Geox

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Geox SpA
Logo
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Borse valori Borsa Italiana: GEO
Fondazione 1995
Sede principale Montebelluna (TV)
Persone chiave
Settore Tessile
Prodotti scarpe, abbigliamento
Fatturato Green Arrow Up.svg887,3 milioni [1] (2011)
Margine d'intermed. Green Arrow Up.svg121,5 milioni (2011)
Dipendenti 5046 [2] (2008)
Sito web www.geox.com

La Geox S.p.A. è un marchio italiano che produce di scarpe e capi di abbigliamento sportivo, fondata nel 1995 dall'imprenditore Mario Moretti Polegato. Il suo nome deriva dal greco γη (ghe, "terra").

L'azienda produce le propri scarpe in Cina, Indonesia e Vietnam, la sede amministrativa invece è situata a Montebelluna (Treviso). Dal dicembre 2004 è fra le società quotate in Borsa.

Geox si è attestata al primo posto in Italia e al secondo nel mondo per numero di capi commercializzati nel comparto del lifestyle-casual[1].

Geox ha una rete di 1.150 negozi monomarca, circa 11 000 punti vendita multimarca ed è presente in 103 paesi del mondo. Nel 2008 oltre il 60% del fatturato - 892 milioni di euro - è derivato dalle esportazioni: buona parte di queste sono assorbite dai mercati tedesco, francese, spagnolo e statunitense.

Nel 2008 Geox ha presentato, partendo dalla celebre suola traspirante, un brevetto che garantisce una supertraspirazione alle calzature sportive. La prima linea Geox Sport è dedicata alla corsa e alla palestra.

Nel campo sportivo professionale e non, Geox è attiva tramite Diadora, società leader nella produzione di calzature ed abbigliamento sportivo acquisita nel 2009 che produce anche scarpe antinfortunistiche marchiate Diadora Utility.

Nel 2013 ha aderito allo Standard Internazionale Fur Free[2] che prevede l'eliminazione dei capi in pelliccia animale. Di conseguenza, a partire dalla collezione autunno-inverno 2013/14, utilizza solo pelliccia ecologica, ovvero di origine non animale[3][4]

Azionariato[modifica | modifica sorgente]

Azionariato[5]:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fonte: Borsaitaliana.it
  2. ^ Fur Free Alliance
  3. ^ Geox sceglie di essere Fur Free dal sito della Lega Anti Vivisezione
  4. ^ Geox sceglie il fur-free
  5. ^ Dati Consob aggiornati al 1 febbraio 2010

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Moda Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Moda