ERG (azienda)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
ERG S.p.a.
Logo
Stato Italia Italia
Borse valori Borsa Italiana: ERG
Fondazione 2 giugno 1938 a Genova
Fondata da Edoardo Garrone
Sede principale Italia Genova
Persone chiave
Settore Energetico
Prodotti
Dipendenti 613[1] (2012)
Sito web www.erg.it

Edoardo Raffinerie Garrone - ERG S.p.a. è un gruppo industriale italiano, fondato a Genova, con sede operativa nella stessa città ligure. La società è controllata dalla famiglia Garrone-Mondini tramite la holding italiana San Quirico S.p.A. (circa il 56%) e la società lussemburghese Polcevera S.A. (circa il 7%).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini, lo sviluppo, l’integrazione[modifica | modifica wikitesto]

La storia del gruppo ERG inizia il 2 giugno 1938 quando il Podestà di Genova marchese Carlo Bombrini concede a Edoardo Garrone, nonno dell'attuale presidente Edoardo, la licenza per “il commercio di prodotti derivati dalla lavorazione del petrolio e del catrame”. Nasce così la ditta individuale del dottor Edoardo Garrone[2]: per la società, diventata raffineria nel secondo dopo-guerra, viene scelto come marchio un dado (da “Dado”, affettuoso diminutivo di Edoardo)[3] sulle cui facce viene riprodotto un acronimo di tre lettere. Dalle iniziali di Raffineria Edoardo Garrone scritte sulle facce del dado si legge ERG. Dopo la guerra, in un paese tutto da ricostruire, il grande fabbisogno di energia, accentuato dalla devastazione degli impianti elettrici, fa diventare il petrolio la fonte energetica più adeguata a soddisfare le esigenze nazionali per economicità, disponibilità e flessibilità di approvvigionamenti. L’attività di raffinazione, grazie alla favorevole congiuntura e alla felice posizione geografica degli impianti, diventa così strategica per ERG. Consolidato il suo ruolo in Italia, nel 1956 la società realizza il primo importante accordo internazionale con British Petroleum che, successivamente e per alcuni anni, detiene una consistente partecipazione di minoranza nel capitale sociale di ERG. Nel 1963 la capacità annua di lavorazione della raffineria raggiunge già i 6,5 milioni di tonnellate.

Nel 1971 ERG entra, con altri gruppi privati, nella compagine azionaria di ISAB, società nata per realizzare una grande raffineria in Sicilia e, nel 1985, in previsione della chiusura della Raffineria di San Quirico[4], assume il controllo di ISAB con una partecipazione che cresce negli anni fino a raggiungere, nel 1997, il 100%. Dopo aver sviluppato l’attività prevalentemente nel settore della raffinazione, la Società inizia a crescere a livello nazionale anche nel settore della distribuzione commerciale, dove peraltro era già presente con una propria rete di stazioni di servizio nell’Italia nord-occidentale. L’attuazione di questa strategia si realizza in due tempi: in una prima fase, nel 1984, attraverso l’acquisizione dell’intera rete stradale – 780 impianti – della ELF italiana, e in una seconda fase, nel 1986, con l’acquisizione della Chevron Oil Italiana[5] e in seguito anche della rete BP. Con quest’ultima operazione, ERG rileva il controllo di altri 1.700 impianti di distribuzione: nasce così la Rete ERG[6], riconoscibile, in tutte le strade d’Italia, per il marchio caratterizzato dalle tre pantere rampanti. Più recentemente, alla fine del 1993, da un accordo tra ERG e Edison Mission Energy, uno dei maggiori produttori di energia al mondo, nasce ISAB Energy, società destinata alla realizzazione del primo impianto italiano di gassificazione degli oli pesanti per la produzione di energia elettrica pulita. L’innovativo progetto industriale viene finanziato attraverso il ricorso ad un Project Financing di circa 1.900 miliardi di lire che non ha precedenti in Italia.

Dalla quotazione al 2000[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 1995 la famiglia Garrone affida la piena responsabilità della gestione del Gruppo al Management. Si avvia così un ampio processo di trasformazione di quella che era stata per quasi 60 anni un’azienda a proprietà e gestione familiare. Attraverso una razionalizzazione della struttura societaria e una decisa rifocalizzazione sul core business dell’energia, ERG prepara il suo ingresso in Borsa al fine di creare le condizioni per il più efficiente finanziamento della nuova fase di sviluppo che l’attende. L’offerta globale è costituita da un’offerta pubblica di sottoscrizione e vendita in Italia di 70,25 milioni di azioni ed un collocamento privato di 30,75 milioni di titoli riservati ad investitori istituzionali nazionali ed esteri. Nell’ottobre 1997 il titolo ERG viene ammesso alla quotazione sul Sistema Telematico delle Borse Valori Italiane. Il 18 aprile 2000 entra in funzione la centrale ISAB Energy: è il primo impianto italiano, il terzo nel mondo, per la gassificazione dei residui petroliferi e la produzione di energia elettrica. Ha una capacità lorda di 512 MW e una produzione stimata tra i 3 e i 4 miliardi di kWh all’anno, pari ad oltre l’1,5% dell’intero fabbisogno nazionale di energia elettrica. ERG, da società petrolifera, diventa compagnia attiva nel settore dell’energia in senso lato.

Anni 2000[modifica | modifica wikitesto]

Nell’ottobre 2002 nasce ERG Raffinerie Mediterranee (72% ERG, 28% ENI), società a cui è affidata la gestione di uno dei più grandi ed efficienti poli di raffinazione in Europa, realizzato attraverso l’unione e l’integrazione della Raffineria ISAB di ERG con la ex raffineria Agip, entrambe di Priolo[7]. L’integrazione delle due raffinerie è avvenuta mediante la realizzazione di un sistema di oleodotti ed altri interventi di adeguamento e miglioramento dell’efficienza produttiva e della compatibilità ambientale tali da consentire, al nuovo "supersite", un posizionamento di elevatissimo livello competitivo nello scenario internazionale. Alla fine del 2002 Alessandro Garrone viene nominato amministratore delegato di ERG. Nel 2003 Riccardo Garrone, dopo quarant’anni, lascia la presidenza di ERG. Lo sostituisce Edoardo Garrone, suo primogenito.

Il 23 dicembre 2004 nasce la Fondazione Edoardo Garrone, come naturale evoluzione dell'impegno delle famiglie Garrone e Mondini e delle società del Gruppo ERG in campo sociale e culturale. Le principali attività della Fondazione riguardano l'organizzazione di seminari e convegni e la realizzazione e pubblicazione di studi e ricerche. L'obiettivo è dare un concreto contributo alla diffusione, fruizione, e alla comprensione della cultura, dell'arte e della scienza oltre a cooperare attivamente a progetti etici e solidali.

La strategia “multi-energy” di ERG e l’impegno nelle energie alternative si sviluppa ulteriormente nel 2005 con la società Ionio Gas S.r.l., costituita in misura paritetica da ERG Power & Gas S.p.A. e Shell Energy Italia S.r.l., che opererà nella progettazione, costruzione, gestione e manutenzione di un terminale per la ricezione e la rigassificazione di gas naturale liquefatto presso la Raffineria ISAB Impianti Nord di Priolo.

Nel 2005 ERG entra a far parte dell’indice Midex all’interno del segmento blue chip di Borsa Italiana. Il passaggio dal segmento Star al segmento blue chip è avvenuto a seguito del rilevante aumento della capitalizzazione di Borsa del titolo ERG.

Nel 2006 ERG ha acquisito il 51,33% del capitale sociale di Enertad S.p.A.[8], società quotata che opera nel settore della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili; nel 2007 tale partecipazione è salita al 68,38%. L’acquisto della partecipazione in Enertad ha rappresentato un passaggio decisivo nell’ambito delle strategie perseguite dal Gruppo per accrescere e consolidare la propria posizione nel settore delle energie rinnovabili. Nel maggio 2008, una scissione parziale di ERG Power & Gas, ha consentito l’integrazione in Enertad delle attività del Gruppo nel settore delle energie rinnovabili; a seguito dell’operazione, ERG è arrivata a controllare il 77,4% del capitale sociale di Enertad. Contestualmente all’acquisizione degli asset nelle rinnovabili di ERG Power & Gas, Enertad ha cambiato la propria denominazione sociale in ERG Renew, segnando, di fatto il completamento di un processo di integrazione e riorganizzazione indirizzato a fare di ERG Renew la società del Gruppo ERG dedicata allo sviluppo delle attività nel campo della produzione di energia da fonti rinnovabili.

Il 2008 è stato l’anno dell’accordo con LUKoil[9], uno dei più importanti accordi siglati nella storia del gruppo che, tramite la costituzione della “Newco” ISAB Srl (51% ERG Raffinerie Mediterranee e 49% LUKoil), ha visto realizzarsi una solida partnership nelle attività di raffinazione costiera. L’accordo, annunciato il 24 giugno del 2008 e chiuso il 1º dicembre 2008, ha previsto il conferimento alla Newco del ramo di ERG Raffinerie Mediterranee comprensivo di tutti gli asset della Raffineria ISAB di Priolo. Questa importante joint venture conferma la strategia del Gruppo contraddistinta, nel passato come nel presente, da accordi con partner internazionali di primo livello che hanno sempre rappresentato importanti opportunità di sviluppo e crescita. In totale coerenza con una strategia multi-energy orientata ad ottimizzare il capitale investito tra i diversi settori di attività, l’operazione ha garantito risorse finanziarie che hanno permesso di rafforzare la struttura patrimoniale del gruppo garantendo la necessaria flessibilità per poter cogliere nuove eventuali opportunità di sviluppo nelle varie aree di attività, in Italia e all’estero. La partnership con LUKoil, primaria società integrata nel settore del petrolio e del gas a livello mondiale, ha aumentato le competenze gestionali degli impianti con importanti benefici per la competitività e l’efficienza della raffineria oltre che offrire potenziali benefici in termini di sinergie e di accesso a nuovi mercati.

Nel 2009 ERG, grazie ad un accordo con Vodafone Italia, ha fatto il suo ingresso come operatore nel mercato della telefonia mobile virtuale: è nata così ERG Mobile[10] ed ERG Petroli è diventata la prima compagnia petrolifera con una SIM dedicata e personalizzata, commercializzata attraverso la rete di distribuzione carburante ERG.

Nel novembre 2009 è costituita la società ERG Power S.r.l., con un capitale sociale interamente sottoscritto e versato da ERG Nuove Centrali S.p.A., alla quale è conferita la nuova centrale elettrica cogenerativa CCGT (480 MW) situata all’interno dell’area nord del sito di Priolo (SR), operativa dal mese di aprile 2010.

In coerenza con la politica di alleanze con operatori internazionali di primo livello che da sempre contraddistingue la storia del gruppo, l'inizio del 2010 vede la nascita di TotalErg[11], joint venture nata dalla fusione tra ERG Petroli e Total Italia. TotalErg (51% ERG – 49% Total), ufficialmente operativa dal 1º ottobre 2010[12], è il terzo operatore in Italia nella distribuzione di prodotti petroliferi con una quota di mercato di circa il 12% e oltre 3.300 stazioni di servizio: la partnership con Total ha quindi permesso ad entrambi di conquistare una posizione decisamente più solida sul mercato e di poter mettere a fattor comune asset ed esperienza. TotalErg, grazie alle alte potenzialità di sinergia gestionale ed operativa, oltre ad incrementare l’offerta di servizi e prodotti rivolta ai propri clienti, permetterà di raggiungere significativi benefici economici, creando valore per i propri azionisti.

Anni 2010[modifica | modifica wikitesto]

Il 2010 ha visto notevoli investimenti del Gruppo ERG anche nel campo delle rinnovabili: nel mese di giugno, attraverso l’accordo con IVPC S.a.s.[13] (perfezionato con il closing nel mese di luglio) per l’acquisizione dell’intera partecipazione della società IVPC Power 5 S.r.l.,titolare di 2 parchi eolici per una potenza installata complessiva di 102 MW. Grazie all’acquisizione, ERG Renew ha incrementato la potenza installata passando da 208 MW a 310 MW (di cui 246 MW in Italia).

All’inizio del 2011 ERG ha esercitato l’opzione put per una quota pari all’11% del capitale di ISAB S.r.l., riducendo la propria partecipazione in ISAB S.r.l. dal 51% al 40%[14].

Nel gennaio 2012 ERG ha esercitato l'opzione put per un'ulteriore quota pari al 20%[15]. A seguito dell'operazione (il closing è avvenuto a settembre 2012[16]), ISAB sarà partecipata al 20% da ERG e all'80% da LUKoil.

Profilo del Gruppo ERG[modifica | modifica wikitesto]

Il Gruppo ERG, anche attraverso le proprie controllate e joint venture con primari operatori internazionali, opera nei seguenti settori:

Rinnovabili[modifica | modifica wikitesto]

ERG opera nel settore della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili con 596 MW di potenza eolica in esercizio al 31 dicembre 2012, di cui 64 MW in Francia e 20 MW in Bulgaria, derivanti dalla recente acquisizione, attraverso Lukerg Renew, joint venture paritetica tra ERG Renew e Lukoil, del parco eolico di Tcherga, con una potenza lorda di 40 MW. La potenza eolica complessiva in Italia, con il recente avvio del parco eolico di Amaroni (22,5 MW) ha raggiunto i 512 MW, con una produzione annua superiore ad 1 TWh. In seguito al recente accordo raggiunto con GDF-Suez, nel corso del 2013 la potenza complessiva crescerà in misura considerevole grazie all’acquisizione dell’80% di IP Maestrale, a cui fa capo una capacità installata di 636 MW, di cui 550 MW in Italia e 86 MW in Germania. In seguito a tale accordo ERG Renew è diventata il primo operatore eolico in Italia e fra i primi dieci in Europa. Nel corso del 2013 verranno inoltre effettuati importanti investimenti di sviluppo, in particolare attraverso la costruzione di nuovi parchi in Italia e in Romania.

Power & Gas[modifica | modifica wikitesto]

Il Gruppo è attivo nella produzione e nella commercializzazione di energia termoelettrica, vapore e gas. Le principali partecipazioni di ERG nel settore sono:

  • ISAB Energy S.r.l.: produzione di energia elettrica mediante una centrale (528 MW) che utilizza come combustibile gas ottenuto da un complesso processo di gassificazione dell’asfalto proveniente dalla Raffineria ISAB di Priolo (Sicilia);
  • ERG Power S.r.l.: società proprietaria della Centrale Nord del sito di Priolo (480 MW), comprendente l’impianto a ciclo combinato alimentato a gas naturale e le preesistenti centrali a contropressione.

Progetti:

  • Ionio Gas S.r.l.: joint venture paritetica con Shell Energy Italia per lo sviluppo di un impianto di rigassificazione di Gas naturale liquefatto nel sito di Priolo.

1/8/2012 : ERG abbandona il progetto. 3/11/2012 : SHELL abbandona il progetto.

  • ERG Rivara Storage S.r.l. (15% ERG, 85% Independent Gas Management - Gruppo Independent Resources): società per la realizzazione e la gestione di un sito di stoccaggio sotterraneo di gas naturale in località Rivara nel Comune di San Felice sul Panaro – Modena.

23/11/2012 : ERG esce dalla joint venture. La nuova società si chiamerà Rivara Gas Storage.

Refining & Marketing[modifica | modifica wikitesto]

Il Gruppo è attivo nel settore della raffinazione costiera attraverso la joint venture con LUKoil che controlla la raffineria ISAB di Priolo, uno dei principali siti nel Mediterraneo sia in termini di capacità (320migliaia di barili/ giorno) sia in termini di complessità (indice di Nelson 9,3) e nel Downstream integrato, attraverso TotalErg, joint venture con Total, con una rete di circa 3.300 punti vendita (circa il 12% di quota di mercato) e vendite di carburante pari a 4,4milioni dim3/anno, e tramite ERG Oil Sicilia (EOS), società che ha ricevuto per scissione in data 1º aprile 2010 il ramo d’azienda comprendente gli assets di ERG Petroli S.p.A. in Sicilia. TotalErg opera anche nel settore della Raffinazione (Raffineria di Roma, gestita al 100%, e Raffineria Sarpom di Trecate partecipata al 26%).

I numeri di ERG (al 31 dicembre 2012)[17][modifica | modifica wikitesto]

Ricavi consolidati 8.288 (milioni di euro)
Margine operativo lordo a valori correnti adjusted 458 (milioni di euro)
Utile netto a valori correnti 12 (milioni di euro)
Capitale investito netto 2.484 (milioni di euro)
Indebitamento finanziario netto adjusted 722 (milioni di euro)
Investimenti adjusted 126 (milioni di euro)
Produzione di energia elettrica 8.219 (milioni di kWh)
Di cui da impianti eolici 1.222 (milioni di kWh)
Co2 evitata 1.222 (migliaia di tonnellate)
Dipendenti 613
Capitalizzazione massima di borsa 1.345 (milioni di euro)
Stazioni di servizio (dati relativi a TotalErg) 3.248

i risultati a valori correnti non includono gli utili (perdite) su magazzino e le poste non caratteristiche. Il margine operativo lordo a valori correnti adjusted comprende in aggiunta il contributo, per la quota di spettanza ERG, dei risultati di TotalErg S.p.A. (società in joint venture con Total) e Lukerg Renew (società in joint venture con il gruppo Lukoil) e di Isab S.r.l.

Sponsorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

ERG è stata il main sponsor di U.C. Sampdoria, la squadra di calcio genovese di proprietà dalla famiglia Garrone (di cui Edoardo è stato il presidente fino a giugno 2014 mentre Vittorio è stato, sempre fino al giugno 2014, nel Consiglio di amministrazione), dal 1988 al 1995 e poi dal 2002 al 2011. Dalla stagione 2011 - 2012, ERG è partner istituzionale della squadra, con particolare attenzione alle attività che riguardano il settore giovanile.

Presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paride Rugafiori e Ferdinando Fasce, "Dal petrolio all'energia: ERG 1938-2008", Laterza, 2008

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bilancio interattivo
  2. ^ "Dal petrolio all'energia, ERG 1938 - 2008, Storia e cultura d'impresa", a cura di Paride Rugafiori e Ferdinando Fasce, Editori Laterza 2008 - pag 13
  3. ^ "Dal petrolio all'energia, ERG 1938 - 2008, Storia e cultura d'impresa", a cura di Paride Rugafiori e Ferdinando Fasce, Editori Laterza 2008 - pag 8, pag 200 e seguenti
  4. ^ "Dal petrolio all'energia, ERG 1938 - 2008, Storia e cultura d'impresa", a cura di Paride Rugafiori e Ferdinando Fasce, Editori Laterza 2008 - pag 22-26 e seguenti
  5. ^ "Dal petrolio all'energia, ERG 1938 - 2008, Storia e cultura d'impresa", a cura di Paride Rugafiori e Ferdinando Fasce, Editori Laterza 2008 - pag 99
  6. ^ "Dal petrolio all'energia, ERG 1938 - 2008, Storia e cultura d'impresa", a cura di Paride Rugafiori e Ferdinando Fasce, Editori Laterza 2008 - pag 97
  7. ^ "Dal petrolio all'energia, ERG 1938 - 2008, Storia e cultura d'impresa", a cura di Paride Rugafiori e Ferdinando Fasce, Editori Laterza 2008 - p. 72 e segg, p. 253 e segg
  8. ^ ERG acquista il controllo di Enertad- Comunicato Stampa 16/10/06
  9. ^ ERG e Lukoil: accordo di partnership nella raffinazione - Comunicato Stampa 01/12/08
  10. ^ Nasce ERG mobile - Comunicato Stampa 25/02/09
  11. ^ Comunicato Stampa 28/01/10
  12. ^ Comunicato Stampa 01/10/10
  13. ^ Comunicato Stampa 12/06/11
  14. ^ Comunicato Stampa 31/01/11
  15. ^ Comunicato Stampa 31/01/12
  16. ^ Comunicato Stampa 03/09/12
  17. ^ Bilancio interattivo

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Energia Portale Energia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Energia