Pininfarina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il senatore a vita italiano, vedi Sergio Pininfarina.
Pininfarina S.p.A.
Logo
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Fondazione 1930 a Torino
Sede principale Torino
Persone chiave
Settore Autoveicoli
Slogan esperienza, creatività, innovazione
Note Compasso d'Oro Premio Compasso d'oro nel 2008

Compasso d'Oro Premio Compasso d'oro nel 2014

Sito web www.pininfarina.it

La Pininfarina è un'azienda italiana, attiva nel settore delle carrozzerie per automobili, fondata a Torino il 22 maggio 1930 come Società anonima Carrozzeria Pinin Farina da Battista Farina (detto Pinin ovvero Giuseppino in piemontese, in riferimento alla sua somiglianza col padre, Giuseppe appunto), dopo la sua fuoriuscita dall'impresa familiare Stabilimenti Farina, gestita con il fratello Giovanni Farina. L'atto di costituzione in Società Anonima è firmato dai soci Battista Farina, Giovanni Battista Devalle, Gaspare Bona (che divenne primo presidente), Pietro Monateri, Arrigo De Angeli, Vincenzo Lancia.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Sorta come una piccola attività artigianale dedita alla costruzione di carrozzerie su ordinazione di facoltosi clienti privati, grazie al finanziamento di una zia della moglie e al fattivo appoggio di Vincenzo Lancia[1] che per primo credette nelle intuizioni dell'amico Pinin Farina al quale poi fece carrozzare molte delle sue automobili, divenne negli anni un'industria con la capacità di offrire al mercato automobilistico progettazioni complete di autoveicoli e, più in generale, di mezzi di trasporto, concepiti anche con l'ausilio di ricerche ingegneristiche avanzate. Pinin Farina fu tra i primi a interessarsi concretamente di aerodinamica, e il figlio Sergio apportò all'industria un approccio più ingegneristico e meno empirico.

Nei primi anni di vita, fino allo scoppio della seconda guerra mondiale, la società si fece conoscere per la costruzione artigianale e in piccola serie di carrozzerie particolari progettate su meccaniche in primis del socio Vincenzo Lancia in particolare su Dilambda, dell'Alfa Romeo, della Hispano-Suiza, e della FIAT. È nel momento della prima ricostruzione postbellica che Pininfarina concepì la prima automobile di fama mondiale, la Cisitalia 202. Presentata nel 1947 fu la prima autovettura che ottenne l'onore di un posto in un museo, il MOMA di New York. Da quel momento conosciuta in tutto il mondo, la Pininfarina ha disegnato lo stile di centinaia di autovetture, talune delle quali famose e rinomate. L'azienda è poi passata - a partire dal 1961 - sotto la guida del figlio del fondatore, Sergio, designer di fama mondiale, che ha proseguito la ricerca sempre restando nel campo delle automobili.

Già negli anni cinquanta iniziò la collaborazione con case automobilistiche straniere, ad esempio la francese Peugeot con cui il rapporto continua anche ai giorni nostri. È sempre della fine degli anni '50 anche la trasformazione da struttura artigianale ad una vera realtà industriale. L'evento di passaggio è la produzione per conto della Alfa Romeo di 27.000 Giulietta Spider nata in Pininfarina ispirandosi a per il design dell'auto alla Lancia Aurelia B24.

Il decennio 1960-1970 è quello che segna la creazione di alcuni tra i modelli più famosi, come l'Alfa Romeo Spider "Duetto", la Lancia Flaminia, Lancia Flavia coupé, la Dino 246 e le Fiat "124 Sport Spider", "Dino Spider".

La bicicletta disegnata da Pininfarina

A partire dal 1967, anno in cui la Pininfarina si trasferisce nei nuovi stabilimenti di Grugliasco, si riscontra un forte impegno nello sviluppo tecnologico e aerodinamico, prima con la creazione del CCD (Centro di Calcolo e Disegno) e, in seguito, con la costruzione di una galleria del vento in scala naturale; la prima in Italia per le autovetture e una delle poche allora esistenti al mondo. Grazie anche a queste nuove tecnologie escono Ferrari 365 Daytona, 308 GTB, e 400i, la Fiat 130 Coupé, la Lancia Beta Montecarlo e le Lancia Gamma Berlina e Coupé (da cui nacquero anche gli splendidi prototipi Lancia Gamma Olgiata (Station-coupé), T-Roof (spider) e Scala (berlina 3 volumi). Oltre che per le automobili, nella galleria del vento vengono sperimentate nuove soluzioni anche per i caravan. È del 1978 lo studio aerodinamico per la "Futura" della Nardi Caravans, prima roulotte costruita con il frontale inclinato per migliorare il CX. Sempre a cavallo tra gli anni 70 e primi anni 80, la Pininfarina strinse un accordo con la Lancia, in nome dell'antico legame tra le 2 case torinesi, anche per lo sviluppo di design ed aerodinamica delle sue sportive che in quell'epoca gareggiavano in pista e nei rally: tra queste vanno ricordate la Lancia Beta Montecarlo Turbo, la Lancia LC1, Lancia LC2, Lancia 037, Lancia Delta S4 e i prototipi Lancia ECV e ECV2

Dalla produzione di sole carrozzerie su telai di altri, l'azienda passò alla costruzione di intere vetture come la Fiat Campagnola e l'Alfa Romeo 33 Giardinetta. Nel frattempo strinse rapporti con ulteriori costruttori internazionale come la Honda e la Jaguar.

Nel 1986 l'azienda decide un ulteriore salto di qualità con la quotazione delle sue azioni in borsa, mentre le sue attività produttive sono rivolte verso altri modelli di automobile, tra i quali si possono citare: Ferrari Testarossa, Alfa Romeo Spider, Fiat Fiorino, Lancia Thema Station Wagon e molte Peugeot. Per quanto riguarda il reparto design e progettazione sono di questi anni nuovi accordi all'estero con Daewoo, Cadillac (ad esempio la Cadillac Allanté), Bentley e Mitsubishi, nonché il disegno di: le serie x05 e alcune x06 della Peugeot, Alfa Romeo 164, Ferrari 288 GTO, Ferrari F40 e Fiat Coupé.

Questi primi anni del secolo sono dedicati ad altri modelli importanti e conosciuti, la Hyundai Matrix, Ferrari 575M Maranello e Ferrari Enzo, Mitsubishi Pajero Pinin, Alfa Romeo GTV, oltre che a modelli unici come la Ferrari P4/5.

Come molte altre aziende di design automobilistico, oltre alle vetture poi entrate in produzione di serie, la Pininfarina ha presentato ai vari saloni delle vetture concept car tra le quali si possono segnalare la Ferrari Modulo del 1970, la Ferrari Rossa Concept del 2000 e la Maserati Birdcage 75th del 2005.

La mattina del 7 agosto 2008, Andrea Pininfarina, presidente e amministratore delegato della storica carrozzeria torinese, muore sul colpo in un incidente stradale alle porte di Torino, travolto a bordo del suo scooter da un'auto. Succede alla presidenza dell'azienda il fratello Paolo Pininfarina.

Nei primi giorni di dicembre 2008 il designer italo-americano Jason Castriota, è passato alla carrozzeria Bertone diventandone direttore stilistico. Castriota per Pininfarina realizzò molte auto fra cui la Ferrari P4/5, la Maserati Birdcage 75th, Rolls Royce Hyperion, e collaborò per la realizzazione di Maserati GranTurismo, Ferrari 599 GTB Fiorano.

Sempre creazione della carrozzeria torinese è la Ferrari 458 Italia, presentata in anteprima nel luglio 2009 e destinata al Salone dell'automobile di Francoforte dello stesso anno per la presentazione ufficiale.

Il 1º aprile 2011 il designer Fabio Filippini viene nominato Direttore Design e assume la guida di un team che conta un centinaio di creativi e progettisti.

Il 3 luglio 2012 viene a mancare Sergio Pininfarina, che ha guidato la crescita dell'azienda nell'ultimo mezzo secolo (1961-2001).

Stabilimenti[modifica | modifica sorgente]

Stabilimento a San Giorgio Canavese

L'azienda dispone di tre stabilimenti propri, siti tutti in Provincia di Torino: il centro di design e ingegneria di Cambiano, l'impianto di San Giorgio Canavese e quello di Bairo.

Inoltre è attiva una joint venture a Uddevalla in Svezia con il costruttore Volvo per la realizzazione della C70.

Nell'ottobre del 2009 il centro di verniciatura e lastroferratura di Grugliasco (TO), è stato ceduto alla finanziaria della Regione Piemonte, Finpiemonte, che ha affittato l'impianto alla De Tomaso dell'imprenditore Gianmario Rossignolo, ex dirigente Fiat. Pininfarina mantiene la galleria del vento presso lo stesso stabilimento di Grugliasco[2].

L'11 ottobre 2011 viene annunciata la chiusura dell'ultimo stabilimento a San Giorgio Canavese[3]. La Pininfarina non produrrà più auto con il proprio marchio e all'azienda rimarranno il Centro Stile e Ingegneria di Cambiano, la galleria del vento di Grugliasco e le sedi in Germania, Marocco e Cina. L'ultimo stabilimento aveva 127 dipendenti[4][5].

In produzione[modifica | modifica sorgente]

Il prototipo della Pininfarina B0

Auto disegnate dalla Pininfarina in produzione[modifica | modifica sorgente]

Prototipi recenti[modifica | modifica sorgente]

Altre attività e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

la torcia olimpica delle olimpiadi invernali Torino 2006

Nel 2002 la rivista specializzata Automotive News Europe decreta l'ingresso del Fondatore Battista "Pinin" Farina nella European Automotive Hall of Fame, istituzione creata per celebrare gli uomini che hanno fatto la storia dell'automobile, mentre il College for Creative Studies (CCS) di Detroit, una delle maggiori istituzioni di cultura artistica degli Stati Uniti, ha conferito a Sergio Pininfarina la laurea honoris causa in Belle Arti; quest'ultimo è stato anche inserito nell'Automotive Hall of Fame nel 2007.

Nel 2008 e nel 2014, l'azienda viene premiata con il prestigioso premio Compasso d'oro per le automobili Pininfarina Nido[6] e Ferrari F12berlinetta.[7]. Oltre al Compasso d'Oro per la F12berlinetta, la Pininfarina riceve anche la Menzione d'Onore, sempre dall'ADI per la Pininfarina Cambiano[8]

L'opera grafica di Pininfarina non si limitò comunque solo al mondo dell'automobile ma, ad esempio, porta la firma di Pininfarina la Torcia dei Giochi olimpici invernali di Torino 2006, così come il tripode che è stato acceso il 10 febbraio 2006.

Nell'anno 2006 Pininfarina collabora con la ELK Fertighaus AG, disegnando la casa prefabbricata in legno elk.arte, nella quale diversi moduli possono essere combinati in base alle esigenze particolari.[9]

Pininfarina ha disegnato anche un modello del tram destinato come trasporto pubblico, oggi in circolazione a Napoli e nelle altre città d'Italia.

L'azienda nel 2007 si è anche occupata della progettazione del "''The Keating Hotel" un albergo di lusso situato a San Diego in California.

Nel 2012 da Pininfarina sono stati firmati gli interni dell'aereo di linea Sukhoi Superjet 100.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pininfarina e il legame con la Lancia
  2. ^ Pininfarina cede lo stabilimento di Grugliasco
  3. ^ (IT) Pininfarina chiude lo stabilimento di San Giorgio Canavese
  4. ^ (IT) Fonte: Pininfarina cessa la produzione 127 operai finiscono in mobilità. - da lastampa.it
  5. ^ (IT) Fonte: Pininfarina: non produrrà più auto,127 licenziamenti. - da ANSA.it
  6. ^ pininfarina nido - compasso d'oro. URL consultato il 30 maggio 2014.
  7. ^ ansa.it compasso d'oro a Ferrari F12berlinetta. URL consultato il 30 maggio 2014.
  8. ^ menzione d'onore compasso d'oro ADI 2014 per Pininfarina Cambiano. URL consultato il 1 giugno 2014.
  9. ^ (DE) elk.arte

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]