondo venerdì di agosto la "Notte Magica" dalle 20:30 alle...; nella frazione di Madonna della Villa ogni anno intorno al 15 agosto si svolge la Sagra dello Struzzo. L'ultima settimana di agosto "Festa del Borgo S.Alberto"

Curiosità di Carpeneto[modifica | modifica sorgente]

Il 1º ottobre 1995, a Carpeneto, si è sposata Cristina Parodi con il Presidente della Casa di produzione televisiva Magnolia Giorgio Gori, con il quale vive a Bergamo insieme ai tre figli. A Carpeneto Cristina Parodi ha vissuto per tutta la sua infanzia con la sorella Benedetta.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte